Laboratori nazionali del Gran Sasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 42°25′11″N 13°31′02″E / 42.419722°N 13.517222°E42.419722; 13.517222

Laboratori Nazionali del Gran Sasso
INFN logo 2017.svg
Borexino detector.png
Borexino, il rilevatore per neutrini solari a bassa energia impiegato nell'omonimo esperimento e situato nella sala C dei LNGS.
StatoItalia Italia
TipoEnte pubblico di ricerca
SiglaINFN
Istituito1985
daAntonino Zichichi
Operativo dal1987
DirettoreStefano Ragazzi
SedeAssergi (L'Aquila)
IndirizzoVia G. Acitelli, 22
Sito web

I Laboratori Nazionali del Gran Sasso, in sigla LNGS, sono dei laboratori di ricerca, appartenenti all'Istituto nazionale di fisica nucleare e dedicati allo studio della fisica delle particelle.

Istituiti nel 1985 ed operativi dal 1987,[1] sono considerati il centro di ricerca sotterraneo più grande e importante del mondo.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I laboratori vennero ideati nel 1979 dall'allora presidente dell'Istituto nazionale di fisica nucleare, il professor Antonino Zichichi.[2] L'istituto poté beneficiare degli scavi già in corso per la realizzazione del traforo autostradale sotto il massiccio del Gran Sasso d'Italia.[3] I lavori per i laboratori cominciarono nel 1982 e si conclusero nel 1985;[4][5] il centro di ricerca diventò effettivamente operativo a partire dal 1987.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

« Questo è un punto di eccellenza tra i più alti del nostro Paese, motivo di prestigio e di orgoglio. Qui avvengono continuo confronto, interazione, scambio di esperienze con tanti altri luoghi di ricerca nel mondo. »

(Sergio Mattarella[6])

Il centro si compone di alcune strutture esterne e dei laboratori sotterranei, entrambi posti ad una quota di circa 1000 m s.l.m.[1]

Le strutture esterne dei LNGS.

Le strutture esterne sono situate ad Assergi (L'Aquila), nella valle del Vasto, in prossimità dell'autostrada A24 Roma-L'Aquila-Teramo, all'ingresso al traforo autostradale del Gran Sasso. Comprendono gli uffici direzionali, gli uffici dei gruppi di ricerca, alcuni laboratori, una biblioteca, un bar/mensa, un locale infermeria e diverse sale conferenze.[2] Sono collegate ai laboratori sotterranei tramite una linea di bus navetta dedicata.[7]

La sala A dei LNGS.

I laboratori sono collocati proprio sotto il massiccio del Gran Sasso d'Italia e coperti da circa 1 400 metri di roccia che li rendono una struttura unica al mondo;[1] questa caratteristica consente infatti di ridurre notevolmente il flusso di raggi cosmici, normalmente presenti in superficie, per arrivare ad una condizione di «silenzio cosmico», ideale per lo studio della fisica delle particelle. Si compongono principalmente di tre grandi sale per gli esperimenti (denominate “sala A”, “sala B” e “sala C”) aventi dimensioni pari a 100 metri in lunghezza, 20 in altezza e 18 in larghezza per un volume complessivo di 180 000 metri cubi;[1][2] vi sono inoltre altre sale di pertinenza, utilizzate per esperimenti minori, e numerosi vari tecnici e di servizio che consentono il funzionamento della struttura.[2] La temperatura all'interno dei laboratori è di 6-7 °C, costanti tutto l'anno, mentre l'umidità è pari al 100%.[2]

Accessibilità[modifica | modifica wikitesto]

Peculiarità dei laboratori del Gran Sasso rispetto agli altri laboratori sotterranei è la facilità d'accesso, dovuta alla posizione adiacente l'autostrada A24. L'ingresso alla struttura avviene direttamente attraverso il traforo del Gran Sasso in direzione L'Aquila; nell'altra direzione è presente un cambio di senso di marcia appena dopo l'uscita del traforo. Le strutture esterne si trovano invece in corrispondenza dell'uscita di Assergi della stessa autostrada A24.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione del criostato per l'esperimento CUORE.

Il centro costituisce una delle principali strutture per la ricerca scientifica in Italia e collabora in sinergia con gli altri centri dell'Istituto nazionale di fisica nucleare, con l'Università degli studi dell'Aquila e con il Gran Sasso Science Institute. Nella sua storia ha ospitato numerosi esperimenti e studiosi da tutto il mondo, compresi i premi Nobel per la fisica Barry C. Barish e Carlo Rubbia;[4] attualmente vi operano circa 1100 studiosi provenienti da 29 paesi diversi.[2]

Uno dei più longevi esperimenti effettuati nei laboratori è il Gallex/GNO che, sin dagli anni Novanta e fino al 2005, ha studiato i neutrini solari; i suoi dati hanno confermato che il flusso dei neutrini elettronici solari che arrivano sulla Terra dal Sole è inferiore a quanto previsto dai modelli solari.

Nel 2014, l'esperimento Borexino ha misurato direttamente e per la prima volta i neutrini primari dalla fusione protone-protone; la misura è consistente con le aspettative dei modelli solari una volta che si tenga conto del fenomeno delle trasformazioni (dette in gergo oscillazioni) dei neutrini solari, descritte dalla teoria MSW. Questo risultato, reso possibile unendo competenze di fisica nucleare, astrofisica, fisica teorica e sperimentale, è considerato un passo fondamentale nello studio del Sole.

Tra gli esperimenti condotti nei laboratori del Gran Sasso si citano:

Visite guidate[modifica | modifica wikitesto]

Il centro di ricerca organizza, a cadenza semestrale ed esclusivamente tramite prenotazione, un programma di visite guidate all'interno dei laboratori.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005, p. 495.
  2. ^ a b c d e f g h Istituto nazionale di fisica nucleare, I Laboratori Nazionali del Gran Sasso, su lngs.infn.it. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  3. ^ Strada dei Parchi, Gran Sasso, così nacque il traforo a doppia canna più lungo d’Europa, su stradadeiparchi.it. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  4. ^ a b Trent'anni d'attività dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso. Sergio Mattarella ad Assergi: "Orgoglio per l'Italia e gli italiani", in news-town.it, 14 gennaio 2018. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  5. ^ Alberto Orsini, Mattarella ai laboratori del Gran Sasso, «Volevo venire da tempo, sono ricchezza», in abruzzoweb.it, 15 gennaio 2018. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  6. ^ Mattarella, laboratori Gran Sasso «eccellenza più alta del Paese», in Il Sole 24 ore, 15 gennaio 2018. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  7. ^ Istituto nazionale di fisica nucleare, Navette, su lngs.infn.it. URL consultato il 15 gennaio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN168164775 · ISNI: (EN0000 0001 2201 8832 · LCCN: (ENn98054197 · GND: (DE16219863-2 · BNF: (FRcb121679121 (data)