Strada statale 472 Bergamina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ex strada statale 472
Bergamina
Strada Statale 472 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniLombardia Lombardia
Italia - mappa strada statale 472.svg
Dati
ClassificazioneStrada provinciale
InizioTreviglio (BG)
FineInnesto su SS 9 dir, presso Lodi
Lunghezza25,538[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 1/07/1964 - G.U. 206 del 24/08/1964[2]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Bergamo, alla Provincia di Cremona e alla Provincia di Lodi)

La ex strada statale 472 Bergamina (SS 472), ora strada provinciale ex SS 472 (SP ex SS 472) in provincia di Bergamo[3] e in provincia di Lodi[4] e strada provinciale CR ex SS 472 Bergamina (SP CR ex SS 472)[5] in provincia di Cremona, è una strada provinciale italiana che si sviluppa per intero in Lombardia.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a Treviglio, in viale Merisio, dall'incrocio con la ex strada statale 11 Padana Superiore, attraversa l'abitato lungo viale Piave e oltrepassata la linea ferroviaria Milano-Venezia, si snoda verso sud su un tracciato che tocca i centri di Casirate d'Adda e Arzago d'Adda; la strada entra dunque in provincia di Cremona, passa vicino al comune di Agnadello e attraversa Pandino (dopo il quale interseca la ex strada statale 415 Paullese) e Dovera. Tale tratta ospitò, fra il 1879 e il 1920 il binario della tranvia Lodi-Treviglio-Bergamo.

Entrata nel Lodigiano, la strada arriva in pochi chilometri a Lodi, dove originariamente si innestava sulla ex strada statale 235 di Orzinuovi ed ora si innesta sulla tangenziale est di Lodi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La strada statale 472 venne istituita nel 1964 con il seguente itinerario: "Innesto strada statale n. 11 «Padana Superiore» a Treviglio - Innesto strada statale n. 235 «di Orzinuovi» a Lodi."[2]

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001, la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Lombardia che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Bergamo, della Provincia di Cremona e della Provincia di Lodi per le tratte territorialmente competenti[6].

Secondo il rapporto ACI Localizzazione degli incidenti stradali 2006, pubblicato nel 2008, l'arteria risultava la strada statale più pericolosa della provincia di Bergamo, con un rapporti morti/km tra i più alti d'Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]