Eccellenza Campania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eccellenza Campania
Sport Football pictogram.svg Calcio
Tipo Club
Federazione FIGC
Paese Italia Italia
Organizzatore LND - Comitato Regionale Campania
Apertura settembre
Chiusura maggio
Partecipanti 32 squadre in 2 gironi
Formula Gironi all'italiana, playoff e playout
Promozione in Serie D
Retrocessione in Promozione
Sito Internet Sito ufficiale
Storia
Fondazione 1991
Detentore Turris Turris
Gragnano Gragnano
Edizione in corso Eccellenza Campania 2015-2016

L'Eccellenza Campania è un torneo che si disputa a livello regionale e rappresenta il quinto livello del campionato italiano di calcio.

È la categoria maggiore per ciò che riguarda i campionati organizzati dal Comitato Regionale Campania della Lega Nazionale Dilettanti.

Il campionato venne istituito nel 1991, a seguito della riforma nazionale dei campionati dilettanti, andando così a sostituire come importanza quello di Promozione Campania, che venne declassato.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Sono iscritte alla competizione trentadue squadre divise in due gironi da 16 squadre.

Una partita di Eccellenza Campania.

Le compagini disputano un torneo articolato in un girone di andata che va, solitamente, da settembre a dicembre ed un girone di ritorno che si protrae da gennaio ad aprile: sono assegnati tre punti per la vittoria (fino al 1994-1995 due) e un punto per il pareggio. Nel caso in cui si verifichino le condizioni necessarie, il campionato di Eccellenza Campania prevede inoltre la disputa di play-off e play-out che vengono disputati a maggio. Le partite della stagione regolare sono disputate solitamente la domenica, con anticipi al sabato.

Il regolamento attuale prevede la promozione in Serie D di un numero di squadre che varia da un minimo di due ad un massimo di quattro: la prima classificata di ciascun girone accede direttamente alla categoria superiore, mentre sono previsti dei play-off (prima a livello di girone, poi a livello nazionale) per le quattro squadre classificatesi dalla seconda alla quinta posizione.

Sono previste sei retrocessioni in Promozione: l'ultima classificata di ciascun girone retrocede direttamente alla categoria inferiore, mentre vengono disputati dei play-out di girone per designare le rimanenti quattro squadre (due per girone).

Tuttavia, il meccanismo delle promozioni e delle retrocessioni è un sistema flessibile, in quanto influenzato dal numero di squadre campane retrocesse dalla Serie D: nel caso in cui il numero di tali squadre retrocesse differisca dal numero di squadre promosse nella stessa serie, sono possibili differenti soluzioni come le riammissioni o l'aumento del numero di squadre retrocesse in Promozione.

In caso di arrivo in parità, per determinare il piazzamento nella classifica finale si tiene conto dei seguenti criteri:

  1. Spareggio (solo nel caso della determinazione della prima classificata, tra due società);
  2. Punti conseguiti negli incontri diretti;
  3. Differenza reti dei confronti diretti;
  4. Differenza reti globale;
  5. Maggior numero di gol segnati;
  6. Sorteggio.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Sono 191 i club[1] che hanno preso parte alle 25 edizioni del campionato di Eccellenza Campania giocate dal 1991-1992 al 2015-2016 (della quale si riportano in grassetto le squadre militanti).

  • 16 volte: Gelbison
  • 13 volte: San Giorgio a Cremano
  • 12 volte: Quarto
  • 5 volte: Battipagliese, Boscoreale, Forio[17], Giorgio Ferrini Benevento, Grotta, Massa Lubrense, Melito, Puteolana 1909, Riop Sangiuseppese, U.S. Scafatese[18], Serino, Sorrento, Teoreo
  • 3 volte: Acerrana, Barrese Ester, Bertoni, Boscotrecase, Camaldoli, Campania Ponticelli, Casertana[21], Fiamma Sangiovannese, Forza e Coraggio Benevento, Giovani Lauro[22], La Baronia, Maiori, Mariglianese, Mondragonese, Montella, Montesarchio, Ortese, Ottaviano, Ponte, Sant'Agnello, Torrecuso, Turris, Virtus Baia, Virtus Pompei
  • 2 volte: Altavilla Silentina, Atletico Casalnuovo, Atletico Vesuvio, Audax Salerno, Casoria, Cilento, Città di Angri, CTL Campania, El Brazil Napoli, G. Carotenuto, Giovani Recale, Hermes Casagiove, Irpinia, Lacco Ameno, Libertas San Marco Trotti, Maddalonese, Mari, Monte Faliesi, Montemiletto, Napoli Est, Pianura, Pollese, Pomigliano[23], Pozzuoli, Progreditur Marcianise, Real Ebolitana, Real Forio/Atletico Casalnuovo, San Giorgio del Sannio, San Prisco, Sanseverinese, San Tommaso, San Vito Positano, Sarnese, Sessana/Aurunci, Valdiano, Viribus Unitis, Virtus Carano, Virtus P.P., Vis San Nicola, Vollese
  • 1 volta: Ardor, Atletico Cava, Baia 2006, Baratta, Bisaccese, Boys Partenopei, Carditese, Casapesenna, Castelvolturno, Città di Agropoli, Città di Pompei, Comprensorio Frattese, Due Principati, Gaudianum, Gregoriana, Hirpinia, Inter Sant’Agata, Miano, Mirabella Eclano, Mondragone, Montecorvino Rovella, C.S. Neapolis, Parete, Piazzese, Piedimonte, Pro Salerno, Pro Sangiuseppese, Quindicese, Real Boschese, Real Irpinia, Real Paganese[24], Real Pollese, Real Pontecagnano Faiano, Real Poseidon, Real Quadrelle, Real Trentinara, Real Volturno, Sangennarese, San Sebastiano, San Valentino, San Vitaliano, Sanzese, Serre Alburni, F.C. Sorrento/Sant'Agnello, Turris Consilina, Vallo di Diano Sassano, Vis Montefalcione, Vis Nocera Superiore

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

In grassetto le squadre promosse sul campo.

Stagione Girone A Girone B Altre Promozioni
Vincitore Ai play-off nazionali Vincitore Ai play-off nazionali
1991-1992 Gabbiano Napoli Paganese
1992-1993 Portici Nocerina
1993-1994 Boys Caivanese Comprensorio Puteolano Cavese Pro Salerno Pro Salerno[25]
1994-1995 Giugliano Terzigno Giovani Lauro Gragnano
1995-1996 Arzanese Sanità Pro Ebolitana Atripalda
1996-1997 Sant'Anastasia Boys Caivanese Angri Real Paganese
1997-1998 Viribus Unitis Saviano Sorrento N.V. Palmese
1998-1999 Pro Sangiuseppese Ottaviano Real Paganese Spigolatrice
1999-2000 Ercolano Napoli Est Scafatese Marcianise
2000-2001 Gladiator Ischia Angri Pro Ebolitana Comprensorio Nola[26]
2001-2002 Intersavoia Pomigliano Est Ariano Irpino Solofra Boys Caivanese[26]
2002-2003 Ercolano Portici Spigolatrice Mons Taurus
2003-2004 Acerrana Ischia Scafatese Solofra
2004-2005 El Brazil Cuma Alba Durazzano Sant'Agata Ebolitana Gragnano
2005-2006 Ischia Internapoli Camaldoli Sant'Antonio Abate Gragnano
2006-2007 Caserta Quarto Gelbison Gragnano Ippogrifo Sarno[27]
2007-2008 Pianura Alba Sannio Vico Equense Battipagliese
2008-2009 Casertana Atletico Nola Forza e Coraggio Striano
2009-2010 Atletico Nola Arzanese Battipagliese Ebolitana Arzanese[25]
2010-2011 CTL Campania Internapoli Camaldoli Serre Alburni Sarnese
2011-2012 Savoia Gladiator Agropoli Città de la Cava
2012-2013 Progreditur Marcianise Stasia Vico Equense Torrecuso
2013-2014 Nerostellati Frattese Quarto Virtus Scafatese Sarnese[28]
2014-2015 Turris[29] Aurunci Gragnano[30] Sant'Agnello

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In taluni casi si è tenuto conto del nome storico dei club anziché di quello ufficiale.
  2. ^ Incluse le stagioni disputate con la denominazione di Ercolanese.
  3. ^ Inclusa la stagione disputata come Vis Portici.
  4. ^ Nel conteggio sono incluse le stagioni disputate dalla società El Brazil, con le denominazioni di El Brazil Flegrea ed El Brazil Cuma, nel periodo in cui aveva spostato la propria sede a Bacoli.
  5. ^ Inclusa la stagione disputata con la denominazione di Sant'Anastasia.
  6. ^ Incluse le stagioni disputate con le denominazioni di Ariano Valle Ufita, Vis Ariano.
  7. ^ Inclusa la stagione disputata con la denominazione di Gabbiano Napoli.
  8. ^ Incluse le stagioni disputate con la denominazione di Paestum Città dei Templi.
  9. ^ Incluse le stagioni disputate con la denominazione di Alba Durazzano Sant'Agata.
  10. ^ Incluse le stagioni disputate come Pro Ebolitana.
  11. ^ Incluse le stagioni disputate come Pro Scafatese.
  12. ^ Incluse le stagioni disputate con le denominazioni di Frattese Club, Real Fratta Acer.
  13. ^ Incluse le stagioni disputate con le denominazioni di Sapri Golfo Policastro, Spigolatrice.
  14. ^ Incluse le stagioni disputate con la denominazione di Teoreo Montoro.
  15. ^ Stagioni disputate con le denominazioni di Nuova Virtus (Virtus Nola), Comprensorio Nola, Atletico Nola.
  16. ^ Nel conteggio sono incluse le stagioni disputate dalla Real Paganese a partire dal 1997-1998.
  17. ^ Incluse le stagioni disputate con la denominazione di Florigium.
  18. ^ Incluse le stagioni disputate come Virtus Scafatese.
  19. ^ Inclusa la stagione disputata come Città de la Cava.
  20. ^ Inclusa la stagione disputata come Intersavoia.
  21. ^ Incluse le stagioni disputate con le denominazioni di Rinascita Falchi Rossoblù, Caserta.
  22. ^ Inclusa la stagione disputata come Giovani Cardito.
  23. ^ Inclusa la stagione disputata come Pomigliano Est.
  24. ^ Sono escluse le stagioni 1997-1998 e 1998-1999, aggregate a quelle della Paganese.
  25. ^ a b Ripescato a completamento organici.
  26. ^ a b Vincitore della Coppa Italia Dilettanti.
  27. ^ Finalista della Coppa Italia Dilettanti.
  28. ^ In questa stagione è ufficialmente denominato Real Trentinara.
  29. ^ In questa stagione è ufficialmente denominato Miano.
  30. ^ In questa stagione è ufficialmente denominato Libertas Stabia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]