Autostrada A19 (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autostrada A19
Palermo-Catania
Autostrada A19 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniSicilia Sicilia
Italia - mappa autostrada A19.svg
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioVillabate
FineCatania
Lunghezza191,6[1] km
Data apertura1970[2] (primo tratto)
GestoreANAS
Percorso
Strade europeeItalian traffic signs - strada europea 90.svg · Italian traffic signs - strada europea 932.svg

L'autostrada A19 è un'autostrada italiana che collega le città siciliane di Palermo e Catania. Attraversa la Sicilia centrale con un percorso di oltre 191 chilometri passando per Caltanissetta ed Enna. È gestita dall'ANAS ed è priva di pedaggio. Il tratto di autostrada Buonfornello-Catania è anche classificato come strada europea E932.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Lo svincolo di Enna.

Il tragitto, disegnato e costruito dall'ANAS è stato inaugurato completamente nel 1975, con gestione iniziale di competenza dello stesso ente statale. L'arteria ha di fatto sostituito la SS 121 Catanese, che fino all'apertura dell'autostrada serviva il collegamento tra Palermo e Catania attraverso i territori della Sicilia centrale. La realizzazione di questo tragitto ha notevolmente velocizzato gli spostamenti dal capoluogo palermitano a quello etneo, riducendo sensibilmente il tempo necessario, e ha posto fine all'isolamento dei comuni dell'entroterra siciliano, tra cui anche Caltanissetta ed Enna.

L'autostrada è stata aperta al traffico in due fasi: nel 1970 da Palermo a Buonfornello e da Motta Sant'Anastasia a Catania; nel 1975 si è arrivati al completamento dell'opera con l'apertura del troncone centrale.

L'autostrada, dall'inaugurazione, non ha sostanzialmente cambiato il suo volto originario, poiché non è mai stata interessata da importanti lavori di ammodernamento. Si registrano solo tre eventi di particolare importanza.

  • Nel 2005 è stato inaugurato il nuovo svincolo di Dittaino, che permette un rapido accesso all'omonima zona industriale[3] e che, dal novembre 2010, consente di raggiungere il primo grande villaggio outlet siciliano.
  • Nel 2010, in occasione dell'apertura al traffico dell'asse attrezzato di Catania (strada di penetrazione nei quartieri sud occidentali del capoluogo etneo), l'ultimo tratto di poco più di un chilometro dell'autostrada A19 è stato dismesso per consentire il collegamento senza soluzione di continuità tra il nuovo asse attrezzato e l'autostrada stessa. Sino ad allora l'autostrada terminava con un incrocio a raso sulla SS 192 in località Zia Lisa, intersezione oggi sostituita dal primo svincolo dell'asse attrezzato.
  • Nel 2014 è stato aperto lo svincolo di Irosa, che collega all'autostrada alcuni paesi delle Madonie, tra cui Blufi, Bompietro, Petralia Soprana e Petralia Sottana, Geraci Siculo e Gangi.[4][5]

Cedimento del viadotto Himera[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 aprile 2015 un evento franoso causò il cedimento di alcuni piloni del viadotto Himera (carreggiata in direzione Catania), che si inclinò, rendendo necessaria la chiusura dell'autostrada in entrambe le direzioni tra le uscite di Scillato e Tremonzelli[6] per circa sette mesi. La realizzazione di una bretella, aperta il 16 novembre 2015, ha consentito la riapertura al traffico del tratto di autostrada chiuso da aprile.[7]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Una frana insisteva sull'area già da dieci anni. Fu la stessa frana che nel 2005 danneggiò irreparabilmente la strada provinciale 24, che collega Scillato e Caltavuturo passando proprio sotto il viadotto Imera.[8] I danni furono tali da preferire la realizzazione di un bypass su altra sede, piuttosto che ricostruire il tratto franato.[9] Il bypass è stato comunque interessato pesantemente dall'evento del 2015, che ha reso nuovamente impraticabile la SP24.

