Strada statale 14 della Venezia Giulia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strada statale 14
della Venezia Giulia
Strada Statale 14 Italia.svg
Denominazioni precedenti Strada nazionale 4 Adriatica Superiore
Strada nazionale 6
Denominazioni successive Strada statale 14 della Venezia Giulia
Strada regionale 14 della Venezia Giulia (tratto Sistiana, connessione NSA 56-Trieste, bivio ad H)
Nuova strada ANAS 403 ex SS14 "della Venezia Giulia" (vecchio tracciato dal km 60,45 al 67,35)
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regioni Veneto Veneto
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
SS 14 percorso.png
Dati
Classificazione Strada statale
Inizio Venezia (nella municipalità di Mestre)
Fine Confine di Stato con la Slovenia in località Pese di Grozzana
Lunghezza 167,980[1] km
Provvedimento di istituzione Legge 17 maggio 1928, n. 1094
Gestore Tratte ANAS: dal km 0,000 (Venezia) al km 79,213 (confine Veneto-Friuli Venezia Giulia) e dal km 161,150 (Trieste) al km 167,980 (Pese)[1]. A gestione FVG Strade SpA dal km 79,213 (confine Veneto-Friuli Venezia Giulia) al km 161,150 (Trieste).

La strada statale 14 della Venezia Giulia (SS 14) è una delle più importanti tra le strade statali italiane.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998 dal 2001, la gestione dell'infrastruttura (tranne alcuni km) in Friuli Venezia Giulia è passata dall'ANAS alla regione stessa ed è gestita dalla società regionale Friuli Venezia Giulia Strade. In questa regione la strada assume due diverse classificazioni: il tratto dal km 137,760 (Sistiana, connessione NSA 56) al km 161,150 (Trieste, bivio ad H) ha perso l'originaria denominazione di strada statale e ha assunto quella di strada regionale (SR 14); il tratto dal km 79,213 (Latisana) al km 137,760 (Sistiana), pur essendo gestito dalla regione, ha mantenuto invece la denominazione di strada statale (SS 14) poiché è un tratto di interesse nazionale[2].

È classificata come SR 14 anche l'ex SS 14 bis in Veneto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il tracciato della strada nel 1928

La SS 14 venne istituita nel 1928 con il seguente percorso: "Venezia (Mestre) - San Donà - Portogruaro - Cervignano - Monfalcone - Trieste - Obrovo - Mattuglie - Fiume."[3].

Nel 1942, in seguito all'annessione all'Italia di parte del territorio jugoslavo, la strada venne prolungata nei nuovi territori; il nuovo tracciato venne così definitò: "Venezia (Mestre) - S. Donà - Portogruaro - Cervignano - Monfalcone - Trieste - Obrovo - Mattuglie - Fiume - Sussak - Mrzla Vodica - confine di Stato"[4].

In seguito alla modifica dei confini conseguente al Trattato di Parigi del 1947, la tratta ad est di Trieste venne assegnata alla Jugoslavia.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La SS 14 al km 22 in direzione San Donà di Piave

Inizia da Mestre e termina nella località di Pesek (Comune di San Dorligo della Valle) in provincia di Trieste, presso il confine di Stato con la Slovenia; fino alla seconda guerra mondiale essa terminava a Fiume, e nel breve periodo di occupazione italiana di parte della Jugoslavia, tra il 1942 e il 1943, fu estesa ulteriormente, fino al nuovo confine di stato oltre Mrzla Vodica[5]. Fino alla costruzione del tratto dell'autostrada A4 tra Venezia e Trieste (dicembre 1969) fu la principale arteria di collegamento fra la bassa friulana, Trieste ed il resto d'Italia.

La strada attuale parte da Mestre (loc. San Giuliano), dove si raccorda con la strada statale 11 Padana Superiore poco prima del ponte della Libertà; qualche chilometro dopo vi si immette l'ex tratto 14 bis, ora declassificato a strada regionale, che la collega alla strada statale 13 Pontebbana. In origine, la strada aveva invece inizio nel centro di Mestre, da cui poi usciva in direzione di Favaro Veneto attraverso le attuali via Ca' Rossa, via San Donà e via Triestina, ricongiungendosi al tracciato attuale a Tessera, poco prima dell'entrata dell'Aeroporto Marco Polo. Attraversa quindi il Veneto Orientale, toccando i centri di San Donà di Piave, Ceggia, San Stino di Livenza, Portogruaro (ora evitato da una variante, da cui si dipartono la strada statale 53 Postumia, la strada statale 251 della Val di Zoldo e Val Cellina e la strada statale 463 del Tagliamento) e San Michele al Tagliamento; da qui si dipartono le strade che raggiungono i centri turistici della costa veneziana (Jesolo, Eraclea, Caorle e Bibione). Da ricordare che la parte veneta del tracciato è comunemente e storicamente detta "Triestina", anche se questa denominazione ufficialmente spetta alla strada statale 202 Triestina.

La SR 14 nei pressi di Trieste

Dopo aver superato il fiume Tagliamento la strada entra in Friuli-Venezia Giulia dove sono raggiunte Latisana (da cui si dipartono la strada regionale 354 di Lignano per Lignano Sabbiadoro e l'ex strada statale 678 di Latisana diretta al casello dell'A4), Palazzolo dello Stella, Muzzana del Turgnano (da cui si diparte la strada regionale 353 della Bassa Friulana diretta a Udine), San Giorgio di Nogaro, Torviscosa e Cervignano del Friuli. In questa località incrocia la strada regionale 352 di Grado (che collega Grado a Udine) e la strada regionale 351 di Cervignano (che collega Cervignano del Friuli a Gradisca d'Isonzo e Gorizia).

Superato il fiume Isonzo la SS 14 entra in Bisiacaria. Vengono raggiunte le località di Pieris, Begliano e Ronchi dei Legionari, passando dinnanzi all'aeroporto di Trieste. Si arriva quindi a Monfalcone e, successivamente, si entra in provincia di Trieste. Dopo San Giovanni di Duino (collegamento con la strada regionale 55 dell'Isonzo) e Duino, a Sistiana dove inizia la NSA 56.

Da Sistiana la strada è stata declassificata a SR 14 (strada regionale 14), diventa lungomare fino a Trieste (in tale tratto la strada viene chiamata strada Costiera). Dopo la città la strada si inerpica sul Carso collegando il centro con Basovizza ed infine con Pesek e la Slovenia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Strade statali della Dalmazia e della provincia di Lubiana, in "Le Strade", anno XXIV, n. 8 (agosto 1942-XX), pp. 261-262.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]