Viadotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il viadotto è un genere di ponte stradale o ferroviario a più campate utilizzato per superare un ostacolo naturale o un'altra infrastruttura.

Viadotti in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il viadotto della Pistolesa, nel comune di Mosso (BI), è sede di un centro permanente di bungee jumping.

In Italia tra i viadotti più lunghi ci sono quelli di Coltano, lungo 9,6 km sull'Autostrada A12 e quello che attraversa il torrente Fichera sull'Autostrada A19, lungo più di 7 km.

Il ponte stradale più alto d'Italia, è invece il Viadotto Sente[1] con i suoi 185 m di altezza[2], sulla Ex Strada Statale 86 Istonia. È situato sull'omonimo fiume, al confine tra Abruzzo e Molise, tra i comuni di Belmonte del Sannio e Castiglione Messer Marino. Un precedente record, 168 metri, era costituito dal Ponte Costanzo opera dell'ingegnere Riccardo Morandi, il quale mantiene ancora due pilastri annoverati tra i 10 più alti d'Europa (132,5 metri)[3].

Il ponte autostradale più alto d'Italia è il Viadotto Italia, sull'autostrada Salerno - Reggio Calabria. Si trova in Calabria ed attraversa la valle del fiume Lao. Nella campata centrale il ponte si trova ad un'altezza di 259 metri dal fondovalle.

Sulla ferrovia Direttissima Firenze-Roma il Viadotto del Paglia, di 5.375 m di lunghezza, a 205 campate lineari di 25 m e 5 campate ad arco da 50 m, è il più lungo viadotto ferroviario d'Europa ed uno dei più lunghi del mondo.

È invece francese il viadotto veicolare più alto del mondo, il viadotto di Millau, la cui sommità dei pilastri raggiunge i 341 metri d'altezza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bridges in Italy - HighestBridges.com
  2. ^ Sente Bridge - HighestBridges.com
  3. ^ Irminio Bridge su Highestbridges.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti