Roccella Valdemone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roccella Valdemone
comune
Roccella Valdemone – Stemma
Roccella Valdemone – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Messina-Stemma.png Messina
Amministrazione
SindacoSpartà Giuseppe (Lista civica "Sempre insieme per Roccella") dall'11-06-2017
Territorio
Coordinate37°56′N 15°01′E / 37.933333°N 15.016667°E37.933333; 15.016667 (Roccella Valdemone)Coordinate: 37°56′N 15°01′E / 37.933333°N 15.016667°E37.933333; 15.016667 (Roccella Valdemone)
Altitudine763 (Piazza Duomo - I,G,M, Firenze) m s.l.m.
Superficie41,15[1] km²
Abitanti714[2] (30-11-2011)
Densità17,35 ab./km²
Comuni confinantiCastiglione di Sicilia (CT), Malvagna, Mojo Alcantara, Montalbano Elicona, Randazzo (CT), Santa Domenica Vittoria
Altre informazioni
Cod. postale98030
Prefisso0942
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT083074
Cod. catastaleH455
TargaME
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantiroccellesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roccella Valdemone
Roccella Valdemone
Roccella Valdemone – Mappa
Posizione del comune di Roccella Valdemone all'interno della città metropolitana di Messina
Sito istituzionale

Roccella Valdemone (Ruccedda Vaddemuni in siciliano) è un comune italiano di 714 abitanti della Città metropolitana di Messina in Sicilia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente chiamata Auricella e Rocchella (dal latino medievale Roccella, piccola rocca), Roccella Mediterranea (anno 1676), quindi Roccella di Randazzo e infine Roccella Valdemone.

Il nome "Valdemone" ha origine da una delle tre circoscrizioni amministrative in cui gli Arabi suddivisero la Sicilia, ossia il Vallo di Demenna, che a sua volta discende dal latino Vallum (vallo).

Il ritrovamento in territori vicini a Roccella, di monete greco-romane[3] fa supporre la presenza di antichi insediamenti umani.

A monte dell'odierno abitato, nella valle del torrente Pillera, già sin dal 1112 esisteva il cenobio di San Nicolò di Pillera (anche Pallera), elencato come uno dei trentotto monasteri dipendenti dall'Archimandrita del SS. Salvatore di Messina e del quale non si sa nulla di certo prima di tale data. È molto probabile il collegamento tra il predetto cenobio e lo sviluppo urbano dell'attuale abitato. Nel periodo normanno la popolazione si avvicina stabilizzandosi attorno al castello, che diventa un centro strategico difficilmente espugnabile. La baronia di Roccella a quell'epoca risulta costituita da sette feudi e mezzo, offerti ai Baroni come ricompensa per servizi militari resi. Regnando Federico II d'Aragona nel 1296 Damiano Spadafora risulta barone di Roccella in forza di un antico possesso e non per una nuova regia concessione. La baronia diviene marchesato con Michele Spadafora, primo marchese con esecutorio dato in Palermo il 23 giugno 1579[4][5]. Con vendite del 15 febbraio 1628 ed 8 marzo 1631 il marchese di Roccella Francesco Spatafora trasferisce i feudi di S. Domenica, lo Porritto, Pozzoleo e Juncarà con tenuta Villano a Sebastiano Pagano, venendo così a strutturarsi una distinta signoria con vocazione autonomistica.[6] Lo stemma degli Spadafora, composto dal braccio destro armato di spada, tutt'oggi è raffigurato nel gonfalone comunale.[7]

Nel paese ancor oggi è viva la suddivisione in quartieri che da epoca remota hanno segnato il centro urbano: Baglittu, Tingituria, Chiazza, Santamaria, Cruci e Stratuni. Una vasta frana a nord-ovest del paese, innescatasi intorno al 1955 subito dopo dell'avvio dei lavori per la costruzione della strada rotabile Roccella - Polverello, ha completamente travolto e distrutto tutto il quartiere Tingituria. Il territorio comunale che occupa quasi per intero il bacino imbrifero del torrente Roccella, con esclusione dell'areale del Bosco di Malabotta appartenuto da epoca remota al Comune di Montalbano Elicona, comprende le seguenti contrade: a nord Cassanita, Masinaro, Nocerazzo, Perino, Pillera e Revocato; a sud Bonvassallo (in cui a differenza delle altre esiste ancora la borgata), Germanà, Pecoraro, S. Giovanni; a est Daniele; a ovest Pietrorizzo, Lanzarite.

Gli Spadafora (anticamente Spatafora) ne mantennero il possesso per vari secoli (con la dominazione alterna di Ruggiero Lauria, Bonaiuto o Bonamico Mangiante, Corrado De Castellis, Famiglia Gioeni, Francesco ed Ercole Statella)[8] fino al 1812 quando, mentre il paese era sotto la giurisdizione del marchese Domenico Spadafora Colonna ultimo feudatario della famiglia, il parlamento del Regno delle due Sicile abolì il feudalesimo.

Nel 1812 anche la borgata di Santa Domenica Vittoria cresciuta consistentemente per numero di abitanti fu unita, come sotto-comune a Roccella Valdemone. Soltanto nel 1856 Santa Domenica riuscì a diventare autonomo (Cortesemente è utile citare la fonte di questo comma).

La borgata di Santa Domenica Vittoria viene separata dal Comune di Roccella Valdemone con Risoluzione Sovrana del 27 febbraio 1845[9]. Alla fine dell'Ottocento l'Arcivescovo di Messina Giuseppe Guarino, accogliendo le richieste di molti fedeli, decretava per la chiesa di Santa Domenica Vittoria in data 18 novembre 1890 l'erezione a parrocchia autonoma separata dall'Arcipretura di San Nicolò di Bari, intitolandola a Sant'Antonio Abate[9].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa più importante del paese è il duomo dedicato al santo patrono Nicolò di Bari. L'edificio ubicato nella piazza principale è stato costruito nel 1625 e viene chiamato "A Matrici". L'interno è di stile romanico: tre navate con transetto, tre absidi rettangolari, dodici colonne monolitiche in pietra arenaria e con capitelli corinzi, soffitto ligneo. Nell'abside destra è conservata un'ancona marmorea raffigurante la Natività di Gesù, con ai lati le statue di Giovanni Battista e Nicolò di Bari. L'opera commissionata dal barone Giovanni Michele Spadafora nel 1526 ad Antonello Gagini, fu eseguita in gran parte dallo stesso, ma venne completata dal figlio Giacomo e consegnata a Roccella nell'aprile del 1540. Otto pregevoli tele di ignoti autori impreziosiscono le navate laterali della Matrice: san Pasquale Baylon, la gloria della Compagnia di Gesù, i santi Cosma e Damiano, l'Angelo custode, l'Annunciazione dell'Angelo a Maria Vergine, Maria Porta Coeli, le anime del Purgatorio ed il Battesimo di Gesù nel fiume Giordano.

Altra chiesa è quella dedicata a Maria dell'Udienza e verosimilmente costruita dagli Spadafora. In essa si venera una bella statua marmorea dedicata a Maria Santissima dell'Udienza che tiene in braccio Gesù Bambino. Il basamento marmoreo della statua risulta staccato e conservato in altro sito. Frontalmente sulla base è riprodotta la Dormitio Virginis, quale sigla che conferma l'attribuzione dell'opera ad Antonello Gagini, lateralmente sono scolpiti i blasoni della committenza. Davanti al letto della Madonna, seduto per terra: l'ebreo anchilosato, così come si osserva in tante altre opere cinquecentesche. Nella torre campanaria di stile arabeggiante si conserva un orologio meccanico con contrappesi in pietra. Un vano fra la torre campanaria e la sagrestia, senza alcun accesso, è ricolmo di ossa umane.

