Sicani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la catena montuosa della Sicilia, vedi Monti Sicani.
Sicani
Luogo d'origine Sicilia
Lingua sicano
Distribuzione
Sicania
(GRC)

« καὶ ἀπ᾽αὐτῶν Σικανία τότε ἡ νῆσος ἐκαλεῖτο, πρότερον Τρινακρία καλουμένη […] »

(IT)

« Da loro [i Sicani] l'isola era chiamata Sicania, mentre prima aveva il nome di Trinacria […] »

(Tucidide, Guerra del Peloponneso, VI,2,2)

I Sicani (Σικανοί in greco antico, Sǐcāni in latino) erano un popolo della Sicilia stanziato anticamente su gran parte dell'isola. In seguito all'avvento dei Siculi, i Sicani occuparono una regione centro-meridionale dell'isola, delimitata dai fiumi Himera e Halykos e chiamata Sicania[1]. Le poche e frammentarie notizie storiche pervenuteci sui Sicani provengono principalmente dagli storiografi greci.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine dei Sicani resta tuttora una vexata quaestio: secondo la fonte di Diodoro Siculo, i Sicani che si stabilirono in Sicilia determinarono il mutamento del toponimo dell'isola da Trinacria a Sikania.

Diodoro Siculo parlando dei Sicani riporta le testimonianze di Filisto di Siracusa e di Timeo di Tauromenio. Il Siracusano informa che i Sicani erano un popolo di origine iberica, mentre dal frammento timaico si apprende che la loro origine era piuttosto autoctona. Diodoro sembra appoggiare l'opinione di Timeo.[2].

Tucidide, come in seguito Filisto, afferma invece che i Sicani fossero Iberi.[3] Resta da capire se questo popolo giunse dalla Spagna alla Sicilia navigando per mare o piuttosto vi giunse via terra.[4]

Se vi fossero giunti via mare si spiegherebbe perché si stanziarono nella parte occidentale dell'isola: quella che si affaccia proprio sull'Iberia.[4] Ma sia la testimonianza di Tucidide — il quale informa che essi un tempo erano in tutta l'isola — e sia la loro cacciata dalla terra originaria a causa dei Liguri, farebbero propendere piuttosto per un raggiungimento via terra.[4] I Sicani, stanziati lungo la paralia che divideva l'Ibera dalla Gallia e dall'Italia, vennero, probabilmente, cacciati dai Liguri che giunsero in quel luogo. Furono dunque sospinti verso la Sicilia, dove si stabilirono.[4]

La provenienza iberica si ritrova pure in Dionigi di Alicarnasso. Lo storico romano, attraverso le sue fonti, riporta come i Sicani fossero originari dell'Iberia; arrivati in Sicilia per sfuggire ai Liguri.[5]

La testimonianza di una migrazione di Sicani via terra viene sostenuta da Pausania il Periegeta, il quale non sembra dipendere da Tucidide[6] quando asserisce che in Sicilia vi giunsero tre popoli (per cui nessuna autoctonia come vorrebbe invece Timeo): Sicani e Siculi e Frigi: i primi due giunsero dall'Italia, mentre il terzo giunse dalla Troade.[7]

La scienza archeologica sembrerebbe confermare quanto tramandato dalla tradizione letteraria sull'anteriorità dei Sicani rispetto ai Siculi nonché sui contrasti e le lotte tra le due etnie, quest'ultimo aspetto verosimilmente confermato unicamente dalla violenta distruzione del villaggio di Sabucina[8].

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua sicana.

Secondo una visione invasionista tradizionale, i Sicani sarebbero di origine pre indoeuropea[9]. Secondo una visione continuista, i Sicani rappresenterebbero il ramo meridionale di uno strato etno-linguistico molto antico ma comunque indoeuropeo, che avrebbe occupato l'area tirrenica dalla Liguria (Liguri) alla Sicilia passando per l'Italia meridionale (Enotri), costituendo lo strato ligure-sicano[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anello, 2005, 150.
  2. ^ Diodoro Siculo, Bibliotheca historica, V 2.
  3. ^ Tucidide, VI, 2, 2.
  4. ^ a b c d G. Vanotti, L'archaiologhia di Filisto, Braccesi, 1993, pp. 129-132.
  5. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, I, 22.2.
  6. ^ Vd. n 72, p. 130, in Braccesi, 1993.
  7. ^ Paus. 5, 25, 6.
  8. ^ La Rosa, 1989, 52.
  9. ^ Varvaro, 1981, 23.
  10. ^ Sciarretta, 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo La Rosa, Le popolazioni della Sicilia: Sicani, Siculi, Elimi in Italia omnium terrarum parens, Milano, Libri Scheiwiller. Collana Antica Madre, XII, 1989, pp. 3-110.
  • Dario Palermo, Sicani in Enciclopedia Archeologica, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani, 2004, pp. 372-373.
  • Antonio Sciarretta, Liguri, Enotri e Sicani in Toponomastica d'Italia. Nomi di luoghi, storie di popoli antichi, Milano, Mursia, 2010, pp. 174-194, ISBN 978-88-425-4017-5.
  • Orazio Valenti, «I Sicani», in Agorà n. 25-26, 2006
  • Alberto Varvaro, Lingua e storia in Sicilia. Dalle guerre puniche alla conquista normanna, Palermo, Sellerio editore, 1981.ISBN non esistente

Atti, miscellanee e riviste[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietrina Anello, I Sicani nel IV secolo a.C. in Atti del convegno di studi su Diodoro Siculo e la Sicilia indigena, nº 2005, pp. 150-157.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]