Lazio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Regione Lazio)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la società sportiva, vedi Società Sportiva Lazio.
Lazio
(IT) Regione Lazio
Lazio – Stemma Lazio – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Lazio – Veduta
Sede della Regione Lazio, a Roma in via Rosa Raimondi Garibaldi, 7
Localizzazione
Stato Italia Italia
Amministrazione
Capoluogo Roma-Stemma.png Roma
Amministratore locale Nicola Zingaretti (PD) dal 12-3-2013
Data di istituzione 1948[1]
Territorio
Coordinate
del capoluogo
41°53′35″N 12°28′58″E / 41.893056°N 12.482778°E41.893056; 12.482778 (Lazio)Coordinate: 41°53′35″N 12°28′58″E / 41.893056°N 12.482778°E41.893056; 12.482778 (Lazio)
Altitudine 416 m s.l.m.
Superficie 17 242,29 km²
Abitanti 5 897 446[2] (30-04-2017)
Densità 342,03 ab./km²
Sottodivisioni Frosinone, Latina, Rieti, Roma (Città metropolitana), Viterbo
Sottodivisioni ulteriori 378
Divisioni confinanti Campania, Abruzzo, Marche, Molise, Toscana, Umbria
Altre informazioni
Lingue italiano
Fuso orario UTC+1
ISO 3166-2 IT-62
Codice statistico 12
Nome abitanti laziali
Patrono San Pietro e San Paolo
PIL (PPA) 182. 646 mln
PIL procapite (PPA) 31 800 (2016) [3]
Rappresentanza parlamentare 58 deputati
28 senatori
Cartografia
Lazio – Localizzazione
Lazio – Mappa
Mappa della regione con le sue province
Sito istituzionale

Il Lazio è una regione a statuto ordinario dell'Italia centrale, con capoluogo Roma.

Con 5 897 446 abitanti[2] è la seconda regione più popolata d'Italia dopo la Lombardia[4], e la nona per estensione della superficie. Il Lazio confina a nord-ovest con la Toscana, a nord con l'Umbria, a nord-est con le Marche, a est con l'Abruzzo ed il Molise, a sud-est con la Campania, a ovest invece è bagnato dal mar Tirreno. Al suo interno è presente la piccola enclave della Città del Vaticano.

In senso storico e geografico, il Lazio vero e proprio è solamente il territorio compreso tra il basso corso del fiume Tevere e i Monti Ausoni, nei pressi di Terracina, e l'Appennino centrale come limite orientale[5].

L'ente territoriale Regione Lazio fu istituito con la Costituzione repubblicana nel 1947, sebbene il primo organo politico rappresentativo (come le altre regioni italiane a statuto ordinario) sia stato istituito solo nel 1970, con l'elezione dei consigli regionali[6]. La regione esisteva comunque già in precedenza come entità geografica e statistica.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Latium.

Ancor prima della nascita di Roma, questo territorio era chiamato Latium, dai suoi abitanti latini. Secondo un'interpretazione, l'etnonimo deriverebbe dal latino latus, ovvero "esteso", in riferimento al territorio pianeggiante abitato, messo a confronto con l'andamento soprattutto collinare e montuoso dell'Italia centrale.[7]

Dopo il periodo dell'epoca repubblicana e con l'ordinamento di Augusto nell'epoca romana la Regione insieme alla Campania andò a formare la Regio I Latium et Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia del Lazio e Zone altimetriche d'Italia.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il Lazio per zone altimetriche

Il Lazio, regione dell'Italia centrale, si colloca sul versante medio-tirrenico e occupa 17 242 k di territorio italiano, estendendosi dagli Appennini al mar Tirreno.

Il territorio non presenta caratteristiche fisiche omogenee, anzi si caratterizza per la sua eterogeneità, con prevalenza di zone montuose e collinari; le pianure si trovano per lo più in prossimità della costa.

È una regione prevalentemente collinare: il 54% del suo territorio è occupato da zone collinari, il 26% da zone montuose ed il restante 20% da pianure.

Partendo dal nord ovest della regione, troviamo tre distinti gruppi montuosi di modeste dimensioni: i Monti Volsini, i Monti Cimini e i Monti Sabatini. Caratteristica comune di questi gruppi montuosi è la loro origine vulcanica, testimoniata, oltre che dagli elementi geologici, dalla presenza, in ciascuno di questi, di un lago; il Lago di Bolsena sui Volsini, il Lago di Vico sui Cimini ed il Lago di Bracciano sui Sabatini.

Questi gruppi montuosi digradano dolcemente verso la pianura maremmana ad ovest, e verso la valle del Tevere ad est, le due pianure laziali più settentrionali. La Maremma trova qui il suo limite meridionale, nei Monti della Tolfa.

Nella parte orientale del Lazio si trovano i rilievi più alti della regione, che raggiungono con i Monti della Laga nei 2458 m del Monte Gorzano il loro punto più alto. Si tratta, questa, di una porzione dell'Appennino abruzzese, che corre diagonalmente da nord a sud. Qui troviamo anche i gruppi montuosi dei Monti Reatini, dei Monti Sabini, dei Monti del Cicolano, dei Monti della Duchessa, dei Monti Simbruini, dei Monti Cantari e dei Monti Ernici. Tra i monti Reatini e i monti Sabini si ritaglia uno spazio la Piana Reatina.

Nel medio Lazio meridionale, partendo dai Colli Albani, troviamo tutta una serie di altri gruppi montuosi che corrono paralleli agli Appennini, da cui sono separati dalla Valle Latina dove scorrono il Sacco ed il Liri, che finiscono la loro corsa nel Tirreno nel Golfo di Gaeta, in prossimità del confine con la Campania; si tratta dei Monti Lepini, dei Monti Ausoni e dei Monti Aurunci.

Il Golfo di Gaeta.

Anche i Colli Albani, alture di modeste dimensioni, sono di origine vulcanica, e anche qui i laghi di origine vulcanica sono numerosi: i laghi di Albano e di Nemi, il bacino lacustre ormai prosciugato di Ariccia ed i laghetti fossili di Giuturna (nel Foro romano, presso il Tempio di Vesta), Valle Marciana (Grottaferrata) e, verso nord, di Pantano Secco (Monte Compatri), Prata Porci (Tuscolo) e Castiglione (o lago di Gabii).

Cala fonte a Ponza e Palmarola sullo sfondo.

La zona di Roma è occupata dall'Agro Romano che continua verso meridione, sempre seguendo la linea costiera, nell'Agro Pontino, che fino alla bonifica operata dal 1930 al 1940, era ricoperto da paludi.

La costa laziale è molto regolare, bassa e sabbiosa; nonostante questo sono presenti delle "sporgenze", come il Capo Linaro a sud di Civitavecchia, la foce del Tevere tra i comuni di Roma e Fiumicino; a sud del fiume troviamo in successione il promontorio di Anzio e Nettuno, il Monte Circeo che si erge isolato tra mare e terra, ed il promontorio di Gaeta, in prossimità del confine con la Campania.

Davanti a San Felice Circeo si trova l'arcipelago Ponziano, composto da sei piccole isole, tutte di origine vulcanica.

Il Tevere è il fiume principale della regione; vi arriva dall'Umbria, prima con un andamento verso sud-est, ma che poi piega, verso sud-ovest, per attraversare tutto l'agro romano fino al mare. I principali tributari del Tevere sono il Paglia e il Treia, dalla parte destra, il Nera e l'Aniene dalla parte sinistra.

Più a sud, con un andamento che ricorda quello del Tevere troviamo il Sacco e il Liri-Garigliano, mentre nella parte settentrionale della regione si trovano altri fiumi minori come la Fiora, la Marta e l'Arrone, che scendono direttamente al mare con un corso relativamente breve.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il lago di Bolsena al tramonto.

Il clima della regione, monitorato da varie decine di stazioni meteorologiche (molte delle quali gestite dall'Ufficio idrografico e mareografico regionale del Lazio), presenta una notevole variabilità da zona a zona. In generale, lungo la fascia costiera, i valori di temperatura variano tra i 9-10 °C di gennaio e i 24-25 °C di luglio; le precipitazioni sono piuttosto scarse lungo il tratto costiero settentrionale (i valori minimi inferiori ai 600 mm annui si registrano nella Maremma, nel comune di Montalto di Castro, in prossimità del confine con la Toscana) mentre si raggiungono valori attorno ai 1000 mm annui nella zona tra Formia e il confine con la Campania.

Verso l'interno il clima è più continentale e, sui rilievi gli inverni risultano freddi e nelle ore notturne si possono registrare temperature piuttosto rigide, prossime allo zero ed anche inferiori. La provincia più fredda risulta essere quella di Rieti, seguita da quelle di Frosinone, Viterbo, Roma e Latina.

Le precipitazioni aumentano in genere con la quota e sono mediamente distribuite nelle stagioni intermedie e in quella invernale, con un'unica stagione secca, quella estiva: i massimi pluviometrici si registrano nell'area occupata dalla città di Velletri, con una media annuale di 1500 mm oltre che nei massicci montuosi posti al confine con l'Abruzzo, maggiormente esposti alle perturbazioni atlantiche (Monti Simbruini, Monti Cantari, Monti Ernici), raggiungendo valori anche superiori ai 2000 mm annui. D'inverno le precipitazioni sono in genere nevose dalle quote medie in su; sporadiche nevicate possono raggiungere i Castelli Romani e, in alcune rare occasioni, interessare anche la città di Roma.

Con particolare riguardo all'eliofania, va inoltre segnalato che, fra le città capoluogo di regione, Roma risulta essere quella con il maggior numero di ore di sole e di giornate con cielo sereno nel corso dell'anno.

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Laghi costieri del Parco nazionale del Circeo.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Parchi e riserve naturali nel Lazio e Siti di interesse comunitario del Lazio.

Il Lazio presenta numerosi parchi, riserve e altre aree naturali protette. I più importanti sono i tre parchi nazionali che si estendono almeno in parte sul territorio regionale: il Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco nazionale del Circeo (l'unico interamente ricompreso nel Lazio) e il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Accanto a questi, sono state istituite molte aree protette nella Regione, specialmente negli ultimi anni, assecondando e favorendo lo sviluppo di una maggior sensibilità alle problematiche relative alla conservazione del territorio, tra i cittadini. Tra questi i SIC, siti di interesse comunitario, di rilevante importanza in ambito CEE riferiti alla regione biogeografica mediterranea[8].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

"Finto" arco a sesto acuto ad Arpino.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Lazio.

La storia del Lazio è profondamente segnata dalla storia di Roma, sia per quello che questa rappresentò per la regione nel suo millenario svolgersi, sia per ciò che questa storia determinò con il consolidarsi del potere temporale della Chiesa cattolica, anche questo millenario, sia per il significato fortemente simbolico ed ideologico che Roma venne ad esercitare per il Regno d'Italia e il fascismo, ma anche per la moderna Repubblica Italiana.

La fase storica è testimoniata dalla presenza di diverse popolazioni indoeuropee che si stanziarono nell'area laziale sin dal II millennio a.C.[9], tra cui Latini (da cui secondo alcuni la regione prese il nome), Sabini, Volsci, Ernici, Equi e Aurunci che in epoche diverse si stanziarono nelle zone centro-meridionali del Lazio, mentre nella parte più settentrionale si affermò la presenza degli Etruschi, la cui influenza risultò preponderante almeno fino al V secolo a.C..

Dal V secolo a.C. fino al I secolo a.C. la storia del Lazio si identifica sempre più con quella della lotta per il predominio di Roma nei confronti delle altre popolazioni, che piano, piano, verranno assoggettate, ed assimilate all'elemento latino. L'ultimo sussulto di autonomia di queste genti si ebbe con la guerra sociale.

Per tutta la durata dell'epoca imperiale romana, il Lazio godette di una situazione di generale tranquillità, interrotta solo da episodiche guerre intestine per la conquista del trono imperiale. Il suo ruolo di centro dell'impero venne però sempre più ridimensionato, marginalizzato, a favore di altre regioni dell'impero, fino ad arrivare all'episodio della deposizione dell'ultimo imperatore d'occidente, Romolo Augusto da parte di Odoacre nel 476, a cui si fa riferimento per segnare la fine dell'impero.

Il vuoto di potere nel Lazio, dopo alterne vicende seguenti alla caduta dell'impero, fu riempito dalla presenza della Chiesa cattolica, le cui vicende determinarono la storia di Roma e della regione fino alla presa di Roma nel 1870. Passato nel VI secolo al Ducato di Spoleto, con il regno di Carlo Magno il Lazio fece parte del cosiddetto "Sacro Romano Impero". Dopo la nuova disgregazione, nel 1276, durante il papato di Gregorio X, si tentò di accorpare i vari territorio laziali di Velletri, Anagni e Rieti in un unico centro nello Stato della Chiesa, con sede amministrativa nella Città del Vaticano a Roma. Dopo un fallito tentativo di Cola di Rienzo di portare nuovamente Roma a una repubblica, il Lazio fino all'Unità d'Italia rimase una sub-regione dello Stato della Chiesa. Dunque nel 1870, con la presa simbolica di Porta Pia, il dominio papale cadde, e Roma fu proclamata capitale del Regno d'Italia il 3 febbraio 1871. Da questo momento la storia del Lazio si identifica quasi totalmente con la storia di Roma capitale del Regno d'Italia, con l'eccezione del periodo della grande bonifica delle paludi pontine, una epopea durata un decennio che segnerà la nascita di nuove città, prima tra tutte Littoria, l'odierna Latina, e l'acquisizione di nuove terre produttive alla regione, seppur con il contestuale sacrificio di grandi estensioni di foresta planiziale, il cui ultimo lembo è protetto dal Parco Nazionale del Circeo. Nel 1927 il Lazio assunse sempre più la connotazione dell'attuale regione (istituita nel 1948), con decreto regio di Benito Mussolini, che annetté il territorio già esistente dell'ex Stato della Chiesa, aggiungendo la provincia di Rieti, sottratta all'Umbria, inglobando l'ex Circondario di Cittaducale, facente parte dell'Abruzzo, e annettendo l'Alta Terra di Lavoro, ovvero tutta l'area che va da Fondi a Sora passando per Sperlonga, Itri, Pico, Gaeta, Formia, Cassino, Aquino, Atina, Arpino, Sora. Furono così create la provincia di Frosinone e quella di Latina, assieme a Rieti[10].

La seconda guerra mondiale attraversò la regione, facendole pagare un elevato conto in termini di vite umane, sia militari che civili. Rilevanti, in quest'ottica, furono i feroci combattimenti che si svolsero nelle campagne di Cassino (con la distruzione della millenaria abbazia), lo sbarco alleato ad Anzio e l'occupazione nazista di Roma.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il Lazio è una delle regioni più importanti per la cultura italiana, europea e mondiale, per i suoi contenuti storici, artistici, archeologici, architettonici e religiosi. L'immenso straordinario patrimonio ospitato dalla città di Roma è solo uno fra le centinaia di punti di interesse tra paesi, chiese, monasteri, monumenti e siti vari della regione. Nel Lazio anche Villa Adriana e Villa d'Este a Tivoli e le Necropoli etrusche di Cerveteri e Tarquinia rientrano tra i siti archeologici di maggiore importanza. Altri siti di importanza turistica sono Villa Gregoriana a Tivoli, i monasteri di Montecassino, di Subiaco, i castelli medioevali della valle di comino situati nei paesi cominensi ai confini della provincia di Frosinone con il Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, i santuari francescani di Greccio.

Roma: il Foro, con in vista il Tempio di Antonino e Faustina, in fondo l'arco di Settimio Severo, e in posizione dominante il Palazzo Senatorio

Roma[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Centro storico di Roma, Monumenti di Roma antica, Architetture religiose di Roma, Chiese di Roma e Architetture civili di Roma.

Roma è principalmente nota per l'immenso patrimonio archeologico conservato dei fasti della Roma antica, rintracciabili principalmente tra i Sette Colli, tra cui il Palatino, il Campidoglio, l'Esquilino e il Quirinale. Si calcola che la città avesse all'epoca un centinaio di templi[11] di diverso stile architettonico, tra quelli appartenenti all'età repubblicana e all'età imperiale.

Il Pantheon
Teatro di Marcello

Le principali aree di interesse archeologico sono:

Al livello religioso, Roma è la principale città del mondo della religione cattolica, con la più elevata concentrazione di chiese e basiliche di varia epoca storica, dal IV secolo fino ad oggi[12][13]. Tra e più famose la Cattedrale di San Giovanni in Laterano, e le basiliche papali di San Giovanni in Laterano appunto, San Pietro in Vaticano, Santa Maria Maggiore, San Paolo fuori le mura; assieme ad altre basiliche come la Basilica di San Lorenzo fuori le mura, la Basilica di Santa Maria in Aracoeli e tante altre. Anche le catacombe sono di impatto visivo e culturale, come le catacombe di San Callisto, luogo di sepoltura di martiri, papi e di rilevanza artistica per le pitture parietali.

Tra le architetture civili figurano maggiormente il Palazzo Senatorio sul Campidoglio, il Palazzo Farnese, il Palazzo Colonna, il Palazzo Barberini, il Palazzo del Quirinale, il Palazzo Madama, il Palazzo Montecitorio, e le aree verdeggianti di Villa Doria Pamphilj e Villa Borghese, oltre alle numerose piazze come Piazza Fontana, Piazza Navona, Piazza Venezia con il Vittoriano, Piazza di Spagna e Piazza del Popolo.

Piazza del Popolo
Castel Sant'Angelo

Il centro storico di Roma è suddiviso in XII rioni, ognuno dei quali rappresentato da determinati monumenti storici.

Città minori di interesse nell'Area Metropolitana

Castello Orsini di Bracciano

Viterbo[modifica | modifica wikitesto]

Viterbo: Palazzo dei Papi

Di antiche origini, la città dopo la conquista di Roma assunse il nome di Vetus Urbs[14]), conservando quasi perfettamente il centro storico, cinto da mura di fortificazione. A ovest si estende la zona archeologica termale, della necropoli di Castel d'Asso. Nota storicamente come Città dei Papi, nel XIII secolo fu sede pontificia, e per 24 anni il Palazzo dei Papi ospitò il conclave, successivamente spostatosi in Città del Vaticano. Infatti papa Alessandro IV nel 1257 spostò la sede della Curia nella città per il clima troppo turbolento di Roma.

Di interesse: la Cattedrale di San Lorenzo, la Chiesa di Santa Maria Nuova, la chiesa di San Silvestro, la Basilica di San Francesco alla Rocca e il Palazzo dei Papi

Città minori di interesse nella provincia

Rieti[modifica | modifica wikitesto]

Veduta di Rieti

Fondata durante l'Età del ferro, fu una delle città più importanti dei Sabini, successivamente nel III secolo a.C. conquistati da Roma. La città allora assunse il nome di Reate; e dopo la caduta dell'Impero fu saccheggiata dai Visigoti, e con i Longobardi fu gastaldato del Ducato di Spoleto. Successivamente, nel XIII secolo, divenne parte dello Stato Pontificio, anche se nel 1861 con l'Unità d'Italia fu aggregata alla provincia dell'Umbria, e solo nel 1927 entra a far parte del Lazio come capoluogo dell'omonima provincia.

Di interesse le chiese di Rieti: in particolare la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la Basilica di Sant'Agostino, la Chiesa di San Francesco, la Chiesa di San Rufo, il Palazzo Vescovile, il Palazzo Vincentini, il Teatro Flavio Vespasiano e l'area archeologica di Reate, comprendente il Ponte romano di Rieti e le Mura medievali.

Città minori di interesse della provincia

Frosinone[modifica | modifica wikitesto]

Veduta di Frosinone

Città principale dei Volsci come Frusna, dopo la conquista romana divenne Frùsino è posta nella Valle Latina. Dell'antico passato conserva l'anfiteatro romano, anche se nel corso dei secoli, specialmente nel Medioevo, ha cambiato il proprio aspetto da centro romano a cittadella medievale fortificata.

Di interesse innanzitutto le chiese: la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la chiesa di San Benedetto e il Santuario della Madonna della Neve, successivamente le architetture del Palazzo Tiravanti, la Fontana Livio de Carolis e l'anfiteatro romano fuori la città.

Luoghi interesse nella provincia

Chiese, santuari, abbazie

Convento di San Francesco (Vicalvi)

Castelli e palazzi nobili
Castello Longobardo (Vicalvi)
Castello Cantelmo (Alvito)

Latina[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurazione di Latina come Littoria (18 dicembre 1932)

Fu fondata nel ventennio fascista il 18 dicembre 1932[15], come Littoria, presso le rovine di Lanuvium. Città con un impianto fortemente fascista, dal punto di vista architettonico, assunse il nome attuale solo nel 1945.

Di interesse la Cattedrale di San Marco, il Palazzo Littorio con la torre e il Palazzo delle Poste

Le città di interesse nella provincia sono Campodimele, Gaeta, Aprilia, Formia e Sperlonga.

Siti Patrimonio dell'Umanità (UNESCO)[modifica | modifica wikitesto]

Interno della Basilica di San Giovanni in Laterano
San Paolo fuori le mura

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giunta regionale del Lazio.

Dal 1º gennaio 1948, ex art. 131 della Costituzione, il Lazio è una regione ad autonomia ordinaria della Repubblica Italiana, ma solo con la legge n. 281 del 1970 furono attuate le sue funzioni.

Il Lazio è amministrativamente suddiviso nelle 4 provincie di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, e nella città metropolitana di Roma Capitale.

Stemma Provincia e Città metropolitana Mappa Comuni Abitanti
(28/02/2015)
Superficie
(km²)
Sito Istituzionale
Provincia di Frosinone-Stemma.png Provincia di Frosinone Map of comune of Frosinone (province of Frosinone, region Lazio, Italy).svg 91 496.420 3.247,08 Frosinone
Provincia di Latina-Stemma.png Provincia di Latina Map of comune of Latina (province of Latina, region Lazio, Italy).svg 33 572.414 2.256,16 Latina
Provincia di Rieti-Stemma.png Provincia di Rieti Map of comune of Rieti (province of Rieti, region Lazio, Italy).svg 73 158.654 2.750,52 Rieti
Provincia di Roma-Stemma.png Città metropolitana di Roma Map of comune of Rome (metropolitan city of Capital Rome, region Lazio, Italy).svg 121 4.343.269 5.363,28 Roma
Provincia di Viterbo-Stemma.png Provincia di Viterbo Map of comune of Viterbo (province of Viterbo, region Lazio, Italy).svg 60 314.521 3.615,24 Viterbo
Lazio Coat of Arms.svg Lazio Map of region of Lazio, Italy, with provinces-it.svg 378 5.893.211 17.232,29 Lazio

Questa suddivisione amministrativa è ripresa dal simbolo della regione, rappresentato da un ottagono con iscritti gli stemmi delle quattro province e della città metropolitana.

Comunità montane[modifica | modifica wikitesto]

Nel Lazio sono poi presenti 22 comunità montane istituite con legge regionale del 1999[16].

Frosinone Latina Rieti Roma Viterbo

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

La popolazione[17] del Lazio è così suddivisa tra le sue cinque province:

Pos. Provincia Abitanti
(ab)
Superficie
(km²)
Densità
(ab/km²)
1 Città metropolitana di Roma 4 327 642 5 363,28 806,9
2 Provincia di Latina 569 850 2 256,16 252,58
3 Provincia di Frosinone 498 055 3 247,08 153,39
4 Provincia di Viterbo 315 623 3 615,24 87,3
5 Provincia di Rieti 160 467 2 750,52 58,34

Comuni più popolosi[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la tabella riporta la popolazione residente nei comuni del Lazio con più di 30 000 abitanti[17]:

Pos. Immagine Comune Prov. Abitanti
1 Colosseo di notte.01.jpg Roma RM 2 869 461
2 Palazzo Emme Latina.jpg Latina LT 125 375
3 Panorama Guidonia Montecelio.jpg Guidonia Montecelio RM 88 453
4 Torre uffici AdR Fiumicino.jpg Fiumicino RM 77 051
5 Chiesa San Michele Arcangelo, Aprilia LT, Lazio, Italy - panoramio.jpg Aprilia LT 72 641
6 Palazzo dei Papi Viterbo.jpg Viterbo VT 67 273
7 Pomezia piazza con ex casa del fascio.JPG Pomezia RM 62 737
8 Tivoli - piazza Roesler Franz 1030261.JPG Tivoli RM 56 461
9 Velletri - corso della Repubblica.JPG Velletri RM 54 018
10 Anzio by-RaBoe 10.jpg Anzio RM 53 949
11 Cattedrale civitavecchia-1.jpg Civitavecchia RM 53 069
12 Ardea15.JPG Ardea RM 48 939
13 Nettuno01.jpg Nettuno RM 48 595
14 Cattedrale di Rieti da Sant'Antonio al monte (2259884801).jpg Rieti RI 47 690
15 San Benedetto - Frosinone.jpg Frosinone FR 46 529
16 Cattedrale Terracina.jpg Terracina LT 45 763
17 Albano Laziale, particolare del centro storico.JPG Albano Laziale RM 41 698
18 Marino02.jpg Marino RM 41 119
19 Torre dell'orologio a Monterotondo.jpg Monterotondo RM 40 771
20 Ladispoli - Piazza della Vittoria.JPG Ladispoli RM 40 767
21 Fondi castello baronale, Fondi LT, Lazio, Italy - panoramio.jpg Fondi LT 39 690
22 Ciampino-foto.jpg Ciampino RM 38 899
23 Formia - Chiesa di Sant Erasmo.JPG Formia LT 38 212
24 Img022Cerveteri Necropoli della Banditaccia.jpg Cerveteri RM 37 258
25 Cisterna di Latina.jpg Cisterna di Latina LT 36 756
26 Rocca Janula, Cassino, Province of Frosinone, Lazio, Italy - panoramio.jpg Cassino FR 35 913
27 Fonte Nuova di notte, 01.jpg Fonte Nuova RM 32 262
28 Alatri 2.jpg Alatri FR 29 642

Cittadini stranieri[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2014 i cittadini stranieri residenti nella regione sono 636.524 I gruppi più numerosi in base alla loro percentuale sui residenti sono quelli di:

fonte Istat

Dialetti laziali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetti del Lazio.
Dialetti mediani e Dialetti meridionali (in magenta) nel Lazio tra le provincie di Frosinone e Latina, il confine è segnato dal consonantismo.[18]

L'uso vivo dei dialetti nel Lazio è sempre più in rarefazione, soprattutto nell'area metropolitana romana, dove al loro posto si sostituisce una variante regionale dell'italiano, caratterizzata dall'affricazione della s davanti a consonante nasale (insomma [ĩn.ˈʦõm.ma]), e dal raddoppiamento della b e della g (abile [ˈab.bi.le], regina [reʤ.ˈʤiː.na]). Diffusissima è l'apocope della sillaba finale della parola (ma' per "mamma", anda' per "andare" ecc.). Nella sintassi si registra l'uso dell'indicativo in dipendenza dei verba putandi ("credo che torna"), nel lessico parole come "pupo", "caciara", "pedalini", "annamo". I dialetti resistono invece nell'uso nelle altre province della regione, e in generale dove è meno forte l'influsso linguistico della capitale.

