Capo Mulini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capo Mulini
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Catania-Stemma.svg Catania
ComuneAcireale-Stemma.png Acireale
Territorio
Coordinate37°34′33″N 15°10′19″E / 37.575833°N 15.171944°E37.575833; 15.171944 (Capo Mulini)Coordinate: 37°34′33″N 15°10′19″E / 37.575833°N 15.171944°E37.575833; 15.171944 (Capo Mulini)
Altitudinem s.l.m.
Abitanti331 (2012)
Altre informazioni
Cod. postale95024
Prefisso095
Fuso orarioUTC+1
PatronoSanta Maria della Purità
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Capo Mulini
Capo Mulini

Capo Mulini è una frazione del comune di Acireale, nella Città metropolitana di Catania. Si trova a sud di Acireale, da cui dista circa 5 chilometri, nei pressi dell'omonimo capo che segna il limite settentrionale del Golfo di Catania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi dell'odierna borgata doveva sorgere la città di Xiphonia e sono stati rinvenuti reperti d'età romana. Nel XIX secolo fu progettato un grande porto commerciale ma ciò non fu eseguito, preferendo creare una struttura nella vicina e più popolosa (benché priva di porto naturale) Catania.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi di Culto[modifica | modifica wikitesto]

Costruzioni di avvistamento[modifica | modifica wikitesto]

  • La Torre di Sant'Anna, oggi faro, fu iniziata nel 1582 in corrispondenza del Capo Mulini e finita in circa un ventennio. Vi alloggiava un corpo di guardia con il compito di allertare all'avvicinarsi di navi corsare.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia della frazione si basa sulla pesca, sulla ristorazione e sul turismo. Ormai abbandonate sono le attività industriali (concerie) presenti tra il XIX e il XX secolo.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1915 al 1934 la località era servita dalla tranvia Catania-Acireale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia