Aeroporto di Catania-Fontanarossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto di Catania-Fontanarossa
Aeroporto di Catania Fontanarossa.jpeg
Aeroporto di Catania Fontanarossa, decollo di un volo con l'Etna e la torre di controllo ENAV sullo sfondo.
Codice IATACTA
Codice ICAOLICC
Codice WMO16460
Nome commercialeAeroporto internazionale Vincenzo Bellini
Descrizione
TipoCivile
GestoreSocietà Aeroporto Catania
Gestore torre di controlloENAV
StatoItalia Italia
RegioneSicilia-Stemma.png Sicilia
CittàCatania-Stemma.png Catania
Posizione5,5 km sud-est dal centro della città di Catania, quartiere Fontanarossa
BaseItalia Alitalia
Regno Unito easyJet
Irlanda Ryanair
Costruzione1924
Classe ICAO4D
Cat. antincendioICAO
Altitudine AMSL12 m
Coordinate37°28′00.41″N 15°03′50.04″E / 37.466781°N 15.0639°E37.466781; 15.0639Coordinate: 37°28′00.41″N 15°03′50.04″E / 37.466781°N 15.0639°E37.466781; 15.0639
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LICC
LICC
Sito web
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
08/262.560 (TORA)asfalto
Pista 08 dotata di ILS CAT I-VOR-NDB
Statistiche (2017)
Passeggeri in transito9 120 913 Green Arrow Up.svg 15,2%[1]
Movimenti68 170 Green Arrow Up.svg 11,6%
Visuale dell'aeroporto dal piazzale velivoli.
Torre di controllo ENAV dell'aeroporto ed in primo piano un veicolo tecnico Techno Sky.
Radar di monitoraggio delle ceneri vulcaniche dell'Etna (sullo sfondo), installato all'Aeroporto di Catania-Fontanarossa dalla Protezione Civile.

L'aeroporto Vincenzo Bellini di Catania-Fontanarossa (IATA: CTA, ICAO: LICC) è, nel 2017, il sesto aeroporto d'Italia per traffico passeggeri e il secondo dell’Italia Meridionale dopo Napoli stando ai dati di aprile e maggio 2018 forniti da Assaeroporti.[2] Inoltre la tratta Catania-Roma è la più trafficata a livello nazionale[3] e la quarta in Europa.[4]

Il 5 maggio 2007, alla presenza del ministro dei trasporti Alessandro Bianchi, è stata inaugurata la nuova aerostazione intitolata a Vincenzo Bellini, nella quale accogliere, con elevati standard di qualità di servizio, l'incremento del traffico aereo previsto per lo scalo etneo. Il vecchio terminal "Filippo Eredia" è rimasto in funzione fino alla sera del 7 maggio 2007, in concomitanza con l'apertura al pubblico del nuovo terminal (all'alba dell'8 maggio 2007).

Informazioni generali[modifica | modifica wikitesto]

È il principale aeroporto della Sicilia e il secondo del Mezzogiorno[2] ed uno dei maggiori fra quelli italiani.[5] Il traffico è in continua espansione, con numerosi voli di linea e charter favoriti dalla posizione geografica, dalle condizioni climatiche e dai collegamenti stradali e marittimi.

Vista l'inadeguatezza del precedente impianto, progettato negli anni settanta per accogliere un traffico massimo di un milione di passeggeri annui, negli scorsi anni è stata realizzata a fianco una nuova e più grande aerostazione. È stata, inoltre, ampliata l'area di sosta per i velivoli e realizzata una nuova via di rullaggio che collega il piazzale di sosta aeromobili con la testata pista 08. La consegna dei lavori del nuovo impianto e delle opere connesse è avvenuta il 21 dicembre 2006, con quasi due anni di ritardo rispetto a quanto inizialmente previsto (inverno 2005) ed è stato aperto al pubblico l'8 maggio 2007.

Lo scalo è soggetto talvolta a limitazioni operative o temporanee chiusure a causa delle ceneri vulcaniche che possono invadere lo spazio aereo e le piste durante le eruzioni dell'Etna obbligando, per motivi di sicurezza, a dirottare i voli sugli altri aeroporti della regione. Per gestire tale fenomeno, il Dipartimento della Protezione Civile nel gennaio 2010 ha installato nell'air-side dell'aeroporto un innovativo radar in banda X in doppia polarizzazione per il monitoraggio delle nubi di cenere vulcanica emesse dall'Etna, a supporto delle autorità preposte alla regolamentazione e al controllo del traffico aereo.[6]

Altri operatori basati sullo scalo[modifica | modifica wikitesto]

Base militare[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: MARISTAELI Catania.

Nell'aeroporto è presente la Marina Militare con la base di MARISTAELI Catania-Fontanarossa "Mario Calderara", con il e il 3º Gruppo elicotteri e la 2ª Sezione Volo Elicotteri della Guardia costiera.

È inoltre sede del 12° Nucleo elicotteri carabinieri e di una Sezione aerea della Guardia di Finanza.

Araldica reparti[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'aerostazione civile venne ufficialmente inaugurata nel maggio 1924. Dall'ottobre 1935 vi operava il 17º Gruppo caccia fino all'agosto 1936. Nel gennaio 1936 arriva anche il del 1º Stormo Caccia (poi 1º Stormo caccia Ogni Tempo). Dal 15 giugno 1941 vi operava il 10º Gruppo fino al 6 ottobre. Nel maggio 1943 torna il 17º Gruppo caccia fino a luglio 1943.

Il 5 maggio 1947 atterrò il volo inaugurale delle Linee Aeree Italiane Internazionali (che poi diverrà Alitalia) proveniente da Torino (aeroporto di Collegno). Alle fine degli anni quaranta il governo stanziò diversi fondi per la costruzione di un'aerostazione più grande, che venne quindi realizzata e dedicata all'illustre meteorologo catanese Filippo Eredia, ed inaugurata dal ministro Mario Scelba nel 1950. Tuttavia il traffico passeggeri stentò fino a tutti gli anni cinquanta.

Nel 1962, parte proprio dall'aeroporto di Catania il Morane-Saulnier MS.760 Paris per l'ultimo viaggio del fondatore e presidente dell'Eni Enrico Mattei, che si concluderà tragicamente a seguito di un presunto attentato nei pressi di Bascapè a pochi km dallo scalo di Linate.

Negli anni sessanta si ebbe un notevole incremento dei viaggiatori, che già nel 1966 superarono quota 260.000. Questo rese l'infrastruttura nuovamente inadeguata e la pista si rivelò troppo corta per aerei sempre più grandi e veloci. Negli anni settanta, con un traffico passeggeri in continuo aumento (500.000 in media) si realizzò una nuova aerostazione unitamente alla torre di controllo, scalo merci, caserma dei vigili del fuoco e un allungamento della pista su progetto dell'architetto Manfredi Nicoletti.

L'impianto, inaugurato il 5 agosto 1981 per una capacità di 800.000 passeggeri annui, risultò ben presto inadeguato ai nuovi sorprendenti tassi di crescita del traffico passeggeri ed aeromobili. All'inizio del XXI secolo, quindi, si dedicò tutta la vecchia struttura alle sole partenze realizzando, contestualmente, un piccolo terminal arrivi a fianco. Successivamente si è realizzato un nuovo terminal di 44.460 m² (di cui oltre 20.000 a disposizione del pubblico), articolato su due livelli (arrivi e partenze), dotato di 6 pontili d'imbarco (loading bridges), 20 gate d'imbarco ed una torre alta circa 30 metri (destinata ad accogliere uffici ed un ristorante panoramico). Tale struttura può assorbire un traffico annuo di circa 6.500.000 passeggeri.

Il 5 maggio 2007 l'aerostazione è stata intitolata a Vincenzo Bellini. La scelta ha fatto discutere, in quanto molti avrebbero voluto che l'aeroporto fosse intitolato ad Angelo D'Arrigo,[7] aviatore originario di Catania, autore di numerosi record del mondo, quali il volo sopra l'Everest in deltaplano e molti altri.

Importanti opere sono state realizzate sull'air-side. La nuova via di rullaggio per la testata pista 08 (in uso dal 2006) ha elevato la capacità oraria a 16 movimenti. Nel gennaio 2007 sono stati aggiudicati i lavori per la realizzazione di una nuova via di rullaggio (che collegherà il piazzale di sosta aeromobili alla testata della pista 26) e di una bretella che consentirà agli aeromobili in atterraggio di liberare rapidamente la pista 08 elevandone la capacità oraria a 20 movimenti. Questo raccordo è stato ultimato ed è diventato operativo dal 15 gennaio 2009. Il piazzale di sosta (apron) misura 179.900 m², con una capacità di 26 aeromobili in configurazione standard. Dal 12 aprile 2013 è operativo un sentiero di avvicinamento luminoso ALS CAT I di metri 279 per la pista 08 e di uno semplificato SALS di metri 300 per la pista 26.

Banchi del check-in del Terminal dell'Aeroporto di Catania-Fontanarossa.

A partire dal 5 novembre 2012 l'aeroporto è stato chiuso per lavori sulla pista. Tutti i voli sono stati dirottati nella vicina base NATO di Sigonella. I lavori sull'air-side di Fontanarossa, costati poco meno di 20 milioni di euro, hanno riguardato la riqualifica strutturale e funzionale della pavimentazione e del relativo sottofondo della pista, oltre alla riqualifica delle strip laterali di sicurezza e della pavimentazione delle testate, strutture queste usurate da 50 anni di attività. I lavori si sono resi necessari anche in considerazione dell'attuale traffico aereo nel aeroporto, per numeri di passeggeri il primo nel mezzogiorno, e in previsione del futuro incremento.[8] Il 5 dicembre 2012, dopo 30 giorni di lavori, con il volo Catania-Napoli effettuato da un MD-80 della Meridiana Fly, lo scalo è stato riaperto.[9][10]

Il 22 dicembre 2017 è stata raggiunta la cifra, record per lo scalo, di 9 000 000 di passeggeri[11].

I progetti[modifica | modifica wikitesto]

La nuova aerostazione fa parte di un progetto di costruzione che prevede il recupero del vecchio terminal Eredia e la costruzione di un eventuale terzo terminal. Nei piani vi è anche la costruzione di una nuova pista in luogo di quella attualmente utilizzata, il collegamento con la metropolitana e con le Ferrovie dello Stato e la riqualificazione di tutto il territorio circostante attraverso la costruzione di parcheggi multipiano e nuove aree commerciali. A progetto ultimato la capacità annuale di traffico passeggeri dell'aeroporto potrebbe arrivare vicino ai 20.000.000 di passeggeri annuali. La SAC, la società di gestione dell'aeroporto di Catania, intende dare seguito allo sviluppo dello scalo attraverso diversi nuovi interventi articolati in più fasi temporali, per un investimento complessivo di 650 milioni di euro in quaranta anni (corrispondenti alla durata della concessione).

Sono in corso da alcuni anni degli studi di fattibilità per realizzare un nuovo aeroporto intercontinentale nella Piana di Catania a qualche decina di chilometri ad ovest dello scalo di Fontanarossa, nell'area corrispondente di massima alla vecchia sede dell'aeroporto militare di Gerbini utilizzato nel corso della seconda guerra mondiale e poi del tutto abbandonato. Tale progetto parte dalla considerazione che non è possibile estendere ulteriormente la superficie occupata dallo scalo di Fontanarossa stretta com'è tra il mare, la città, la zona industriale di Catania e gli impianti ferroviari della stazione di Bicocca. Da qualche parte è stata anche avanzata la proposta, per ora del tutto teorica, di collocare il nuovo scalo nell'attuale base NATO di Sigonella, qualora venisse smilitarizzata.