Gruppi dialettali[modifica | modifica wikitesto]

I dialetti della regione Lazio sono classificati, tenendo conto la città di Roma che rappresenta una sorta di isola linguistica a sé stante, entro cinque aree fondamentali:

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

I simboli della Regione Lazio sono stati fissati nel 1984[19] e leggermente modificati nel 1986[20].

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma rappresenta un ottagono regolare con un bordo di color oro; contiene cinque quadrati che riproducono gli stemmi delle cinque province e 4 triangoli che simboleggiano un nastro tricolore che le tiene unite.

Gonfalone[modifica | modifica wikitesto]

Il gonfalone è di colore azzurro con lo stemma al centro, circondato dai seguenti oggetti, tutti di color oro: sopra una corona, sul lato sinistro una spiga, sul lato destro un ramo di quercia e sotto la dicitura "REGIONE LAZIO".

Bandiera[modifica | modifica wikitesto]

Non esistendo documenti ufficiali al riguardo, la Regione Lazio utilizza una bandiera che riproduce il gonfalone.

Gonfalone della regione

L'organo esecutivo della Regione è la Giunta Regionale, composta dal presidente della Giunta e dagli assessori. Tra i suoi compiti:

  • esegue le delibere del Consiglio regionale;
  • predispone il bilancio regionale;
  • amministra il patrimonio della Regione;
  • emana disposizioni esecutive per attuare leggi regionali.

La sede principale della Giunta regionale del Lazio si trova a Roma in via Cristoforo Colombo, 212.

Presidente[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti del Lazio.

Il presidente della Giunta Regionale è il rappresentante della Regione, ha il compito di gestire e coordinare la Giunta, promulga le leggi regionali ed emana i regolamenti. L'attuale presidente della Regione è stato eletto per la prima volta a tale incarico alle elezioni regionali del 2013.

Il Consiglio regionale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Consiglio Regionale del Lazio.

Il Consiglio regionale è l'assemblea legislativa della Regione. Promulga le leggi e i regolamenti di competenza dell'ente, approva il bilancio regionale e propone leggi alla Camera dei deputati.

Il Consiglio regionale del Lazio ha sede a Roma in via della Pisana 1301.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile - nastrino per uniforme ordinaria Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile
«Per la partecipazione all'evento sismico del 6 aprile 2009 in Abruzzo, in ragione dello straordinario contributo reso con l'impiego di risorse umane e strumentali per il superamento dell'emergenza.»
— D.P.C.M. 11 ottobre 2010, ai sensi dell'art.5, comma 5, del D.P.C.M. 19 dicembre 2008.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

In termini assoluti, facendo riferimento al 2005, il Lazio è la seconda regione d'Italia per PIL prodotto dopo la Lombardia[21], mentre in termini di PIL per abitanti, il Lazio è la quarta regione secondo i dati del 2007, la quinta regione secondo i dati del 2008.

Peraltro il PIL laziale non è prodotto omogeneamente sia dal punto di vista territoriale, vista la preponderanza dell'economia romana rispetto a quella degli altri territori provinciali, sia dal punto di vista dei settori produttivi, visto che gran parte del PIL è prodotto dal settore dei servizi, in proporzione maggiore rispetto al dato nazionale.

Dati economici[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la tabella che riporta il PIL ed il PIL procapite[22], prodotto nel Lazio dal 2000 al 2006:

2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Prodotto interno lordo
(Milioni di Euro)
123 291,8 129 439,2 137 176,4 140 884,9 150 613,1 155 264,7 160 517,5 151 470.9 152 768.0 151 036.6 151 712.1 154 241.1 152 992.9
PIL ai prezzi di mercato per abitante
(Euro)
24 096,0 25 297,4 26 732,7 27 221,5 28 756,1 29 365,0 29 731,0 30 334.7 30 216.7 29 377.3 29 501.7 29 726.7 29 194.5

Di seguito la tabella che riporta il PIL[22], prodotto nel Lazio ai prezzi correnti di mercato nel 2006, espresso in milioni di euro, suddiviso tra le principali macro-attività economiche:

Macro-attività economica PIL prodotto % settore su PIL regionale % settore su PIL italiano
Agricoltura, silvicoltura, pesca € 1 709,3 1,06% 1,84%
Industria in senso stretto € 14 208,2 8,85% 18,30%
Costruzioni € 6 872,1 4,28% 5,41%
Commercio, riparazioni, alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni 37 305,5 23,24% 20,54%
Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari ed imprenditoriali € 45 100,7 28,10% 24,17%
Altre attività di servizi € 39 411,8 24,55% 18,97%
Iva, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni € 15 909,9 9,91% 10,76%
PIL Lazio ai prezzi di mercato € 160 517,5

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Utilizzazione dei terreni Ettari
1 Pascoli utilizzati 151.829,34
2 Boschi cedui 131.846,86
3 Altri erbai 71.021,69
4 Olive per olio 65.909,51
5 Frumento duro 53.397,78
6 Prati permanenti (utilizzati) 40.121,99
7 Erba medica 37.851,11
8 Boschi a fustaia 33.840,05
9 Altri prati 32.825,4
10 Altra superficie boscata 32.467,79
11 Nocciolo 19.338,78
12 Vite 16.822,28
13 Ortive in piena aria 16.536,74
14 Orzo 14.294,26
15 Frumento tenero e spelta 12.849,87
16 Mais 11.720,42
17 Kiwi 7.292,59
18 Altri erbai monofiti di cereali 6.682,16
19 Avena 5.634,96

Il settore agricolo laziale ha perso l'importanza che aveva tradizionalmente avuto fino all'immediato dopoguerra, quando la produzione proveniva essenzialmente da grandi latifondi agricoli.

Secondo i dati ISTAT del 2010,[23] con riferimento alle coltivazioni legnose, superfici boschive escluse, preponderante nel Lazio è quella dell'olivo per la produzione di olio, rispetto al nocciolo, diffuso nel viterbese ed in particolare nella zona dei Monti Cimini, e alla vite. Dopo queste tre colture tradizionali si è molto sviluppata quella del Kiwi, soprattutto nella provincia di Latina, tanto che la superficie coltiva è superiore a quella destinata a colture più tradizionali, come ad esempio quella destinata a castagno: 4.046,82 ettari.

Secondo i dati Istat del 2007, nel Lazio le aziende agricole hanno lavorato 940.447 ettari di territorio, contro 1.128.164 ettari 1999.[24]

Nonostante il fenomeno della transumanza sia molto ridotto rispetto al passato, nel Lazio c'è ancora una forte presenza di allevamenti di ovini (817 092 capi nel 2003, quasi il 40% dei quali nel viterbese) che pongono la regione dietro alla Sardegna e alla Sicilia nell'allevamento di questo capo di bestiame. A seguire, si contano circa 380 000 capi di bovini e oltre 100 000 capi di suini. Nel sud della Regione, infine, si sta sviluppando fortemente l'allevamento di bufali, che nel 2003 superavano le 70 000 unità.

Sempre secondo i dati ISTAT del 2010, nel Lazio nel settore agricolo operavano 27.634 aziende, che sul totale delle 544.997 aziende che in Italia operavano in questo settore, rappresentano il 5,07% del dato nazionale. A livello provinciale, nella provincia di Latina sono state registrate 10.487 aziende agricole, 6.163 in quella di Viterbo, 5.271 in quella di Frosinone, 4.663 i quella di Roma, mentre quelle registrate nella provincia di Rieti erano 1.050.

Industria[modifica | modifica wikitesto]

Il settore industriale laziale ha rilevanza nazionale e internazionale, con un'importante diffusione di industrie di medio-piccole dimensioni. Le eccezioni si sono registrate in quelle zone del Lazio dove ha agito la Cassa del Mezzogiorno, come ad esempio a Cassino, Anagni, Frosinone, Colleferro e dintorni dove si è avuto un importante sviluppo economico negli ultimi anni, anche grazie agli stabilimenti industriali di importanti aziende (FIAT, SKF, ABB, Bombrini Parodi Delfino, Bristol-Myers Squibb..)

Secondo i dati ISTAT[22], prodotto nel Lazio ai prezzi correnti di mercato nel 2006, espresso in milioni di euro, suddiviso tra le principali macro-attività economiche relativi al 2006, nel Lazio i settori industriali più sviluppati sono quelli relativi alla produzione e distribuzione di energia elettrica, di gas, di vapore e acqua (vale 2 839,6 milioni di euro), quello alle cokerie, raffinerie, chimiche, farmaceutiche (2 766,7 milioni di euro) e della fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici, elettrici ed ottici; mezzi di trasporto (2 418,6 milioni di euro). L'industria laziale è attiva con grandi, piccole e medie aziende, che operano nei settori metalmeccanico, chimico, alimentare, tessile, manifatturiero, grafico, editoriale, del mobile e dell'abbigliamento.

Settore terziario[modifica | modifica wikitesto]

Nella regione della capitale politica e amministrativa italiana, risulta preponderante il settore del terziario e dei servizi come turismo, commercio, intermediazione finanziaria e immobiliare, università e poli di ricerca, pubblica amministrazione. Il peso dei servizi nella composizione del PIL della regione, risulta superiore nel Lazio rispetto a quanto si verifica in media sull'intero territorio italiano (77,5 % contro 65,6 %); in pratica oltre 3/4 del PIL del Lazio è prodotto dal settore dei servizi[25]. Tra questi, oltre il 27% è prodotto dal settore dell'intermediazione finanziaria e dalle attività immobiliari, il 26% dalle attività legate ai trasporti, commercio, alberghi e turismo. Gli arrivi turistici nel 2007 sono stati: 3 867 175 di italiani e 6 952 266 di stranieri[26]. L'economia dei servizi legati alla Pubblica Amministrazione pesa per circa l'8%, il doppio della media nazionale[25].

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il turismo nel Lazio è un settore florido specie per ciò che riguarda il turismo legato all'arte e ai monumenti e luoghi di interesse della regione (Roma in primis), il turismo religioso (Roma e santuari del Lazio), il turismo estivo balneare specie nell'alto e basso Lazio (Santa Marinella, Ladispoli, Anzio, Nettuno, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga) e il turismo invernale nelle stazioni sciistiche dell'Appennino Laziale (Terminillo, Leonessa, Cittareale, Monte Livata, Campo Staffi e Campocatino).

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Roma rappresenta il centro gravitazionale del trasporto stradale regionale: sul Grande Raccordo Anulare autostrada, che si sviluppa intorno alla città, convergono tutte le autostrade del Lazio:

Altre direttrici importanti per il traffico laziale sono la via Aurelia verso la Toscana, la via Cassia per il traffico in direzione del viterbese, la via Salaria per quello in direzione del Reatino, la via Casilina verso la Provincia di Frosinone, la via Appia come direttrice verso i Castelli Romani e la via Pontina in direzione Latina.

Incidenti stradali[modifica | modifica wikitesto]

Nella tabella sottostante il numero di incidenti stradali con lesioni alle persone nel Lazio, dal 2001 al 2014, con il dettaglio provinciale, sia in valore assoluto, che in percentuale sul dato regionale.[27]

Anno 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014
Lazio 45.064 44.869 44.135 46.187 45.904 44.125 41.958 39.320 40.118 39.382 37.934 33.416 31.148 28.966
Viterbo 1.584 1.574 1.398 1.448 1.487 1.548 1.306 1.352 1.323 1.384 1.399 1.214 1.138 1.129
VT% 3,52 3,51 3,17 3,14 3,24 3,51 3,11 3,44 3,30 3,51 3,69 3,63 3,65 3,90
Rieti 1.082 1.042 1.100 1.142 925 735 758 787 883 758 718 711 629 605
RI % 2,40 2,32 2,49 2,47 2,02 1,67 1,81 2,00 2,20 1,92 1,89 2,13 2,02 2,09
Roma 35.373 34.775 34.315 37.046 36.461 35.398 33.568 30.842 31.871 31.346 30.223 26.705 24.778 23.009
RM% 78,50 77,50 77,75 80,21 79,43 80,22 80,00 78,44 79,44 79,59 79,67 79,92 79,55 79,43
Latina 4.392 4.886 4.670 4.223 4.224 3.894 3.873 3.691 3.530 3.487 3.322 2.773 2.639 2.518
LT% 9,75 10,89 10,58 9,14 9,20 8,82 9,23 9,39 8,80 8,85 8,76 8,30 8,47 8,69
Frosinone 2.633 2.592 2.652 2.328 2.807 2.550 2.453 2.648 2.511 2.407 2.272 2.013 1.964 1.705
FR% 5,84 5,78 6,01 5,04 6,11 5,78 5,85 6,73 6,26 6,11 5,99 6,02 6,31 5,89

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rete ferroviaria del Lazio.

Essendo posta al centro della penisola, Roma è anche il principale nodo ferroviario dell'Italia Centrale. Le altre principali direttrici di traffico ricalcano - almeno nella parte iniziale del percorso - il tracciato delle strade consolari: la linea tirrenica (Roma-Genova, lungo la via Aurelia); la linea verso nord inizialmente lungo la valle del Tevere (Roma-Firenze-Bologna); le linee verso l'Adriatico (Roma-Pescara, lungo la via Tiburtina, e Roma-Ancona, lungo la via Flaminia); le linee verso il meridione (Roma-Formia-Napoli, lungo la via Appia, e Roma-Cassino-Napoli, lungo la via Casilina).

In ambito regionale, la rete collegante Roma con la regione ed il suo hinterland si compone di otto relazioni regionali, operate da Trenitalia sul nodo ferroviario di Roma e numerate daFL1 a FL8, oltre al collegamento rapido Leonardo Express fra la stazione Termini e l'aeroporto di Fiumicino;

Porti[modifica | modifica wikitesto]

Il porto di Formia.

Nella regione è presente uno dei maggiori porti per il trasporto passeggeri d'Italia: il porto di Civitavecchia, in provincia di Roma, rappresenta il maggiore porto d'imbarco nazionale per la Sardegna. Il porto si è arricchito di nuove linee passeggeri per Sicilia, Spagna, Francia, Malta e Tunisia.

Mentre per raggiungere le isole pontine da porti laziali, ci si imbarca dai porti di Anzio, ma soprattutto da Formia, Terracina e San Felice Circeo.

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

Aeroporto di Fiumicino

La regione è servita da tre aeroporti:

Infrastrutture militari[modifica | modifica wikitesto]

La regione vanta diverse ed importanti infrastrutture militari, tra le quali si segnala l'aeroporto di Pratica di Mare, il secondo aeroporto militare italiano, utilizzato anche in occasione di alcuni importanti eventi internazionali, come ad esempio nel 2002, quando fu utilizzato come sede per il Vertice NATO-Russia. Altri aeroporti militari sono quelli di Frosinone, di Guidonia, di Latina e di Viterbo.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Università[modifica | modifica wikitesto]

Ingresso all'Università La Sapienza di Roma
L'Accademia Di Belle Arti, a Frosinone, uno dei primi edifici italiani a essere costruito in cemento armato antisismico
L'Accademia di Belle Arti, a Frosinone, uno dei primi edifici italiani ad essere costruito in cemento armato antisismico

Roma rappresenta il maggior polo universitario della regione, avendo qui la sede diverse università, sia pubbliche sia private. La più nota, e la più grande per numero di iscritti è la Sapienza Università di Roma, che oltre alle tantissime sedi periferiche a Roma, conta un polo succursale a Latina, uno a Rieti e uno a Viterbo. La seconda università pubblica della capitale, per data di fondazione, è l'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", fondata nel 1982, mentre al 1992 risale la fondazione dell'Università degli Studi Roma Tre. Se oltre alle strutture pubbliche si considerano anche quelle private, la seconda università per anno di fondazione è la LUMSA che risale al 1939. Altri poli universitari a Roma sono rappresentati dall'Università Campus Bio-Medico, dalla LUISS, dalla San Pio V e dall'IUSM.

Altre due importanti università laziali sono l'Università degli Studi di Cassino, istituita nel 1979, sulla tradizione umanistica e culturale portata avanti nei secoli dall'Abbazia di Montecassino e l'Università degli Studi della Tuscia, anch'essa fondata nello stesso anno, con sede a Viterbo.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura romana.
Ritratto di Virgilio, autore dell'Eneide

Per secoli la letteratura latina ha influenzato profondamente la civiltà occidentale, essendo Roma ovviamente il maggiore centro di produzione letteraria in termini di epica, poesia, teatro e storiografia. Del periodo classico della letteratura, abbiamo Quinto Ennio, Tito Maccio Plauto, Publio Terenzio Varrone, Catone il Censore, Tito Lucrezio Caro, Gaio Sallustio Crispo, Giulio Cesare, Marco Tullio Cicerone, Caio Valerio Catullo, Publio Virgilio Marone, Quinto Orazio Flacco, Tito Livio, Cornelio Tacito, Sesto Properzio, Publio Ovidio Nasone, Silio Italico, Plinio il Giovane, Lucio Anneo Seneca. Successivamente a Roma nell'età cristiana giunsero personalità di spicco come Sant'Agostino e San Girolamo, seguiti da molti altri compositori dei cosiddetti testi della "patristica" e dell'apologetica della religione cristiana, come Tertulliano e Minucio Felice. Con l'affermarsi del potere papale, la letteratura romana decadde, e riprese soltanto nel Medioevo, e prese maggior sviluppo nel XVII secolo, quando i maggiori scrittori come Torquato Tasso, Galileo Galilei e Ludovico Ariosto consideravano il viaggio a Roma come tappa fondamentale per la propria affermazione in campo artistico. Nel XIX secolo l'autore Giuseppe Gioacchino Belli scrisse i Sonetti romaneschi, mostrando interesse per lo stile del dialetto romano usato nei componimenti poetici della raccolta; mentre nel '900 Alberto Moravia fu uno dei tanti scrittori che si interessarono alle situazioni della media borghesia romana del XX secolo. Sul finire del XIX secolo anche Gabriele d'Annunzio appartenne alla cerchia degli scrittori giunti a Roma per la propria affermazione, e scrisse Il piacere come manifesto della corrente letteraria del decadentismo.
Nel secondo Novecento uno degli scrittori più influenti a roma fu Pier Paolo Pasolini.

Il dialetto romanesco nell'arte[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto romanesco nelle arti.

Sin dal XVII secolo il dialetto romanesco ha influenzato molto la cultura popolare nelle varie arti della letteratura, pittura, teatro e cinematografia. Nella letteratura i casi più noti sono Giovanni Battista Pianelli, Giuseppe Berneri e Giovanni Camillo Peresio, appartenenti alla prima generazione che sperimentò maschere giullaresche come il "Rugantino" e il "Meo Patacca". La seconda generazione ha come capolista Giuseppe Gioacchino Belli che scrisse le centinaia di versi dei Sonetti romaneschi, assieme a Trilussa, Giggi Zanazzo, Augusto Sindici e Filippo Chiappini, che compilò uno dei rimi vocabolari del romanesco.

Nello spettacolo e nel cinema invece i massimi rappresentanti sono e furono Ettore Petrolini, Aldo Fabrizi, Anna Magnani, Alberto Sordi, Gigi Proietti, Nino Manfredi, Carlo Verdone e Pier Paolo Pasolini. Molto legato al cinema popolare romanesco, attraversando le varie fasi della storia di Roma, fu Luigi Magni, con opere come Nell'anno del Signore, In nome del Papa Re e Scipione detto anche l'Africano. Dall'altro lato, Pasolini diresse capolavori come Accattone, Mamma Roma e Uccellacci e uccellini.

Pittura, scultura e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Nel Lazio si differenziano cinque periodi, al livello artistico nel campo della scultura, pittura ed edilizia sacra.

Epoca romana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte romana, Pittura romana e Scultura romana.
Il Colosseo

Sino al tempio del governo di Lucio Cornelio Silla (I secolo a.C.) soltanto alcune strutture maggiori di Roma come i templi erano in pietra con alcuni accenni di abbellimenti artistici, mentre il resto di gran parte degli edifici in legno. Con l'influsso cultuale dell'arte ellenistica furono costruiti nuovi templi in marmo e pietra, come il tempio di Giove Capitolino restaurato dopo un incendio. Alla stessa maniera dei Greci, i templi erano costituiti da un pronao, un naos e dal frontone decorato da pitture e bassorilievi, e principalmente grazie a Cesare e Augusto ci fu l'esplosione vera e propria dell'arte romana non solo nell'Urbe, ma anche in città come Pompei, Terracina, Tivoli e Ostia antica. I romani tuttavia adottarono la tecnica scultorea come mezzo di propaganda politica, erigendo statue di generali, dei e imperatori, nonché facendo coniare monete con l'effige imperiale. Mentre dal principato di Augusto si andavano sviluppando anche i teatri, non più in legno, ma in pietra come il teatro di Marcello e il Colosseo, nelle ville dei patrizi si andò sperimentando la tecnica della pittura, come si evince dalle case di Pompei, specialmente la Villa dei Misteri e la Casa del Fauno, seguendo vari schemi. Gli archeologi per i vari stili artistici romani, hanno catalogato un passaggio di "quattro generazioni", iniziando da uno stile sobrio repubblicano, terminando con quello "barocco" imperiale.

Epoca cristiana e medievale

Dal IV secolo all'VIII secolo Roma vide lo sviluppo esteso della costruzione di molti edifici di culto cristiano, grazie ala nulla osta dell'editto di Costantino nel 313. La caratteristica di queste chiese riprende il sistema architettonico delle antiche basiliche romane (ricavando l'impianto rettangolare, con navate suddivise da colonnati), presenti ad esempio nel Foro Romano, nonché dal mausoleo funebre dei personaggi di spicco, ricavando gli oratori a pianta circolare, come ad esempio la Basilica di Santo Stefano Rotondo. A partire dalla primitiva costruzione della Basilica di San Pietro in Vaticano, molte altre chiese furono costruite durante l'impero di Costantino, come la Basilica di Santa Maria Maggiore, assieme alle altre due papali di San Giovanni in Laterano e San Paolo fuori le mura.

Le primitive chiese inoltre furono edificate utilizzando il materiale dei templi pagani decadenti, a volte garantendo anche la conservazione quasi perfetta di essi, come i casi del Pantheon, del Tempio di Ercole Vincitore, e il tempio di Antonino e Faustina, che fu riutilizzato per la costruzione della Chiesa di San Lorenzo in Miranda. Riguardo alla pittura, furono sperimentate nelle basiliche specialmente le tecniche del mosaico sacro, su ispirazione dei Greci, sia parietale che pavimentale, e della pittura parietale sacra, presente anche nelle catacombe.

Nelle altre città si svilupparono ugualmente, intorno al XII secolo, edifici religiosi, che risentono specialmente dell'influsso dell'arte gotica, come i templi cristiani principali di Viterbo, Rieti e Anagni. Sorsero nei feudi da esse amministrati, numerose abbazie (VI-XII secolo), come il Protocenobio di San Sebastiano, l'Abbazia di Farfa, l'Abbazia di Montecassino, l'Abbazia di San Salvatore Maggiore e l'Abbazia di San Martino al Cimino, presso Viterbo, di costruzione più tarda del XIII secolo.
Al livello edilizio, dall'VIII secolo circa anche nel Lazio si verificò il fenomeno dell'"incastellamento" delle città principali e dei borghi di montagna o di colle. A Roma servirono principalmente le mura aureliane, rinforzate nel Medioevo per fortificare la città, così anche il mausoleo di Adriano fu riutilizzato come castello di fortificazione, e trasformato nell'attuale Castel Sant'Angelo. Nelle altre città maggiori i pontefici fecero erigere nella cittadella di Viterbo il Palazzo dei Papi. Anche a Rieti furono costruite le mura medievali, dotate di porte di accesso, mentre nella regione le fortificazioni di difesa più efficienti e di interesse architettonico sono la Rocca Janula di Cassino, il castello Orsini-Odescalchi di Bracciano, il castello Boncompagni - Viscogliosi di Isola del Liri, il Castello di Monte San Giovanni Campano, il Castello Savelli Torlonia di Palombara Sabina, il Castello ducale Orsini di Fiano Romano e il Castello Orsini di Soriano nel Cimino.

Il Rinascimento romano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rinascimento romano.
Interno della Cappella Sistina, affrescata da Michelangelo

Sviluppatosi nella metà del XV secolo fino alla prima metà del XVI, il rinascimento romano portò notevoli cambiamenti di stile nel settore scultoreo, monumentale e specialmente edilizio, con la costruzione di numerosi palazzi nobili sia di Roma che delle città laziali principali.

I massimi rappresentanti furono Michelangelo Buonarroti e Raffaello Sanzio, che operarono sotto il papato di Giulio II e Leone X, lavorano specialmente alla Basilica di San Pietro in Vaticano, e alla Cappella Sistina. Michelangelo tra il 1508 e il 1511 completò l'affrescatura della Cappella Sistina, mentre nel 1509 Raffaello si dedicò alla Scuola di Atene. Tra il 1535 e il 1541 Michelangelo realizzò il capolavoro del Giudizio Universale, mentre tra il 1514-17 Raffaello aveva completato la Stanza dell'Incendio di Borgo.

Il Barocco romano

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte barocca.
Il Baldacchino di San Pietro

I massimi rappresentanti furono Gian Lorenzo Bernini, Caravaggio, Francesco Borromini, Pietro da Cortona e Carlo Rainaldi. Durante l'epoca della Controriforma si sviluppò innanzitutto il Manierismo nel XVI secolo, e successivamente l'arte barocca, che ebbe terreno fertile a Roma e a Napoli. Bernini e Borromini al livello architettonico furono gli artisti più influenti, lavorando per monumenti pubblici, come piazze e fontane (Fontana della Barcaccia, Piazza Navona, Piazza San Pietro), ma specialmente per i pontefici e le chiese di Roma, tra le quali specialmente San Pietro in Vaticano. Bernini sperimentò la tecnica curvilinea del baldacchino con colonne tortili, mentre Borromini progettò cupole secondo uno schema ovale, come l'esempio di San Carlo alle Quattro Fontane. Tra le opere di Bernini al livello scultoreo ci sono anche gli esempi dell'Estasi di Santa Teresa e il David, tra i più rappresentativi dell'esasperazione dello stile barocco per la ricercatezza dei particolari anatomici, il movimento, la prospettiva e il dinamismo, nonché specialmente l'impatto emotivo intento a colpire lo sguardo dell'osservatore.

Epoca fascista

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Architettura fascista.
Palazzo della Civitlà Italiana all'EUR

Nel 1926 al Politecnico di Milano un gruppo di giovani architetti diedero vita al Manifesto del Razionalismo Italiano, proponendo un nuovo sistema dell'arte del costruire, influenzata fortemente dal futurismo del primo '900. Mediante il fascismo e i progetti di Benito Mussolini, l'arte fascista dal 1927 si propagò per tutto il Lazio, innanzitutto a Roma, con la costruzione della via dei Fori Imperiali, l'apertura di via della Conciliazione presso il Vaticano, e successivamente la costruzione di vari edifici governativi nelle principali città laziali e italiane. Alcuni esempi sono la Casa del Fascio, ossia la sede dell'ente locale nelle varie città, caratterizzata dalla svettante torre littoria. L'espressione massima dell'arte fascista si ebbe con la costruzione dell'EUR a Roma nel 1936, progettato dagli architetti Libera, Del Debbio, Terragni, Michelucci, Montuori e Muzio, e la fondazione di nuove città come Latina (prima Littoria), Pomezia, Sabaudia e Aprilia.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Scuola romana (musica) e Canzone romana.

Inizialmente durante l'epoca romana i due principali filoni della musica erano i canti dei carmina convivalia e le nenie, legate all'ambiente sacro. Successivamente, con lo sviluppo della poesia nel I secolo a.C., poeti come Catullo, Virgilio e Tibullo adottarono le tecniche metriche della prosodia greca, legando i loro componimenti al canto in pubblico o in circoli privati. Con l'ascesa al potere del Papato, venne introdotto il canto liturgico; in particolare il canto gregoriano perché attribuito a papa Gregorio Magno: tale canto è riconosciuto come canto proprio della liturgia romana.[28] Durante la Controriforma le cose non cambiarono, e fu ripristinato l'antica melica liturgica medievale. Inoltre fu fondata l'accademia nazionale di Santa Cecilia. Nel XVII secolo Roma iniziò a diventare un salotto frequentato da molti artisti e compositori europei di fama come Mozart, Beethoven, Vivaldi, Rossini e altri, mentre negli ambienti più popolari si svilupparono canzoni popolaresche, insieme a maschere teatrali come il Rugantino. Tali musichette sono definiti gli Stornelli romaneschi.

Nel campo musicale odierno, tradizionale è l'appuntamento per la festa del primo maggio a piazza San Giovanni, dove le organizzazioni sindacali organizzano un concerto musicale dal vivo, a cui partecipano i più popolari interpreti musicali del momento. Dal 2003 si è sempre più andato affermando il Telecomcerto, anche se è mancata l'edizione del 2008.

Un piccolo paese della provincia di Rieti, Poggio Bustone, ha dato i natali al più grande artista della musica leggera italiana: Lucio Battisti.

Nei mesi di luglio e agosto, nei comuni della Provincia di Viterbo, Caprarola, Bagnoregio, Bagnaia, Sutri e Ronciglione si svolge il Tuscia in Jazz Festival, il più importante evento italiano dedicato al jazz, secondo solo all'Umbria jazz Festival di Perugia. Al Tuscia in Jazz partecipano ogni anno jazzisti provenienti da tutto il mondo, ed in particolare dagli Stati Uniti. Location dei concerti tra i più bei monumenti della Tuscia come: Palazzo Farnese di Caprarola, Villa Lante di Bagnaia, Civita di Bagnoregio, Teatro Romano di Ferento, Villa Savorelli di Sutri ed il suo Parco Archeologico e molti centri storici e borghi medievali. La maggior parte dei concerti è ad ingresso libero. Nelle ultime due settimane di luglio a Bagnoregio si tengono i seminari internazionali del jazz e le finali del Jimmy Woode European Award.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teatro latino.
Il Teatro di Marcello a Roma

Il teatro a Roma ebbe fama intorno al VI secolo a.C., con le prime forme di spettacolo delle improvvisazioni dei Fescennini. Successivamente vennero istituiti nel 364 a.C. i primi ludi scaenici, e uno dei primi scrittori teatrali fu il poeta Livio Andronico, che adattò per il pubblico romano tragedie greche di Euripide. Successivamente il teatro si sviluppò in due tronconi: il canone della fabula praetexta e la fabula togatha, ossia rappresentazioni di argomento comico e tragico di ambientazione latina, assieme alle fabulae cothurnatae e alle palliatae di argomento greco. Nella commedia i massimi rappresentanti furono Tito Maccio Plauto e Publio Terenzio Afro. Benché nella tragedia latina fossero già noti Pacuvio ed Accio, solo Lucio Anneo Seneca riuscì ad avere fortuna nell'epoca imperiale grazie alle sue tragedie rielaborate dai principali tra tragici greci Eschilo, Sofocle, Euripide. Dopo la caduta dell'impero, il teatro andò bandito durante l'affermazione del cristianesimo, fino a una riapparizione nel XVI secolo sotto forma di maschere comiche della Commedia dell'arte. Tuttavia nel XVIII secolo il teatro romano tornò in auge grazie al melodramma di Pietro Metastasio, mentre nel 1880 fu costruito il Teatro dell'Opera di Roma. Nel XX secolo Ettore Petrolini fu uno dei principali mattatori del teatro romano del '900, seguito da Aldo Fabrizi e Anna Magnani, seguendo la scia del dialetto romanesco.

Cinematografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2006 si tiene a Roma Il Festival Internazionale del Film di Roma (fino al 2008 CINEMA. Festa Internazionale di Roma), un festival cinematografico internazionale, che si tiene presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma in autunno. A Roma inoltre si trova Cinecittà.

Studi di Cinecittà
Una scena de I soliti ignoti (1958)

Il Lazio è molto ambita dai cineasti, con set principale Roma. A partire dal fascismo Benito Mussolini fondò l'Istituto Nazionale Luce come mezzo principale per la propaganda fascista mediante la cinematografia. Successivamente, con l'avvento del cosiddetto "neorealismo cinematografico", Roma specialmente produsse dagli studi di Cinecittà attori, registi, produttori e pellicole di grande impatti visivo, entrare a far parte nella cerchia delle pietre miliari dell'intero cinema italiano. Tra questi ci sono Roma città aperta di Roberto Rossellini, Campo de' fiori di Mario Bonnard, Sciuscià e Ladri di biciclette di Vittorio De Sica, Guardie e ladri di Mario Monicelli-Steno, Vacanze romane di William Wyler, Un americano a Roma di Steno, I soliti ignoti di Mario Monicelli e La dolce vita di Federico Fellini. Il periodo più florido fu dunque quello tra gli anni '40 e gli anni '70, dove si svilupparono le correnti del già citato neorealismo e specialmente quella della "commedia all'italiana", rappresentata da attori come Alberto Sordi in primis[29], Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Ugo Tognazzi, Nino Manfredi, Sophia Loren, Anna Magnani, Aldo Fabrizi, Claudia Cardinale e Silvana Pampanini.

Tra i film più popolari in costume su Roma ci sono le pellicole di Luigi Magni de Nell'anno del Signore, In nome del popolo sovrano e La Tosca, mentre nell'immaginario collettivo è rimasta legata la figura di una Roma papalina, scherzosa e sorniona nel personaggio di Alberto Sordi de Il marchese del Grillo, riguardante la figura di Onofrio del Grillo.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musei del Lazio.
Musei Vaticani
La loggia dei Papi e il Palazzo Papale (Viterbo, dove si trova il Museo del Duomo

Roma

Tra i vari musei della città, quelli più famosi sono:

Nella regione

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 marzo a Montecassino, Cassino e Subiaco si festeggia San Benedetto che è patrono della città e dell'Europa con manifestazioni, parate ed anche un mercatino tenuto da scuole e associazioni del posto che riportano nell'epoca del santo vendendo prodotti tipici, illustrando e divertendo i più piccoli con giochi medioevali.

Bersaglieri in parata lungo i Fori Imperiali, durante la Festa della Repubblica (2007)

Il Natale di Roma, il giorno in cui Romolo avrebbe fondato la città nel 753 a.C., viene festeggiato, il 21 aprile, con rappresentazioni in costume, eventi culturali e manifestazioni ludiche.

Durante la Festa della Repubblica, il 2 giugno sempre a Roma, si svolge la tradizionale parata militare lungo via dei Fori Imperiali che termina a piazza Venezia presso l'Altare della Patria al Vittoriano;

Per la festa religiosa del Corpus Domini a Genzano di Roma si svolge la tradizionale infiorata di Genzano, una manifestazione caratterizzata dall'allestimento di un tappeto floreale lungo il percorso della processione religiosa, come anche a Itri si svolge l'Infiorata di Itri

Il primo sabato dopo il 16 luglio, in occasione della ricorrenza della Madonna del Carmelo, a Trastevere a Roma si svolge la Festa de Noantri.

Il giorno di San Giuseppe a Itri si svolge la tradizionale festa paesana dei fuochi di San Giuseppe di Itri Il 4 settembre, a Viterbo, si festeggia Santa Rosa, compatrona della Città, ma l'evento si ha la sera precedente, il 3 settembre, quando si può assistere al trasporto della Macchina di Santa Rosa, un'imponente costruzione votiva trasportata dai Facchini di Santa Rosa.

Nei primi due fine settimana di ottobre, a Soriano nel Cimino si celebra la Sagra delle Castagne, manifestazione storico-rievocativa di carattere medioevale tra le più importanti d'Italia, durante la quale si possono ammirare le esibizioni dei gruppi storici delle quattro Contrade, il corteo storico, il palio dell'anello e si possono gustare piatti tipici nelle taverne medioevali delle quattro contrade.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1999 a Latina viene organizzato il Festival internazionale del circo città di Latina, una delle più importanti e seguite rassegne circensi del mondo.

Enogastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Prodotti agroalimentari tradizionali laziali.

La cucina laziale è rappresentata in gran parte da quella romana, nella quale ci sono apporti di zone confinanti. La cucina laziale ha un'importante caratteristica: l'estrazione popolare. A Roma la cucina è di osterie, ricette fatte con cibi poveri.

I carciofi alla Giudia

Tra i primi si annoverano i ravioli detti "di San Pancrazio", la pasta amatriciana, i maccheroni, la lenticchia di Onano, la cicoria asparago, e le sagne. Tra i secondi vi sono innanzitutto il Guanciale amatriciano, prodotto anche a Campotosto, la porchetta, il salume Coppa, la patata dell'Alto Viterbese, la patata di Leonessa, la pizza di Pasqua e la trippa. Tra i dolci sono conosciuti la zeppola, il tarallo e la ferratella.

Specialmente conosciuta è la cucina romana, della quale alcune ricette sono tratte dai cosiddetti "piatti poveri" del popolo, come ad esempio i carciofi alla giudia, inventati dagli Ebrei del ghetto. Tra i piatti tipici si annoverano i carciofi alla romana, i saltimbocca, la coda alla vaccinara, la coratella d'abbacchio, la grattachecca e gli spaghetti alla carbonara.

Tra i vini del Lazio, i prodotti tipici sono l'Aleatico di Gradoli nel viterbese, i vini DOC dei Castelli Romani, il Cerveteri di Viterbo, il Circeo, Colli della Sabina rosso, Colli Etruschi Viterbesi rosso e Colli Lanuvini.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sport nel Lazio.

Nel Lazio si tengono ogni anno due dei più importanti eventi internazionali dell'atletica leggera italiana: il Golden Gala di Roma e il Rieti Meeting. Quest'ultimo è il meeting più antico d'Italia, ed è noto per i numerosi record del mondo registrati, come quello di Asafa Powell che il 9 settembre 2007 vi ha stabilito il record mondiale nei 100 metri.

Principali impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio Olimpico di Roma

Nel Lazio sono presenti diversi impianti sportivi di livello internazionale, costruiti in occasione di eventi di rilevanza mondiale come le Olimpiadi di Roma del 1960, e di livello nazionale. Tra i vari impianti c'è lo stadio Olimpico all'interno del complesso sportivo del Foro Italico. Patrimonio del CONI, nella struttura si svolgono gare di calcio e di atletica leggera; occasionalmente ospita concerti di musica leggera ed eventi di vario genere. Il Palalottomatica, situato a Roma nella zona dell'Eur, è invece il più grande palazzo dello sport in Italia e ospita le gare della Pallacanestro Virtus Roma.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Operativa dal 1970.
  2. ^ a b http://demo.istat.it/bilmens2017gen/index.html Dato Istat] - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  3. ^ Rapporto Svimez, crolla il Sud: Pil giù da 7 anni, cresciuto metà della Grecia
  4. ^ Regioni italiane per popolazione, tuttitalia.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  5. ^ Filippo Cassola, Storia di Roma. Dalle origini a Cesare, Roma, Jouvence, 2001.
  6. ^ Consiglio Regionale del Lazio, La nascita delle regioni a statuto ordinario (PDF), consiglio.regione.lazio.it. URL consultato il 7 aprile 2015.
  7. ^ Alfoldi (1966) 9
  8. ^ Le località sono state proposte sulla base del decreto 25/3/2005 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 157 dell'8 luglio 2005 - predisposto dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare ai sensi della direttiva 92/43/CEE. Fonte: Minambiente Archiviato il 30 settembre 2007 in Internet Archive.
  9. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità Romane, I 9.3
  10. ^ Regio Decreto Legge 2 gennaio 1927, n. 1, art. 1
  11. ^ Giardina, p. 49.
  12. ^ Le chiese di Roma illustrate, collana a cura dell'Istituto Nazionale di Studi Romani, Palombi Editori. URL consultato il 24 febbraio 2010.
  13. ^ Sgarbi, 177.
  14. ^ Su questa ipotesi si veda: Dizionario di toponomastica, Torino, UTET, 1990, p. 838.
  15. ^ Littoria, la "nuova" città della bonifica, raistoria.rai.it. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  16. ^ Regione Lazio - Affari Istituzionali
  17. ^ a b Statistiche demografiche ISTAT
  18. ^ Pellegrini G. B, Carta dei dialetti d'Italia, Pacini ed., Pisa 1977.
  19. ^ Legge Regionale 58/1986 (dal sito istituzionale della regione)
  20. ^ Legge Regionale 5/1986 (dal sito istituzionale della regione)
  21. ^ Regional GDP per inhabitant in the EU27
  22. ^ a b c Dati Istat - Tavole regionali
  23. ^ Istat:Censimento Agricoltura 2010
  24. ^ vedi tabella dati Storia dell'agricoltura italiana
  25. ^ a b Rapporto socio-economico sul Lazio 2006
  26. ^ Dati Istat 2007
  27. ^ Dati Istat. La “rilevazione degli incidenti stradali con lesioni a persone” riguarda tutti gli incidenti stradali verificatisi sulla rete stradale del territorio nazionale, verbalizzati da un'autorità di Polizia o dai Carabinieri, avvenuti su una strada aperta alla circolazione pubblica e che hanno causato lesioni a persone, morti e/o feriti, con il coinvolgimento di almeno un veicolo. Dati estratti il 24 mar 2016, 06h10 UTC (GMT), da I.Stat
  28. ^ Sacrosanctum Concilium, art. 116.
  29. ^ Per Gian Piero Brunetta i cinque attori sono i «[...] protagonisti assoluti e sempre più acclamati della scena [...]» e «i moschettieri, o "mostri" della commedia italiana [...]». Gian Piero Brunetta, Storia del cinema italiano, Vol. IV, Dal miracolo economico agli anni novanta, 1960-1993, Roma, Editori Riuniti, 1993, pp. 139, 141. ISBN 88-359-3788-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN147471620 · ISNI: (EN0000 0001 1135 4988 · GND: (DE4074042-0 · BNF: (FRcb12151514z (data)
Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio