Falcone (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Falcone
comune
Falcone – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitana Provincia di Messina-Stemma.png Messina
Amministrazione
Sindaco Carmelo Paratore dal 06/2016
Territorio
Coordinate 38°07′N 15°05′E / 38.116667°N 15.083333°E38.116667; 15.083333 (Falcone)Coordinate: 38°07′N 15°05′E / 38.116667°N 15.083333°E38.116667; 15.083333 (Falcone)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 9,34[1] km²
Abitanti 2 926[2] (30-11-2011)
Densità 313,28 ab./km²
Frazioni Belvedere, Sant'Anna
Comuni confinanti Furnari, Montalbano Elicona, Oliveri, Tripi
Altre informazioni
Cod. postale 98060
Prefisso 0941
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 083019
Cod. catastale D474
Targa ME
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti falconesi
Patrono San Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Falcone
Falcone
Falcone – Mappa
Posizione del comune di Falcone all'interno della città metropolitana di Messina
Sito istituzionale

Falcone (Faccuni in siciliano[3]) è un comune italiano di 2 926 abitanti della Città metropolitana di Messina in Sicilia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situato tra capo Tindari e il promontorio di Milazzo, il comune di Falcone si affaccia sul Tirreno a nord ed ha come sfondo a sud la Rocca di Novara, a sua volta posta nella zona di confine tra i monti Nebrodi e Peloritani. Il territorio si presenta pianeggiante a nord e collinare a sud, dove si erge il monte Giglione a sovrastare tutto il territorio. Confina a sud con i comuni di Montalbano Elicona e di Tripi, a est con quello di Furnari, dal quale è separato dal torrente "Arancia" e ad ovest con Oliveri dal quale è separato dal torrente "Elicona". Sempre ad est è attraversato da un altro piccolo torrente chiamato "Felice". L'area pianeggiante è occupata dal centro urbano che si sviluppa in direzione est-ovest lungo la SS.113, proprio ad ovest inizia la frazione di Sant'Anna divisa in due dalla stessa SS.113 e dall'Autostrada A20. Risalendo in direzione sud troviamo la frazione di Belvedere che si estende fino al confine con il comune di Tripi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Non si hanno notizie specifiche di Falcone nell'antichità, ma il ritrovamento di una necropoli preistorica, risalente al III millennio a.C. nei pressi della contrada “Giglione”, rende evidente il fatto che il territorio sia stato abitato in epoche remote. Si suppone che la sua fondazione risalga, così come quella di Oliveri, alla distruzione della città di Tindari. Del resto la contrada di Falcone e il feudo di Oliveri appartennero sempre ad unico proprietario. Ad ulteriore riprova di questo risulta che fino al 1857 il feudo di Falcone apparteneva al comune di Oliveri: nel 1854 il villaggio di Falcone con circa 200 abitanti sarebbe dovuto passare sotto il controllo amministrativo del comune di Furnari, ma l'avversione del comune di Casale Nuovo, l'odierna Basicò, e le richieste del comune di Oliveri per evitare l'elevamento a comune del territorio di Falcone portarono, di fatto, tre anni più tardi alla scissione dal comune di Oliveri e alla formazione di un comune autonomo. Falcone rimase comunque legato a Furnari come diocesi fino al 1906, anno in cui venne costruita la chiesa madre in onore di San Giovanni Battista. Fino alla prima metà dell'Ottocento gran parte della popolazione risiedeva nella frazione di Casino, oggi chiamata Belvedere: qui esisteva una fortezza risalente agli anni 1038 - 1043 in seguito adibita a carcere del Castello di Oliveri. Ad oggi è ancora possibile vedere i resti delle mura perimetrali e del pozzo al centro del cortile interno. In seguito allo sviluppo della pesca iniziò il popolamento dell'attuale centro abitato che occupa l'area pianeggiante del territorio. Oltre alla già citata chiesa madre di San Giovanni Battista, esistono altre due chiese: quella della SS. Immacolata Concezione, risalente al 1850, nella frazione di Belvedere, e la piccola chiesa di Sant'Antonio sempre a Falcone.

Nel corso del Novecento Falcone vide ampliare le infrastrutture del suo territorio: alla già esistente stazione ferroviaria, si affianca lo svincolo autostradale dell'A20 Palermo-Messina nei pressi della frazione Sant'Anna e in più dal raddoppio della stessa linea ferroviaria che tuttavia non prevede nuove fermate all'interno del territorio comunale.

Falcone è stato colpito in diverse occasioni da calamità naturali di una certa importanza: a cominciare dalle alluvioni degli anni venti e degli anni sessanta, causate dalla rottura degli argini del fiume Elicona, chiamato anche Oliveri. In seguito si ebbe il terremoto del 1978 che danneggiò parte del centro abitato ed infine l'alluvione del dicembre 2008[4], causata dallo straripamento del torrente Felice. Quest'ultima ha compromesso notevolmente la debole economia locale, infatti tonnellate di fango di sono riversate nel centro cittadino e nella parte a ridosso del Monte Giglione della frazione di Sant'Anna.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 24 giugno festa di San Giovanni Battista
  • Il 26 luglio festa di Sant'Anna (frazione Sant'Anna).
  • La prima domenica di agosto festa dell'Immacolata (frazione di Belvedere)
  • Ultimo giovedì di ottobre fiera del bestiame, la domenica seguente viene celebrata la festa del Santo Patrono San Giovanni Battista.
  • L'8 dicembre Festa della SS. Immacolata Concezione (frazione Belvedere)
  • Il suggestivo Presepe Vivente a cura dell'Associazione Leradicidelcuore - Oratorio "Aldo Palmisciano" (frazione Belvedere)
  • Infiorata in occasione del Corpus Domini a cura dell'Associazione Leradicidelcuore - Oratorio "Aldo Palmisciano"

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il settore economico prevalente è quello agricolo, soprattutto la produzione di vino e di olio nella zona collinare, alla quale si affianca il settore floro-vivaistico dell'area pianeggiante. Altra attività è quella artigianale concentrata nelle aree industriali del comune. La pesca è ormai una attività modesta, come nel resto della Sicilia.

Merita una nota a parte il turismo. Sebbene il territorio sia affacciato sul Tirreno e disponga di un vasto lungomare con vista sulle isole Eolie, il settore turistico stenta a decollare. In più anche se nel territorio circostante sono presenti notevoli attrattive paesaggistiche (Laghetti di Marinello, Parco dei Nebrodi, etc.), anche di tipo archeologico (Rovine di Tindari, Rovine di Abacano, etc.) facilmente raggiungibili da Falcone, risulta una quasi totale assenza di strutture organizzative per turisti che vogliano visitare le bellezze del territorio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 giugno 1857 18 giugno 1860 Don Rocco Cattaneo Sindaco
19 giugno 1860 18 giugno 1870 Don Antonino Conti Sindaco
19 giugno 1870 15 gennaio 1874 Marco Ponzio Sindaco
16 gennaio 1874 25 ottobre 1882 Vincenzo Parlavecchio Sindaco
26 ottobre 1882 13 settembre 1883 Giuseppe Arena Sindaco
14 settembre 1883 2 maggio 1889 Marco Ponzio Sindaco
3 maggio 1889 12 giugno 1889 Vincenzo Parlavecchio Sindaco
13 giugno 1889 2 aprile 1902 Antonino Chiofalo Sindaco
3 aprile 1902 31 luglio 1926 Francesco Parlavecchio Sindaco
1º agosto 1926 14 settembre 1937 Rossi Podestà
15 settembre 1937 12 settembre 1939 Ponzio Sindaco
13 settembre 1939 27 febbraio 1941 Salvatore Piccolo Commissario Prefettizio
28 febbraio 1941 29 agosto 1943 Giovanni Raffa Commissario Prefettizio
30 agosto 1943 19 giugno 1944 Carmelo Alosi Sindaco
1944 1948 Rosario Micari Sindaco
1948 1950 Cesare Trifilò Sindaco
1950 1952 Giuseppe Millemaci Sindaco
1952 1954 Antonino Barone Sindaco
1954 5 aprile 1968 Francesco Giuseppe Salpietro Sindaco
6 aprile 1968 6 ottobre 1968 Gioacchino Imbesi Sindaco
7 ottobre 1968 9 ottobre 1968 Paolino Barone Commissario Reggente
10 ottobre 1968 9 aprile 1969 Ludovico Salpietro Commissario Straordinario
10 aprile 1969 9 ottobre 1969 Antonino Mazzeo Sindaco
10 ottobre 1969 9 gennaio 1970 Gioacchino Imbesi Sindaco
10 gennaio 1970 9 luglio 1978 Rosario Calabrese Sindaco
10 luglio 1978 20 giugno 1979 Nicolò Scialabba Commissario Reggente
21 giugno 1979 25 giugno 1982 Rosario Calabrese Sindaco
26 giugno 1982 26 giugno 1983 Onofrio Zaccone Commissario Reggente
27 giugno 1983 15 giugno 1988 Carmelo Pirri Sindaco
16 giugno 1988 22 giugno 1993 Andrea Paratore Sindaco
23 giugno 1993 30 novembre 1997 Salvatore Chiofalo Sindaco
1º dicembre 1997 Franco Campagna Sindaco
26 novembre 2000 Salvatore Rocca Commissario Reggente
27 novembre 2000 11 giugno 2006 Salvatore Chiofalo Sindaco
12 giugno 2006 5 giugno 2016 Santi Cirella Sindaco
6 giugno 2016 in carica Carmelo Paratore Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Falcone fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.9 (Colline litoranee di Milazzo)[6].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Lo sport principale è il calcio. In passato a Falcone sono arrivate a coesistere ben 3 squadre diverse: l'ACR Falcone, il Nuovo Falcone 90 e la Polisportiva Audax.Grazie alla riforma dei campionati dilettantistici degli anni novanta l'ACR Falcone viene ammesso al campionato di Promozione, che è divenuto il campionato di secondo livello regionale, dove rimane fino alla stagione 1994-95. Ad oggi nessuna formazione ha mai disputato un torneo di massimo livello regionale, quello che attualmente viene denominato Campionato di Eccellenza Regionale. Il Nuovo Falcone, dopo alterne vicende che lo hanno portato a competere nei campionati di I e di II categoria ed a vincere nel 1996 la Coppa Trinacria, nella stagione 2008-09 ottiene il passaggio al campionato di Promozione. Dopo aver disputato la sua prima stagione in Promozione, cede il suo titolo sportivo all'ASD Atletico Igea (squadra sorta dalle ceneri dell'Igea Virtus Barcellona) che prenderà parte proprio al campionato di Promozione Siciliana 2010-11. Il Pro Falcone ha disputato il suo primo campionato nella stagione 2009-2010 nella Terza Categoria, arrivando secondo e perdendo la finale dei play off. La stagione successiva ha ottenuto la promozione in Seconda Categoria[7].

Altri sport abbastanza praticati sono il ciclismo presente nel comune di Falcone con la "Società Ciclistica Cambria" erede della "Società Ciclistica Cirella" ed il pugilato grazie alla presenza della "Pugilistica Saporito".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Istat 2011, istat.it. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2011.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 265.
  4. ^ Video su YouTube dell'alluvione, youtube.com.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 22 maggio 2014.
  7. ^ Terza Categoria Gir.B

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cronache Furnaresi (1820 -1860), Lorenzo Chiofalo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia