Strada statale 429 di Val d'Elsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 429
di Val d'Elsa
Strada Statale 429 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniToscana Toscana
Dati
ClassificazioneStrada statale
Inizioex SS 408 presso Badia a Coltibuono
FinePonte a Elsa
Lunghezza70,250[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 9/09/1963 - G.U. 298 del 16/11/1963[2]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Regione Toscana che ha devoluto le competenze alla Provincia di Siena e alla Provincia di Firenze)

La ex strada statale 429 di Val d'Elsa (SS 429), ora strada regionale 429 Val d'Elsa (SRT 429)[3], è una strada regionale italiana.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha inizio distaccandosi dalla ex strada statale 408 di Montevarchi nei pressi di Badia a Coltibuono. Nei suoi primi chilometri si snoda lungo le Colline del Chianti attraversando Radda in Chianti e Castellina in Chianti, dove incrocia la ex strada statale 222 Chiantigiana.

Prosegue quindi ancora verso ovest, incrociando il RA 3 Firenze-Siena alle porte di Poggibonsi e nello stesso centro abitato la ex strada statale 2 Via Cassia. Da questo punto in poi la strada inizia a percorrere la Valdelsa, rimanendo sempre sulla sponda destra del fiume Elsa.

Entrata nella provincia fiorentina, attraversa Certaldo e Castelfiorentino terminando il suo percorso a Ponte a Elsa, frazione di Empoli, innestandosi sulla strada statale 67 Tosco Romagnola.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Toscana che ha poi devoluto le competenze alla Provincia di Siena e alla Provincia di Firenze per le tratte territorialmente competenti[4]. Bisogna aggiungere che la strada ha subito due declassamenti uno nel 1994 e l'altro nel 2001.Infatti il tratto Badia a Coltibuono-Castellina in Chianti-Poggibonsi venne declassato già nel 1994/95, quando l'ANAS cedette la sua competenza alla Regione Toscana, mentre il tratto Poggibonsi-Ponte a Elsa rimase di competenza ANAS fino al 2000.

La Variante e i Progetti Futuri[modifica | modifica wikitesto]

A partire dalla fine degli anni novanta si è iniziato a discutere di un collegamento rapido tra l'Autopalio e la Fi-Pi-Li. Dopo molti ritardi nell'Aprile 2004 iniziarono i lavori per il cosiddetto Lotto "0" tra la ex-ss 429 e la variante, nel breve tratto "Certaldo Ovest-Badia a Elmi"; mentre i lavori per la tratta "Poggibonsi Ovest-Certaldo Sud, vennero "momentaneamente" rimandati. Nel luglio 2004 viene intanto aperto al traffico il Lotto I (Poggibonsi Nord-Poggibonsi Ovest), che unisce l'Autopalio con la Sp 63 (Volterrana Sud) presso la zona industriale a ovest di Poggibonsi. Finalmente dopo molti ritardi e molte polemiche, nel maggio 2013 viene aperta al traffico la tratta del Lotto II Poggibonsi Ovest-Certaldo Sud della nuova ss 429, che nella conferenza dei servizi del giugno 2006 era stato prolungato verso Nord in direzione di Castelfiorentino, evitando così l'attraversamento dell'abitato di Certaldo tramite tre gallerie e un viadotto di quasi 400 m. Anche il tratto del Lotto II "Certaldo Ovest-Certaldo Nord" venne aperto al traffico nello stesso periodo, completando l’intera sezione. L'opera fu commissariata nel 2014. Nel 2015 furono prese in carico le opere fino ad allora realizzate, la loro manutenzione e la realizzazione di opere puntuali (circa 10 milioni di euro). Nel giugno del 2016 iniziò la realizzazione delle nuove opere lineari. I lavori del Lotto VI “Empoli-Brusciana” si sono conclusi nel luglio 2017. I lavori di completamento del Lotto V “Brusciana-Dogana” sono stati avviati nel giugno 2018 e aperti nel luglio 2019.

Tabella di Percorso della Variante ss 429 "Poggibonsi Nord-Certaldo Nord"

I Principali Svincoli (quasi tutte rotatorie) della Variante sono:

  • Poggibonsi Nord; innesto ex-ss 2 "Via Cassia", Barberino Val d'Elsa-Firenze.
  • Chiano-Poggibonsi via Pisana; innesto Ex-ss 429, S.Gimignano (Sp 63).
  • Poggibonsi Ovest; innesto Sp 63 "Volterrana Sud", S.Gimignano-Volterra.
  • Zambra Ovest-Cusona; innesto ex-ss 429, Vico d'Elsa-Barberino Val d'Elsa.
  • Ulignano Sud; innesto ex-ss 429, Barberino Val d'Elsa-Ulignano centro.
  • Ulignano Nord; innesto ex-ss 429, Ulignano-Vico d'Elsa.
  • Certaldo Ovest; innesto ex-ss 429, Certaldo Sud-Certaldo Centro-Montespertoli-S.Casciano Val di Pesa (Sp 79-Sp 93), Badia a Elmi-S.Gimignano-Gambassi Terme.

La tratta a scorrimento veloce prosegue superando l'abitato di Certaldo attraverso un tratto caratterizzato da tre gallerie ed un lungo viadotto, concludendosi a Certaldo Nord, dove con un raccordo sovrappassa la ferrovia e si innesta sulla ex-ss 429 in direzione di Castelfiorentino.

La tratta a scorrimento veloce riprende nei pressi di Brusciana in direzione della rotatoria dello Svincolo Empoli Centro della SGC FI-PI-LI, che raggiunge attraverso due gallerie e due rotatorie di innesto alla viabilità locale - la prima all'inizio della tratta, la seconda tra le due gallerie.

Lavori Secondari annessi alla Variante ss 429 "Poggibonsi Nord-Certaldo Nord"

I principali progetti secondari annessi alla variante sono:

la costruzione di un collegamento tramite un viadotto tra la ex-ss 429 e la Variante, tra Loc.Bassetti e Loc.Steccaia (Certaldo). Nella prima bozza del progetto della Variante datata maggio 1999, elaborata dall'ufficio tecnico dell'Assessorato ai trasporti del Comune di Certaldo, esso doveva essere in realtà il tratto iniziale della nuova variante, concepita come una tangenziale cittadina, funzionale ad evitare l'attraversamento dell'abitato da parte dei mezzi pesanti. Poi a partire dal 2002 venne elaborato, dalla Regione Toscana il disegno che concepiva la Nuova ss 429 come una variante alla ex statale tra Poggibonsi ed Empoli.

Altri lavori secondari sono:

la costruzione di un viadotto tra la ex-ss 429, la variante e la frazione di Ulignano, presso Vico d'Elsa e la costruzione ex-novo di un ponte sul fiume Elsa, in sostituzione di quello vecchio divenuto ormai vecchio e obsoleto per le attuali esigenze di traffico verso la frazione di Ulignano.

Futuro

Nell'Aprile 2015 sono ripresi i lavori della Variante per la tratta "Castelfiorentino Sud-Dogana-Brusciana" l'apertura al traffico per tale tratta è prevista in due parti tra il 2019 (Dogana-Brusciana) ed il 2020.

In futuro verrà realizzata anche la tratta "Certaldo Nord-Castelfiorentino Sud, anche se attualmente di tale tratta esiste solo il progetto preliminare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Toscana (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ Decreto ministeriale del 9/09/1963
  3. ^ Programma pluriennale investimenti viabilità di interesse regionale 2002-2007, Regione Toscana. URL consultato il 25 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2012).
  4. ^ L.R. 10 dicembre 1998, n. 88 (artt. 22-33) (PDF), Regione Toscana (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2012).