Capizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di Capizzi, vedi Antonio Capizzi, filosofo italiano.
Capizzi
comune
Capizzi – Stemma
Capizzi – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Messina-Stemma.png Messina
Sindaco Giacomo Leonardo Purrazzo

vice Sindaco: Valentina Mingari Favvento (lista civica Coerenza e Libertà) dal 10/06/2013

Territorio
Coordinate 37°51′00″N 14°29′00″E / 37.85°N 14.483333°E37.85; 14.483333 (Capizzi)Coordinate: 37°51′00″N 14°29′00″E / 37.85°N 14.483333°E37.85; 14.483333 (Capizzi)
Altitudine 1.100 m s.l.m.
Superficie 69 km²
Abitanti 3 308[1] (01-10-2013)
Densità 47,94 ab./km²
Comuni confinanti Caronia, Cerami (EN), Cesarò, Mistretta
Altre informazioni
Cod. postale 98031
Prefisso 0935
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 083008
Cod. catastale B660
Targa ME
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti capitini
Patrono San Nicola
Giorno festivo 6 dicembre

Protettore: San Giacomo 25-26 luglio

Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Capizzi
Posizione del comune di Capizzi all'interno della provincia di Messina
Posizione del comune di Capizzi all'interno della provincia di Messina
Sito istituzionale

Capizzi (conosciuta dagli antichi col nome di Kapition, Capitium, Urbs o Civitas Capitina) è un comune italiano, di 3 300 abitanti[1], della provincia di Messina in Sicilia. È un comune del Parco dei Nebrodi. Gli abitanti vengono chiamati Capitini, in dialetto Capizzuoti. Lo stemma rappresenta un guerriero con la corazza e il pìleo, le braccia tronche, pronto a difendere comunque la sua patria: "Tronche le braccia, pugnerem coi petti". Il Gonfalone è un drappo di colore bianco con la blasonatura d'argento e ornato di fregi d'argento.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Capizzi sorge nell'interno dell'Isola, attorno al colle Verna, contrafforte nella parte meridionale dei Nebrodi, e sulle sorgenti del fiume Simeto, a 1139 m. sul livello del mare.

Storia[modifica | modifica sorgente]

"L'origine di questa città fu sempre ignota, e va smarrita nella notte dei secoli.", così inizia il Cap. II della Monografia della Città di Capizzi - Antica e moderna in Sicilia del 1847, relativo ai "Cenni sulla fondazione e vicende su Capizzi" di Nicola Russo, insigne letterato capitino.

L'autore, e insieme a lui tanti altri, concorda nel far risalire l'origine della civiltà capitina al tempo dei Siculi o dei Sicani. Altri, infatti, si sono occupati di questa città nel passato: il Fazzello e l'Arezzo che si rifecero a Tolomeo ed a Filippo Cluverio, ma solo il Caruso avanza l'ipotesi che Capizzi, come Modica, a Bidi sarebbe stata costruita dai Siculi che, insediati in una prima fase lungo la costa orientale della Sicilia, si spostarono ad ovest nell'interno per sfuggire alle continue scorribande dei pirati greci.

Studi del Brea, del Cavallaro e del Pace concordano nell'ipotesi che sia il centro che il territorio capitino rientrassero, nella seconda metà del IV secolo a.C., in una serie di insediamenti tra il Simeto ed il Salso. Solamente scavi archeologici potranno confermare tali tesi che ad oggi sono tutte di riscontri oggettivi e prove materiali.

La citazione di Cicerone nelle Verrine, ove attesta che "L'Aurea Urbs Capitina" era tra quelle "vessate dalla sete dei Decumani sotto Verre", ci dà prova inconfutabile che almeno nel periodo romano l'esistenza di un centro abitato è certo.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Architettura religiosa[modifica | modifica sorgente]

Architettura civile[modifica | modifica sorgente]

  • Palazzo Larcan
  • Palazzo Russo
  • Ex-monastero della Ss Annunziata o delle Benedettine (Municipio)
  • Collegio di Maria
  • Portico in Piazza Umberto I

Opere di pregio artistico[modifica | modifica sorgente]

  • Organo della Chiesa di S. Nicolò o Chiesa Madre, opera di Raffaele La Valle, della seconda metà del XVI secolo, restaurato nel 1622 da Andronaco

Congregazioni religiose[modifica | modifica sorgente]

Personaggi illustri[modifica | modifica sorgente]

Tra i personaggi illustri vanno ricordati:

  • Marco Volumnio, poeta erotico, sulla lapide trovata nei pressi di Capizzi stava scritto: D.M. M. Volumni. Erotus. V. A. XXXVII. M. VII. C. Ancitus. Mico. MP."
  • Fra Annunciato di S. Francesco, converso nel 1632 nel Monasterio della Madonna SS.ma dell'Itria di Marsala
  • P. Illuminato Xharra, ex provinciale cappuccino, dottissimo in filosofia e teologia, ingrandì il convento di Gibilmanna, dove morì nel 1760
  • Donna Caterina Principato e Castronovo, la Signora dell'Oro, sposata con Francesco Russo, fondatrice del Collegio di Maria
  • Ignazio Russo, (Capizzi,11/12/1819-20/12/1870) dottore in sacra Teologia, abate di Santa Maria del Piano, Arciprete, figlio del barone Giuseppe Russo e di Maria Teresa Larcan.
  • Sac. Pietro del Campo, famoso architetto, disegnò la facciata della chiesa di San Nicolò, il portico nella Piazza Umberto I
  • Natale Gullo, morto nel 1873, scrisse diverse opere tra le quali si ricorda La rivoluzione del 1849
  • Nicolò Russo, barone, (Capizzi, 1800-07/05/1884), scrisse varie opere tra cui si ricordano: Monografia della città di Capizzi (1847), Memoria sul Primato della Chiesa madre sotto il titolo di S. Nicolò in Capizzi (1850), Notizie storiche sulle chiese e luoghi pii di Capizzi (1851), Appendice prima alle notizie storiche delle chiese e luoghi pii (1852), Seconda Memoria sul Primato della Chiesa Madre di S. Nicolò in Capizzi, Istruzioni per le chiese e clero di Capizzi (1852), Appendice seconda alle notizie storiche (1853), Notizie sul legato di maritaggio disposto nel 1633 dal Cavaliere Fra Pietro Matteo Mancuso da Capizzi (1854)
  • Luigi Sanzo, docente di anatomia comparata e zoologia nella R. Università di Messina
  • Nunzio La Farina (1896-1961) compositore, musicista e professore di musica; nel 1943 ha composto una nota marcia intitolata "Madre Patria"
  • Antonino Mancuso Fuoco (1921-1996), pittore naïf
  • abate Giuseppe Ganguzza, dottore in teologia, nato a Capizzi il 23 settembre 1620, morto il 7 luglio 1663 a Capizzi. Rinomato Abate di Santa Maria del Piano, fu lodato dal Pirri e dall'Amico
  • Giuseppe Bruno, chimico e fotografo, nato a Capizzi nel 1836, fu membro della commissione delle belle arti di Taormina
  • Salvatore Pagliaro Bordone, scrittore e storico, nato a Capizzi il 18 aprile 1843, morì nel 1925 sempre a Capizzi

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Biblioteca comunale[modifica | modifica sorgente]

Associazioni culturali[modifica | modifica sorgente]

Cucina[modifica | modifica sorgente]

  • Viscotta 'ncilippati - Biscotti giulebbati al limone
  • Ucciddati ['ucciɖɖati] - Buccellati
  • Fave a macco

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

  • Sindaco: avv. Giacomo Leonardo Purrazzo
  • Assessori: Valentina Mingari Favvento, Maria Giacoma Mancuso Fuoco, Giuseppe Iraci Sareri, Giacomo Fiordaliso

Collegamenti col territorio[modifica | modifica sorgente]

Per chi proviene da Messina è raggiungibile tramite lo svincolo A20 di Santo Stefano di Camastra (114 km da Messina), dal quale dista 47 km; per chi proviene da Palermo, tramite lo svincolo A20 di Santo Stefano di Camastra (93 km da Palermo), dal quale dista 47 km; per chi proviene da Catania, tramite lo svincolo A19 di Agira-Raddusa (50 km da Catania), dal quale dista 57 km. Inoltre si può raggiungere anche dalla S.P. 168 che da Caronia Marina, lasciando la S.S. 113 settentrionale sicula, sale verso Caronia Montagna proseguendo per altri 32 km circa, all'interno del parco dei Nebrodi, si arriva a Capizzi.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]


Eventi[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nicola Larcan e Lanza, Memorie topografiche della città di Capizzi, 1791,
  • Russo, Niccola, Monografia della Città di Capizzi Antica e moderna in Sicilia, Stamperia di Domenico Maccarrone, Palermo, 1847
  • Russo, Niccola, Sulle chiese e luoghi pii del Comune di Capizzi. Notizie storiche, Stabilimento Librario-Tipografico Tripodo e Frasconà, 1851
  • Pagliaro Bordone, Salvatore, Sulla Città di Capizzi, Tipografia Alfio Siracusa, Catania, 1905

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2013.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia