Tuccio Musumeci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tuccio Musumeci durante la rappresentazione de Gli industriali del ficodindia al Teatro Brancati nel 2009.

Tuccio Musumeci, all'anagrafe Concetto Musumeci (Catania, 20 aprile 1934), è un attore italiano. Impegnato sia in teatro che nel cinema, recita sia in lingua italiana che in lingua siciliana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tuccio Musumeci inizia la sua attività nel campo dello spettacolo esibendosi nel cabaret e nell'avanspettacolo in compagnia di Pippo Baudo nella Catania degli anni sessanta del XX secolo[1].

La svolta della sua carriera di attore avviene con la costituzione del Teatro Stabile di Catania nel quale inizia a recitare in lavori teatrali, per lo più comici, sia in lingua italiana che in siciliano. Uno dei suoi primi successi fu Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello interpretato da Turi Ferro. La sua mimica da burattino e la sua vis comica innata, gli hanno consentito una lunga carriera di successo.

La sua attività teatrale lo ha visto impegnato in ruoli come quelli in Cronaca di un uomo di Giuseppe Fava, Il Consiglio d'Egitto di Leonardo Sciascia, Pipino il breve di Tony Cucchiara e Classe di Ferro spettacolo di Aldo Nicolaj che ha debuttato nel 2003 al Teatro Biondo di Palermo per la regia di Renato Giordano e le musiche di Matteo Musumeci.

Ha calcato i maggiori palcoscenici nazionali e internazionali come Il Piccolo Teatro di Milano, Teatro Stabile di Genova, Teatro Verdi (Trieste), Teatro Argentina, Teatro Stabile di Napoli, Istituto Nazionale del Dramma Antico, Beaumont Theatre di New York e il Teatro Colón di Buenos Aires.

Proprio a New York nel 1985 ha ricevuto per la sua interpretazione nel ruolo di Pipino il Breve, il premio Italian - American Forum al Mark Hellinger Theatre.

Spesso ha recitato in coppia con Pippo Pattavina.

Ha preso parte anche ad una quindicina di film, sempre in ruoli da caratterista, fra i quali Mimì metallurgico ferito nell'onore di Lina Wertmüller, Porte aperte di Gianni Amelio, Lo voglio maschio di Ugo Saitta, Virilità di Paolo Cavara e La matassa di Ficarra e Picone. È stato guest star in un episodio dell'ottava serie di Don Matteo, interpretando il suocero del maresciallo Cecchini, interpretato da Nino Frassica.

Dal 2008 è direttore artistico del Teatro Vitaliano Brancati di Catania.

Ha due figli: Matteo, compositore, e Claudio, che ha intrapreso la strada del padre.

Tuccio Musumeci nel ruolo di "Pipino il breve" al Teatro Stabile di Catania, dicembre 2008

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Santino Mirabella, In scena - conversazioni con Tuccio Musumeci, Palermo, Flaccovio, 2011, pp. 20-26.
  2. ^ Quando Delon affittò un castello per accogliere le sue conquiste

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90269200 · ISNI (EN0000 0004 1962 0103 · SBN IT\ICCU\PALV\032500