Strada statale 149 di Montecassino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 149
di Montecassino
Strada Statale 149 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniLazio Lazio
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioCassino
FineAbbazia di Montecassino
Lunghezza8,738[1] km
Provvedimento di istituzioneD.P.R. 1º luglio 1952, n. 1237[2]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2002 la gestione è passata alla Regione Lazio che ha poi ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Frosinone; dal 2007 la gestione è passata alla società Astral)

La ex strada statale 149 di Montecassino (SS 149), ora strada regionale 149 di Montecassino (SR 149)[3], è una strada regionale italiana che permette di raggiungere l'abbazia di Montecassino.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha inizio a Cassino, distaccandosi dalla ex strada statale 6 Via Casilina, ed inizia ben presto a salire la rocca che ospita il monastero benedettino.

Mediante una serie di tornanti colma il dislivello che divide la città dalla rocca, raggiungendo anche la rocca Janula prima di arrestarsi di fronte all'abbazia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La strada venne istituita nel 1952[2].

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 1º febbraio 2002 la gestione è passata alla Regione Lazio, che poi devoluto le competenze alla Provincia di Frosinone[4]; dal 5 marzo 2007 la società Astral ha acquisito la titolarità di concessionario del tratto laziale[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Lazio (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ a b Decreto del presidente della Repubblica 1 luglio 1952, n. 1237, in materia di "Classificazione nella rete delle strade statali della provinciale n. 6 e sua iscrizione nell'elenco delle strade statali col n. 149 e con la denominazione "strada di Montecassino"."
  3. ^ SR 149 - di Montecassino, astralspa.it (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2013).
  4. ^ L.R. 14 del 06/08/1999 (artt. 124-125) (ZIP), Regione Lazio.
  5. ^ Deliberazione n. 17/2010/PRS (PDF), Corte dei conti, 13-15.