Dati di traffico passeggeri[modifica | modifica wikitesto]

Anno Passeggeri Variazione %
1966 260.412 -
1968 362.251 Green Arrow Up.svg39,1%
1983 1.067.510 Green Arrow Up.svg194,7%
1989 1.756.894 Green Arrow Up.svg64,6%
1990 1.947.467 Green Arrow Up.svg10,8%
1991 1.495.624 Red Arrow Down.svg23,2%
1992 1.619.780 Green Arrow Up.svg8,3%
1993 2.026.011 Green Arrow Up.svg25,1%
1994 2.107.500 Green Arrow Up.svg4,0%
1995 2.284.563 Green Arrow Up.svg8,4%
1996 2.534.040 Green Arrow Up.svg10,9%
1997 2.930.157 Green Arrow Up.svg15,6%
1998 3.158.103 Green Arrow Up.svg7,8%
1999 3.557.718 Green Arrow Up.svg12,7%
2000 3.970.754 Green Arrow Up.svg11,6%
2001 3.925.289 Red Arrow Down.svg1,1%
2002 4.079.609 Green Arrow Up.svg3,9%
2003 4.807.643 Green Arrow Up.svg17,8%
2004 5.107.832 Green Arrow Up.svg6,2%
2005 5.192.697 Green Arrow Up.svg3,9%
2006 5.396.380 Green Arrow Up.svg3,9%
2007 6.083.735 Green Arrow Up.svg12,7%
2008 6.054.469 Red Arrow Down.svg0,5%
2009 5.935.027 Red Arrow Down.svg2,0%
2010 6.321.753 Green Arrow Up.svg6,5%
2011 6.794.063 Green Arrow Up.svg7,5%
2012 6.246.888 Red Arrow Down.svg8,1%
2013 6.400.127 Green Arrow Up.svg2,5%
2014 7.304.012 Green Arrow Up.svg14,1%
2015 7.105.487 Red Arrow Down.svg2,7%
2016 7.914.117 Green Arrow Up.svg11,4%
2017 9.120.913 Green Arrow Up.svg15,2%
Evoluzione del numero di passeggeri dall'anno 2000 in milioni. Fonte Assaeroporti[12]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Rotte nazionali più trafficate (2017)[13]
Posizione Variazione Aeroporto Passeggeri Comapagnia/e Aerea/e
1 Straight Line Steady.svg Lazio Roma-Fiumicino, Lazio Red Arrow Down.svg 2.007.778 Alitalia, Ryanair, Vueling
2 Green Arrow Up.svg 1 Lombardia Milano-Malpensa, Lombardia Green Arrow Up.svg 951.031 easyJet, Ryanair
2 Red Arrow Down.svg 1 Lombardia Milano-Linate, Lombardia Red Arrow Down.svg 585.809 Alitalia
4 Straight Line Steady.svg Lombardia Bergamo, Lombardia Red Arrow Down.svg 370.645 Ryanair
5 Straight Line Steady.svg Emilia-Romagna Bologna, Emilia-Romagna Green Arrow Up.svg 360.901 Alitalia, Ryanair
6 Straight Line Steady.svg Piemonte Torino, Piemonte Green Arrow Up.svg 340.847 Alitalia, Blue Air, Ryanair
7 Green Arrow Up.svg 3 Toscana Pisa, Toscana Green Arrow Up.svg 247.614 Ryanair
8 Red Arrow Down.svg 1 Veneto Verona, Veneto Green Arrow Up.svg 242.399 Alitalia, Volotea
9 Straight Line Steady.svg Campania Napoli, Campania Green Arrow Up.svg 209.015 Alitalia, easyJet, Volotea
