Strada statale 381 del Passo delle Crocelle e di Valle Cupa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 381
del Passo delle Crocelle e di Valle Cupa
Strada Statale 381 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniBasilicata Basilicata
Campania Campania
Dati
ClassificazioneStrada statale
Inizioex SS 93 presso Atella
Fineex SS 91 presso Laviano
Lunghezza58,930[1][2] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 1/02/1962 - G.U. 97 del 13/04/1962[3]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione del tratto lucano è passata alla Provincia di Potenza e quella del tratto campano alla Regione Campania che ha ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Salerno)

La strada statale 381 del Passo delle Crocelle e di Valle Cupa (SS 381), ora strada provinciale ex SS 381 del Passo delle Crocelle (SP ex SS 381)[4] in Basilicata e strada regionale 381 Innesto sulla SS 91 (Passo delle Crocelle)-fino al confine con la Basilicata (SR 381)[5] in Campania, è una strada regionale e provinciale italiana, di collegamento interregionale tra Basilicata e Campania.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha inizio distaccandosi dalla ex strada statale 93 Appulo-Lucana presso Atella e prosegue grossomodo in direzione sud-ovest, lambendo l'abitato di San Fele e raggiungendo il passo delle Crocelle (1136 m s.l.m.) scende in direzione di Muro Lucano, che non viene direttamente attraversata.

Il tracciato a questo punto segue la direttrice est-ovest, lambendo Castelgrande ed entrando in Campania: qui il tracciato passa per Laviano e deviando verso nord, si innesta sulla ex strada statale 91 della Valle del Sele, al confine tra la provincia di Salerno e quella di Avellino.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione del tratto lucano è passata dall'ANAS alla Regione Basilicata che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Potenza[6]; dal 17 ottobre 2001 la gestione del tratto campano è passata alla Regione Campania, che nella stessa data ha ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Salerno[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]