La frana[modifica | modifica wikitesto]

Intorno alle 16:20[6][10] del 10 aprile 2015 la frana ha interessato il versante a monte della carreggiata, al km 57+500, a soli 500 metri dallo svincolo di Scillato: conseguenza dell'evento franoso è stato l'inclinarsi di uno dei piloni del viadotto Imera I nella carreggiata in direzione di Catania; ma sono stati coinvolti dallo smottamento almeno altri due piloni. In via precauzionale l'ANAS ha perciò disposto la chiusura dell'autostrada in entrambe le direzioni tra le uscite di Tremonzelli e Scillato.

La situazione è stata aggravata dalla totale assenza di viabilità alternativa in zona. La strada provinciale 24, che avrebbe rappresentato una valida deviazione, era stata interessata da una frana su un altro versante due mesi prima (febbraio 2015) che l'aveva già presa impraticabile.[11], e anche la strada statale 643 di Polizzi, su cui è stato deviato il traffico, era chiusa da marzo 2015 a seguito di una frana che l'aveva invasa,[12] e fu sgomberata per consentirne il passaggio dei veicoli provenienti dall'autostrada.[13]

La principale deviazione per il traffico leggero per tutti i sette mesi di chiusura dell'autostrada fu rappresentata proprio dalla SS 643, la quale tuttavia si articola su una zona soggetta a continui smottamenti che rendono la sede stradale in pessime condizioni in molti punti. La velocità di percorrenza è molto bassa anche a causa del percorso tortuoso e dell'attraversamento del centro urbano di Polizzi Generosa. Questi fattori resero la deviazione non adatta alla mole di traffico tipica di un'autostrada. Per questo motivo l'accesso fu consentito solo ai mezzi leggeri e ai pullman per il trasporto pubblico,[14] mentre il traffico pesante e di lunga percorrenza fu dirottato sull'autostrada A20 Palermo-Messina e sull'autostrada A18 Messina-Catania. Il collegamento delle zone interne fu invece affidato allo scorrimento veloce Palermo-Agrigento e allo scorrimento veloce Agrigento-Caltanissetta, entrambi interessati tuttavia da importanti lavori di ammodernamento che ne compromettevano la funzionalità.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

L'interruzione della A19 ha di fatto spaccato la Sicilia in due, poiché l'arteria, fondamentale nella rete stradale regionale, garantiva il collegamento della Sicilia sud-orientale (province di Catania, Enna, Caltanissetta, Ragusa e Siracusa) con la Sicilia occidentale, e in particolare con il capoluogo Palermo: in generale, i tempi di percorrenza sugli itinerari Palermo-Catania e Palermo-Caltanissetta-Enna subirono un aumento di almeno un'ora,[15] e si presentarono situazioni più difficili dal punto di vista viario nei piccoli centri dell'entroterra. Per venire incontro a lavoratori e studenti pendolari, Trenitalia ha incrementato da allora le corse tra i due capoluoghi siciliani, a seguito di un accordo con la Regione.[16]

A seguito dell'evento, il presidente dell'ANAS Pietro Ciucci ha annunciato le sue dimissioni. Il cedimento dell'Imera era stato infatti l'ultimo di una lunga serie di crolli e cedimenti strutturali che avevano interessato l'intera rete stradale nazionale, non ultimo quello che ha interessato la rampa di accesso al viadotto "Scorciavacche", sulla strada statale 121, aperto al traffico solo qualche giorno prima.[17]

L'iniziale intenzione di demolire entrambe le carreggiate[18] fu scongiurata dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio a seguito del sopralluogo del 29 settembre 2015, in cui venne accertato che la frana non aveva compromesso la stabilità della carreggiata in direzione Palermo,[19] la quale fu riaperta al traffico già il 30 aprile 2016, dopo ulteriori accertamenti.[20] La viabilità sul tratto autostradale chiuso era comunque già stata ripristinata nel novembre 2015 grazie all'apertura di una bretella stradale di circa 1,5 km costruita in tre mesi.[7]

Bypass[modifica | modifica wikitesto]

Il bypass che aggira il viadotto Himera.
Il bypass.

In attesa della sua ricostruzione, per aggirare il viadotto Himera è stata realizzata una bretella. I lavori sono iniziati il 7 agosto 2015[21] e sono terminati il 16 novembre 2015, data in cui è stato contestualmente riaperto al traffico il tratto di autostrada tra le uscite di Scillato e Tremonzelli.[7]

Secondo il cronoprogramma degli interventi predisposto dal commissario straordinario Marco Guardabassi, «il termine per ripristinare la funzionalità dell'autostrada A19 con il by-pass verrà a scadere dopo giorni 175 dal giorno successivo all'approvazione del presente Piano da parte del Capo Dipartimento della Protezione Civile».[22] Il piano è stato approvato il 26 giugno,[21] dunque il termine ultimo sarebbe dovuto corrispondere alla data del 18 dicembre 2015. Tuttavia la fine dei lavori sulla bretella e la contestuale apertura al traffico sono avvenuti con un mese di anticipo, il 16 novembre 2015,[7] come precedentemente annunciato dal presidente della Regione Rosario Crocetta[23] e dal ministro Graziano Delrio.[24]

I lavori, finanziati con 9,33 milioni di euro di fondi ANAS, sono stati appaltati a tre diverse ditte, che si sono occupate ciascuna di una delle tre fasi in cui sono stati suddivisi i lavori: l'abbattimento delle sezioni danneggiate del viadotto, la riqualificazione della sede stradale già esistente (la sottostante strada provinciale 24) per adeguarla al traffico autostradale, e la realizzazione di una rampa che permette di collegare il bypass all'autostrada.[21]

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

L'area di servizio "Scillato".

L'autostrada A19 ha origine nello svincolo di Villabate, dove un raccordo autostradale di pochi chilometri la congiunge senza soluzione di continuità al viale della Regione Siciliana (conosciuto comunemente come circonvallazione di Palermo). Il primo tratto prosegue in direzione est lungo la costa tirrenica, con uscite per Bagheria, Casteldaccia, Altavilla Milicia, Trabia e Termini Imerese. In località Buonfornello avviene l'allacciamento con l'autostrada Messina-Palermo, che prosegue lungo la costa tirrenica, mentre il tracciato della A19 curva verso sud-est e penetra nell'entroterra, seguendo grossolanamente l'alveo dell'Imera settentrionale.

Superata l'uscita di Scillato, l'autostrada si inoltra sulle Madonie; il viadotto Fichera sull'omonimo torrente (opera dell'ingegnere Silvano Zorzi), con una pendenza media del 5% permette all'autostrada di superare un dislivello di circa 350 metri e raggiungere la galleria Tremonzelli, traforo sotto le Madonie. Raggiunto il punto più alto, a circa 700 m s.l.m., in località Tremonzelli, comincia una graduale discesa più o meno costante fino a Caltanissetta. Tra gli svincoli di Tremonzelli e Resuttano si trova lo svincolo Irosa, di recente apertura[25], che serve Blufi e altri comuni del versante meridionale delle Madonie. Subito dopo lo svincolo di Resuttano, la carreggiata in direzione Catania del viadotto Cannatello (anche questo opera dell'ingegnere Zorzi) scavalca la carreggiata in direzione Palermo, dalla quale viene a sua volta scavalcata dopo circa un chilometro. Questo particolare intreccio, realizzato approfittando dell'ampia vallata, causa una momentanea inversione del senso di marcia.

Lo svincolo di Ponte Cinque Archi.

L'autostrada raggiunge la quota minima di 300 m s.l.m., tra l'uscita di Ponte Cinque Archi, che serve piccoli centri quali Villarosa (EN) e Santa Caterina Villarmosa (CL), e l'uscita di Caltanissetta, presso cui si innesta la strada statale 640 Strada degli Scrittori, una fondamentale via di connessione alle province di Caltanissetta e Agrigento. Immediatamente dopo si incontra la galleria Fortolese (lunga circa 2 km), dove avviene un nuovo cambio di direzione dell'autostrada verso est. La pavimentazione della galleria Fortolese negli ultimi anni ha subito delle deformazioni del suolo dovute probabilmente a ripetute ed abbondanti infiltrazioni[senza fonte]. La galleria presenta una leggera pendenza in salita, ed è composta da tre bypass che mettono in comunicazione le due canne che viaggiano separate per l'intero tratto della galleria. Percorrendo il viadotto Morello (di circa 5 km) costituito da innumerevoli piloni a carreggiate separate che, passando sopra la ferrovia Palermo-Catania, con una forte pendenza consente di arrivare ad una quota elevata, si arriva allo svincolo successivo, quello di Enna, che presenta il viadotto Euno, realizzato in concomitanza con l'autostrada stessa, che l'allaccia alla SS 117 bis. Dopo un ultimo tratto in discesa in cui si incontrano le zone adibite ad area di servizio presso contrada Sacchitello, gli svincoli di Mulinello e dell'Area Industriale della valle del Dittaino (quest'ultimo di recente costruzione anche se programmata dai lavori di ristrutturazione dell'autostrada già all'inizio degli anni novanta), inizia un tratto relativamente rettilineo e pianeggiante che attraversa interamente la piana di Catania, in cui si trovano le uscite per Agira, Catenanuova, Sferro e Motta Sant'Anastasia, fino ad arrivare al capoluogo etneo. In questo tratto l'autostrada attraversa i fiumi Dittaino e Simeto ed è costeggiata dalla SS 192. Di rilevante importanza è il viadotto Simeto.

L'autostrada termina confluendo, senza soluzione di continuità, sull'asse attrezzato di Catania, subito dopo l'intersezione con la tangenziale.

Viadotti e gallerie[modifica | modifica wikitesto]

I piloni del viadotto Cinque Archi (1 567 m) sul letto del fiume Imera meridionale.

A causa dell'orografia del territorio che attraversa, l'autostrada si articola tra numerosi viadotti e gallerie.

In particolare, in essa sono presenti tre dei dieci viadotti più lunghi d'Italia. Si tratta dei viadotti Fichera (7 350 m, nella città metropolitana di Palermo), Morello (5 440 m, in provincia di Enna) e Cannatello (4 220 m, a cavallo tra le province di Palermo e Caltanissetta), rispettivamente al secondo, al quarto e all'ottavo posto. Al momento dell'apertura dell'autostrada, nel 1975, il Fichera e il Morello erano i due viadotti più lunghi d'Italia.[26]

Altri viadotti con lunghezza superiore ai 2 km sono: Himera II (3 370 m), Michele Lomonaco Capocantoniere (2 519 m), Himera I (2 360 m) e Simeto (2 250 m). Inoltre, altri otto viadotti hanno lunghezza superiore ai mille metri. In totale, l'autostrada si estende per quasi sessanta chilometri in viadotto, ovvero circa il 30% del suo intero percorso.[27]

Un'importanza minore ricoprono le gallerie. Sono degne di nota le tre gallerie principali dell'autostrada: Tremonzelli (1 784 m), Fortolese (1 613 m) e San Nicola (1 487 m). Le altre gallerie hanno lunghezza che non supera i 500 metri, i tratti in galleria si sviluppano soprattutto tra le uscite di Trabia e di Termini Imerese e tra le uscite di Caltanissetta e di Enna; sono invece totalmente assenti da Enna fino alla fine dell'autostrada.[27]

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]

Autostrada A19 Italia.svg
Palermo - Catania
Tipo Indicazione km Note Provincia Strada europea
Italian traffic signs - autostrada.svg Italian traffic signs - strada europea 90.svg Autostrada A19dir Italia.svg Raccordo A19 - Palermo -- PA Italian traffic signs - strada europea 90.svg
AB-AS-grün.svg Villabate
Strada Statale 121 Italia.svg Catanese
0,0
AB-AS-grün.svg Bagheria 6,2
AB-AS-grün.svg Casteldaccia 9,1
AB-AS-grün.svg Altavilla Milicia 11,1
AB-AS-grün.svg Trabia
Strada Statale 113 Italia.svg Settentrionale Sicula
19,9
AB-AS-grün.svg Termini Imerese
Strada Statale 285 Italia.svg di Caccamo
25,7
Italian traffic signs - simbolo area servizio.svg Area di servizio "Caracoli" 29,4
AB-AS-grün.svg RWB Industriegebiet.svg Agglomerato industriale 36,9
AB-Kreuz-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 90.svg Autostrada A20 Italia.svg Messina 37,9
AB-AS-grün.svg Buonfornello
Strada Statale 113 Italia.svg Settentrionale Sicula - Campofelice di Roccella
39,2 Italian traffic signs - strada europea 932.svg
Italian traffic signs - simbolo area servizio.svg Area di servizio "Scillato" 55,0 Solo in direzione Catania
AB-AS-grün.svg Scillato
Italian traffic signs - strada a viabilità ordinaria.svg Bypass del viadotto Imera
56,8 Uscita obbligatoria in direzione Catania.
Italian traffic signs - ponte.svg Viadotto Himera dal 56,8
al 57,9
Carreggiata in direzione Catania chiusa a causa del cedimento della stessa.
AB-AS-grün.svg Tremonzelli
Strada Statale 120 Italia.svg dell'Etna e delle Madonie
73,0
AB-AS-grün.svg Irosa
Blufi
79,3
AB-AS-grün.svg Resuttano 83,4 CL
Italian traffic signs - Parcheggio autostradale.svg Area di parcheggio "Daino" 93,3 Solo in direzione Catania PA
AB-AS-grün.svg Ponte Cinque Archi
Strada Statale 121 Italia.svg Catanese
97,8 CL
AB-AS-grün.svg Caltanissetta
Strada Statale 640 Italia.svg Strada degli Scrittori
103,5 EN
Italian traffic signs - Parcheggio autostradale.svg AB-U-grün.svg Area di parcheggio "Ferrarelle" 112,5
AB-AS-grün.svg Enna
Strada Statale 117bis Italia.svg Centrale Sicula
119,6
Italian traffic signs - simbolo area servizio.svg Area di servizio "Sacchitello" 123,2
AB-AS-grün.svg Mulinello 129,2
AB-AS-grün.svg Dittaino
RWB Industriegebiet.svg Area industriale Dittaino
136,4
Italian traffic signs - Parcheggio autostradale.svg Area di parcheggio "Santa Barbara" 141,0 Solo in direzione Catania
AB-AS-grün.svg Agira 142,7
AB-AS-grün.svg Catenanuova
Strada Statale 192 Italia.svg della Valle del Dittaino
156,8
Italian traffic signs - Parcheggio autostradale.svg Area di parcheggio "Muglia" 162,6 Solo in direzione Catania
AB-AS-grün.svg Gerbini - Sferro
Strada Statale 192 Italia.svg della Valle del Dittaino
171,4 CT
AB-AS-grün.svg Motta Sant'Anastasia
Strada Statale 192 Italia.svg della Valle del Dittaino
182,6
Italian traffic signs - simbolo area servizio.svg Area di servizio "Gelso Bianco" 188,5
AB-Kreuz-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 45.svg Italian traffic signs - raccordo autostradale 15.svg Tangenziale di Catania 190,3
Italian traffic signs - fine autostrada.svg Catania
Italian traffic signs - strada a viabilità ordinaria.svg Asse attrezzato di Catania
191,6

Lavori in corso[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione del viadotto Himera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il cedimento, il viadotto Himera è stato oggetto di un progressivo smantellamento che ha riguardato sei campate (250 m) e i rispettivi piloni del viadotto lato Catania.

La campata che sovrastava la SP 24 è stata demolita già il 13 ottobre 2015, prima dell'apertura della bretella,[28] mentre il 22 dicembre successivo è stato demolito con cariche esplosive il resto dell'impalcato e le pile, dopo una complessa operazione di tiraggio durata 48 ore necessaria a preservare l'integrità del viadotto lato Palermo.[29]

Secondo quanto riportato da ANAS, il nuovo tratto di viadotto «sarà in acciaio, con tre campate di grande luce per uno sviluppo complessivo di 270 metri. La campata centrale di luce 130 metri consentirà di scavalcare tutta la parte centrale del corpo di frana, mentre le due pile e le relative fondazioni, posizionate ai margini della frana, saranno dimensionate per resistere al complesso quadro geomorfologico esistente sui versanti». Dovrebbe essere pronto entro la primavera 2018.[29]

Bivio Ferrarelle[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di maggio 2015 sono iniziati i lavori per adeguare a svincolo provvisorio l'area di parcheggio Ferrarelle.[30] Tali lavori si sono resi necessari a seguito della chiusura al traffico del ponte Cinque Archi, sulla SS 121, che tramite l'omonimo svincolo consentiva di collegare il comune di Villarosa con l'autostrada.[31] Il nuovo "svincolo Ferrarelle" collegherà l'autostrada alla SS 121 tramite la strada comunale 10 Ferrarelle, di competenza del comune di Enna, per la cui sistemazione sono stati chiesti 315 000 euro.[32]

Raccordo A19-Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Autostrada A19
Raccordo A19-Palermo
Autostrada A19dir Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniSicilia Sicilia
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioVillabate
FinePalermo
Lunghezza5,2[1] km
Percorso
Strade europeeItalian traffic signs - strada europea 90.svg

Il raccordo A19-Palermo, noto anche come diramazione per via Giafar[1], costituisce il prolungamento, senza soluzione di continuità, dell'autostrada A19 dal km 0, in corrispondenza dello svincolo a quadrifoglio di Villabate, fino all'innesto con la circonvallazione di Palermo. Il raccordo è costituito da un tratto di 5,2 km, a due carreggiate e a due corsie per senso di marcia più corsia di emergenza, prevalentemente rettilineo e costituisce anche la principale direttrice di traffico tra la città di Palermo e la strada statale 121 Catanese per Agrigento.

Pur avendo denominazione e progressiva chilometrica indipendenti, il raccordo viene spesso erroneamente individuato come parte integrante della stessa autostrada A19, anche a causa della presenza, nella segnaletica, della sigla alfanumerica "A19" al posto della sigla "A19 dir".

Svincolo Porto-Via Giafar prima della circonvallazione di Palermo

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]

Autostrada A19dir Italia.svg
Raccordo A19-Palermo
Tipo Indicazione km Note Provincia Strada europea
Italian traffic signs - autostrada.svg Italian traffic signs - strada europea 90.svg Autostrada A19 Italia.svg Catania
AB-AS-grün.svg Villabate
Strada Statale 121 Italia.svg Catanese
0,0 PA Italian traffic signs - strada europea 90.svg
AB-AS-grün.svg Italian traffic signs - lavori.svg RWB Industriegebiet.svg Zona industriale Brancaccio 3,0 In costruzione
AB-AS-grün.svg Via Giafar
Italian traffic signs - icona porto.svg Porto di Palermo
4,7 Solo in direzione Palermo
Italian traffic signs - fine autostrada.svg Sinnbild Innerorts.svg Palermo
Italian traffic signs - strada europea 90.svg Italian traffic signs - strada a viabilità ordinaria.svg Circonvallazione di Palermo
5,2

Raccordo A19-Caltanissetta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Raccordo A19-Caltanissetta.

Il raccordo A19-Caltanissetta collegava la strada statale 640 di Porto Empedocle (oggi detta "Strada degli Scrittori") con la A19 presso l'uscita di Caltanissetta. Era costituito da un'unica carreggiata, una corsia per senso di marcia, ed era privo di intersezioni a raso. È stato declassato nel 1989 e contestualmente unito alla SS 640. Al termine dei lavori che interessano la statale 640 si presenterà come una superstrada con carreggiate indipendenti a doppia corsia per senso di marcia e corsia di emergenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c http://www.stradeanas.it/index.php?/file/open/10558
  2. ^ The World's longest Tunnel Page: Motorways in Italy
  3. ^ ASI: si apre lo svincolo autostradale A19 di Dittaino
  4. ^ Nuovo accesso per le Madonie Si inaugura lo svincolo Irosa
  5. ^ Aperto lo svincolo Irosa Madonie più vicine all'A19
  6. ^ a b Cede pilone di un viadotto in autostrada, chiuso tratto della Palermo-Catania, su repubblica.it Palermo, 10 aprile 2015. URL consultato l'11 aprile 2015.
  7. ^ a b c d Autostrada Palermo-Catania: aperta al traffico la bretella sul viadotto Himera, su gds.it, 16 novembre 2015. URL consultato il 16 ottobre 2015.
  8. ^ Intervenire subito sulla strada Caltavuturo - Scillato, su TerraNovaCaltavuturo, 2 febbraio 2011. URL consultato il 14 aprile 2014.
  9. ^ Frana sulle Madonie, percorso alternativo, su siciliaparchi.com, 14 giugno 2005. URL consultato il 14 aprile 2015.
  10. ^ La notizia è stata riportata dall'ANSA alle 16:25, mentre nel video pubblicato all'interno di un articolo su repubblica.it, un testimone riferisce di aver chiamato la polizia "intorno alle quattro e mezza [del pomeriggio]".
  11. ^ Caltavuturo, addio alla S.P. 24. FOTO, su madonie press, 4 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  12. ^ Una frana invade la strada, stop alle auto tra Scillato e Polizzi, su PalermoToday, 11 marzo 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  13. ^ Frana sulla Palermo-Catania. I tecnici: "Campata andrà abbattuta". Autostrada riaperta sino a Scillato, su repubblica.it Palermo, 11 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  14. ^ Palermo-Catania, l'odissea sulle alternative all'A19. «Una follia dirottare il traffico dove dice l'Anas», su meridonews.it, 13 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  15. ^ I percorsi alternativi fra strade strette, irte e tortuose, su lasicilia.it, 12 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  16. ^ Frana Palermo-Catania. Da lunedì due nuovi treni, su livesicilia.it, 12 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  17. ^ Addio di Ciucci all'Anas, dimissioni all'assemblea di maggio, su ANSA.it, 14 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  18. ^ Viadotto, Delrio: “Demoliremo entrambe le carreggiate, tre mesi per realizzare la bretella", su gds.it Palermo, 14 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  19. ^ Delrio a Palermo fa il punto sulle infrastrutture: "Possibile salvare una corsia del viadotto Himera", su Repubblica.it, 29 settembre 2015. URL consultato il 02 maggio 2016.
  20. ^ Sicilia, Anas: sabato 30 aprile, alla presenza del Presidente del Consiglio Renzi, riapertura al traffico del Viadotto `Himera` sull`autostrada A19 `Palermo-Catania`, su stradeanas.it, 28 aprile 2016. URL consultato il 30 aprile 2016.
  21. ^ a b c A19, emergenza Viadotto Himera, su stradeanas.it. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  22. ^ Piano – Cronoprogramma degli interventi (PDF), su mit.gov.it, 22 giugno 2015. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  23. ^ Viadotto Himera sulla A19, Crocetta: «Bretella sarà pronta in 90 giorni». Consegnati i lavori - Video, su gds.it, 7 agosto 2015. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  24. ^ La promessa di Delrio: 842 milioni di euro per la Palermo-Catania. "Bretella pronta entro il 7 novembre", su palermo.repubblica.it, 6 ottobre 2015. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  25. ^ 11 gennaio 2014
  26. ^ The World's longest Tunnel Page: Viaducts & Bridges in Italy, su lotsberg.net. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  27. ^ a b The World's longest Tunnel Page: Structures on A 19 in Italy, su lotsberg.net. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  28. ^ Viadotto Himera: demolita la prima campata sull'A19, su repubblica.it, 13 ottobre 2015. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  29. ^ a b Comunicato stampa – Anas, A19: Viadotto Himera, demolita la carreggiata in direzione Catania (PDF), su stradeanas.it, 22 dicembre 2015. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  30. ^ Villarosa. Si lavora nello svincolo Ferrarelle per superare la chiusura del Ponte Cinque Archi, su ViviEnna.it, 4 giugno 2015. URL consultato il 10 novembre 2015.
  31. ^ Criticità chiusura S.S. 121- Ponte Cinque Archi –Bivio Ferrarelle, su Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Enna, 21 maggio 2015. URL consultato il 10 novembre 2015.
  32. ^ Regione siciliana - Piano degli interventi urgenti di protezione civile nel territorio regionale - Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile n°257 del 30 maggio 2015 (PDF), su lecodelsud.it, 30 maggio 2015. URL consultato il 10 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]