Strada statale 469 Sebina Occidentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strada statale 469
Sebina Occidentale
Strada Statale 469 Italia.svg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regioni Lombardia Lombardia
Mappa della Strada statale 469Sebina Occidentale
Dati
Classificazione Strada statale
Inizio Lovere
Fine Urago d'Oglio
Lunghezza 47,300[1] km
Provvedimento di istituzione D.M. 1/07/1964 - G.U. 207 del 25/08/1964[2]
Gestore Tratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Bergamo e alla Provincia di Brescia)

La ex strada statale 469 Sebina Occidentale (SS 469), ora strada provinciale ex SS 469 Sebina Occidentale (SP ex SS 469)[3] in provincia di Bergamo e strada provinciale BS 469 Sebina Occidentale (SP BS 469)[4] in provincia di Brescia, è una strada provinciale italiana che si sviluppa in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lapide commemorativa posta nel comune di Riva di Solto

Una lapide posta nel comune di Riva di Solto ricorda la costruzione della strada avvenuta nel 1910 su iniziativa del comune stesso.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Ha origine a Lovere dal vecchio tracciato della strada statale 42 del Tonale e della Mendola e termina ad Urago d'Oglio innestandosi nella ex strada statale 11 Padana Superiore. Deve il suo nome al fatto che da Paratico a Lovere costeggia la sponda occidentale del lago d'Iseo.

Attraversa i paesi di:

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001, la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Lombardia che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Bergamo e della Provincia di Brescia per le tratte territorialmente competenti[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Lombardia.
  2. ^ Decreto ministeriale dell'1/07/1964
  3. ^ Classificazione e qualificazione funzionale della rete viaria provinciale, Provincia di Bergamo.
  4. ^ Cartografia della rete stradale provinciale, Provincia di Brescia.
  5. ^ L.R. 5 gennaio 2000, n. 1 (art. 3, comma 118), Regione Lombardia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]