Strada statale 754 Parlasco-Bellano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 754
Parlasco-Bellano
Strada Statale 754 Italia.svg
Denominazioni precedentiStrada provinciale 73 Parlasco-Portone
Strada provinciale 62 della Valsassina
Localizzazione
StatoItalia Italia
Regioni  Lombardia
Mappa SS 754 Parlasco-Bellano.png
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioParlasco
FineBellano
Lunghezza7,981[1] km
GestoreANAS (2021-)

La strada statale 754 Parlasco-Bellano (SS 754) è una strada statale italiana il cui percorso si sviluppa in Lombardia. Si tratta di una importante arterie della provincia di Lecco che collega la Valsassina con le sponde del Lago di Como.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada è frutto della fusione di due tronchi ben distinti il primo dei quali ha origine alle porte dell'abitato di Parlasco distaccandosi dalla strada statale 753 di Esino, scendendo verso la frazione di Pennaso. Il secondo invece parte da tale frazione e degradando verso la costa, incrocia dapprima lo svincolo con la strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga ed infine raggiunge il centro abitato di Bellano dove si innesta sulla strada provinciale 72.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La strada era tradizionalmente classificata come strada provinciale 73 Parlasco-Portone (SP 73) per il primo tratto e come porzione della strada provinciale 62 della Valsassina (SP 62) per il secondo; è stata poi oggetto della seconda tranche del cosiddetto piano Rientro strade[2], per cui la competenza è passata all'ANAS il 3 maggio 2021[3].

La strada ha ottenuto la classificazione attuale nel corso del settembre 2021 con i seguenti capisaldi di itinerario: "Innesto con la S.S. n. 753 di Esino a Parlasco - Incrocio con via alle Terme in località Pennaso - Innesto su via XX Settembre a Bellano".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda sul sito dell'ANAS (selezionare la strada interessata), su stradeanas.it, ANAS.
  2. ^ Rientro Strade, su stradeanas.it. URL consultato il 5 settembre 2018.
  3. ^ Alcune strade passano all’Anas, su ilgiorno.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]