Strada statale 365 di Bisenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 365
di Bisenti
Strada Statale 365 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
ProvinceTeramo Teramo
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioStrada statale 81 Piceno Aprutina Presso Val Vomano
FineSS 81 presso cese (Castiglione Messer Raimondo)
Lunghezza34,600[1] km
Data apertura1962
Provvedimento di istituzioneD.M. 1/02/1962 - G.U. 97 del 13/04/1962[2]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Teramo)

La ex strada statale 365 di Bisenti (SS 365), ora "strada provinciale 365 di Bisenti (SP 365)"[3], è una strada provinciale italiana che collega Bisenti sia con la valle del fiume Vomano e con Teramo, sia con Penne.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Partendo dall'innesto con la strada statale 81 Piceno Aprutina presso Val Vomano, una frazione del comune di Penna Sant'Andrea, la strada si inerpica con numerosi tornanti per 3 km fino a giungere presso la frazione Sant'Agostino; da qui, dopo una curva a destra vi è il primo bivio per il paese di Basciano.
Dopo un km quasi rettilineo e il secondo bivio per Basciano (km 4,5), la strada sale curvosa per le creste di alcune colline toccando Santa Maria di Basciano (km 5,5) e Feudo (km 7).

Dopo un paio di tornanti, rientra nel comune di Penna Sant'Andrea e giunge al paesino del Pilone (km 10,5), dove un bivio porta alla riserva naturale di Castel Cerreto. In questo punto il panorama spazia dai monti Sibillini, a quelli della Laga, al massiccio del Gran Sasso fino alla Majella.

Passato il Pilone la ex SS 365 svalica lasciando il bacino idrografico del fiume Vomano ed entrando in quello del Fino; subito dopo a destra (km 11) vi è il bivio per Colledoro e Castel Castagna, da dove si raggiunge la valle del Mavone e, proseguendo, il santuario di San Gabriele. Dopo il km 12 una leggera salita conduce, tra varie curve a gomito, al punto più alto raggiunto dalla strada in località Saputelli, e si entra nel comune di Cermignano.

Al km 13,9 vi è il bivio per la frazione Saputelli, dopo di che si entra in comune di Bisenti. Superata la frazione Scipione, la strada, con numerose curve a gomito e vari tornanti, scende la contrada di Rufiano fino a giungere a Bivio Castelli, dove vi è il ponte sul fiume Fino (km 19,5), opera d'arte ottocentesca ricostruita dall'impresa Crudeli nel 1945.

Dopo due km si giunge al bivio per il Fondovalle del Fino (km 21), in direzione Montesilvano e Pescara, dopo di che si entra a Bisenti (km 21,5).
Nel centro cittadino, lungo una curva, vi è il bivio per Arsita e Penne (la strada porta anche a Campo Imperatore), quindi si esce dal paese e, dopo il ponte sul Fossato, la strada sale, con varie curve a gomito, fino alla contrada San Nicola (km 25,1).

Da qui una leggera discesa e poi una salita e si giunge a Paradiso (km 26), Campo Male (km 27) e si entra nel comune di Castiglione Messer Raimondo, in contrada Vorghe. Dal km 27,8 la strada è in discesa e si giunge, dopo numerose curve, a Castiglione Messer Raimondo (km 32,5).
Superando il paese, dopo vari tornanti in discesa, si giunge alla valle del fiume Fino, dove vi è il bivio per Montefino (km 33,5). La strada prosegue per un po' parallela al fiume Fino e, dopo un chilometro, termina in località Cesi (km 34,6), nei pressi del ponte della strada statale 81 Piceno Aprutina sul fiume Fino.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Abruzzo che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Teramo[4]. Ad ogni modo è gestita dall’anas (sui cartelli chilometrici della strada è riportato ss 365)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Abruzzo (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ Decreto ministeriale dell'1/02/1962
  3. ^ Allegato A - Elenco alfabetico delle strade provinciali suddiviso per categorie[collegamento interrotto], Provincia di Teramo.
  4. ^ Relazione sulla seduta del Consiglio Regionale dell'Abruzzo del 7/11/2006, Regione Abruzzo.