Castiglione Messer Raimondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castiglione Messer Raimondo
comune
Castiglione Messer Raimondo – Stemma Castiglione Messer Raimondo – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Teramo-Stemma.png Teramo
Amministrazione
Sindaco Giuseppe D'Ercole[1] (Lista Civica Il Paese che vorrei) dal 27/05/2014
Territorio
Coordinate 42°32′N 13°53′E / 42.533333°N 13.883333°E42.533333; 13.883333 (Castiglione Messer Raimondo)Coordinate: 42°32′N 13°53′E / 42.533333°N 13.883333°E42.533333; 13.883333 (Castiglione Messer Raimondo)
Altitudine 306 m s.l.m.
Superficie 30,69 km²
Abitanti 2 342[2] (30-11-2014)
Densità 76,31 ab./km²
Frazioni Appignano, Borea Santa Maria, Bozzano, Cesi, Colletrimarino, Piane, San Giorgio, Vorghe
Comuni confinanti Bisenti, Castilenti, Cellino Attanasio, Montefino, Penne (PE)
Altre informazioni
Cod. postale 64034
Prefisso 0861
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 067013
Cod. catastale C316
Targa TE
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti castiglionesi
Patrono san Donato Martire
Giorno festivo 7 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castiglione Messer Raimondo
Castiglione Messer Raimondo
Posizione del comune di Castiglione Messer Raimondo all'interno della provincia di Teramo
Posizione del comune di Castiglione Messer Raimondo all'interno della provincia di Teramo
Sito istituzionale

Castiglione Messer Raimondo (Castiùne in dialetto locale) è un comune italiano di 2.342 abitanti della provincia di Teramo in Abruzzo. Fa parte della Comunità montana del Vomano, Fino e Piomba.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristico borgo del teramano, posto su un colle che guarda il fiume Fino, il paese è da sempre stato dedito all'agricoltura. Le sue origini pare siano da fare risalire all'epoca medioevale, ma è anche stato un importante punto di riferimento per il popolo dei Vestini. Il paese, borgo fortificato, offre un ristretto ma meraviglioso belvedere verso il Gran Sasso d'Italia e la Valle del Fino. L'abitato conserva ancora un aspetto caratteristico conferito dal ricorrente uso di pietra arenaria locale. Merita particolare attenzione la chiesa parrocchiale dedicata a San Nicola di Bari che fu iniziata nel tardo Settecento su un progetto dell'ingegnere napoletano Francesco Giordano e fu terminata solo nel secolo successivo.

Protettore del paese è San Donato Martire, il cui corpo si venera nella chiesa omonima. Ogni cinque anni, il 7 agosto, il corpo di San Donato viene portato in solenne processione per le vie del paese.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 13 giugno 1999 Giorgio De Fabritiis Lista Civica di Centro-sinistra Sindaco [4]
14 giugno 1999 7 giugno 2009 Giuseppe Di Michele Lista Civica Sindaco [5][6]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Danilo Crescia Lista Civica di Centro-destra Insieme per Castiglione Sindaco [7]
26 maggio 2014 in carica Giuseppe D'Ercole Lista Civica di Centro-sinistra Il Paese che vorrei Sindaco [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 25 maggio 2014, elezionistorico.interno.it.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2014.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 23 aprile 1995, elezionistorico.interno.it.
  5. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 13 giugno 1999, elezionistorico.interno.it.
  6. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 12 giugno 2004, elezionistorico.interno.it.
  7. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 7 giugno 2009, elezionistorico.interno.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN130628512