Eccellenza Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il campionato di Eccellenza Siciliano si divide in due gironi, composti solitamente su base geografica in base alla divisione est-ovest. Il numero di squadre è variato in diverse occasioni, ma la maggior parte delle volte si è attestato a 32 unità, equamente divise tra i due gironi. La vincente di ogni girone viene promossa in Serie D. Un'altra squadra per ogni girone partecipa agli spareggi nazionali e può così concorrere all'assegnazione di ulteriori 7 posti per la Serie D, dal 2000-2001 questa squadra viene individuata tramite play-off. All'anno precedente risale invece l'introduzione dei play-out per non retrocedere. Il numero di retrocessioni è variato diverse volte negli anni. Dalla stagione 2011-2012 la disputa di play-off e play-out è diventata eventuale, condizionata dall'entità dei distacchi in classifica.

Stagione attuale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Eccellenza Sicilia 2015-2016.

Per la stagione 2015-16, fra le squadre aventi diritto a partecipare al torneo non si sono iscritte Ribera, Paternò, San Giovanni Gemini e Tiger Brolo, quest'ultima proveniente dalla Serie D. Lo Scordia è stato ripescato nella categoria superiore. Dalla Promozione sei squadre sono state promosse al termine della stagione regolare: CUS Palermo, Gela, Raffadali, Rocca di Capri Leone, Sicula Leonzio e Sporting Taormina. A queste si aggiungono la Libertas Racalmuto, finalista della Coppa Italia di categoria contro il già promosso CUS Palermo, e le ripescate Atletico Catania, Folgore Selinunte, Forza Calcio Messina, Kamarat, Palazzolo e Troina. Infine la Castelbuonese, a seguito di una fusione con un'altra squadra cittadina, ha cambiato nome in Polisportiva Castelbuono.

Per ogni girone, la prima classificata viene promossa direttamente in Serie D, dalla seconda alla quinta disputano gli eventuali play-off. Le ultime due classificate retrocedono direttamente in Promozione, mentre dall'undicesima alla quattordicesima disputano gli eventuali Play-out.

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sono 160 le squadre ad aver partecipato ad almeno una delle 25 edizioni del campionato di Eccellenza in Sicilia. In grassetto quelle che partecipano all'edizione 2015-2016.

  • 17: Alcamo,
  • 16: Pro Favara, Villabate[1]
  • 15: Aci Sant'Antonio, Akragas, Folgore Selinunte[2], Orlandina, Sancataldese, San Giovanni Gemini, Trecastagni
  • 14: Giarre, Mazara, Misterbianco[3], Salemi, Viagrande[4]
  • 13: Due Torri, Nissa, Modica, Villafranca Tirrena[5]
  • 12: Licata, Leonzio, Paternò, Rosolini
  • 11: Camaro, Comiso, Enna, Sant'Agata, Taormina[6], Valderice
  • 10: Caltagirone[7], Kamarat, Vittoria
  • 9: Belpasso, Cephaledium, Panormus, Raffadali
  • 8: Lipari, Palazzolo, Parmonval, Scordia[8], Spadaforese, Termitana
  • 7: Bagheria, Carini, Siracusa
  • 6: Acicatena, Acireale, Gattopardo Palma, Marsala[9], Paceco, Riviera Marmi Custonaci
  • 5: Atletico Campofranco, Empedoclina, Gravina, Grotte, Libertas Palestro, Milazzo, Palagonia[10], Ribera, Riposto[11]
  • 4: Adrano[12], Atletico Catania, Campobello di Mazara, Canicattini, Castellammare, Mascalucia, A.C.R. Messina, Monreale[13], Partinicaudace, Ragusa, Real Messina, Scicli, Tortorici, Trapani
  • 3: Caccamo, Catenanuova, Cianciana, Cinisi, Città di Messina, Fincantieri Palermo, Juventina Gela, Igea Virtus Barcellona, Marsala 1970, Mazzarrà, Misilmeri, Nuova Plutia, Pachino, Patti, Petrosino, Pro Nissa, Real Avola, Catania San Pio X, Sciacca, Città di Terrasini[14], Tiger Brolo[15], Trinacria Gela
  • 2: Aragona, Augusta, Barcellona, Biancavilla, Campobello di Licata, Canicattì, Castelbuono[16], Città di Casteldaccia, Castiglione, Dattilo Noir, Favara, Gangi, Leonfortese, Lercara, Mazara 2000, Menfi, A.S. Messina, Mussomeli, Nuova Aquila Grammichele, Peloro, Pozzallo, Rocca di Capri Leone, San Gregorio, Serradifalco, Spar, Torregrotta, Città di Trapani, Virtus Catania
  • 1: F.C. Acireale, Agrigento, Atletico Gela, Atletico Pro Mende, Atletico Tremestieri, Barrese, Capo d'Orlando, Catania, CUS Palermo, Don Bosco Partinico, Elenka Tommaso Natale, Forza Calcio Messina, Gela, Giarratana, Libertas Racalmuto, Mazarese, Monforte, Noto, Novara, Nuova Igea, Palermitana, Palermolympia, Real Madonna, Riesi, Rometta, San Sebastiano, Santa Chiara Giostra, Santa Croce, Santa Sofia Licata, Sporting Arenella, Ten. Titi Consiglio Terrasini, Trabia, Troina, Unione Fiumefreddo, Valguarnera, Villafrati

La più lunga serie di partecipazioni consecutive, 14 tornei, è detenuta a pari merito dal Salemi (dal 1991-1992 al 2004-2005) e dall'Akragas (dal 1999-2000 al 2012-2013).

La sequenza più lunga attualmente aperta è invece del Kamarat, dieci partecipazioni a partire dal 2006-2007.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre vincitrici dei due gironi dal 1991-1992

Stagione Girone A Girone B Promosse ai
Play-off nazionali
Ripescate
e altre promosse
1991-92 Vittoria Vittoria 600px Verde e Nero.png Partinicaudace
1992-93 Milazzo Milazzo Bagheria Bagheria
1993-94 600px Bianco e Verde (Strisce).png Gravina Canicatti Canicattì Juventina Gela Juventina Gela[17]
Catania[17]
Sciacca Sciacca[17]
Alcamo Alcamo[17]
1994-95 Nissa Nissa Caltagirone Caltagirone Sancataldese Sancataldese
1995-96 Orlandina Orlandina Rosso con Croce Gialla.svg Peloro Bianco e Nero.svg Patti
1996-97 Mazara Mazara Vittoria Vittoria
1997-98 Agrigento Agrigento Siracusa
1998-99 Gattopardo Gattopardo Caltagirone Caltagirone
1999-00 Panormus Panormus[18] Paternò Cephaledium Cephaledium[18]
Orlandina Orlandina[19]
2000-01 Pro Favara Pro Favara Belpasso Belpasso
2001-02 Marsala Marsala Bianco e Azzurro.svg Misterbianco[20] Siracusa[17]
Trapani[17]
2002-03 Fincantieri Palermo Fincantieri Palermo Modica Modica 600px Celeste e Bianco (Strisce).png Adernò
2003-04 Folgore Castelvetrano Folgore Castelvetrano Giarre Giarre Alcamo Alcamo
2004-05 600px Giallo e Blu.svg Campobello M. Comiso Comiso
2005-06 Paternò Licata Licata Acicatena Acicatena
2006-07 Alcamo Alcamo[21] Rosso e Blu (Strisce).png Libertas Acate-Modica
2007-08 Nissa Nissa Castiglione Castiglione Trapani
Palazzolo Palazzolo
2008-09 Mazara Mazara Milazzo Milazzo
2009-10 Marsala Marsala Acireale Noto Noto[17]
2010-11 Licata Licata Palazzolo Palazzolo 600px Celeste e Bianco (Strisce).png Biancadrano[17]
2011-12 Ribera Ribera Ragusa Ragusa Citta di Messina Città di Messina
2012-13 Akragas Orlandina Orlandina Due Torri[17]
2013-14 Leonfortese Leonfortese Tiger Brolo Tiger Brolo
2014-15 Marsala Marsala Siracusa Scordia Scordia[17]
2015-16

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sono incluse le stagioni disputate col nome Splendore Villabate
  2. ^ Sono incluse le stagioni disputate col nome Folgore Castelvetrano
  3. ^ Sono incluse le stagioni disputate con i nomi Sporting Misterbianco ed Universal Misterbianco
  4. ^ Sono incluse le stagioni disputate con i nomi Aurora Viagrande e Sporting Viagrande
  5. ^ Sono incluse le stagioni disputate col nome Atletico Villafranca
  6. ^ Inclusa la stagione dello Sporting Taormina
  7. ^ Sono incluse le stagione disputate col nome Aquila Caltagirone
  8. ^ Sono incluse le stagioni disputate col nome Gymnica Scordia
  9. ^ Sono incluse le stagioni del Marsala 2000
  10. ^ Sono incluse le stagioni disputate col nome Sporting Palagonia
  11. ^ Sono incluse le stagioni disputate col nome Atletico Riposto
  12. ^ Sono incluse le stagioni disputate con i nomi Adernò e Biancadrano
  13. ^ Sono incluse le stagioni disputate col nome Audace Monreale
  14. ^ Sono incluse le stagioni disputate col nome Aquila Terrasini
  15. ^ Inclusa la stagione disputata col nome Piana di Brolo
  16. ^ Inclusa la stagione disputata col nome Castelbuonese
  17. ^ a b c d e f g h i j Ripescata
  18. ^ a b In un primo momento la giustizia sportiva aveva promosso la Cephaledium, seconda classificata, per un presunto illecito sportivo dei palermitani. In seguito la Panormus fu riammessa in serie D, ma a campionato iniziato, costringendola a giocare il mercoledì.
  19. ^ Promossa perché vincitrice della Coppa Italia Dilettanti
  20. ^ A fine stagione trasferisce il titolo a Lentini
  21. ^ Non ammessa al successivo campionato di serie D per inadempienze finanziarie

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]