Via Tuscolana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Via Prenestina
Via Tuscolana
Il tracciato dell'antica via Prenestina in viola
Il tracciato dell'antica via Prenestina in viola
Localizzazione
Stato Civiltà romana
Stato attuale Italia Italia
Regione Lazio
Informazioni generali
Tipo strada romana
Lunghezza 24 km
Inizio Roma
Fine Frascati
Informazioni militari
Utilizzatore Repubblica romana poi Impero romano
Funzione strategica prosecuzione della via Gabina

Strabone, Geografia, V.

voci di architetture militari presenti su Wikipedia


L'inizio dell'attuale via Tuscolana a piazza Sulmona a Roma

Via Tuscolana è una strada medievale che collegava Roma a Tuscolo (odierna Frascati). Il suo tracciato originale partiva da porta San Giovanni e si affiancava al percorso della romana via Appia, la quale raggiungeva le località dei Castelli più a sud (Ariccia e Albano).

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

L'acquedotto dell'Acqua Felice (1586) scavalca la strada con un arco dedicato al papa che aveva fatto realizzare l'opera, Sisto V, conosciuto come Porta Furba. Presso l'arco il papa fece anche costruire una fontana per i viaggiatori, ricostruita nel 1723 da papa Clemente XII.

La strada moderna, che parte da piazza Sulmona e arriva ancora fino a Contrada Macere di Artena, passando per Frascati, dà il nome al quartiere Tuscolano, nel quadrante sud-orientale della città, tra Cinecittà e il Quadraro.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La linea A della metropolitana segue, da Arco di Travertino fino ad Anagnina, il percorso della via Tuscolana. Fra il 1906 e il 1963 la sezione fino a Grottaferrata integrò il binario delle tranvie dei Castelli Romani.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]