Strada statale 126 Sud Occidentale Sarda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 126
Sud Occidentale Sarda
Strada Statale 126 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniSardegna Sardegna
SS 126 percorso.png
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioPorto Sant'Antioco
FineSS 131 presso Marrubiu
Lunghezza118,845[1] km
Provvedimento di istituzioneLegge 17 maggio 1928, n. 1094
GestoreANAS

La strada statale 126 Sud Occidentale Sarda (SS 126) è un'importante strada statale italiana. È una delle più importanti vie di collegamento del sud-ovest della Sardegna, nonché la più antica; è la strada statale mineraria, perché attraversa, da sud a nord, un vasto territorio con numerose miniere carbonifere e metallifere, come il bacino carbonifero del Sulcis (dal porto di Sant'Antioco al bivio di Fontanamare) e il bacino metallifero dell'Iglesiente (dal bivio di Fontanamare a Guspini).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La strada statale 126 venne istituita nel 1928 con il seguente percorso: "Porto Botte - Iglesias - Oristano - Cuglieri - Suni - Alghero - Sassari con diramazione Alghero - Porto Conte." e con la denominazione di "Occidentale Sarda"[2]

Nel 1935 il percorso venne fortemente accorciato e così definito: "Porto Botte - Iglesias - Marrubiu - innesto con la S.S. n° 131"; contestualmente la strada assunse la nuova denominazione di "Sud Occidentale Sarda"[3].

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La SS 126 nei pressi di Carbonia nel 2007

Inizia a Sant'Antioco, sull'isola omonima, e si snoda verso nord stando nell'entroterra; tocca il centro di San Giovanni Suergiu, passa vicino a Carbonia (capoluogo della nuova Provincia del Sud Sardegna) e Gonnesa, per poi giungere quindi ad Iglesias.

Da qui la strada prosegue il suo percorso verso nord valicando l'Arcu Genna Bogai, dopo il quale giunge a Fluminimaggiore; valica quindi il passo Bidderdi ed entra nel Medio Campidano. I centri maggiori qui toccati sono Arbus e Guspini (dopo il quale entra nell'Oristanese). Attraversa infine San Nicolò d'Arcidano, Terralba, e Marrubiu dove, valicato il centro abitato, si innesta sulla strada statale 131 Carlo Felice.

Nel tratto tra Guspini e Iglesias è particolarmente apprezzata dai mototuristi, in virtù delle innumerevoli curve e dei paesaggi spettacolari che attraversa.

Strada Statale 126 dir Sud Occidentale Sarda[modifica | modifica wikitesto]

Strada statale 126 dir
Sud Occidentale Sarda
Strada Statale 126dir Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniSardegna Sardegna
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioSant'Antioco
FineCalasetta
Lunghezza11,600[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 05/08/1966 - G.U. 237 del 23/09/1966[4]
GestoreANAS

La strada statale 126 Sud Occidentale Sarda (SS 126 dir), è una strada statale italiana. Funge praticamente da collegamento tra la strada statale 126 Sud Occidentale Sarda (da Sant'Antioco) e la località portuale di Calasetta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]