Altopiano dell'Argimusco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Argimusco
Rocche Argimusco etna.jpg
Panoramica dell'Argimusco
Civiltàsconosciuta
Utilizzoluogo di culto e astronomico
Epocaetà del bronzo
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneMontalbano Elicona
Altitudine1 200 m s.l.m.
Amministrazione
PatrimonioRiserva Naturale del Bosco di Malabotta
VisitabileLibera fruizione
Sito webwww.argimusco.net
Mappa di localizzazione

L'Argimusco è un altopiano che si trova in Sicilia, poco a nord dell'Etna, all'incirca al confine tra i monti Nebrodi e i Peloritani, ed è diviso amministrativamente tra i comuni di Montalbano Elicona, Tripi (che sorge sul sito dell'antica Abacaenum) e Roccella Valdemone.

L'altopiano è molto panoramico in quanto si possono ammirare da vicino l'Etna, le isole Eolie, le curiose montagne Rocca Salvatesta e Montagna di Vernà, capo Tindari, capo Calavà e capo Milazzo. Esso è parte della Riserva naturale orientata Bosco di Malabotta.

Il sito[modifica | modifica wikitesto]

In questa zona sorgono numerosi roccioni di arenaria quarzosa modellati in forma curiosa e suggestiva. Le pietre possiedono particolari forme, antropomorfe e zoomorfe, la cui natura è da associare all'erosione eolica[1] sebbene la tradizione popolare le attribuisca ad un antico intervento umano[1].

Vasca dalla forma regolare

Non esistono evidenze di presenze umane nella zona per questo gli archeolgi ritengono che i cosiddetti megaliti siano opera del vento[1]

Ricerche e studi[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati eseguiti anche degli studi di astronomia culturale da parte di Andrea Orlando, dottore di ricerca in astrofisica nucleare e presidente dell'Istituto di Archeoastronomia Siciliana, in merito alla possibile presenza di allineamenti astronomici delle rocce e quindi di una funzione rituale o persino calendariale del luogo[2].

Altri studi sui possibili allineamenti sono stati eseguiti da Paul Devins, il quale, ritenendo le rocce modellate dall'uomo ne colloca la realizzazione in epoca tardo-medievale o addirittura successiva per alcune sue parti.[3]

Nel giugno 2015 SB Research Group dell'Università di Trieste ha eseguito dei rilevamenti acustici alla ricerca di risonanze acustiche tra le rocce dell'altipiano.[4]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'intento di valorizzare il luogo e diffonderne la conoscenza nel 2012 è nato il Festival di Archeoastronomia 'Pietre&Stelle', un evento che lega la valenza paesaggistica e archeologica del luogo con il cielo. Nel 2014, tra gli ospiti d'onore della kermesse culturale vi è stato anche Franco Battiato.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Le incredibili curiosità della Sicilia, Francesco Musolino, Newton Compton Editori, 2019, ISBN 8822739078
  2. ^ Argimusco
  3. ^ NUOVE SCOPERTE SUI MEGALITI DI MONTALBANO ELICONA, su www.duepassinelmistero.com. URL consultato il 5 ottobre 2015.
  4. ^ Studio delle caratteristiche di archeoacustica del sito megalitico dell’Argimusco (Sicilia), su www.sbresearchgroup.eu. URL consultato il 5 dicembre 2015.
  5. ^ CONTAMINAZIONI - Battiato all'Argimusco. Un tempio diventa teatro - Scomunicando, su Scomunicando. URL consultato il 5 dicembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia