Ovest

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Punti cardinali
Windrose hg.svg
nord-est
sud-est
sud-ovest
ovest
nord-ovest

L'ovest o occidente o ponente è uno dei quattro punti o direzioni cardinali ed è opposto all'est e perpendicolare a nord e sud.

Per un osservatore ubicato sulla superficie terrestre l'ovest è la direzione sull'orizzonte indicante il punto dal quale tramonta il Sole agli equinozi (21 marzo, 23 settembre).

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine della parola "ovest"[1] deriva dal francese ouest, a sua volta derivato dal tedesco west che discende dallo svedese vester e dal gotico vasi. Vasi deriva probabilmente dalla stessa radice sanscrita vas-ati ("notte") da cui discende il latino ves-per ("sera") per andare a indicare il punto in cui tramonta il sole. La parola vespri è rimasta per l'appunto in italiano ad indicare le preghiere del tramonto. Nelle lingue romanze si unì l'articolo alla parola west e questa divenne "ovest".

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Nella mitologia norrena esisteva un nano posto a ovest che reggeva la volta celeste: Vestri, a conferma della radice nordica della parola.

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Civiltà occidentale.

Col termine Occidente spesso ci si riferisce all'insieme delle nazioni occidentali. Quando viene usato in questo senso può indicare qualsiasi cosa dalla NATO, a Europa e Nord America, con o senza Giappone, fino all'intera civiltà giudaico-cristiana. Questo significato della parola si fonde con quello di società occidentale.

Nella Cina pre-moderna l'ovest indicava la terra del Buddha e il luogo dal quale provengono le sacre scritture buddiste.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Etimo della parola ovest, dizionario etimologico online

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia