Strada statale 617 Bronese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 617
Bronese
Strada Statale 617 Italia.svg
Denominazioni precedentiStrada provinciale Bronese
Denominazioni successiveStrada provinciale 617 Bronese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniLombardia Lombardia
Dati
ClassificazioneStrada statale
Inizioex SS 234 presso Pavia
FineBroni
Lunghezza13,600[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 19/08/1971 - G.U. 262 del 15/10/1971[2]
GestoreANAS (1971-2001)

La ex strada statale 617 Bronese (SS 617), ora strada provinciale 617 Bronese (SP ex SS 617)[3], era una strada statale italiana, chiamata anche Strada del Vino. Attualmente è classificata come strada provinciale.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Collega il capoluogo provinciale Pavia alla città di Broni, uno dei centri principali dell'Oltrepò Pavese. Ha origine al confine del comune di Pavia, diramandosi dalla ex strada statale 234 Codognese, e termina a Broni, dove si immette sulla ex strada statale 10 Padana Inferiore. I principali comuni attraversati sono, oltre a Pavia e Broni, Mezzanino, Albaredo Arnaboldi e Campospinoso.

La statale scavalca il Po tramite il Ponte della Becca, ponte interamente costruito in ferro battuto; il ponte sovrasta il Po nel punto esatto della confluenza con il Ticino. Il ponte, per la sua importanza strategica, fu oggetto di numerosi bombardamenti sia tedeschi che alleati durante la seconda guerra mondiale, che lo distrussero parzialmente; nel 1950 fu ricostruito.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Già contemplata nel piano generale delle strade aventi i requisiti di statale del 1959[4], è solo col decreto del Ministro dei lavori pubblici del 19 agosto 1971 che viene elevata a rango di statale con i seguenti capisaldi d'itinerario: "Innesto strada statale n. 234 Codognese al km 5+600 - innesto strada statale n. 10 presso Broni"[2].

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001, la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Lombardia che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Pavia[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]