Autostrada A24 (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autostrada A24
Strada dei Parchi
Autostrada A24 Italia.svg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regioni Lazio Lazio
Abruzzo Abruzzo
Italia - mappa autostrada A24.svg
Dati
Classificazione Autostrada
Inizio Roma
Fine Teramo
Lunghezza 166,5[1] km
Data apertura 1969[1]
Pedaggio sistema chiuso tra Tivoli e Colledara - San Gabriele
sistema aperto tra Settecamini e Lunghezza
gratuita tra innesto Tangenziale Est e innesto GRA e tra Basciano - Villa Vomano - Bisenti e innesto SS80
Percorso
Strade europee Italian traffic signs - strada europea 80.svg

L'autostrada A24, anche nota come strada dei parchi, collega Roma a Teramo, passando per L'Aquila.

Il tracciato ha una lunghezza complessiva di 166,5 km,[1] di cui 159,2 dal Grande Raccordo Anulare di Roma a fine autostrada nei pressi di Teramo[1] (prosecuzione sulla superstrada SS 80 Dir.), gli altri 7,3 km dal GRA fino all'immissione sulla tangenziale Est di Roma. Il chilometro 0 è dunque posto all'intersezione con il GRA[2] e le progressive chilometriche sono da qui calcolate, sia verso Teramo che verso Roma.

Il tracciato si sviluppa su un territorio quasi completamente collinare e montano, dall'orografia complessa. Per questo motivo l'autostrada richiese l'adozione di ardite soluzioni di ingegneria, con estesi tratti in viadotto e 42 gallerie (di cui 4 più lunghe di 4 km);[1] è da segnalare soprattutto il duplice traforo del Gran Sasso, la cui lunghezza (10,174 km il tunnel settentrionale, 10,175 km quello meridionale)[3] gli vale il primato di galleria stradale a doppia canna più lunga d'Europa,[1] oltre che galleria stradale più lunga d'Italia fra quelle interamente in territorio nazionale.[1]

Assieme alla A25, rispose all'esigenza di fornire un collegamento veloce e affidabile tra la capitale e le regioni centro-orientali della penisola; fino ad allora, la naturale suddivisione imposta dalle più alte vette dell'Appennino aveva reso gli spostamenti tra i due mari difficoltosi, lenti e insidiosi. La A24 pose dunque fine allo storico isolamento dell'Abruzzo dalle regioni tirreniche, e risulta essere tuttora il collegamento più rapido e breve tra Tirreno e Adriatico; fino al suo completamento, le comunicazioni avvenivano principalmente attraverso la Strada statale 5 Via Tiburtina Valeria, la Strada statale 4 Via Salaria e la Strada statale 3 Via Flaminia.

Denominazioni ufficiali e alternative[modifica | modifica wikitesto]

Tracciato della A24

L'autostrada è nota con le seguenti denominazioni, ufficiali e non:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia della A24 ebbe inizio nel 1960, quando fu costituita la Società Autostrada Roma-Civitavecchia (S.A.R.C.).[8] Nel 1961, il nome mutò in Società Autostrade Romane S.p.A.;[8] nel 1963 la S.A.R. ottenne dall'ANAS la delibera relativa alla costruzione di un'autostrada tra Roma e la costa adriatica, servendo anche come collegamento trasversale tra l'autostrada del Sole e quella Adriatica. Per la sua realizzazione, furono valutati vari percorsi. Nelle intenzioni originali, era previsto un singolo attraversamento degli Appennini per la via più semplice, ovvero via Torano, Avezzano, Popoli e la valle del fiume Aterno-Pescara (quella che poi divenne la A25). Un'altra ipotesi propendeva sempre per un singolo tracciato via Torano, L'Aquila e infine Pescara, con una diramazione per Avezzano. Il collegamento con Teramo sarebbe stato realizzato con una superstrada che da L'Aquila avrebbe percorso un tracciato parallelo alla Strada Statale 80, con galleria di valico presso il Passo delle Capannelle.[9]

Alla fine, si scelse di costruire due diramazioni, via Torano, che costituiscono gli attuali percorsi della A24 e A25.[8] Da più parti giunsero forti critiche[10] e ci si interrogò sulla reale necessità di costruire due rami sostanzialmente paralleli a una distanza in linea d'aria di circa 35–40 km. La stampa dell'epoca[11] evidenziò come tale scelta si prospettasse avventata, sia per gli altissimi costi correlati, sia per il fatto che l'atteso volume di traffico non giustificava due tracciati di tale vicinanza, e motivò tale scelta come una sorta di "compromesso" da parte delle due correnti avverse della Democrazia Cristiana (capeggiate da Lorenzo Natali e Remo Gaspari) che all'epoca si spartivano il governo della regione.

Il ramo settentrionale, in particolare, prevedeva un percorso più diretto di quello che si ipotizzava ricalcasse la Statale 80, ma ambizioso e particolarmente complesso dal punto di vista infrastrutturale: per consentire l'attraversamento degli Appennini, furono necessari numerosissimi viadotti e gallerie, in particolare il doppio traforo del Gran Sasso, un'opera complessa, costosa e controversa. I lavori, approvati nel 1964[12] e iniziati nel 1967,[12] richiesero 16 anni per il primo traforo (più altri 9 per il secondo), costarono molto più delle stime originarie e furono funestati da numerosi imprevisti e incidenti fatali (11 morti tra le maestranze).[13]

La denominazione della concessionaria cambiò nuovamente nel 1965 in Società Autostrade Romane ed Abruzzesi (S.A.R.A.),[8] mantenuta fino al 2000 quando assunse la denominazione corrente di Strada dei Parchi S.p.A.[8] che da tale anno la gestisce, unitamente alla A25.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Traforo del Gran Sasso.

Cronologia dei lavori[modifica | modifica wikitesto]

L'apertura al traffico dell'autostrada avvenne in diverse fasi, attraverso un arco temporale di circa 40 anni:

A24, direzione Teramo, galleria Sodera
  • la tratta Roma GRA-Castel Madama venne aperta al traffico il 10 luglio 1969;[14]
  • la tratta Torano-L'Aquila ovest venne aperta al traffico il 14 settembre 1969;[14]
  • la tratta Castel Madama - Torano (che completò il collegamento tra Roma e L'Aquila) venne aperta al traffico il 18 luglio 1970;[14]
  • la tratta L'Aquila ovest - L'Aquila est (quest'ultima denominata in principio San Giacomo) venne aperta al traffico il 31 dicembre 1975;[14]
  • la tratta L'Aquila est - Assergi venne aperta al traffico il 17 ottobre 1979;[14]
  • la tratta Assergi - Villa Vomano (a singola carreggiata), comprendente il primo dei due tunnel sotto il Gran Sasso, venne aperta al traffico il 1º dicembre 1984.[14][15] In quel periodo l'uscita San Gabriele - Colledara era usufruibile solamente per chi veniva dall'Aquila; il restringimento a una carreggiata avveniva nel breve tratto in salita tra l'uscita di Assergi e l'imbocco del traforo. La carreggiata aperta era quella che attualmente viene utilizzata in direzione di Teramo per tutto il traforo fino al viadotto Biselli, dove vi era un brusco cambio di carreggiata con una curva a strettissimo raggio posta tra il viadotto e la successiva galleria;
    Ingresso nel tunnel del Gran Sasso presso Assergi, versante dell'Aquila.
  • nel 1986 venne aperto - a una carreggiata - il tratto Villa Vomano - Val Vomano, comprendente il viadotto sul fiume Vomano; in questa zona inizialmente era previsto un solo svincolo, ma si pensò di realizzarne due per un veloce collegamento tra Teramo e i paesi della val Vomano;
  • la tratta Villa Vomano-Teramo venne aperta al traffico (a singola carreggiata) il 24 maggio 1989[14]. L'evento fu salutato positivamente dagli abitanti del capoluogo, i quali potevano ora recarsi nella valle del Vomano senza utilizzare il tracciato della Strada Statale 81 (collinare e poco agevole), e inoltre andare al Santuario di San Gabriele senza passare per Montorio al Vomano e la tortuosa strada di Tossicia. In un secondo momento venne aperta la seconda carreggiata relativa solamente alla galleria Collurania, sotto l'omonimo osservatorio, con una stretta curva al termine del viadotto Sant'Antonio che solo in un secondo momento venne resa più agevole;
  • la tratta Roma Casal Bertone - Roma Tangenziale Est fu aperta al traffico nel giugno 1990, in occasione dei campionati Mondiali di calcio disputati in Italia, con un tracciato sotterraneo (galleria Pittaluga), diversamente dal progetto originario di sviluppo in superficie;[16] i lavori per questo breve tratto, iniziati nel 1986,[17] si conclusero con un anno di ritardo rispetto quanto preventivato;[17]
  • la seconda galleria del Gran Sasso, con lo svincolo di accesso all'Istituto nazionale di fisica nucleare, venne aperta il 29 luglio 1993;[18] l'apertura del secondo fornice permise il transito nel traforo dei mezzi pesanti oltre le 7,5 tonnellate, fino ad allora non consentito, per motivi di sicurezza.[19] Nel periodo immediatamente precedente, dopo un avanzamento dei lavori molto lento per via delle complesse infrastrutture da realizzare, erano stati aperti vari tratti del raddoppio tra l'uscita del traforo e Villa Vomano e lo svincolo di San Gabriele divenne usufruibile anche da chi giungeva da Teramo;
  • il definitivo completamento del tracciato (raddoppio della tratta Villa Vomano-Teramo), dopo che i lavori erano iniziati nel 2006, è avvenuto il 28 aprile 2009, con l'apertura della seconda galleria Carestia,[20] posta al km progressivo 151 e successiva allo svincolo Val Vomano.

Tratti non realizzati[modifica | modifica wikitesto]

Il Gran Sasso osservato dal versante teramano della A24 poco prima dell'imbocco del traforo
Cronologia fondamentale della A24

1969: Aprono i primi tratti
1970: Completato il tracciato fino L'Aquila
1979: Completato il tracciato fino Assergi
1984: Aperto il primo tunnel del Gran Sasso
1984: Il tracciato giunge a Villa Vomano (singola carreggiata)
1986: Aperto il tratto fino Val Vomano (singola carreggiata)
1989: Aperto il tratto fino Teramo (singola carreggiata)
1990: Completato l'allacciamento con la Tangenziale Est di Roma
1993: Aperto il secondo tunnel del Gran Sasso
2009: Termine raddoppi di carreggiata
2014: Realizzate le complanari nel tratto tra Lunghezza e Palmiro Togliatti (penetrazione urbana di Roma)

La realizzazione dell'ultimo tratto del progetto originario Teramo-Alba Adriatica-A14,[20] che prevedeva la prosecuzione del tracciato dallo svincolo di Teramo in un piccolo tratto della valle del Tordino fino a San Nicolò, quindi nella val Vibrata (dove era previsto il casello di Sant'Omero) fino alla congiunzione con l'autostrada adriatica (nel punto dove ora è lo svincolo Val Vibrata), venne a lungo accantonato e il Governo revocò la concessione a SARA nel 1976, che comunque continuò a gestire la A24 e la A25, fino a quando non le subentrò Strada dei Parchi S.p.A.[21]

L'onere della costruzione del tratto finale fu trasferito all'ANAS, che lo riprogettò con caratteristiche di superstrada e con un tracciato più meridionale[22] ed economico, parallelo alla vecchia strada statale 80 e al fiume Tordino, che terminasse a Giulianova. Il primo tratto della cosiddetta Teramo-Mare, fino a San Nicolò a Tordino, venne aperto l'11 novembre 1989, pochi mesi dopo l'apertura del tratto autostradale Villa Vomano - Teramo. Il secondo lotto, da San Nicolò a Bellante Stazione, fu aperto il 10 agosto 2006,[23] seguito, nel dicembre dello stesso anno, dal tratto conclusivo fino nei pressi del casello d'ingresso dell'autostrada Adriatica di Teramo-Giulianova-Mosciano Sant'Angelo, completando così il collegamento tra le due autostrade, seppur senza uno svincolo di interconnessione diretta.

Nel corso degli anni si sono susseguite proposte di ripristinare il progetto originario di prolungamento del tracciato fino Alba Adriatica, ma nessuna di queste ha finora trovato attuazione.[24]

Vi è un progetto per un ulteriore prolungamento della Teramo-Mare fino a Giulianova Lido in modo che venga collegata la città di Teramo alla SS16 Adriatica, velocizzando i tempi di raggiungimento del mare dal capoluogo di provincia.

Altri lavori[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 marzo 2011 fu aperto un nuovo svincolo per Teramo al km 157 (denominato Teramo ovest) che si collega direttamente alla tangenziale della città, denominata Variante di Teramo (nota anche come Lotto Zero).[25] I lavori di quest'ultimo, iniziati ben trent'anni prima, vennero bloccati più volte, anche da Marco Pannella, teramano, il quale fermò personalmente le ruspe.

Nel 2014 furono invece terminati i lavori delle cosiddette complanari ovvero strade a scorrimento veloce che affiancano ai bordi l'autostrada A24 nel tratto compreso tra la barriera Roma est e l'uscita Palmiro Togliatti del tratto interno al Grande Raccordo Anulare, destinate ad accogliere il flusso giornaliero di pendolari entranti e uscenti dalla capitale alle zone limitrofe (Settecamini-Ponte di Nona-Castelverde-Lunghezza-Corcolle-Guidonia-Tivoli).

L'autostrada oggi[modifica | modifica wikitesto]

Panoramica del tracciato in direzione est poco prima del tunnel del Gran Sasso (versante aquilano)
A24, viadotto di Pietrasecca, tra le uscite di Tagliacozzo e Carsoli.

Il percorso definitivo, ad almeno due corsie per ogni senso di marcia, si sviluppa a partire dalla tangenziale Est di Roma ed è percorribile gratuitamente come collegamento urbano fino al Grande Raccordo Anulare; passato il casello di Roma est, in località Lunghezza, il tracciato incrocia la A1 Milano-Napoli, e subito inizia la sua salita verso Tivoli e Castel Madama, per proseguire in un susseguirsi di viadotti e gallerie. Tra le opere ingegneristiche di rilievo vi è il viadotto di Pietrasecca, che si sviluppa in rettilineo e in curva per 1,9 km[26] a oltre 100 m di altezza.[26] In questo tratto sono presenti gli svincoli di Vicovaro-Mandela, Carsoli e Tagliacozzo.

Dopo alcuni chilometri di discesa, al 72 km si incontra lo svincolo direzionale con la A25, presso Torano; successivamente, il tracciato piega verso nord-est e sale attraversando la galleria "San Rocco" (tra le uscite di Valle del Salto e Tornimparte), lunga 4,120 km che separa la valle dell'Aterno dal Cicolano. Usciti dalla galleria, si tocca il punto più alto dell'autostrada (valico di Monte San Rocco, 1100 m s.l.m.), si percorre quindi un tratto in discesa verso L'Aquila, dove il tracciato la lambisce alla periferia nord con un lungo viadotto. Qui sono presenti due svincoli (L'Aquila ovest e L'Aquila est); si risale ancora in direzione di Assergi entrando nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso. Subito dopo l'omonimo svincolo, al km 118, a circa 970 m s.l.m. si entra nel tunnel del Gran Sasso, dallo sviluppo pressoché rettilineo salvo due curve ad ampio raggio subito dopo l'ingresso e poco prima dell'uscita. I limiti di velocità nel traforo meridionale (direzione di Teramo) sono di 130 km/h, ridotti a 110 km/h poco prima dell'uscita.

A24, discesa verso L'Aquila. Sullo sfondo, si nota il lungo viadotto che lambisce il capoluogo in direzione Teramo (tra le uscite L'Aquila ovest e L'Aquila est).
L'uscita di Viale Palmiro Togliatti nel tratto urbano della A24 in direzione di Roma, prima della realizzazione delle complanari

Usciti dal traforo in direzione di Teramo, si percorre un tratto, di notevole pregio paesaggistico, caratterizzato da numerose curve (alcune a stretto raggio), gallerie di modesta lunghezza e svariati viadotti in entrambe le corsie; la pendenza in questo tratto è alquanto accentuata (circa 6%). Tali caratteristiche, unite alla frequente presenza di vento e maltempo, hanno imposto un limite di 110 km/h nella carreggiata in direzione di Teramo, da poco prima dell'uscita dal traforo fino allo svincolo di San Gabriele-Colledara.

Sempre in virtù della pendenza significativa, è presente una terza corsia di marcia di circa 1 km per i mezzi lenti nel tratto di salita verso il tunnel in direzione dell'Aquila.

Il tunnel settentrionale (la corsia in direzione dell'Aquila) è anche il punto d'ingresso, realizzato con uno svincolo a raso, ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso. In prossimità dello svincolo sono presenti limiti di velocità particolari per via del restringimento di carreggiata. I mezzi provenienti dall'Aquila vi accedono utilizzando uno svincolo di inversione di marcia (vietato ai mezzi non autorizzati), realizzato poco dopo l'uscita dal traforo meridionale.

11 km prima di Teramo si incontra la barriera di pedaggio. Il resto della A24 (dallo svincolo Basciano-Villa Vomano a fine autostrada) è percorribile gratuitamente. Subito dopo l'uscita di Teramo est, il tracciato si immette senza discontinuità, salvo un percepibile restringimento di carreggiata e variazione di segnaletica, sulla superstrada verso il mare.

L'autostrada A24, specie il suo tratto appenninico in inverno, è particolarmente soggetta a maltempo con improvvise bufere, vento forte, nebbia e ghiaccio. Per questo motivo sono obbligatorie catene da neve a bordo o pneumatici da neve dal 15 novembre al 15 aprile nel tratto Vicovaro-Mandela Basciano-Villa Vomano.

L'autostrada risulta moderatamente trafficata sia durante i giorni feriali dai pendolari e traffico pesante, sia nei week-end da vacanzieri che raggiungono paesi di origine e luoghi di villeggiatura montani e di mare. Come in altre autostrade è attivo il sistema Tutor per il monitoraggio delle velocità medie degli autoveicoli nelle rispettive tratte percorse. Per via delle particolari infrastrutture in posa (viadotti e gallerie), dell'ambiente collinare-montano e della necessaria manutenzione risulta essere una delle autostrade a più alto pedaggio in Italia.

Fine della A25 Torano - Pescara e interconnessione con la A24 Roma - Teramo

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]

Autostrada A24 Italia.svg ROMA - L'AQUILA - TERAMO
Strada dei Parchi
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Area Strada europea
Italian traffic signs - strada a viabilità ordinaria.svg Tangenziale Est 7,3 0 RM
AB-AS-grün.svg Via di Portonaccio
Casal Bertone
Strada Statale 5 Italia.svg Via Tiburtina
- 0,8
AB-Tank.svg Area servizio "Tiburtina" 4 -
AB-AS-grün.svg Via F. Fiorentini - Ospedale Sandro Pertini 4,9 2,4
AB-AS-grün.svg Viale Palmiro Togliatti
Strada Statale 5 Italia.svg Via Tiburtina
Strada Statale 6 Italia.svg Via Casilina
Strada Statale 215 Italia.svg Via Tuscolana
3,5 3,8
AB-AS-grün.svg Via di Tor Cervara 1,6
AB-Tank.svg Area servizio "La Rustica" *** 1
AB-Kreuz-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 80.svg Autostrada A90 Italia.svg Grande Raccordo Anulare 0 158
AB-AS-grün.svg Settecamini
Strada Statale 5 Italia.svg Via Tiburtina
1 157 Italian traffic signs - strada europea 80.svg
AB-AS-grün.svg Ponte di Nona
Via Collatina
Italian traffic signs - icona supermercato.svg Zona commerciale
2 156
AB-AS-grün.svg Lunghezza 8 150
Italian traffic signs - stazione.svg Barriera Roma est 8 150
AB-Kreuz-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 45.svg Autostrada A1 Italia.svg Milano - Napoli 10 148
AB-Tank.svg Area servizio "Colle Tasso" 11 147
AB-AS-grün.svg Tivoli
Strada Statale 5 Italia.svg Tiburtina
13 145
AB-AS-grün.svg Castel Madama 24 134
AB-AS-grün.svg Vicovaro
Mandela
33 125
Italian traffic signs - Parcheggio autostradale.svg Area parcheggio "Roviano" 40 118
AB-Tank.svg Area servizio "Civita" 47 111 AQ
AB-AS-grün.svg Carsoli
Oricola
50 108
AB-AS-grün.svg Tagliacozzo[27] 61 97
AB-Vzw-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 80.svg Autostrada A25 Italia.svg Pescara - Chieti 72 86 RI
AB-AS-grün.svg Valle del Salto
ex Strada Statale 578 Italia.svg Salto Cicolana - Rieti
75 83
AB-AS-grün.svg Tornimparte
Italian traffic signs - icona scuola sci.svg Campo Felice
85 72 AQ
AB-Tank.svg Area servizio "Valle Aterno" 99 59
AB-AS-grün.svg L'Aquila ovest
Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svg Strada Statale 80 Italia.svg del Gran Sasso d'Italia - Teramo
Strada Statale 17 Italia.svg dell'Appennino Abruzzese ed Appulo-Sannitico - Antrodoco
101 57
AB-AS-grün.svg L'Aquila est
Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svg Strada Statale 17ter Italia.svg Tangenziale Est dell'Aquila - Pescara
107 51
Italian traffic signs - Parcheggio autostradale.svg Area parcheggio "Gran Sasso " 108,2 50
AB-AS-grün.svg Assergi
Italian traffic signs - icona scuola sci.svg Campo Imperatore
Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
117 41
AB-AS-grün.svg San Gabriele
Colledara
Strada Statale 491 Italia.svg Isola del Gran Sasso d'Italia - Castelli
Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
137 21 TE
Italian traffic signs - stazione.svg Barriera Teramo 147 11
AB-AS-grün.svg Basciano
Villa Vomano
ex Strada Statale 365 Italia.svg di Bisenti - Bisenti
149 9
AB-AS-grün.svg Val Vomano
Strada Statale 150 Italia.svg della Valle del Vomano - Roseto degli Abruzzi
151 7
AB-AS-grün.svg Teramo ovest
Strada Statale 80var Italia.svg Variante di Teramo
Strada Statale 80 Italia.svg Montorio al Vomano
157 1
AB-AS-grün.svg Teramo est
Strada Statale 81 Italia.svg Piceno-Aprutina - Ascoli Piceno
158 0
Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svg Strada Statale 80racc Italia.svg di Teramo
Italian traffic signs - strada europea 55.svg Autostrada A14 Italia.svg Bologna - Taranto
158 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Strada dei Parchi, stradadeiparchi.it. URL consultato il 1º settembre 2011.
  2. ^ Tale suddivisione, apparentemente illogica, si deve al fatto che il tracciato inizialmente inaugurato terminava sul GRA. Il tronco di penetrazione urbana verso Roma fu aggiunto in seguito, dopo alcuni anni.
  3. ^ Strada dei Parchi, Il traforo del Gran Sasso, Strada dei Parchi, 10/07/1974. URL consultato il 10/07/2014.
  4. ^ Strada dei Parchi S.p.a., D28, Strada dei Parchi, 10/07/2014. URL consultato il 10/07/2014.
  5. ^ Autostrade per l'Italia, teonline.autostrade.it. URL consultato il 1º settembre 2011.
  6. ^ Google, A24 penetrazione urbana, Google, 10/07/2014. URL consultato il 10/07/2014.
  7. ^ Bing Maps, Autostrada dei Parchi, Microsoft, 10/07/2014. URL consultato il 10/07/2014.
  8. ^ a b c d e Strada dei Parchi, Storia di Strada dei Parchi, stradadeiparchi.it, 14/07/2014. URL consultato il 14/07/2014.
  9. ^ Giancarlo De Risio, Non fu soltanto oro l'Abruzzo di Gasparri, Aquila TV, 20/07/2011. URL consultato il 22/07/2014.
  10. ^ L'Unita', Traforo del Gran Sasso: un'opera superflua per I'autostrada nata in campagna elettorale, archiviostorico.unita.it, 23/08/1973. URL consultato il 13/07/2014.
  11. ^ Filiberto Dani, Gran Sasso: sotto il traforo passano aspre liti e miliardi, La Stampa, 27/09/1975. URL consultato il 21/07/2014.
  12. ^ a b L’Aquila e l’Abruzzo nella storia d’Italia | Edizioni Nuova Cultura, nuovacultura.it. URL consultato il 26 luglio 2016.
  13. ^ Il "Cuore del Gran Sasso" per i caduti del traforo - Assergi Racconta, su assergiracconta.altervista.org. URL consultato il 02 febbraio 2016.
  14. ^ a b c d e f g Eugenio A. Merzagora, Autostrade in Italia, lotsberg.net, 14/07/2014. URL consultato il 14/07/2014.
  15. ^ Gran Sasso, apre il traforo, ricerca.repubblica.it. URL consultato il 1º settembre 2011.
  16. ^ L'Unita', L'autostrada entra in città, in marcia sul tronchetto della A24, archiviostorico.unita.it, 28/05/1990. URL consultato il 15/07/2014.
  17. ^ a b Valeria Parboni, Un volo fino in centro - La Roma L'Aquila finirà sulla tangenziale, L'Unita', 18/10/1986. URL consultato il 19/07/2014.
  18. ^ Traforo Gran Sasso: giovedì via al raddoppio, adnkronos.com. URL consultato il 7 luglio 2013.
  19. ^ Traforo Gran Sasso, via al raddoppio, www1.adnkronos.com.
  20. ^ a b Osservatorio Regionale Trasporti Infrastrutture e Logistica, trail.abruzzo.it. URL consultato il 1º settembre 2011.
  21. ^ PROGETTO DI LEGGE - N. 208, camera.it. URL consultato il 1º settembre 2011.
  22. ^ L'attuale allacciamento della Teramo-Mare alla A14 si trova circa 16 km più a sud dell'originario progetto che prevedeva l'interconnessione A24/A14 presso il casello di Val Vibrata
  23. ^ L’odissea della Teramo-mare è quasi finita, ricerca.gelocal.it. URL consultato il 7 luglio 2013.
  24. ^ Luca Zarroli, A24 fino ad Alba Adriatica: Pompizi sollecita il completamento, Cityrumors.it, 07/04/2011. URL consultato il 19/07/2014.
  25. ^ Teramo: inaugurazione Lotto Zero, presenti Letta e Matteoli, su Abruzzo Web, 23 marzo 2011. URL consultato il 4 agosto 2015.
  26. ^ a b Toto Holding, su www.totoholding.it. URL consultato il 28 luglio 2016.
  27. ^ Accessibile in uscita solo in direzione Teramo e in ingresso solo in direzione Roma

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Zaganella, L'Aquila e l'Abruzzo nella storia d'Italia, Edizioni Nuova Cultura, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti