Autostrada A56

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autostrada A56
Tangenziale di Napoli
Autostrada A56 Italia.svg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regioni Campania Campania
Italia - mappa autostrada A56.svg
Dati
Classificazione Autostrada
Inizio Capodichino
Fine Arco Felice
Lunghezza 20,2[1] km
Data apertura 1972[2] (primo tratto aperto)
Gestore Tangenziale di Napoli S.p.A
Pedaggio sistema autostradale aperto
La carreggiata verso l'autostrada A3

La tangenziale di Napoli, ufficialmente denominata autostrada A56,[3][4] costituisce l'asse di attraversamento urbano principale della città. Al termine dall'Autostrada A1, subito dopo l'uscita Casoria (denominata Casoria - Avellino in un senso di marcia e Casoria - Afragola nell'altro), parte il suo tracciato, da Capodichino attraversa la città da oriente a occidente sino a raggiungere l'area flegrea di Pozzuoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto dell'infrastruttura prende vita il 31 gennaio 1968 quando venne firmata una convenzione tra l'ANAS e Infrasud, del gruppo IRI-Italstat, per la costruzione ed il successivo affidamento della gestione per 33 anni del percorso viario. L'intera arteria fu costruita con capitali al 70% Iri, 15% Sme, 15% Banco di Napoli.[5]. Progettata da Spea e realizzata da Italstrade,[6] il costo dell'opera venne stimato in 46 miliardi di lire.

Il primo tratto venne inaugurato l'8 luglio 1972 tra la Domitiana e Fuorigrotta, seguito dall'inaugurazione negli anni successivi degli ulteriori tratti sino a Capodichino, raggiungibile dal 16 novembre 1975. Ulteriori aperture del 1976 e del 1977 furono gli svincoli di Corso Malta e di Capodimonte. Nel 1992 l'ultimo svincolo aperto, quello della Zona Ospedaliera.

L'autostrada oggi[modifica | modifica wikitesto]

Tratto di tangenziale, si nota il viadotto Arena Sant'Antonio con gli svincoli

La tangenziale è costituita da 3 corsie per senso di marcia e termina a Capodichino, dove si immette sulla autostrada del Sole.
Le opere ingegneristiche più evidenti sono il viadotto Capodichino (1360 metri e altezza massima 60 metri), il viadotto Arena Sant'Antonio (812 metri), il viadotto Fontanelle (230 metri) e le gallerie Vomero (1035 metri) e Capodimonte (1060 metri).

È l'unico asse urbano interamente a pedaggio, a forfait, indipendente quindi dalla distanza percorsa, di 0,95 € (alla sua apertura, nel 1972, era di 300 lire) e si paga sempre in uscita (le tangenziali di Milano e Torino si pagano solo per l'attraversamento, solo in alcuni punti).

In origine il pedaggio sarebbe dovuto servire a ripagare le spese di costruzione dell'opera, realizzata con capitale interamente privato, e rimanere, in seguito a un accordo con l'ANAS, fino al 2001. Il pedaggio, nonostante l'accordo fosse scaduto, è rimasto, senza motivazioni ufficiali, per 7 anni, dal 2001 al 2008. Nel 2008 è stato firmato un nuovo accordo e pertanto ora il pedaggio rimane ufficialmente per finanziare interventi, concordati dalla società di gestione della tangenziale, in zona ospedaliera.[5]

Gli introiti, derivanti dal pedaggio, ammontano a circa 6 milioni di euro al mese.[5]

Lungo tutta la tangenziale sono presenti 65 telecamere (34 nelle gallerie), barriere fonoassorbenti e display informativi gestiti da una complessa sala monitoraggio. Nel complesso tra casellanti e funzionari gli addetti sono circa 350.[5]

A causa dell'elevato numero di incidenti stradali, la velocità massima consentita lungo l'intero asse è stata recentemente limitata a 80 Km/h e controllata 24 ore su 24 mediante postazioni Tutor.

Il flusso di traffico che interessa questo tratto autostradale è di circa 270.000 attraversamenti al giorno.[7]

La gestione della tangenziale è di competenza di Tangenziale di Napoli S.p.A., società del gruppo Atlantia.

Opere d'ingegneria[modifica | modifica wikitesto]

Viadotto Arena Sant'Antonio, particolare

Viadotti[modifica | modifica wikitesto]

Lungo il percorso vi sono 3,191 km di viadotti che rappresentano il 15,8% dello sviluppo del tracciato, se ne contano otto. Qui sono elencati per di lunghezza crescente:

Tangenziale di Napoli - Tabella viadotti[a 1]
Nome Lunghezza Note
Domitiana 56 m
Calata San Domenico 160 m
Via Campana 190 m
Miano-Agnano 190 m
Cassiodoro 193 m
Fontanelle 230 m
Arena Sant'Antonio 812 m
Capodichino 1360 m L'altezza massima è 60 metri
  1. ^ La lunghezza è quella rilevata sulla segnaletica presente ad inizio viadotto

Gallerie[modifica | modifica wikitesto]

Le gallerie sono pari a 3,775 km e rappresentano il 19,7% dello sviluppo del tracciato; vi sono in tutto 4 gallerie naturali più una galleria paramassi sulla carreggiata in direzione di Pozzuoli. Qui sono elencate in ordine di lunghezza crescente:

Tangenziale di Napoli - Tabella delle gallerie[b 1]
Nome Tipo Lunghezza Note
Paramassi artificiale 202 m Solo in direzione di Pozzuoli
Solfatara naturale 820 m
Sant'Angelo naturale 860 m
Vomero mista 1035 m
Capodimonte naturale 1060 m
  1. ^ La lunghezza è quella rilevata sulla segnaletica presente ad inizio galleria

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

A56 TANGENZIALE DI NAPOLI
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Città metropolitana
Italian traffic signs - autostrada.svg AB-Vzw-grün.svg Italian traffic signs - strada europea 45.svg Autostrada A1 Italia.svg Raccordo Capodichino
Caserta - Roma

Strada Statale 162NC Italia.svg Asse Mediano
Italian traffic signs - strada europea 842.svg Autostrada A16 Italia.svg Bari-Avellino
Italian traffic signs - strada europea 45.svg Autostrada A3 Italia.svg Salerno - Reggio Calabria
- - Napoli
MA Route 1.svg AB-AS-grün.svg RWBA Flughafen(R).svg Aeroporto civile
Strada Provinciale 1 Italia.svg Circumvallazione Esterna di Napoli
- -
MA Route 2.svg AB-AS-grün.svg Capodichino - Secondigliano
- -
AB-Tank.svg Area servizio Doganella est *** -
MA Route 3.svg AB-AS-grün.svg Doganella - -
MA Route 4.svg AB-AS-grün.svg corso Malta
Porto
Stazione di Napoli Centrale

Strada Statale 162dir Italia.svg del Centro direzionale
Ponticelli - Barra
Cercola
Pomigliano
Acerra
- -
AB-Tank.svg Area servizio Scudillo - -
MA Route 5.svg AB-AS-grün.svg Capodimonte
Rione Sanità
Ospedale San Gennaro
- -
MA Route 6.svg AB-AS-grün.svg Arenella
Quartieri Spagnoli
- -
MA Route 7.svg AB-AS-grün.svg Zona Ospedaliera
Stazione Colli Aminei
- -
MA Route 8.svg AB-AS-grün.svg Camaldoli -
MA Route 9.svg AB-AS-grün.svg Vomero
Posillipo
Asse perimetrale
via Pigna
Soccavo
Pianura

- -
MA Route 10.svg AB-AS-grün.svg Fuorigrotta
RWB Stadion.svg Stadio San Paolo
RWB Stadion.svg Piscina Scandone
Mergellina
Bagnoli
Pianura
- -
AB-Tank.svg Area servizio Astroni - -
MA Route 11.svg AB-AS-grün.svg Agnano
- -
AB-Tank.svg Area servizio Campana - -
MA Route 12.svg AB-AS-grün.svg via Campana
Pozzuoli
- -
MA Route 13.svg AB-AS-grün.svg Cuma - -
MA Route 14.svg AB-AS-grün.svg Arco Felice - -
Italian traffic signs - fine autostrada.svg AB-Kreuz-blaugrün.svg Strada Statale 7quater Italia.svg Domiziana - -

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tangenziale di Napoli SpA - Uscite e siti rilevanti.
  2. ^ Tangenziale di Napoli SpA - La storia.
  3. ^ A pag. 8.
  4. ^ [1] e [2].
  5. ^ a b c d Tangenziale di Napoli: Il pedaggio più discusso d’Italia - napoli.com - il primo quotidiano online della città di Napoli.
  6. ^ Anas.it powered by Google Docs.
  7. ^ Dati sito Tangenziale di Napoli s.p.a.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti