Strada statale 221 di Monterchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 221
di Monterchi
Strada Statale 221 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniToscana Toscana
Umbria Umbria
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioLe Ville di Monterchi
FineCittà di Castello
Lunghezza15,700[1][2] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 16/11/1959 - G.U. 41 del 18/02/1960[3]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Arezzo e alla Regione Umbria, che ha ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Perugia)

La ex strada statale 221 di Monterchi (SS 221), ora strada provinciale 221 di Monterchi (SP 221)[4] in Toscana e strada regionale 221 di Monterchi (SR 221)[5] in Umbria, è una strada regionale e provinciale italiana.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha origine dalla strada statale 73 Senese Aretina nei pressi de Le Ville, frazione di Monterchi. Da qui la strada procede verso est raggiungendo la stessa Monterchi, per poi sconfinare in Umbria dove termina il proprio percorso a Città di Castello.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione del tratto toscano è passato dall'ANAS alla Regione Toscana che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Arezzo[6]; la gestione del tratto umbro è invece passata alla Regione Umbria che ha poi ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Perugia mantenendone comunque la titolarità[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Toscana (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Umbria (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  3. ^ Decreto ministeriale del 16/11/1959
  4. ^ Strade di competenza 7° ZONA, Provincia di Arezzo.
  5. ^ SR n° 221 - Di Monterchi, Regione Umbria.
  6. ^ D.C.R. 19 dicembre 2000, n. 274, Regione Toscana. URL consultato il 27 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  7. ^ L.R. n. 3 del 2/03/1999[collegamento interrotto], Regione Umbria - B.U. ed. str. 15 del 10/03/1999.