Città metropolitana di Catania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Città metropolitana di Catania
città metropolitana
Città metropolitana di Catania – Stemma
Città metropolitana di Catania – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Amministrazione
Capoluogo Catania
Sindaco metropolitano Enzo Bianco (PD) dal 1 giugno 2016
Data di istituzione 4 agosto 2015
Territorio
Coordinate
del capoluogo
37°31′N 15°04′E / 37.516667°N 15.066667°E37.516667; 15.066667 (Città metropolitana di Catania)Coordinate: 37°31′N 15°04′E / 37.516667°N 15.066667°E37.516667; 15.066667 (Città metropolitana di Catania)
Superficie 3 573,689 km²
Abitanti 1 114 205 (30-6-2016)
Densità 311,78 ab./km²
Comuni 58 comuni
Province confinanti Enna, Messina, Siracusa, Ragusa, Caltanissetta
Altre informazioni
Cod. postale 95100, 95010-95049
Prefisso 095, 0933, 0942
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 087
Targa CT
Cartografia

Città metropolitana di Catania – Localizzazione

Sito istituzionale

La città metropolitana di Catania è una città metropolitana italiana di 1 114 205[1] abitanti e comprende i 58 comuni dell'ex-provincia regionale di Catania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stata istituita con la legge regionale n. 15 del 4 agosto 2015[2]. La prima elezione, di secondo grado, per i nuovi organi era prevista per il 29 novembre 2015, ma il 10 novembre è stata rinviata dall'ARS, che ha anche prorogato i commissari delle ex province fino al giugno 2016[3]. Il 4 gennaio 2016 il presidente della Regione nomina commissario Maria Costanza Lentini, che si insedia l'11 gennaio.[4]

Il 1º giugno 2016, in attuazione della legge regionale 17 maggio 2016 n.8, che all'art.23 ha modificato la l.r. 15/2015, il sindaco del comune di Catania Enzo Bianco, diviene automaticamente sindaco della città metropolitana[5], che si insedia l'8 giugno, mentre la Lentini assume la funzione di commissario del solo consiglio metropolitano.[6]

Le prime elezioni per il consiglio sono state indette per il 25 settembre 2016, ma poi rinviate.[7]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Confina a nord con la città metropolitana di Messina (il cui confine è segnato in buona parte dal corso del fiume Alcantara), ad ovest con il libero consorzio comunale di Enna e quello di Caltanissetta, a sud con quelli di Ragusa e di Siracusa.

Comuni metropolitani[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Armoriale dei comuni della città metropolitana di Catania.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio Demografico 2015, dati ISTAT
  2. ^ Province addio, su Gurs riforma per liberi consorzi, regioni.it.
  3. ^ http://livesicilia.it/2015/11/10/province-verso-il-rinvio-delle-elezioni-la-diretta-la-prima-allars-del-crocetta-quater_683925/
  4. ^ Città metropolitana CT
  5. ^ Ansa
  6. ^ Blogsicilia
  7. ^ http://www.comune.calatabiano.ct.it/repository/albo-pretorio/allegati/2016/Docs9759/decreto%20del%20sindaco%20metropolitano.pdf

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]