Città metropolitana di Catania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Città metropolitana di Catania
città metropolitana
Città metropolitana di Catania – Stemma Città metropolitana di Catania – Bandiera
Città metropolitana di Catania – Veduta
Palazzo Minoriti, sede istituzionale
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Amministrazione
CapoluogoCatania-Stemma.svg Catania
Sindaco metropolitanoVito Bentivegna (Commissario Strordinario) dal 2-09-2020
Data di istituzione4 agosto 2015
Territorio
Coordinate
del capoluogo
37°31′N 15°04′E / 37.516667°N 15.066667°E37.516667; 15.066667 (Città metropolitana di Catania)Coordinate: 37°31′N 15°04′E / 37.516667°N 15.066667°E37.516667; 15.066667 (Città metropolitana di Catania)
Superficie3 573,689 km²
Abitanti1 108 040[2] (30-11-2018)
Densità310,05 ab./km²
Comuni58 comuni
Province confinantiEnna, Messina, Siracusa, Ragusa, Caltanissetta
Altre informazioni
Cod. postale95100, 95010-95049
Prefisso095, 0933, 0942
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2IT-CT
Codice ISTAT287[1]
TargaCT
Cartografia
Città metropolitana di Catania – Localizzazione
Città metropolitana di Catania – Mappa
Posizione della Città metropolitana di Catania all'interno della Sicilia.
Sito istituzionale

La città metropolitana di Catania è una città metropolitana italiana di 1 108 040 abitanti e comprende i 58 comuni dell'ex provincia regionale di Catania. È la settima città metropolitana d’Italia per popolazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stata istituita con la legge regionale n. 15 del 4 agosto 2015 che ha contemporaneamente soppresso la provincia regionale di Catania[3]. La prima elezione, di secondo grado, per i nuovi organi era prevista per il 29 novembre 2015, ma il 10 novembre è stata rinviata dall'ARS, che ha anche prorogato i commissari delle ex province fino al giugno 2016[4]. Il 4 gennaio 2016 il presidente della Regione nomina commissario Maria Costanza Lentini, che si insedia l'11 gennaio.[5]

Il 1º giugno 2016, in attuazione della legge regionale 17 maggio 2016 n.8, che all'art.23 ha modificato la l.r. 15/2015, il sindaco del comune di Catania Enzo Bianco, diviene automaticamente sindaco della città metropolitana[6], che si insedia l'8 giugno, mentre la Lentini assume la funzione di commissario del solo consiglio metropolitano.[7]

Le prime elezioni per il consiglio sono state indette per il 25 settembre 2016, ma poi rinviate.[8] Dal 2018 sindaco metropolitano è Salvo Pogliese.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Confina a nord con la città metropolitana di Messina (il cui confine è segnato in buona parte dal corso del fiume Alcantara), ad ovest con il libero consorzio comunale di Enna e quello di Caltanissetta, a sud con quelli di Ragusa e di Siracusa. Il territorio metropolitano, data la sua vastità territoriale, comprende diverse aree distinte in via informale, quali l'Acese (a est, con capocomprensorio attestabile nella città di Acireale) e la costa jonico-etna (a nord-est, con capocomprensorio Giarre), il Calatino-Sud Simeto (a sud, con capocomprensorio Caltagirone, che ne è la città più popolosa e rilevante), la Terra dei Normanni (a nord-ovest, con capocomprensorio Paternò, la città più grande dell'area) e l'Area metropolitana di Catania.

Comuni metropolitani[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Armoriale dei comuni della città metropolitana di Catania.

Comuni più popolosi[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito si riporta la lista dei venti comuni della città metropolitana (in grassetto il capoluogo, in corsivo i capocomprensori) ordinati per numero di abitanti al 01/01/2017:

Posizione Stemma Comune Area comprensoriale Popolazione
(in abitanti)
Catania-Stemma.svg Catania Capoluogo 312 302
Acireale-Stemma.png Acireale Aci-Jonia 52 574
Misterbianco-Stemma.png Misterbianco Area Metropolitana 50 060
Paternò-Stemma.png Paternò Etna occidentale 48 034
Caltagirone-Stemma.png Caltagirone Calatino-Sud Simeto 38 493
Adrano-Stemma.png Adrano Etna occidentale 35 894
Mascalucia-Stemma.png Mascalucia Area Metropolitana 32 059
Aci Catena-Stemma.png Aci Catena Aci-Jonia 29 671
Belpasso-Stemma.png Belpasso Area Metropolitana 28 081
10º Giarre-Stemma.png Giarre Aci-Jonia 27 605
11º Gravina di Catania-Stemma.png Gravina di Catania Area Metropolitana 25 615
12º Biancavilla-Stemma.png Biancavilla Etna occidentale 24 040
13º San Giovanni la Punta-Stemma.png San Giovanni la Punta Area Metropolitana 23 270
14º Tremestieri Etneo-Stemma.png Tremestieri Etneo Area Metropolitana 20 359
15º Bronte (Italia)-Stemma.png Bronte Etna occidentale 19 116
16º Aci Castello-Stemma.png Aci Castello Area Metropolitana 18 674
17º Aci Sant'Antonio-Stemma.png Aci Sant'Antonio Aci-Jonia 18 052
18º Scordia-Stemma.png Scordia Calatino-Sud Simeto 17 038
19º Palagonia-Stemma.png Palagonia Calatino-Sud Simeto 16 639
20º Riposto-Stemma.png Riposto Aci-Jonia 14 776

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaci metropolitani[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto Nome Mandato Partito Carica
Inizio Fine
1 Enzo Bianco.jpg Enzo Bianco 8 giugno 2016 18 giugno 2018 Partito Democratico Sindaco metropolitano
2 Provincia di Catania-Stemma.svg Salvo Pogliese 18 giugno 2018 2 settembre 2020[9] Forza Italia
Fratelli d'Italia
Sindaco metropolitano
Vito Bentivegna 2 settembre 2020 in corso Commissario straordinario

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Codici delle città metropolitane al 1º gennaio 2015 - istat.it
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2018.
  3. ^ Province addio, su Gurs riforma per liberi consorzi, su regioni.it.
  4. ^ Sabella Accursio, Elezioni rinviate e proroghe. Ncd "benedice" la nuova giunta, su livesicilia.it.
  5. ^ Città metropolitana CT
  6. ^ Ansa
  7. ^ Blogsicilia
  8. ^ Copia archiviata (PDF), su comune.calatabiano.ct.it. URL consultato il 3 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2016).
  9. ^ Sospeso dall'incarico il 30 luglio 2020; cfr. Pogliese sindaco di Catania condannato e sospeso dal prefetto, su Corriere della Sera, 24 luglio 2020. URL consultato il 9 agosto 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia