Autostrada A33 (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Autostrada A33
Autostrada Asti-Cuneo
Autostrada A33 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniPiemonte Piemonte
ProvinceAsti Asti
Cuneo Cuneo
Italia - mappa autostrada A33.svg
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioCuneo
FineAsti
Lunghezza51+34 (previsti)[1] km
Data apertura2005[2] (primo tratto aperto)
GestoreAutostrada Asti-Cuneo
Pedaggiosistema chiuso e aperto
Percorso
Principali intersezioniA6, A21
Strade europeeItalian traffic signs - strada europea 74.svg
Mappa A33.svg

L'autostrada A33[3] è un'autostrada italiana che collega Asti a Cuneo. L'arteria prevede due tronchi per un totale di circa 90 km,[1] collegati tra loro da un tratto dell'autostrada A6. L'A33 è parte della strada europea E74[4] ed è gestita dalla società Autostrada Asti-Cuneo S.p.A.[5].

Al 2015 sono aperti al traffico 3 tratti (collegati tra loro da ulteriore viabilità autostradale o ordinaria): tratta Cuneo-A6 di 23 km, tratta A6/Marene-Cherasco di 8 km e la tratta San Marzanotto Piana - Asti Sud (svincolo per la SP456 del Turchino, nei pressi di Asti/A21)-Guarene (nei pressi di Alba est) di 20 km.[6] I rimanenti tratti (Tangenziale di Cuneo, Cherasco-Guarene e Asti Sud-Asti Est/A21) per complessivi 34 km sono in parte in costruzione e in parte in progetto.[1][7]

Nel giugno 2017 è stato raggiunto l'accordo tra Governo Italiano, Unione Europea e Asti-Cuneo SPA per il completamento dei lotti non ancora costruiti. La soluzione alla base di questo accordo è il completamento del lotto 2.6 con soluzione esterna (ovvero senza il tunnel di Verduno) e le opere complementari grazie al cross-financing con SATAP SPA.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

3 agosto 1998: l'autostrada è finanziata con legge n. 295.[8]

31 luglio 2000: il collegamento autostradale è finanziato con legge n. 295 del 3 agosto 1998 ed oggetto di Protocollo d'intesa Presidente Consiglio dei ministri/Presidente della Giunta Regione Piemonte. Successivamente i lavori sono iniziati.

7 maggio 2007: firmata in Regione Piemonte la convenzione tra l'Anas e la società concessionaria Autostrada Asti-Cuneo S.p.A. per la realizzazione degli ultimi 8 lotti (da Alba a Cherasco e da Sant'Albano Stura a Cuneo) dell'infrastruttura viaria e per la gestione dell'intera tratta stradale.

23 maggio 2007: il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha dato il via libera alla convenzione per l'autostrada Asti-Cuneo gestita dalla Sias, società del gruppo Gavio. L'investimento complessivo per il collegamento autostradale (lungo 93 chilometri) è di circa 2 miliardi di euro, dei quali 1,6 miliardi per i lotti ancora da realizzare e circa 400 milioni per quelli in via di completamento, per i quali il 31 gennaio 2008 è intervenuta la registrazione presso la Corte dei Conti della convenzione per la concessionaria e l'11 febbraio 2008, a seguito della comunicazione da parte dell'ANAS dell'avvenuta registrazione del decreto approvativo da parte della Corte dei Conti, è divenuta efficace la convenzione per la costruzione e la gestione della tratta autostradale.

21 febbraio 2008: il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha approvato il progetto preliminare per il primo lotto funzionale della Tangenziale di Cuneo, di 7,5 km, dal costo di 118,49 milioni di euro, di collegamento tra la città ed il costruendo tratto di autostrada Asti-Cuneo tra Massimini (Cuneo) e l'A6 Torino-Savona.

31 marzo 2008: i lotti già realizzati dall'Anas (39,505 km) sono consegnati alla società di progetto Autostrada Asti – Cuneo S.p.A.[9]

Aperture[modifica | modifica wikitesto]

Tratta A6-Cuneo[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2005 è stato aperto il primo tratto di 11 km compreso tra Carrù (frazione Massimini) (interconnessione con l'A6) e Sant'Albano Stura.

20 febbraio 2012: viene inaugurato il tratto Sant'Albano Stura-Castelletto Stura (barriera a pagamento) e la tangenziale di Cuneo (gratuita) con due uscite: Cuneo Est (nei pressi della frazione Bombonina) e Cuneo Centro (nei pressi della frazione Ronchi). Grazie a questo nuovo allacciamento, Cuneo viene collegata alla rete autostradale italiana.[10]

Tratta A6-Asti/A21[modifica | modifica wikitesto]

Il lotto tra Isola d'Asti e Motta di Costigliole (tratta A21/Asti-A6) viene posto sotto sequestro per irregolarità il 27 marzo 2007.[11] Successivamente il 6 aprile 2007 è stato dissequestrato dopo gli accertamenti irripetibili eseguiti dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Asti.[12]

16 aprile 2007: nel tratto tra Asti/A21 e l'A6 viene aperto al traffico il tratto tra Isola d'Asti e Motta di Costigliole, tra Motta di Costigliole e Govone e tra Govone, Neive e Guarene (svincolo Castagnito)[13][14]; dal 7 agosto 2008 viene introdotto il pedaggio[15] che si paga dalla barriera di Govone.[2]

18 giugno 2007: nel tratto Asti/A21 e l'A6 viene aperto al traffico il tratto tra l'A6 all'altezza di Bra-Marene e Cherasco.[16]

23 luglio 2012: nel tratto Asti/A21-A6 viene aperta la tratta da Isola d'Asti a Rocca Schiavino (svincolo per la SP456 del Turchino) realizzata dalla concessionaria Autostrada Asti Cuneo S.p.a.[9]

Le società coinvolte[modifica | modifica wikitesto]

La società di progetto Autostrada Asti-Cuneo S.p.A., costituita il 23 marzo 2006, ha per oggetto la progettazione, costruzione, manutenzione e gestione del collegamento autostradale A33. La società è concessionaria del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per effetto della Convenzione di Concessione approvata con Decreto Interministeriale del 21/11/2007.[17]

Tracciato[modifica | modifica wikitesto]

L'autostrada prevede viadotti, ponti, gallerie per oltre 20 km e 11 svincoli.[18]

Il collegamento autostradale Asti-Cuneo, della lunghezza di 90 km, è diviso in due tronchi, tra di loro connessi da un tratto di circa 20 km della A6.

L'autostrada è composta da due corsie regolari larghe 3,75 metri più corsia di emergenza per ogni senso di marcia.

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]

Autostrada A33 Italia.svg Asti - Cuneo
Tipo Indicazione km[19] Provincia Strada europea Note Tronco
Italian traffic signs - città.svg Tangenziale di Cuneo CN In progettazione Autostrada A33 Italia.svg
Italian traffic signs - autostrada.svg Cuneo Centro 0,0
AB-AS-grün.svg Cuneo Est 2,0
Italian traffic signs - stazione.svg Barriera di Castelletto Stura 4,1
AB-AS-grün.svg Sant'Albano 12,6
AB-AS-grün geschlossen.svgAB-Tank.svg Area Servizio "Magliano Alpi" In progettazione
AB-Kreuz-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 717.svg Autostrada A6 Italia.svg Savona 23,0 Italian traffic signs - strada europea 717.svg Autostrada A6 Italia.svg
AB-AS-grün.svg Fossano
Italian traffic signs - autostrada.svg Raccordo di Fossano
AB-Tank.svg Area Servizio "Rio Ghidone"
AB-Kreuz-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 717.svg Autostrada A6 Italia.svg Torino 23
Italian traffic signs - stazione.svg Barriera di Marene 23,1 Italian traffic signs - strada europea 74.svg Autostrada A33 Italia.svg
AB-AS-grün.svg Bra - Marene 23,2
Italian traffic signs - Parcheggio autostradale.svg Area di parcheggio Cherasco 28
AB-AS-grün.svg Cherasco 30
Italian traffic signs - divieto di transito.svg Verduno - Alba Ovest Tratto in progettazione
Italian traffic signs - autostrada.svg Castagnito - Alba Est 45,0
Italian traffic signs - stazione.svg Barriera di Govone 53,9
AB-AS-grün.svg Govone 54,0 Solo in entrata verso Cuneo e in uscita verso Asti.
AB-AS-grün.svg Costigliole - Govone 56,0 AT/CN
AB-AS-grün.svg Isola d'Asti 60,0 AT
AB-AS-grün.svg Strada Statale 456 Italia.svg del Turchino 65,0
Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svg Strada Statale 706 Italia.svg Tangenziale est di Asti 67,0
AB-Kreuz-blaugrün.svg Autostrada A21 Italia.svg Torino - Piacenza

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti