Abacano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abacano
Nome originale in greco antico: Ἀβάκαινον, Abákainon
Cronologia
Fondazione IX-VIII secolo a.C. circa
Fine 396 a.C.
Causa Colonizzazione di Dionisio il Vecchio
Rifondazione 396 a.C.
Territorio e popolazione
Lingua greco antico
Localizzazione
Stato attuale Italia Italia
Località Tripi
Coordinate 38°03′N 15°06′E / 38.05°N 15.1°E38.05; 15.1Coordinate: 38°03′N 15°06′E / 38.05°N 15.1°E38.05; 15.1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Abacano
Abacano
Mappa di localizzazione: Sicilia isola
Abacano
Abacano

Abaceno o Abàcano (in latino: Abacaena o Abacaenum, in greco antico: Ἀβάκαινον[1] o in greco antico: Ἀβάκαινα[2]) era un'antica città della Sicilia, sul versante settentrionale, le cui origini sembra risalgano al periodo siculo, poi ellenizzata, nel cui territorio Dionigi di Siracusa fondò la città di Tindari (396 a.C.),[3] situata in prossimità dell'attuale cittadina di Tripi, in Provincia di Messina, ove nel secolo XVI si scorgeva un largo campo di rovine antiche, in parte ancora esistenti.[4][5]

In seguito alla progressiva colonizzazione greca della Sicilia anche Abacena si adattò alla nuova cultura ellenizzandosi. Partecipò assieme a tante altre colonie indigene alla sollevazione di Ducezio ma in seguito alla sconfitta entrò nell'orbita di influenza siracusana [6]. In età greca ebbe una zecca con proprie emissioni monetali.

Diodoro Siculo, lo storico, scrive che il suo territorio venne in gran parte espropriato da Dionigi I di Siracusa, in seguito alla fondazione di Tyndaris avvenuta verso il 396 a.C.,[3] per lo stanziamento di soldati mercenari. In seguito a ciò la città decadde progressivamente, anche se era ancora in piedi nel II secolo d.C., dato che Claudio Tolomeo la cita nella sua opera Tetrabiblos (III, 4).

In seguito agli eventi della lotta tra Sesto Pompeo e Cesare Ottaviano (il futuro imperatore Augusto) Abacena venne distrutta da quest'ultimo nel 36 a.C.

raffigurazione di una tipica moneta di Abacano

Monetazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Monetazione di Abacaenum.

Esistono monete di Abacano sia in argento che in bronzo. Alcune presentano al rovescio un cinghiale e accompagnato, come simbolo da una ghianda, allusione, secondo Smith, alle foreste che circondavano la città durante la sua esistenza[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In Diodoro Siculo e in Stefano di Bisanzio.
  2. ^ In Claudio Tolomeo.
  3. ^ a b Diodoro Siculo, Bibliotheca historica, XIV, 78.
  4. ^ Giuseppe Emanuele Ortolani, "Nuovo dizionario geografico, statistico e biografico della Sicilia antica e moderna", p. 1, Palermo, Francesco Abbate, 1819.
  5. ^ Pagina 1 dopo la 364. Giovanni Andrea Massa, "La Sicilia in prospettiva. Parte prima, cioè il Mongibello, e gli altri ..." [1], Stamperia di Francesco Chicè, Palermo, 1709.
  6. ^ La Sicilia del mito: L’antica città di Abakainon, nuovosoldo.wordpress.com.
  7. ^ Smith.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Città antiche in Sicilia.
Controllo di autorità VIAF: (EN248789149