Thapsos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thapsos
Priolo-Panorama.JPG
La penisola di Magnisi vista da Melilli
Civiltà Civiltà di Thapsos
Utilizzo avamposto commerciale
Epoca età del bronzo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Comune Priolo Gargallo-Stemma.png Priolo Gargallo
Scavi
Data scoperta 1880
Archeologo Saverio Cavallari, Paolo Orsi, Giuseppe Voza, Luigi Bernabò Brea

Coordinate: 37°09′12.67″N 15°13′45.63″E / 37.153519°N 15.229342°E37.153519; 15.229342

« [Thapsos] è questa una lingua che si protende nel mare da uno stretto istmo, e dalla città di Siracusa è poco lontana sia a piedi che per nave. »
(Tucidide VI, 97)

Thapsos (Θαψός in greco antico) è uno dei più importanti siti protostorici siciliani. È il centro eponimo per la cosiddetta Cultura di Thapsos che in Sicilia si identifica la media età del bronzo. Il sito è localizzato sulla penisola di Magnisi (dall'arabo Mismar, chiodo), nel comune di Priolo Gargallo, in provincia di Siracusa.

Mappa di Thapsos con la posizione degli insediamenti, delle fortificazioni e delle necropoli. In basso lo schema delle tombe.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cronologia non è ancora certa ma sembra andare dalla prima età del bronzo fino all'VIII secolo a.C., in coincidenza con la colonizzazione greca della Sicilia orientale. Il sito è stato studiato nel 1880 da Saverio Cavallari prima e Paolo Orsi poi, Giuseppe Voza e Luigi Bernabò Brea negli anni settanta del novecento.

Il sito era abitato sin dall'età del bronzo cioè tra il XIV e il XIII sec. a.C. con una sua cultura detta cultura di Thapsos che succede alla cultura di Castelluccio presente nell'entroterra ma è contemporanea alla cultura della zona nord-orientale della Sicilia, di Milazzo e delle Eolie[1]. La località era ideale come approdo dal mare per la presenza di due golfi a nord e a sud dell'istmo, divenendo subito un importante centro commerciale del Mediterraneo.

Thapsos è particolarmente nota per i rinvenimenti di reperti di origine egea (micenea e cipriota in particolare) che dimostrano rapporti commerciali tra l'Egeo e la Sicilia. Reperti della cultura di Borg in-Nadur testimoniano anche rapporti con l'arcipelago maltese. La maggior parte dei reperti provenienti dagli scavi di Thapsos è oggi esposta al Museo Archeologico Regionale "Paolo Orsi" di Siracusa.

Secondo lo storico greco Tucidide, che ne ricorda per la prima volta il nome, Thapsos sarebbe stata la prima effimera sede di una colonia di greci Megaresi i quali, dopo la morte del loro ecista Lamis, abbandonarono il sito per mancanza d'acqua e fondarono a poca distanza Megara Iblea (728-727 a.C.). Sempre a Thapsos si accampò l'esercito ateniese prima di assediare Siracusa nel corso della guerra del Peloponneso (415-413 a.C.) fortificando l'approdo.

Nel 1625 Pietro Della Valle, diretto a Catania vede da lontano il promontorio definendolo "un'isoletta coltivata":

« Camminando dunque non lunge dal mare, poco dopo esser usciti di Siracusa, ci lasciammo man destra un’isoletta coltivata vicino al continente di Sicilia, che la chiamano Manghesì, ed è quella che da Virgilio è detta Tapso, e con molta ragione la chiama il poeta Tapsumque iacentem, perché è tutta piana e bassissima. »
([2])

Di particolare interesse la Torre di Magnisi, struttura circolare solitaria edificata nel 1806 dagli inglesi durante il protettorato sull'isola per timore di un attacco francese.

Sono presenti anche alcuni bunker della Seconda Guerra Mondiale.

Negli anni cinquanta del 900, con l'industrializzazione dell'area è stato costruito a sud un pontile Enichem tuttora esistente ma non utilizzato.

Necropoli[modifica | modifica wikitesto]

Sepoltura ad Enchytrismos
Tomba circolare di Thapsos

È stata individuata una necropoli suddivisa in tre settori, due dei quali con tombe a grotticella artificiale con camere sepolcrali a pianta circolare scavate nella roccia. Si possono trovare anche delle sepolture a camera caratterizzate da vaste dimensioni, alzato a forma di tholos con cella circolare e vestibolo servito da dromos o sepolture a pozzetto con nicchie più o meno riquadrate e basse panchine perimetrali, scavate dove il banco roccioso era pianeggiante. Queste sepolture erano multiple, con un numero variabile di inumati che poteva arrivare anche a cinquanta. I corpi venivano seppelliti con il loro corredo funerario.

Nella zona centrale della penisola è stata trovata una necropoli coeva con sepolture ad enchytrismòs dove gli inumati venivano posizionati senza corredo in recipienti ovoidali cordonati (pithoi) e sistemati in concavità naturali della roccia.

Abitato[modifica | modifica wikitesto]

Capanna di Thapsos

L'abitato occupava l'area circostante l'istmo che collega Thapsos alla costa. Gli scavi hanno individuato le fondazioni di edifici appartenenti a due diverse fasi. Quella più antica del XIV-XIII sec. a.C. con grandi capanne circolari costruite sulla base da muri a secco e supportate poi da tetti e pareti di legno, paglia e argilla. Nella fase successiva gli edifici divennero rettangolari spesso raccolti ad ali intorno a cortili acciottolati. Le abitazioni sembrano avere anche un'organizzazione urbanistica. Questa organizzazione costruttiva venne poi abbandonata nel corso dell'ultima fase di Thapsos tra il XI-IX sec. a.C. quando si tornò a costruire capanne senza un apparente criterio urbanistico. L'abitato era difeso da una fortificazione con torri semicircolari del diametro di 5 m disposte ad intervalli regolari.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

« onde repente/ a la sassosa foce di Pantagia,/ al megarico seno, ai bassi liti/ ne trovammo di Tapso. »
(Virgilio, Eneide III, 1043)
(LA)

« hinc Camerinan adit Thapsonque et Heloria tempe, »

(IT)

« Di qui giunge a Camerina, a Tapso e all'eloria Tempe, »

(Ovidio, Fasti IV, 477)
Area archeologica di Thapsos

Criticità[modifica | modifica wikitesto]

Nella penisola di Thapsos sono presenti diverse tracce di insediamento industriale. Accanto al pontile della zona sud vi è un'area Enichem di stoccaggio di prodotti industriali. Mentre all'ingresso dell'ismo sono stati scoperti diversi cumuli di polvere di pirite sequestrati dalla Polizia[3].

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

Da tempo si parla di portare avanti dei progetti di riqualificazione dell'ismo e di creare una riserva naturale. Ad oggi l'unica realizzazione è l'area archeologica dell'insediamento urbano con la creazione di un percorso e di un antiquarium.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Voza, Thapsos, treccani.it. URL consultato il 27 novrembe 2014.
  2. ^ Viaggi di Pietro della Valle: il pellegrino, G. Gancia, 1° gennaio 1843. URL consultato il 14 ottobre 2016.
  3. ^ Priolo, sequestrati 30 ettari contenenti materiali di scarto industriale, giornalesiracusa.com. URL consultato il 4 gennaio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]