Un interessante edificio religioso, probabilmente il più antico del centro urbano, situato lungo il Corso Umberto I, attualmente adibito a saloncino parrocchiale, è la ex Chiesa di San Michele Arcangelo. Come in tutte le antiche chiese il prospetto è rivolto verso occidente. All'interno si riscontrano elementi architettonici riferibili al trecento. Un'altra navata è addossata asimmetricamente alla centrale dal lato sud. La cripta sottostante, oggi parzialmente interrata, per lungo tempo venne usata come sepoltura per gli appartenenti alla Confraternita di San Francesco d'Assisi.

Sulla cima della Rocca del Calvario, in prossimità del luogo dove in epoca medievale sorgevano le forche per impiccare i condannati a morte, sorge l'omonima chiesetta di mq 23. Al suo interno si conserva una pregevole tela di autore ignoto, raffigurante la deposizione di Gesù Cristo dalla Croce.

Di importanza storica anche il Palazzo Spadafora, in piazza Duomo di fronte alla Chiesa Matrice. Al centro del prospetto principale c'è ancora lo stemma baronale con incisa la data del 1810. Attualmente il palazzo è abitazione privata. Di fronte al predetto edificio si trova un altro palazzotto baronale, appartenuto per lungo tempo alla famiglia Puglisi (o Pugliesi). Molte superfetazioni ne hanno compromesso irreversibilmente la fisionomia originaria. L'edificio a pianta quadrata, aveva un elegante accesso principale da Piazza Duomo ed uno secondario di servizio da Piazza Risicato, da dove si accedeva al "bagliu" (corte) interno.

Nella parte più bassa di Via Margherita, in adiacenza delle antiche carceri, è possibile ancora vedere i resti di una abitazione signorile datata 1536, con gli stipiti in pietra arenaria finemente scolpiti di un balcone. Dell'antico castello baronale, costruito su uno sperone roccioso di fronte alla Rocca Grande oggi non esiste più nulla.

Luoghi naturalistici[modifica | modifica wikitesto]

A poca distanza da Roccella si possono trovare diversi siti naturalistici:

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Una delle informazioni più remote sulla demografia ce la fornisce Vito Amico nel suo Lexicon T. S. del 1757. Egli ci fa sapere che sotto Carlo V (1516-1556) si contavano 213 famiglie.[10] Per il periodo che precede l'unità d'Italia, allorquando iniziano regolari censimenti della popolazione, si riportano i seguenti appunti di demografia trovati presso vari autori.

ANNO Numero abitanti a Roccella Numero abitanti a S. Domenica Fonte notizia Osservazioni
1595 1137 Vito Amico[10]
1650 1486 Vito Amico[10]
1705 1460 = ( 1400 + 60 ) 60 Liber Baptizatorum[11]
1713 1252 Vito Amico[10]
1725 1451 = ( 1326 + 125 ) 125 Liber Baptizatorum[12]
1727 1510 = ( 1380 + 130 ) 130 Liber Baptizatorum[12]
1731 1486 = ( 1357 + 129 ) 129 Liber Baptizatorum[12]
1757 1393 Vito Amico[10]
1798 2550 Vito Amico[13] idem De Ciocchis[14]
1831 2474 De Ciocchis[14] Invece su V. Amico[13]si trova abitanti n. 2174
1838 2642 Painiana[15]
1839 2647 Painiana[15]
1840 2640 Painiana[15]
1850 2820 Luigi Genovese[16]
1852 2915 Vito Amico[13]
1854 2944 Vito Amico[13] idem Luigi Genovese[16]

Per quanto concerne il periodo successivo all'unità d'Italia è agevole la lettura del grafico elaborato coi dati forniti dall'ISTAT

Abitanti censiti[17]

In questo secondo periodo però non si riscontrano più i massimi di densità abitativa verificatisi nel paese a metà dell'Ottocento.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 giugno 1983 23 giugno 1988 Salvatore Borrello Democrazia Cristiana Sindaco [18]
24 giugno 1988 8 novembre 1991 Salvatore Borrello Democrazia Cristiana Sindaco [18]
15 novembre 1991 8 giugno 1993 Salvatore Pagano Democrazia Cristiana Sindaco [18]
8 giugno 1993 1º dicembre 1997 Giuseppe Interdonato - Sindaco [18]
1º dicembre 1997 28 maggio 2002 Giuseppe Interdonato lista civica Sindaco [18]
28 maggio 2002 15 maggio 2007 Giuseppe Spartà lista civica Sindaco [18]
14 maggio 2007 7 maggio 2012 Giuseppe Spartà lista civica Sindaco [18]
7 maggio 2012 11 giugno 2017 Antonino Pillera Sindaco [18]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Roccella Valdemone fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.3 (Alto Fantina e Alto Mela)[19].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Istat 2011, su istat.it. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2011.
  3. ^ Luigi Genovese Camarda, su Roccella Valdemone, Tipografia del Reale Ospizio di Beneficenza, p. 11.
  4. ^ Gaetano Vecchio, Roccella Valdemone "che paese è?", in ristampa, 2001, p. 76.
  5. ^ Pio Giardina, Cenni storici su S. Domenica Vittoria, p. 31.
  6. ^ Pio Giardina, Cenni storici su S. Domenica Vittoria, Scuola Tipografica Antoniana, p. 20.
  7. ^ Decreto del Presidente della Repubblica, di concessione dello stemma e del gonfalone comunale, in data 10 febbraio 1986.
  8. ^ Gaetano Vecchio, Roccella Valdemone che paese è?, La grafica editoriale, p. 89.
  9. ^ a b Pio Giardina, Cenni storici su S. Domenica Vittoria, Scuola Tipografica Antoniana, p. 39.
  10. ^ a b c d e Vito Amico, Lexicon topographicum Siculum -1757- tradotto dal latino ed annotato da Gioacchino Di Marzo - Volume II, Tipografia di Pietro Morvillo, p. 434.
  11. ^ Archivio Arcipretura Roccella Valdemone, Liber Baptizatorum, in anni dal 1687 al 1713.
  12. ^ a b c Archivio Arcipretura di Roccella Valdemone, Liber baptizatorum, in anni dal 1714 al 1737.
  13. ^ a b c d Vito Amico, Lexicon topographicum Siculum -1757- tradotto dal latino ed annotato da Gioacchino Di Marzo - Vol. II, Tipografia di Pietro Morvillo, p. 435 in Nota.
  14. ^ a b Giovanni Angelo De Ciocchis, Sacrae Regiae visitationes per Siciliam, Palermo - 1836.
  15. ^ a b c Movimenti della popolazione siciliana, in Biblioteca Painiana di Messina, coll. 53-2-34 (6).
  16. ^ a b Luigi Genovese Camarda, su Roccella Valdemone, Tipografia del Reale Ospizio di Beneficenza, p. 44.
  17. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  18. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  19. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 21 maggio 2014.

Bibliografia:

1) Luigi Genovese Camarda - Su Roccella Valdemone - Catania 1855 e ristampa anastatica 2001

2) Paolo Savoca - Amministrazione Comunale di Roccella Valdemone, breve relazione letta al consiglio nella tornata del 18 giugno 1893 - Messina 1893

3) Pio Giardina - Cenni storici su S. Domenica Vittoria - Messina 1942

4) Gaetano Vecchio - Roccella Valdemone "che paese è?" - Messina 1987 e ristampa 2001

5) Basilio Paparo - Vita politica e amministrativa a Roccella Valdemone dopo il fascismo (1943-1962) - Messina 1991

6) Scuola Materna, Elementare e Media di Roccella V. - Storia, Cultura, Tradizioni Roccella Valdemone - anno sc. 1998/1999 - Randazzo

7) Gaetano Cannuli - Roccella Valdemone - alla ricerca delle origini, dialetto, mestieri, luoghi d'una volta - S. Teresa di Riva (ME) 2001

8) Salvuccio Borrello - "A Matrici" - Messina 2002

9) Antonino La Manna - Roccella Valdemone (Un atomo di cielo sulla terra) - Patti 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia