Strada statale 156 dei Monti Lepini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 156
dei Monti Lepini
Strada Statale 156 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniLazio Lazio
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioFrosinone
FineLatina
Lunghezza55,780[1] km
Provvedimento di istituzioneD.P.R. 27 maggio 1953, n. 782[2]
GestoreTratte ANAS: Frosinone-Priverno e Sezze-Latina (dal 2002 la gestione della tratta Priverno-Sezze è passata alla Regione Lazio che ha poi ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Latina; dal 2007 la gestione è passata anche alla società Astral)

La strada statale 156 dei Monti Lepini (SS 156), ora anche strada regionale 156 dei Monti Lepini (SR 156)[3], è un'importante strada statale e regionale italiana che collega i capoluoghi di Frosinone e Latina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La strada statale 156 venne istituita nel 1953 con il seguente percorso: "Innesto con la SS. n. 6 presso Frosinone - Prossedi - Latina."[2]

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 1º febbraio 2002 la gestione della tratta Priverno-Sezze è passata alla Regione Lazio, che poi ha devoluto le competenze alla Provincia di Latina per le tratte territorialmente competenti[4]; dal 5 marzo 2007 anche la società Astral ha acquisito la titolarità di concessionario del tratto laziale[5].

Successivamente alla sua destatalizzazione, è stato inaugurato dal 2009 al 2015 un nuovo tracciato che superasse le criticità del precedente (attraversamento di piccoli centri abitati) tra Roccasecca dei Volsci, Priverno dove innescava anche la strada statale 609 Carpinetana e Sezze.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il suo tracciato è tipico di una strada ad alta percorrenza. Ha inizio dal quadrivio con la strada statale 6 Via Casilina e la strada statale 155 di Fiuggi a nord-ovest di Frosinone, di cui rappresenta il braccio meridionale, e prosegue verso sud permettendo di raggiungere i principali comuni della zona dei monti Lepini senza attraversarne i centri abitati.

Percorrendola è possibile raggiungere Ceccano (sia mediante la strada statale 156 dir dei Monti Lepini, sia mediante la strada statale 637 dir di Frosinone e di Gaeta), Patrica, Giuliano di Roma, Prossedi, Priverno (nel cui territorio comunale si diparte la strada statale 699 dell'Abbazia di Fossanova in direzione di Terracina) e Sezze. All'intersezione con la strada statale 7 Via Appia entra nel territorio comunale di Latina e arriva nel centro della città dopo pochi chilometri.

Strada statale 156 dir dei Monti Lepini[modifica | modifica wikitesto]

Strada statale 156 dir
dei Monti Lepini
Strada Statale 156dir Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniLazio Lazio
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioSS 156 presso Patrica
FineCeccano
Lunghezza5,320[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 9/12/1969 - G.U. 63 dell'11/03/1970[6]
GestoreANAS e Astral dal 2007

La strada statale 156 dir dei Monti Lepini (SS 156 dir), ora anche strada regionale 156 dir dei Monti Lepini (SR 156 dir)[3], è un'importante strada statale e regionale italiana.

Funge da collegamento tra la strada statale 156 dei Monti Lepini e Ceccano. Ha inizio nel territorio comunale di Patrica, dalla stessa strada statale 156 dei Monti Lepini, e prosegue verso Ceccano toccando alcune delle sue frazioni.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998 la gestione è rimasta all'ANAS e passata anche alla Regione Lazio, che ha poi ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Frosinone; dal 5 marzo 2007 anche la società Astral ha acquisito la titolarità di concessionario del tratto laziale[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Individuazione delle rete stradale di interesse regionale - Regione Lazio (PDF), su gazzette.comune.jesi.an.it.
  2. ^ a b Decreto del presidente della Repubblica 27 maggio 1953, n. 782, articolo 1, in materia di "Classificazione nella rete statale di strade del Mezzogiorno per la lunghezza di circa 3000 chilometri."
  3. ^ a b Astral - Le strade in gestione [collegamento interrotto], su astralspa.it.
  4. ^ L.R. 14 del 06/08/1999 (artt. 124-125) (ZIP), Regione Lazio.
  5. ^ a b Deliberazione n. 17/2010/PRS (PDF), Corte dei conti, 13-15.
  6. ^ Decreto Ministeriale del 9/12/1969

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]