Roncola (attrezzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La roncola o ronca[1] è un attrezzo agricolo formato da una lama metallica curvata a forma di uncino, affilata dal lato concavo e munita di impugnatura, solitamente di legno o, in versioni più recenti, in anelli di cuoio incollati ed infilati sul codolo dell'attrezzo, che viene ripiegato a gancio per poterlo appendere.[2]

In Italia vi è una particolare versione - detta pennato e diffusa soprattutto in Toscana - viene utilizzata per il taglio dei succhioni nella potatura e la pulizia degli ulivi.

Roncola (a sinistra) e pennato (a destra)

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Trova le sue origini nell'età del Bronzo come testimoniano alcuni reperti conservati nel Museo Archeologico di Firenze. La presenza di roncole è documentata su bronzetti votivi di origine etrusca del III secolo a.C., ritrovati ad Albenga e su un sarcofago romano del II sec. d.C. La roncola era inoltre associata alla divinità di Silvano, come testimonia il ritrovamento effettuato nel 1924 nella cava di Gioia a Carrara. Recentemente sulle Alpi Apuane sono state individuate numerose (oltre 100) incisioni rupestri[3] raffiguranti roncole, localmente chiamate pennati, sulle quali sono state successivamente incise delle croci per cristianizzare luoghi di culto pagani. Le incisioni sono normalmente collocate sui crinali delle montagne (Monte Gabberi e complesso della Pania) mentre rimangono di più facile fruizione quelle localizzate sopra la località di Cardoso, nel comune di Stazzema.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Viene usata da agricoltori, boscaioli e giardinieri per tagliare arbusti e piccoli rami, per disboscare, specialmente le versioni più lunghe, per tagliare i rami minori o il sottobosco, prima di cominciare a tagliare i grossi rami e i tronchi con le accette e le asce. Ne esistono di diverse dimensioni, indicate in una scala da 1 a 4.

Attrezzi simili[modifica | modifica wikitesto]

Esiste un coltello a serramanico che ha forma analoga alla roncola, ma in scala ridotta, diffuso nella zona delle Alpi Retiche, Orobiche e Carniche, e sulle Alpi Apuane. Una versione della roncola con accentuata curvatura della lama simile ad un gancio, con applicato sul manico una lunga asta, viene utilizzata per sfoltire le fronde degli ulivi o potare rami di dimensione media o piccola, per tagliare canne, per appuntire i pali, per togliere la corteccia dai rami nella produzione di bastoni o per pulire i tronchi dai rami.

Denominazione in Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la versione standard è quella lombarda o comunque padano-alpina. Nelle lingue gallo-italiche è detta[4]:

  • valdostano: faoutset
  • piemontese: fauscett
  • lombardo: podèt, podèta, rampelìn, curlasc, fiochéla
  • lombardo ticinese: falgìgi, faucigia, folcia, sfolcia
  • emiliano-romagnolo: marassa, pudèn, rampeina, rounca, runcatta, runzatta
  • trentino: focol, serlat, podarol, cortellazin
  • friulano: roncee, falcilut, sesule, massàng
  • ligure: penaccu, marassu, puaira

Massànc (Friuli)[modifica | modifica wikitesto]

Tozza roncola friulana dalla larga lama e con curvatura quasi inesistente, utilizzata per i lavori boschivi e, in campagna, per sfrondare gli alberi di gelso tra i filari di viti.

Stegagno o stegagna (Veneto)[modifica | modifica wikitesto]

È la variante veneta, la cui larga lama è di forma pressoché rettangolare e priva di curva nella parte finale; viene usata per realizzare la punta ai pali di legno e per appezzare la legna da ardere. Durante il Medioevo il termine è attestato nella forma latina steganus.

Pennato (Toscana, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio)[modifica | modifica wikitesto]

Il termine sarebbe da utilizzarsi solo per identificare l'attrezzo in una sua particolare variante, diffusa in Toscana, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio, Abruzzo (ed altre regioni) e dotata, sul dorso della lama, di un'appendice tagliente variamente conformata, detta appunto penna, che lo rende utilizzabile anche similmente ad un'ascia. Colloquialmente, tuttavia, i termini roncola e pennato sono, per molti toscani, pienamente intercambiabili, indipendentemente dalla presenza o meno della penna sul manufatto. L'utilizzo della roncola in Toscana ha origini molto antiche. Il suo uso in guerra, ad esempio, si trova descritto già da Tito Livio, nella seconda parte dei libri pervenutici della raccolta Ab Urbe condita libri. Nella parte relativa alle guerre apuane, la roncola è raccontata come una temibilissima arma da battaglia, nel cui uso gli apuani erano maestri. Importante fu il suo utilizzo nella disfatta di Marcione, in cui un manipolo di apuani si scontrò con la legione di Quinto Marcio Filippo e riuscì a sconfiggerla, a dispetto della soverchiante inferiorità numerica. I cronisti riportano estesamente la tremenda efficacia dimostrata dalle roncole in tale battaglia.

Ristaia (Isola d'Elba)[modifica | modifica wikitesto]

Variante elbana, il cui nome deriva dal latino falcula rustaria. Ha un'immanicatura ad anello e troncatura della parte finale della lama. Veniva usata anche per tagliare pali di castagno ed infiggerli nel terreno battendovi con la parte retrostante; la sua rozzezza ha ispirato il proverbio elbano «Sii più 'gnorante d'una ristaia a la mancina». Altre versioni della ristaia sono proprie della Garfagnana (restaghia), del Pistoiese (rostaglia), della Lunigiana (rustaghia), della Corsica (ristaghia o rustaghia) e della Gallura (rustagghia).

Runca (Calabria e Sicilia)[modifica | modifica wikitesto]

La runca è caratterizzata dal manico tubolare in ferro che è un'appendice dello stesso strumento. Utilizzata in Calabria e Sicilia dai contadini per lavorare nei campi ma anche come prima arma di difesa quando, intorno all'anno 1000, gli invasori e razziatori arabi, provenienti dal mare, con le loro navi risalivano le fiumare, in parte navigabili, per minacciare gravemente l'incolumità di persone e cose. Nelle antiche cave di calcarenite siciliane veniva usata, come strumento di scavo, la grossa runca di li carcarara, mentre il runcigghiu era adoperato nella potatura dei vigneti e nel tagliare i canneti. In dialetto reggino era conosciuta come runcigghia. Due proverbi in lingua siciliana ricordano l'utilità agricola della runca: «Runca porta pani» e «Runca e cutieddu fannu l'arbulu beddu».

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Araldica[modifica | modifica wikitesto]

La roncola (in tedesco Hippe o Knipp) appare nell'araldica tedesca, in vari stemmi, ecco alcuni esempi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ronca, in Treccani.it. URL consultato il 24 giugno 2015.
  2. ^ RONCOLA - Dizionario Italiano online Hoepli - Parola, significato e traduzione
  3. ^ Giancarlo Sani, I segni dell'uomo, Incisioni rupestri della Toscana, dell'Acero (2009)
  4. ^ Traduzione della parola italiana "roncola", su dialettando.com. URL consultato l'11 giugno 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4745618-8