10 Red Arrow Down.svg 2 Veneto Venezia, Veneto Green Arrow Up.svg 202.293 Alitalia, Volotea
11 Straight Line Steady.svg Veneto Treviso, Veneto Green Arrow Up.svg 173.961 Ryanair
Rotte all'interno della UE più trafficate (2017)[13]
Posizione Variazione Aeroporto Passeggeri Compagnia/e Aerea/e
1 Green Arrow Up.svg 1 Malta Malta, Malta Green Arrow Up.svg 290.311 Air Malta, Ryanair
2 Red Arrow Down.svg 1 Regno Unito Londra Gatwick, Gran Bretagna Green Arrow Up.svg 203.334 British Airways, easyJet
3 Green Arrow Up.svg 5 Paesi Bassi Amsterdam, Paesi Bassi Green Arrow Up.svg 154.481 easyJet, KLM, Transavia
4 Red Arrow Down.svg 1 Germania Monaco di Baviera, Germania Green Arrow Up.svg 145.849 Eurowings, Lufthansa
5 Red Arrow Down.svg 1 Romania Bucarest, Romania Green Arrow Up.svg 116.632 Blue Air, Wizz Air
6 Straight Line Steady.svg Francia Parigi-Charles De Gaulle, Francia Green Arrow Up.svg 115.564 easyJet
7 Straight Line Steady.svg Germania Düsseldorf, Germania Red Arrow Down.svg 93.140 Air Berlin, Eurowings
8 Straight Line Steady.svg Germania Berlino-Schönefeld, Germania Straight Line Steady.svg 82.587 easyJet, Ryanair
9 Straight Line Steady.svg Francia Parigi-Orly, Francia Red Arrow Down.svg 79.142 Transavia, Vueling
10 Straight Line Steady.svg Germania Berlino-Tegel, Germania Straight Line Steady.svg 75.337 Air Berlin, easyJet
11 Straight Line Steady.svg Spagna Madrid, Spagna Green Arrow Up.svg 75.317 Iberia, Ryanair
12 Red Arrow Down.svg 7 Germania Stoccarda, Germania Green Arrow Up.svg 67.756 Eurowings
13 Green Arrow Up.svg 1 Spagna Barcellona, Spagna Green Arrow Up.svg 65.821 Vueling
14 Straight Line Steady.svg Regno Unito Manchester, Gran Bretagna Straight Line Steady.svg 60.098 easyJet
15 Straight Line Steady.svg Ungheria Budapest-Ferihegy, Ungheria Straight Line Steady.svg 56.727 Wizz Air
16 Straight Line Steady.svg Paesi Bassi Eindhoven, Paesi Bassi Straight Line Steady.svg 52.846 Ryanair
17 Straight Line Steady.svg Regno Unito Londra Luton, Gran Bretagna Straight Line Steady.svg 50.537 easyJet
Rotte extra-UE più trafficate (2017)[13]
Posizione Variazione Aeroporto Passeggeri Compagnia/e Aerea/e
1 Green Arrow Up.svg 1 Svizzera Ginevra, Svizzera Green Arrow Up.svg 102.015 easyJet
2 Green Arrow Up.svg 1 Turchia Istanbul-Ataturk, Turchia Green Arrow Up.svg 77.738 Turkish Airlines
3 Red Arrow Down.svg 2 Svizzera Zurigo, Svizzera Red Arrow Down.svg 58.772 Swiss

Handlers[modifica | modifica wikitesto]

  • VipAviation
  • Fly Service[14]
  • Aviapartner
  • Katané

Altri aeroporti siciliani[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 ebbero inizio i lavori di riconversione della ex-aerostazione militare di Comiso (in provincia di Ragusa) in civile la cui pre-attivazione avvenne nel corso del 2007.

Il piano dei trasporti aerei in Sicilia ha in progetto di costituire due poli: quello occidentale costituito dall'Aeroporto Falcone-Borsellino (Palermo) e Birgi (Aeroporto di Trapani), e quello orientale formato da Catania Fontanarossa e Comiso. Nel giugno 2013 furono firmati degli accordi di intesa tra l'aeroporto di Comiso e la compagnia irlandese Ryanair.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Autobus[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto è raggiungibile mediante autobus grazie alle seguenti autolinee:[15]

Collegamenti con linee urbane[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglietteria Collegamento AMT linee Alibus, 538 e 524.[16]

Collegamenti con linee extraurbane[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglietteria Collegamento AST con i Comuni di Avola, Caltagirone, Carlentini, Grammichele, Ispica, Lentini, Mazzarrone, Mirabella Imbaccari, Modica, Noto, Palagonia, Piazza Armerina, Pozzallo, Rosolini, S. Michele di Ganzaria, Scicli e Sigonella
  • Biglietteria Collegamento Circumetnea con i Comuni di Adrano, Misterbianco, Paternò e Randazzo, Linguaglossa e Fiumefreddo
  • Biglietteria Collegamento Etna Trasporti con i Comuni di Aidone, Fiumefreddo, Gela, Giardini Naxos, Recanati, Licata, Piazza Armerina, Ragusa, Marina di Ragusa, S. Croce Camerina, Taormina, Valguarnera e Vizzini.
  • Biglietteria Collegamento Interbus con i Comuni di Agira, Avola, Catenuova, Leonforte, Militello in Val di Catania, Nicosia, Nissoria, Noto, Pachino, Portopalo, Priolo, Regalbuto, Scordia e Siracusa.
  • Biglietteria Collegamento SAIS Autolinee con i Comuni di Agrigento, Caltanissetta, Canicattì, Enna, Messina e Palermo.
  • Biglietteria Collegamento Giamporcaro tra l'aeroporto etneo e l'aeroporto di Comiso

Ferrovia[modifica | modifica wikitesto]

L'aerostazione è priva di collegamento ferroviario diretto pur essendo costeggiata dalla linea ferroviaria. Sono in progetto due fermate della Metropolitana di Catania: Santa Maria Goretti posta a nord di Fontanarossa e Aeroporto posto di fronte al terminal aeroportuale. Quest'ultima sarà capolinea definitivo della metropolitana.

È stato sottoscritto un Protocollo d'intesa tra Regione Siciliana, Comune di Catania, Società Aeroporto Catania (SAC), Rete Ferroviaria Italiana ed Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (ENAC) per la realizzazione della fermata Catania Fontanarossa; il costo previsto di 5 milioni di Euro sarà interamente a carico di RFI mentre i servizi navetta di collegamento con l'aerostazione saranno forniti da SAC. L'entrata in funzione prevista è per la fine del 2019[17].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.assaeroporti.com/statistiche_201612/
  2. ^ a b Statistiche | Assaeroporti.
  3. ^ La rotta aerea Catania-Roma si conferma la più trafficata d'Italia.
  4. ^ New Eurostat website - Eurostat.
  5. ^ Per i dati di traffico la fonte è Assaeroporti Archiviato il 16 dicembre 2006 in Internet Archive.
  6. ^ A seguito dei successi ottenuti in fase di sperimentazione, uno strumento identico è stato inviato alle autorità islandesi in occasione dell'eruzione del vulcano Eyjafjallajökull nell'aprile del 2010 per fornire supporto all'Icelandic Meteorological Office.Monitoraggio ceneri dell'Etna.
  7. ^ Articolo su ctzen.it Archiviato l'11 dicembre 2013 in Internet Archive..
  8. ^ Aeroporto Internazionale Catania Archiviato il 4 ottobre 2013 in Internet Archive..
  9. ^ Aeroporto Internazionale Catania Archiviato l'11 dicembre 2012 in Internet Archive..
  10. ^ Riapre Fontanarossa, ecco il primo atterraggio - Repubblica Tv - la Repubblica.it.
  11. ^ Fontanarossa raggiunge il record di 9 milioni di passeggeri annui, su aeroporto.catania.it, 23 dicembre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  12. ^ http://www.assaeroporti.com/statistiche_201712/
  13. ^ a b c https://www.enac.gov.it/repository/ContentManagement/information/P133523801/Traffic_data_2017_en.pdf
  14. ^ FlyService - You fly… We take care of the ground!, su www.flyservice.eu. URL consultato il 29 novembre 2016.
  15. ^ www.aeroporto.catania.it Archiviato il 16 aprile 2014 in Internet Archive..
  16. ^ amt.ct.it.
  17. ^ Redazione, Il ministro Delrio inaugura il raddoppio ferroviario di Catania; intesa per la nuova fermata a Fontanarossa, in mobilità.org, 24 luglio 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]