Associazione Sportiva Dilettantistica Sport Club Nissa 1962

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Nissa Football Club)
ASDSC Nissa 1962
Calcio Football pictogram.svg
Biancoscudati, Nisseni
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Giallo e Rosso con Croce Bianca.png bianco-giallo-rosso
Dati societari
Città Caltanissetta
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza
Fondazione 1931
Rifondazione 1962
Rifondazione 1992
Rifondazione 1999
Rifondazione 2013
Stadio Palmintelli
(5 000[1] posti)
Sito web www.nissasportclub.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Sport Club Nissa 1962, meglio nota come Nissa, è una società calcistica italiana con sede nella città di Caltanissetta. Milita in Eccellenza, il quinto livello del campionato italiano. Tale società è l'erede della storica squadra fondata nel 1931, che prese parte a campionati di Serie C e Serie C2. Disputa i propri incontri casalinghi allo stadio Palmintelli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Sport Club Nissa 1962.
una formazione della Nissa nel campionato di Serie C2 1983-1984.

L'inizio delle attività calcistiche agonistiche a Caltanissetta rimontano all'inizio degli anni trenta:[2] nel 1931 viene fondata l'Unione Sportiva Nissena,[3] la quale nel corso della sua attività disputerà cinque campionati, fra Prima Divisione e Serie C, a cavallo degli anni trenta e quaranta, sfiorando in due occasioni la promozione in Serie B. Uscita di scena dopo l'invasione alleata della Sicilia, sarà ricostituita nel 1947,[4] raccogliendo discreti risultati tra Serie C e Promozione fino al 1960,[5] anno della sua definitiva scomparsa dal panorama calcistico.[2]

Nel 1962 viene fondata la Nissa Sport Club,[2][5] rimasta in attività fino al 1992, la quale ha vissuto il suo apice sportivo tra il 1984 ed il 1987, anni nei quali ha militato in Serie C2. Dopo il fallimento, è stata ricostituita in due altre occasioni: nel 1992 e nel 1999, prima di fallire nuovamente nel 2013.[2][5] In questo arco temporale ha disputato prevalentemente campionati di Eccellenza e Serie D, arrivando a vincere una Coppa Italia regionale nel 1995.[2]

Nel 2013 la società Sporting Nissa, appena promossa in Seconda Categoria, si pone in continuità con la storica società,[6] cambiando la propria denominazione, l'anno seguente, in Associazione Sportiva Dilettantistica Sport Club Nissa 1962.[6]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Sport Club Nissa 1962
Partecipa alla Coppa Arpinati.
Perde lo spareggio per il titolo di campione siciliano di Terza Divisione con la Pro Bagheria.
Terzo turno eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1936-1937 - Inattiva.
  • 1937-1938 - 4° nel girone A di Prima Divisione.
  • 1938-1939 - 7° nel girone A di Prima Divisione.
  • 1939-1940 - 7º nel girone A di Prima Divisione.



  • 1960-1962 - Inattiva.
  • 1962 - Fondazione della Nissa Sport Club e affiliazione al Comitato Regionale Siciliano.
  • 1962-1963 - 1º in Seconda Categoria Sicilia. Promossa in Prima Categoria.
  • 1963-1964 - 5º nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1964-1965 - 3º nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1965-1966 - 3º nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1966-1967 - 2º nel girone A di Prima Categoria Sicilia. Ammessa in Serie D a completamento organici.
  • 1967-1968 - 6º nel girone I di Serie D.
  • 1968-1969 - 9º nel girone I di Serie D.
  • 1969-1970 - 12º nel girone I di Serie D.

  • 1970-1971 - 8º nel girone I di Serie D.
  • 1971-1972 - 14º nel girone I di Serie D. Retrocessa in Promozione.
  • 1972-1973 - 3º nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1973-1974 - 6º nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1974-1975 - 3º nel girone B di Promozione Sicilia.
  • 1975-1976 - 3º nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1976-1977 - 9º nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1977-1978 - 3º nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1978-1979 - 1º nel girone A di Promozione Sicilia. Promossa in Serie D.
  • 1979-1980 - 6º nel girone I di Serie D.

Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 1986-1987 - 17º nel girone D di Serie C2. Retrocessa nel Campionato Interregionale.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 1987-1988 - 11º nel girone M del Campionato Interregionale.
  • 1988-1989 - 18º nel girone N del Campionato Interregionale. Retrocessa in Promozione.
  • 1989-1990 - 1º nel girone A di Promozione Sicilia. Promossa nel Campionato Interregionale.

  • 1990-1991 - 4º nel girone N del Campionato Interregionale.
  • 1991-1992 - 14º nel girone L del Campionato Interregionale. Perde lo spareggio salvezza contro la Nuova Rosarnese. Retrocessa in Eccellenza.
  • 1992 - La società fallisce e si fonde col Caltanissetta. Nasce l'Unione Sportiva Nissa.

  • 1992-1993 - 3º nel girone B di Eccellenza Sicilia.
  • 1993-1994 - 4º nel girone B di Eccellenza Sicilia.
  • 1994-1995 - 1º nel girone A di Eccellenza Sicilia. Promossa nel Campionato Nazionale Dilettanti.
Vince la Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
Primo turno della fase C.N.D. della Coppa Italia Dilettanti.
  • 1995-1996 - 16º nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti. Retrocessa in Eccellenza.
Primo turno della fase C.N.D. della Coppa Italia Dilettanti.
  • 1996-1997 - 7º nel girone A di Eccellenza Sicilia.
  • 1997-1998 - 13º nel girone A di Eccellenza Sicilia. Rinuncia all'iscrizione al successivo campionato.
  • 1998-1999 - Inattiva.
  • 1999 - il Sommatino e la Nissena 1996 si fondono dando vita alla Nissa Football Club.
  • 1999-2000 - 2º nel girone D di Promozione Sicilia. Vince i play-off con Enna e Raffadali. Ripescata in Eccellenza.

  • 2000-2001 - 2º nel girone A di Eccellenza Sicilia. Perde i play-off con il Salemi.
  • 2001-2002 - 4º nel girone B di Eccellenza Sicilia. Perde i play-off nazionali con l'Alcamo.
  • 2002-2003 - 5º nel girone B di Eccellenza Sicilia. Perde i play-off con l'Adernò.
  • 2003-2004 - 5º nel girone A di Eccellenza Sicilia. Perde i play-off con l'Akragas.
  • 2004-2005 - 2º nel girone A di Eccellenza Sicilia. Perde i play-off con la Spar.
  • 2005 - Cambia denominazione in U.S.D. Nissa Football Club A.S.D.[7]
  • 2005-2006 - 3º nel girone B di Eccellenza Sicilia. Perde i play-off con l'Akragas.
  • 2006-2007 - 5º nel girone A di Eccellenza Sicilia. Perde i play-off con il Carini.
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2007-2008 - 1º nel girone A di Eccellenza Sicilia. Promossa in Serie D.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2008-2009 - 3º nel girone I di Serie D. Perde i play-off con l'Adrano.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.

  • 2010-2011 - 6º nel girone I di Serie D. Perde i play-off con il Forza e Coraggio Benevento.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2011-2012 - 16º nel girone I di Serie D. Vince i play-out con l'Acri.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2012-2013 - 18º nel girone I di Serie D. Retrocessione in Eccellenza e fallimento societario.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2013 - Un'altra società nissena, la Sporting Club Nissa A.S.D., promossa in Seconda Categoria al termine della stagione, si pone in continuità con la storica società.
  • 2013-2014 - 1º nel girone ? di Seconda Categoria Sicilia. Promossa in Prima Categoria.
  • 2014 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Sport Club Nissa 1962.[8]
  • 2014-2015 - 7° nel girone C di Prima Categoria Sicilia. Ripescata in Promozione.
Quarti di finale di Coppa Sicilia.
  • 2015-2016 - 1º nel girone D di Promozione Sicilia. Promossa in Eccellenza.
  • 2016-2017 - ..º nel girone A di Eccellenza Sicilia.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente le maglie da gioco della Nissa sono state interamente bianche, cui occasionalmente sono stati aggiunti inserti gialli e rossi, che sono gli altri colori sociali;[6] sulle casacche campeggia lo stemma sociale a forma di scudetto, ove non mancano una croce ed un castello, simbolo della città. A ciò si deve l'appellativo di biancoscudati.[6] Per le seconde divise sono state scelte più spesso maglie interamente rosse o a strisce verticali gialle e rosse.[9]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Palmintelli e Stadio Marco Tomaselli.

Il primo terreno di gioco della Nissa fu lo stadio Palmintelli, che prende il nome dall'omonima contrada nella quale sorge l'impianto.[10] Il terreno interessato fu acquisito dal comune nel 1929,[10] mentre nel 1932 iniziarono i lavori di costruzione per ottemperare alle direttive del regime fascista.[10] Non a caso l'impianto è un classico esempio dell'architettura dell'epoca,[10] caratterizzata per il massiccio utilizzo dell'allora innovativo cemento armato.[10]

Il Palmintelli gremito in occasione di una partita tra Nissa e Putignano.

Il nome originario era "Campo Dux",[10] e la struttura non presentava la recinzione esterna e la tribuna coperta, aggiunte in seguito,[10] proprio come la pista di atletica, che rese l'impianto un fiore all'occhiello.[10] Con la costruzione del palazzo di giustizia nel 1965, il terreno da gioco fu spostato ed eliminata la pista di atletica;[10] si nota infatti un decentramento della tribunetta, rimasta nella sua posizione originaria.[10] Il terreno da gioco è in terra battuta.[10]

Nel 1994 la Nissa si trasferì nel moderno stadio Tomaselli, originariamente chiamato "Pian del Lago", dalla zona in cui sorge,[10] inaugurato due anni prima. L'impianto è dotato di una tribuna coperta, una gradinata e due curve, oltre che di una pista di atletica che perimetra il terreno di gioco, in erba naturale.[11]

Nel 2013, con la ripartenza dalla Seconda Categoria, la Nissa è ritornata a disputare gli incontri casalinghi al Palmintelli.[12]

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

La Nissa si allena presso lo stadio Palmintelli.[13]

La Nissa nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 l'Under-21, a causa di un disguido tecnico, giocò una partita indossando la seconda maglia rossa della Nissa.[9] Ciò avvenne durante una gara contro i pari età croati, disputata a Caltanissetta, in occasione della quale entrambe le formazioni si presentarono con la sola divisa bianca: gli Azzurrini scesero così in campo indossando la seconda divisa della squadra cittadina, con lo stemma societario cancellato con una pennarello.[9]

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.S.D.S.C. Nissa 1962

Fonti:[14][15]

Allenatori
  • 1931-1950 ...
  • 1950-1951 Italia Ferruccio Ghidini
  • 1951-1952 Italia Eolo Rossi
  • 1952-1955 Italia Oronzo Pugliese
  • 1955-1963 ...
  • 1963-1964 Italia Audino Arabia
  • 1964-1965 Italia Giovanni Di Marco
  • 1965-1966 Italia Giovanni Bonanno
    Italia Giovanni Di Marco
  • 1966-1967 Italia Raffaele Ammendola
  • 1967-1968 ...
  • 1968-1969 Italia Sergio Ballarin
    Italia Sergio Ballarin e Italia Pupo Malavasi
  • 1969-1970 Italia Carlo Cesarato
  • 1970-1972 Italia Mario Perazzolo
  • 1972-1974 Italia Giuseppe Caramanno
  • 1974-1976 ...
  • 1976-1977 Italia Pietro Firicano
  • 1977-1978 Italia Matteo Carnevale
    Italia Raffaele Ammendola
  • 1978-1980 Italia Francesco Casisa
  • 1980-1981 Italia Gianni Gennari
  • 1981-1982 Italia Antonio Colomban
  • 1982-1983 Italia Aurelio Bongiovanni
    Italia Giuseppe Tamborini e Italia Raffaele Ammendola
    Italia Raffaele Ammendola
  • 1983-1984 Italia Giovanni Gennari
  • 1984-1985 Italia Giovanni Gennari
    Italia Alfredo Ballarò
  • 1985-1987 Italia Franco Rondanini
  • 1987-1988 Italia Tommaso Angrisani
    Italia Giuseppe Colombo
  • 1988-1989 ...
  • 1989-1990 Italia Giuseppe Colombo
  • 1990-1991 Italia Maurizio Mazza
  • 1991-1993 Italia Lucio Falletta
  • 1993-1994 Italia Maurizio Mazza
  • 1994-1995 ...
  • 1995-1996 Italia Giovanni Gennari
    Italia Ferdinando Rossi
    Italia Giuseppe Colombo
  • 1996-1999 ...
  • 1999-2001 Italia Anzaldi
  • 2001-2002 Italia Andrea Pensabene
  • 2002-2007 ...
  • 2007-2009 Italia Roberto Boscaglia
  • 2009-2011 Italia Gaetano Di Maria
  • 2011-2012 Italia Salvatore Bianchetti
  • 2012-2013 Italia Tarcisio Catanese
  • 2013-2014 Italia Massimo Ribellino
  • 2014-2015 Italia Massimo Ribellino
    Italia Angelo Cartone
  • 2015-2016 Italia Angelo Cartone
  • 2016-oggi Italia Alessio Sferrazza
Presidenti
  • 1931-196? ...
  • 1962-196? Italia Lacagnina
  • 196?-1967 Italia Oberto
  • 1967 Italia Pace
  • 1967-1969 Italia Falzone
  • 1969-1975 Italia La Paglia
  • 1975-1978 Italia Umberto Cortese
  • 1978-1983 Italia Giovanni Piazza
  • 1983-198? Italia Raimondo Lupo[16]
  • 198?-1990 Italia Liborio Savoja
  • 1990-1992 Italia Valerio Terenzio
  • 1992-? Italia Mario Privitera
  • 2000-2001 Italia Franco Galiano
  • 2001-2002 Italia Sergio D'Antoni e Italia Filippo D'Antoni
  • 2002-2003 Italia Toto Navarra
  • 2003-2009 Italia Luca Mannino
  • 2009-2010 Italia Alessandro Giammorcaro
  • 2010-2011 Italia Umberto Ilardo
  • 2011-2012 Italia Gabriele Roccia
  • 2012-2013 Italia Prospero Santo
    Italia Dafne Scavuzzo
  • 2013-2015 Italia Mauro Di Pasquali
  • 2015-oggi Italia Natale Ferrante

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'A.S.D.S.C. Nissa 1962

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

secondo posto: 1934-1935
secondo posto: 1935-1936
secondo posto: 1999-2000
terzo posto: 1948-1949, 1972-1973, 1974-1975, 1975-1976, 1977-1978
secondo posto: 1952-1953
secondo posto: 1966-1967
terzo posto: 1964-1965, 1965-1966
secondo posto: 2000-2001, 2004-2005
terzo posto: 1992-1993, 2005-2006
terzo posto: 2008-2009

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

I dati seguenti non sono ufficiali e si riferiscono alle partecipazioni ufficiali della squadra, a partire dalla stagione sportiva 1931-1932, sotto le insegne di varie società: U.S. Nissena (1931-1960), Nissa S.C. (1962-1992), U.S. Nissa (1992-1998), Nissa F.C. 1999 (1999-2013) e S.C. Nissa 1962 (dal 2014). I dati sono aggiornati alla stagione 2014-2015.

Campionati nazionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Divisione 3 1932-1933 1934-1935 8
Serie C 5 1935-1936 1951-1952
Promozione 4 1948-1949 1949-1950 16
IV Serie 4 1952-1953 1955-1956
Serie D 5 1967-1968 1971-1972
Serie C2 3 1984-1985 1986-1987
Serie D 15 1979-1980 2012-2013 23
Campionato Interregionale 7 1981-1982 1991-1992
Campionato Nazionale Dilettanti 1 1995-1996
Campionati regionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
I Prima Divisione 5 1937-1938 1941-1942 35
Promozione 9 1956-1957 1989-1990
Campionato Dilettanti 2 1957-1958 1958-1958
Prima Categoria 5 1959-1960 1966-1967
Eccellenza 14 1992-1993 2016-2017
II Terza Divisione 1 1931-1932 4
Seconda Categoria 1 1958-1959
Promozione 2 1999-2000 2015-2016
III Prima Categoria 1 2014-2015 1
IV Seconda Categoria 1 2013-2014 1

In 70 stagioni sportive prese in esame, la squadra ha collezionato complessivamente 31 presenze nei tornei nazionali (8 nel terzo livello, 16 nel quarto e 7 nel quinto) e 39 nei tornei regionali (34 nel primo livello, 3 nel secondo, 1 nel terzo e 1 nel quarto). Vanta due vittorie del massimo campionato dilettantistico nazionale, ottenute nel 1950 e nel 1984. Sono state escluse dal conteggio 6 stagioni dove la squadra è rimasta inattiva: 1943-44, 1944-45, 1960-61, 1961-62, 1998-99 e 2013-14. Complessivamente questi risultati pongono la Nissa in una posizione di spicco nel contesto del calcio regionale, sebbene non sia annoverabile tra le squadre più titolate.

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Gli ultras durante un derby contro la Sancataldese degli anni ottanta.

Il movimento ultras a Caltanissetta si sviluppa a partire dal 1976, in occasione della fondazione del "Commandos Tigre", gruppo sorto per iniziativa di alcuni tifosi di pallavolo.[17] Il gruppo staziona nella gradinata del Palmintelli fino a che l'anno seguente non si sposta in tribuna; per l'occasione cambia il nome in "Commandos Biancoscudato".[17] Sempre nel 1977 nascono le "Brigate Gradinata",[17] sostenenti chiare ideologie sinistroidi,[17] e prendendo il nome proprio dal settore da loro occupato.[17] Nel 1982 il gruppo cambia nome in "Ultrà Nissa".[17] I due gruppi dunque occupano settori diversi, fondendosi in occasione della promozione della Nissa in Serie C2 al termine della stagione 1983-1984, formando così le "Brigate Ultrà Nissa".[17] Il nuovo assembramento prenderà posto in gradita e potrà contare sulla presenza di oltre quattrocento tesserati.[17]

Scambio di sciarpe fra un tifoso nisseno e uno saccense.

Negli anni ottanta nasceranno di fatto gran parte dei rapporti di amicizia e di rivalità della tifoseria nissena;[17] il gemellaggio con gli ultras del Licata, nel 1984,[17][18] le amicizie con quelli di Messina[17][18] e Trapani[17][18] e le rivalità con siracusani,[17][18] agrigentini[17][18] e canicattinesi.[17][18]

Nel 1988 il gruppo si scioglie soprattutto a causa di controversie societarie,[17] lasciando spazio a gruppi minori che avranno vita breve, fra i quali "Indians" e "Drunkards".[17] Alla fine degli anni ottanta sale alla presidenza Valerio Terenzio, che contribuisce a risanare l'ambiente,[17] culminando con la promozione in Interregionale nel 1990.[17] Nascono dunque i "Fedayn" e i "Furiosi",[17] che continueranno a supportare la Nissa anche in seguito al trasferimento nel nuovo impianto di Pian del Lago,[17] e conseguentemente il gemellaggio con gli ultras di Sciacca[17][18] e la forte rivalità con i sancataldesi,[17][18] caratterizzata da violenti scontri.[18] Una moltitudine di incomprensioni venutesi a creare fra i gruppi esistenti,[19] porterà alla nascita agli albori degli anni duemila degli "Ultras Nissa 2002".[19] Sempre negli anni duemila si scioglie lo storico gruppo delle Brigate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Impianti sportivi, http://viaggi.virgilio.it/, 11 luglio 2014. URL consultato il 31 maggio 2015.
  2. ^ a b c d e Nissa 1962: non nominare il nome della squadra invano. Adesso è tutta un’altra storia, http://www.ilfattonisseno.it/, 11 luglio 2014. URL consultato il 30 maggio 2015.
  3. ^ La Storia della Nissa, http://www.nissa.it/. URL consultato il 30 maggio 2015.
  4. ^ La Storia della Nissa, http://www.nissa.it/. URL consultato il 30 maggio 2015.
  5. ^ a b c Una città, due stadi ma la squadra dov'è?, http://regioni.ilcalcioillustrato.it/, 8 marzo 2014. URL consultato il 30 maggio 2015.
  6. ^ a b c d Accordo Sporting Nissa – tifosi: rinasce lo storico Club Sport Nissa, http://www.ilfattonisseno.it/, 5 ottobre. URL consultato il 30 maggio 2015.
  7. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2005. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  8. ^ COMUNICATO UFFICIALE N°27 (PDF), figc.it, 8 agosto 2014. URL consultato il 7 dicembre 2016.
  9. ^ a b c Le maglie dell’ultimo minuto: quando da una distrazione nasce una casacca da collezione, http://www.passionemaglie.it/, 20 gennaio 2011. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  10. ^ a b c d e f g h i j k l Lo stadio/1: Il "Palmintelli", impianto costruito senza i fondi, http://regioni.ilcalcioillustrato.it/, 20 maggio 2013. URL consultato il 31 maggio 2015.
  11. ^ Stadio Marco Tomaselli, http://zeronove.tv/. URL consultato il 31 maggio 2015.
  12. ^ Domenica esordio al “Palmintelli” per la S. C. Nissa 1962, http://www.seguonews.it/, 18 ottobre 2013. URL consultato il 31 maggio 2015.
  13. ^ Primo allenamento della Nissa 2014/2015, http://www.nissasportclub.it/, 26 agosto 2014. URL consultato il 31 maggio 2015.
  14. ^ La storia/1, http://web.archive.org/web/20050308225347/www.nissacalcio.it/. URL consultato il 1 giugno 2015.
  15. ^ La storia/2, http://web.archive.org/web/20050308225347/www.nissacalcio.it/. URL consultato il 1 giugno 2015.
  16. ^ Commissario straordinario.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w La Storia degli Ultras, http://www.nissa.it/. URL consultato il 30 maggio 2015.
  18. ^ a b c d e f g h i Amici & Nemici, http://www.nissa.it/. URL consultato il 30 maggio 2015.
  19. ^ a b ULTRAS NISSA …..LA STORIA, http://ultras.blog.tiscali.it/, 16 luglio 2006. URL consultato il 30 maggio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]