Società Cooperativa Sportiva Dilettantistica Unitas Sciacca Calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SCSD Unitas Sciacca Sciacca
Calcio Football pictogram.svg
Neroverdi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px bisection vertical HEX-1D913D Black.svg Nero, verde
Inno La squadra del cuore[1]
Pietro Fauci e Tony Bentivegna
Dati societari
Città Sciacca
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Promozione
Fondazione 1927
Rifondazione2018
Presidente Gaspare Bonsignore
Allenatore Vincenzo Piazza
Stadio Luigi Riccardo Gurrera
(18 000 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

La Società Cooperativa Sportiva Dilettantistica Unitas Sciacca Calcio nota anche come Unitas Sciacca o Sciacca, è una società calcistica Italiana con sede nella città di Sciacca, in provincia di Agrigento.

Nata nell'estate 2018, la nuova compagine riunisce in essa diversi gruppi di dirigenti che negli ultimi anni si sono alternati alla guida delle varie formazioni locali, da cui la scelta del nome "Unitas".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo primo anno di attività ottiene una promozione in Promozione, in cui resta per quattro anni a cui fanno seguito due retrocessioni consecutive.

Dal 1972 al 1983 fa campionati altalenanti fra Prima categoria e Promozione, quindi nel periodo 1983-1989 gioca sei campionati nell'Interregionale.

Dopo due campionati in Promozione, dal 1991 (anno in cui diventa A.S. Sciacca) al 1994 gioca tre campionati in Eccellenza; al termine del terzo ottiene la promozione nel Campionato nazionale dilettanti. Resta in tale categoria per sei stagioni, diventando S.C. Verdenero a seguito di un fallimento.

Ripartito dalla Prima Categoria, dal 2002 gioca quattro anni in Promozione, retrocedendo nuovamente in Prima categoria e non iscrivendosi a nessun campionato.

In seguito diventa A.S.D. Sciacca 04 e riparte dalla Terza categoria in cui arriva al primo posto nel girone agrigentino. Diventa quindi A.S.D. Sciacca dopo avere acquisito il titolo di Prima Categoria della A.S.D. Terre Sicane di Montevago. Nel 2007-2008 vince il campionato di Prima categoria siciliana e viene promosso in Promozione. Rimane in questa categoria per tre anni, tornando in Prima Categoria nel 2010. Chiude il campionato 2010-2011 al secondo posto, mancando la promozione ma venendo successivamente ripescata in Promozione. Nella stagione 2011-2012 arriva all'11º posto in Promozione e si salva dopo i play-out. Nel 2012-2013 lo Sciacca, facendo un buon campionato di promozione, sfiora i play off per un punto. Nella stagione 2013-14 giunge a ridosso delle prime posizioni. Nella stagione 2014-2015 arriva sedicesima e retrocede in prima categoria.[2] Nella stagione 2015-16, dopo un buon inizio, conclude il campionato al 7º posto.[3] Nella stagione 2016-17 con il cambio della dirigenza e vari cambi di allenatori lo Sciacca giunge 4º, ma non disputa i play-off. Nella stagione 2017-18, dopo aver iniziato la preparazione con un gruppo di giovani calciatori agli ordini di mister Ingoglia, la squadra non si iscrive al campionato di Prima Categoria.

Nel 2018, dopo la prima stagione post guerra senza una squadra di calcio a rappresentare la città, si uniscono tre vecchie cordate di dirigenti guidati da Gaspare Bonsignore, Fabio Miraglia e Franco Di Benedetto. Il nuovo sodalizio, allargato ad ex calciatori e imprenditori locali, decide di iscrivere la squadra in Prima Categoria, sotto la guida tecnica di Vincenzo Piazza, anche lui ex tecnico della formazione nero verde. La società persegue una politica di soli calciatori locali e soprattutto giovani. La nuova società, al primo anno di attività, si aggiudica il campionato di Prima Categoria con tre giornate di anticipo.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Società Cooperativa Sportiva Dilettantistica Unitas Sciacca Calcio
  • 1927 - Viene fondata l'Unione Sportiva Sciacca.
  • 1927-1947 - ?
  • 1947-48 - 2° in Prima Divisione Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 1948-49 - 12° nel girone O di Promozione.
  • 1949-50 - 12° nel girone O di Promozione.
  • 1950-51 - 8° nel girone O di Promozione.
  • 1951-52 - 9° nel girone O di Promozione. Retrocessa in Promozione Sicilia.
  • 1952-53 - 16° in Promozione Sicilia. Retrocesso in Prima Divisione.
  • 1953-1954 - in Prima Divisione Sicilia.
  • 1954-1960 - ?
  • 1960-1961 - 7° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1961-1962 - 3° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1962-1963 - 5° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1963-1964 - 4° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1964-1965 - 4° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1965-1966 - 4° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1966-1967 - 12° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1967 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Bollara Sciacca.
  • 1967-1968 - Si ritira dal girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1968-1969 - 16° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 1969-1971 - ?
  • 1971-1972 - 2° nel girone E di Prima Categoria Sicilia.
  • 1972-1973 - 4° nel girone E di Prima Categoria Sicilia.
  • 1973-1974 - 1° nel girone E di Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 1974-1975 - 6° nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1975-1976 - 16° nel girone A di Promozione Sicilia. Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1976-1977 - 3° nel girone E di Prima Categoria Sicilia.
  • 1977-1978 - 3° nel girone D di Prima Categoria Sicilia.
  • 1978-1979 - 1° nel girone D di Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 1979-1980 - 5° nel girone A di Promozione Sicilia.

  • 1980-1981 - 8° nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1981-1982 - 5° nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1982-1983 - 2° nel girone A di Promozione Sicilia. Promossa nel Campionato Interregionale.
  • 1983 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Pro Sciacca.
  • 1983-1984 - 10° nel girone M del Campionato Interregionale.
  • 1984-1985 - 13° nel girone M del Campionato Interregionale.
  • 1985-1986 - 6° nel girone M del Campionato Interregionale.
  • 1986-1987 - 10° nel girone M del Campionato Interregionale.
  • 1987-1988 - 7° nel girone M del Campionato Interregionale.
  • 1988-1989 - 17° nel girone N del Campionato Interregionale. Retrocessa in Promozione.
  • 1989-1990 - 6° nel girone A di Promozione Sicilia.

  • 1990-1991 - 13° nel girone A di Promozione Sicilia. Promossa in Eccellenza.
  • 1991-1992 - 8° nel girone B di Eccellenza Sicilia.
  • 1992 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Sciacca.
  • 1992-1993 - 6° nel girone B di Eccellenza Sicilia.
  • 1993-1994 - 2° nel girone B di Eccellenza Sicilia. Promossa nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1994-1995 - 9° nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1995-1996 - 12° nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1996-1997 - 10° nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1997-1998 - 6° nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1998-1999 - 10° nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1999-2000 - 11° nel girone I di Serie D.
Trentaduesimi di finale in Coppa Italia Serie D.

Ottavi di finale in Coppa Italia Serie D.
  • 2001 - Rinuncia all'iscrizione al successivo torneo dichiarando il fallimento. Cambia denominazione in Associazione Sportiva Società Calcistica Verde Nero e si iscrive al campionato regionale di Prima Categoria.
  • 2001-2002 - 2° nel girone H di Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 2002-2003 - 4° nel girone A di Promozione Sicilia. Perde i play-off.
  • 2003 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Calcio Sciacca Terme.[4]
  • 2003-2004 - 6° nel girone D di Promozione Sicilia.
  • 2004-2005 - 3° nel girone D di Promozione Sicilia. Perde i play-off.
  • 2005-2006 - 14° nel girone D di Promozione Sicilia. Retrocessa in Prima Categoria.
  • 2006 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Sciacca 04 e si iscrive al campionato provinciale di Terza Categoria.
  • 2006-2007 - 1° in Terza Categoria Sicilia. 'Promosso in Seconda Categoria.
  • 2007 - Acquisisce il titolo dell'A.S.D. Terre Sicane (militante in Prima Categoria) e cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Sciacca.
  • 2007-2008 - 1° nel girone B di Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 2008-2009 - 13° nel girone A di Promozione Sicilia. Vince i play-out.
Ottavi di finale di Coppa Italia Promozione Sicilia.
  • 2009-2010 - 16° nel girone A di Promozione Sicilia. Retrocessa in Prima Categoria.
Primo turno di Coppa Italia Promozione Sicilia.

  • 2010-2011 - 2° nel girone A di Prima Categoria. Perde i play-off. Ripescata in Promozione.
Sedicesimi di finale di Coppa Sicilia.
  • 2011-2012 - 11° nel girone A di Promozione Sicilia. Vince i play-out.
Esclusa dalla Coppa Italia Promozione Sicilia.
  • 2012-2013 - 5° nel girone A di Promozione Sicilia.
Primo turno di Coppa Italia Promozione Sicilia.
  • 2013-2014 - 5° nel girone D di Promozione Sicilia.
Primo turno di Coppa Italia Promozione Sicilia.
  • 2014-2015 - 16° nel girone A di Promozione Sicilia. Retrocessa in Prima Categoria.
Ottavi di finale di Coppa Italia Promozione Sicilia.
  • 2015-2016 - 7° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
Primo turno di Coppa Sicilia.
  • 2016-2017 - 4° nel girone A di Prima Categoria Sicilia.
  • 2017-2018 - Inattiva.
  • 2018 - Il CR Sicilia ammette la nuova affiliata Società Cooperativa Sportiva Dilettantistica Unitas Sciacca Calcio al campionato di Prima Categoria.[5]
  • 2018-2019 - 1° nel girone A di Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio Luigi Riccardo Gurrera.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori
  • 1947-2006 ...
  • 2006-2007 Italia Salvatore Tummiolo (1ª-15ª)
    Italia Vincenzo Piazza (16ª-26ª)
  • 2007-2008 Italia Vincenzo Piazza (1ª-14ª)
    Italia Accursio Galenci (15ª-26ª)
  • 2008-2009 Italia Accursio Galenci (1ª-12ª)
    Italia Michele Interrante (13ª-30ª)
  • 2009-2013 Italia Ettore Milanese
  • 2013-2014 Italia Ettore Milanese (1ª-20ª)
    Italia Giuseppe Geraldi (21ª-30ª)
  • 2014-2015 Italia Ettore Milanese
  • 2015-2016 Italia Giovanni Maniscalco (1ª-20ª)
    Italia Pippo Cortese (21ª-26ª)
  • 2016-2017 Italia Mario Putaggio (1ª-14ª)
    Italia Alfredo Iaria (15ª-26ª)
  • 2017-2018 ...
  • 2018-2019 Italia Vincenzo Piazza
Presidenti
  • 1947-1991 ...
  • 1991-1996 Italia Onofrio Sabella
  • 1996-2001 Italia Enzo Segreto
  • 2001-2006 Italia Giuseppe Picone
  • 2006-dic. 2009 Italia Fabio Miraglia
  • gen. 2010-ott. 2013 Italia Ettore Milanese
  • ott. 2013-2014 Italia Franco Di Benedetto
  • 2014-2015 Italia Giovanni Liotta
  • 2015-2016 Italia Ezio Di Prima
  • 2016-2017 Italia Enrico Mercurio
  • 2018-2019 Italia Gaspare Bonsignore

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Emanuele Allegro
2 Italia D Giuseppe Santangelo
3 Italia D Simone Scoma
4 Italia D Walter Roberto
5 Italia D Andrea Turturici
6 Italia C Antonio Abbene
7 Italia C Ignazio La Bella
8 Italia C Giuseppe Li Bassi (capitano)
9 Italia A Alessandro Venezia
10 Italia A Pasquale Galluzzo
11 Italia A Vincenzo Coco
12 Italia P Davide Gaudio
13 Italia D Giuseppe Gallo
14 Italia A Alessandro Bongiovì
N. Ruolo Giocatore
15 Italia C Francesco Gennaro
16 Italia C Calogero Blò
17 Italia A Antonino Piazza
18 Italia C Francesco Bontempo
19 Italia A Emanuele Interrante
20 Italia C Raffaele Funaro
21 Italia D Simone Scandaglia
22 Italia D Federico Gianniberti
23 Italia C Andrea Bono

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1973-1974 (girone E), 1978-1979 (girone D), 2007-2008 (girone B), 2018-2019 (girone A)
2006-2007

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

secondo posto: 1993-1994 (girone B)
secondo posto: 1982-1983 (girone A)
terzo posto posto: 1961-1962 (girone A), 2004-2005 (girone D)
secondo posto: 1971-1972 (girone E), 2000-2001 (girone H), 2010-2011 (girone A)
terzo posto: 1976-1977 (girone E), 1977-1978 (girone D)
secondo posto: 1947-1948

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Campionati nazionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Promozione 4 Promozione 1948-1949 1951-1952 4
Campionato Interregionale 6 1983-1984 1988-1989 13
Campionato Nazionale Dilettanti 5 1994-1995 1998-1999
Serie D 2 1999-2000 2000-2001

Partecipazioni alle coppe[modifica | modifica wikitesto]

Coppe nazionali
Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Italia Serie D 2 1999-2000 2000-2001 2

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Uno scatto dei gruppi ultras seccensi, Vecchia Guardia e Gruppo Lunatiko nel 1996.

Fra i movimenti ultras nati nella città seccense figurano i Fedelissimi e le Teste matte 1988, entrambi attivi alla fine degli anni ottanta e la Vecchia Guardia, il Gruppo Lunatiko[6], i Wolves e gli Indecenti negli anni novanta. Dal 2013 a guidare i cori della tifoseria è il gruppo della Nuova Guardia che ha scelto come simbolo un pitbull, a cui si sono aggiunti nel corso della stagione 2018/19, diversi storici elementi della Vecchia Guardia; lo stesso simbolo della Vecchia Guardia è ricomparso sulle cancellate dello stadio.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Lo scambio delle proprie sciarpe fra un tifoso dello Sciacca e del Nissa.

Negli anni novanta nacque un forte legame fra i neroverdi e i giallorossi del Nissa che diedero vita ad un gemellaggio delle due squadre[7][8], mentre le rivalità più accese e storiche dei neroverdi sono quella contro il Ribera, città confinante ai saccensi[9][10][11] e una certa ostilità contro il Mazara Salemi e con il Canicattì[12][13]. Vi fu anche un certo malumore tra l'Atletico Catania e il club agrigentino nella metà degli anni ottanta, quando a causa della conduzione incerta del direttore di gara Introvigne, tra Pro Sciacca e il club catanese, provocò l'invasione di campo da parte dei tifosi saccensi[14].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]