Strada statale 342 Briantea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 342
Briantea
Strada Statale 342 Italia.svg
Denominazioni precedentiStrada provinciale ex strada statale 342 Briantea (in provincia di Bergamo e in provincia di Como)

Strada provinciale 342 Briantea (in provincia di Lecco)

Denominazioni successiveStrada statale 342 Briantea
Localizzazione
StatoItalia Italia
Regioni  Lombardia
Italia - mappa strada statale 342.svg
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioBergamo
FineSS 712 presso Varese
Lunghezza79,660[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 1/02/1962 - G.U. 97 del 13/04/1962[2]
GestoreANAS [3]

La strada statale 342 Briantea (SS 342), fino al 2020 strada provinciale ex strada statale 342 Briantea (SP ex SS 342) in provincia di Bergamo[4] ed in provincia di Como[5] e strada provinciale 342 Briantea (SP 342)[6][7] in provincia di Lecco, è una strada statale italiana che collega Bergamo a Varese via Como; il suo percorso si snoda interamente in territorio lombardo.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada attraversa una regione collinare, la Brianza settentrionale. Per questa ragione ha un tracciato mediamente tortuoso (anche a testimonianza del fatto che essa è il risultato dell'unione di varie tratte preesistenti, alcune di antica origine) e vario dal punto di vista altimetrico. Si presenta come una strada a carreggiata unica, con sede stradale abbastanza ampia e comoda, caratterizzata da numerosi e frequenti attraversamenti urbani e, come tipicamente avviene in Lombardia, parecchie rotatorie.

Como, il torrente Cosia divide le due carreggiate della SS342

Oltre Pontida, la strada scende verso la valle dell'Adda passando per Caprino Bergamasco e Cisano Bergamasco dove è situato il bivio con la strada statale 639 dei Laghi di Pusiano e di Garlate che conduce a Lecco. A Brivio attraversa il fiume entrando così in provincia di Lecco.

Il ponte di Brivio sul fiume Adda

A Calco la strada si immette in quello che era il tracciato della strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga prima che tale denominazione fosse assegnata alla Nuova Valassina; il percorso della vecchia SS 36 prosegue verso Merate come diramazione (ex strada statale 342 dir Briantea), mentre la statale Briantea si dirige verso Olgiate Molgora, Castello di Brianza e Nibionno ove interseca la strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga mediante uno svincolo, superato il quale entra in provincia di Como toccando Lurago d'Erba (svincolo per Erba) e Alzate Brianza, giungendo a Como dopo il bivio con la SS639.

In uscita da Como la strada incrocia la strada statale 35 dei Giovi e l'Autostrada A9. Successivamente attraversa Montano Lucino, Villa Guardia, Lurate Caccivio, Olgiate Comasco, Solbiate e Binago, ultimo centro prima del confine con la provincia di Varese. In territorio varesino, l'unico centro urbano attraversato è Malnate, alle porte di Varese.

SS 342 dir/A Asse Interurbano di Bergamo[modifica | modifica wikitesto]

Prima di entrare nell'abitato di Ponte San Pietro, dal vecchio tracciato si snoda il nuovo tratto veloce denominato Asse Interurbano di Bergamo. La superstrada è a carreggiata unica, classificata come strada extraurbana secondaria dove il limite di velocità è di 70 chilometri orari, fino all'uscita di Terno d'Isola, per poi diventare strada extraurbana principale a doppia carreggiata con due corsie per senso di marcia, dove il limite di velocità è di 90 chilometri orari. Presso l'interconnessione con la SS 470 dir, l'Asse Interurbano di Bergamo presegue senza soluzione di continuità sotto la denominazione SP BG SS 671.

SS 342 dir/A ASSE INTERURBANO DI BERGAMO
TRATTO VELOCE CURNO - MAPELLO
Prosegue senza soluzione di continuità da SP BG Strada Statale 671 Italia.svg BG
AB-Kreuz-blau.svg Italian traffic signs - strada riservata ai veicoli a motore.svg Strada Statale 470dir Italia.svg direzione Val Brembana
Strada Statale 470 Italia.svg Val Brembana
Ponte San Pietro
BG
AB-Kreuz-blau.svg Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svg Strada Statale 470dir Italia.svg direzione Dalmine
Italian traffic signs - strada europea 64.svgAutostrada A4 Italia.svg Milano-Venezia (casello di Seriate)
Strada Statale 470dir Italia.svg Dalmine
Strada Statale 525 Italia.svg Milano
BG
AB-AS-blau.svg Strada Provinciale 155 Italia.svg Bonate Sopra
Strada Provinciale 155 Italia.svg Presezzo
Italian traffic signs - icona ospedale.svg Ospedale
BG
AB-AS-blau.svg Strada Provinciale 166 Italia.svg Terno d'Isola
Strada Provinciale 166 Italia.svg Calusco d'Adda
Strada Provinciale 166 Italia.svg Sotto il Monte
BG
AB-AZ-blau.svg Mapello
Locate Italian traffic signs - icona centro.svg
Italian traffic signs - icona industria.svg Zona Industriale Mapello - Presezzo
BG
AB-AZ-blau.svg
solo entrata dir. est
solo uscita dir. ovest
Ponte San Pietro
Italian traffic signs - icona ospedale.svg Ospedale
BG
Italian traffic signs - rotatoria.svg Italian traffic signs - icona supermercato.svg Centro Commerciale BG

Comuni attraversati[modifica | modifica wikitesto]

Gestione[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione del tratto Bergamo-Como (cioè fino al km 62,140) è passata dall'ANAS alla Regione Lombardia, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Bergamo, della Provincia di Lecco e della Provincia di Como per le tratte territorialmente competenti[8]. A partire dal 2021 anche questo tratto è tornato ad ANAS che la riclassificherà per l'intero percorso strada statale 342 Briantea.[9] Solo vicino a Bergamo il percorso è stato dirottato su una nuova variante, con il vecchio percorso rimasto in gestione di Provincia di Bergamo.

Strada statale 342 dir Briantea[modifica | modifica wikitesto]

Strada provinciale 342 dir
Briantea
Strada Statale 342dir Italia.svg
Denominazioni precedentiStrada statale 342 dir Briantea
Denominazioni successiveStrada provinciale ex strada statale 342 dir Briantea
Localizzazione
StatoItalia Italia
Regioni  Lombardia
Dati
ClassificazioneStrada provinciale
InizioCalco (LC)
FineUsmate Velate (MB)
Lunghezza9,650[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 2616 del 25/01/1990 - G.U. 39 del 16/02/1990[10]
Gestoredal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Lecco e alla Provincia di Milano; dal 2009 è passato alla Provincia di Monza e della Brianza il tratto competente

La ex strada statale 342 dir Briantea (SS 342 dir), ora strada provinciale ex strada statale 342 dir Briantea (SP ex SS 342 dir)[6][11], è una strada provinciale ed ex strada statale italiana.

Il tracciato è breve e si snoda lungo il vecchio percorso della strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga, tra i paesi di Calco ed Usmate Velate. Ha inizio dalla SS 342 nei pressi di Calco, e attraversa i comuni di Merate, Cernusco Lombardone e Osnago; prosegue quindi verso sud terminando ad Usmate Velate, dove si collega con il nuovo prolungamento della tangenziale Est di Milano.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione del tratto lombardo è passata dall'ANAS alla Regione Lombardia, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Lecco e della Provincia di Milano per le porzioni territorialmente competenti[8]. Con l'istituzione della Provincia di Monza e Brianza per scorporo dalla Provincia di Milano, dall'aprile 2009 la gestione del tratto competente è passata alla neonata provincia[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Lombardia (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ Decreto ministeriale dell'1/02/1962
  3. ^ https://primabergamo.it/cronaca/lanas-si-riprendera-undici-strade-provinciali/
  4. ^ Classificazione e qualificazione funzionale della rete viaria provinciale (XLS), su provincia.bergamo.it, Provincia di Bergamo. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2007).
  5. ^ Verbale delle deliberazioni adottate nella seduta del 29/07/2010, su google.it, Giunta provinciale di Como.
  6. ^ a b Schema rete provinciale - Circondario 2, su viaprociv.provincia.lecco.it, Provincia di Lecco (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2010).
  7. ^ Schema rete provinciale - Circondario 4, su viaprociv.provincia.lecco.it, Provincia di Lecco (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2010).
  8. ^ a b L.R. 5 gennaio 2000, n. 1 (art. 3, comma 118), su consiglionline.lombardia.it, Regione Lombardia. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2013).
  9. ^ Rientro Strade, su Anas S.p.A., 2 agosto 2018. URL consultato il 5 giugno 2021.
  10. ^ Classificazione e declassificazione di strade statali nelle province di Milano e Como, su gazzettaufficiale.it, Gazzetta Ufficiale n. 39 del 16/02/1990.
  11. ^ Elenco strade provinciali MB, su provincia.mb.it, Provincia Monza Brianza. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2012).
  12. ^ Ultimato il trasferimento di patrimonio da MI alla nuova Provincia MB [collegamento interrotto], su google.it, Provincia di Milano.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]