Torrenova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la zona di Roma, vedi Torrenova (zona di Roma).
Torrenova
comune
Torrenova – Stemma Torrenova – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Messina-Stemma.png Messina
Amministrazione
SindacoSalvatore Castrovinci (lista civica Torrenova unita) dal 12/06/2017
Territorio
Coordinate38°05′N 14°41′E / 38.083333°N 14.683333°E38.083333; 14.683333 (Torrenova)Coordinate: 38°05′N 14°41′E / 38.083333°N 14.683333°E38.083333; 14.683333 (Torrenova)
Altitudine10 m s.l.m.
Superficie12,93[1] km²
Abitanti4 333[2] (28-02-2014)
Densità335,11 ab./km²
Comuni confinantiCapo d'Orlando, Capri Leone, Militello Rosmarino, San Marco d'Alunzio, Sant'Agata di Militello
Altre informazioni
Cod. postale98070
Prefisso0941
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT083108
Cod. catastaleM286
TargaME
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantitorrenovesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Torrenova
Torrenova
Torrenova – Mappa
Posizione del comune di Torrenova all'interno della città metropolitana di Messina
Sito istituzionale

Torrenova (Turrinova in siciliano) è un comune italiano di 4.333 abitanti all'interno della Città metropolitana di Messina in Sicilia. Gli abitanti sono noti come Torrenovesi.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune conta 4.333 abitanti e ha una superficie di 1.298 ettari per una densità abitativa di 326,81 abitanti per chilometro quadrato.

Il comune di Torrenova confina:

Torrenova conta le seguenti frazioni: Cuffari, Serro Mendola, Serro Coniglio, Serro Marzo, Percacciola, Mangarone, Zappulla, Rocchetta, Fragale, Fontanelle, Casitti, Stradale, Villiti, Santo Pietro, Cerci, Cuba, Piattaforma, Laganeto basso ed alto, Pietra Roma, Rosmarino, Contrada mare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 novembre 1984 Torrenova divenne comune autonomo: in precedenza era la frazione del comune di San Marco d'Alunzio. Deve il suo nome alla presenza nella zona di tre torri militari dislocate in punti strategici erette a partire dal 1400 per l'avvistamento di pirati provenienti dal mare. Esse facevano parte del sistema di avviso delle Torri costiere della Sicilia, costruite su indicazione dell'architetto fiorentino Camillo Camilliani.

La prima è la Torre Cuffari, situata a circa 400 metri dal bivio per S. Marco D'Alunzio, proprio in contrada Cuffari, posta alla sponda destra del torrente Favara, serviva come torre di avvistamento per segnalare la presenza di pericolo per gli Aluntini. Oggi di essa resta solo un rudere. La seconda è la Torre Marco, dal nome del proprietario che la costruì. Serviva per tenere sotto controllo i transiti sul torrente Favara. La Torre Marco è ancor oggi in buone condizioni strutturali. La terza ed ultima torre, che ha dato il nome al comune, si chiama Torre Gatto, dal nome del proprietario che la fece erigere, e fu chiamata anche Torre Nuova, perché la più "nuova" rispetto alle altre in quanto costruita per ultima. Principalmente venne edificata per la difesa e il controllo del nucleo urbano insediatosi nei pressi della torre. Anch'essa, così come la Torre Marco, è tutt'oggi in buone condizioni strutturali.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Tra i monumenti segnaliamo la chiesa bizantina di San Pietro in Deca e la Porta di Pietra di Roma del secolo XVIII. Nelle vicinanze si trovano diverse interessanti zone archeologiche con resti di un ponte medievale (località Valle del Rosmarino), reperti dell'età del rame, resti di una fattoria romana del II-III secolo a.C. e le grotte abitate già in età neolitica, in località Scudunì, a nord della SS113. Le tre torri, Torre Cuffari nella omonima Frazione, Torre Gatto e Torre Mario nel centro abitato.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia del paese è prevalentemente agricola. I prodotti principali sono gli agrumi, gli ortaggi e la frutta. Le industrie tradizionali sono quelle manifatturiere del pesce e delle conserve alimentari: una zona industriale di origine più recente è situata nella contrada Pietra di Roma che occupa circa 3000 persone[senza fonte].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Torrenova è attraversata dall'autostrada Messina-Palermo (uscite a Rocca di Capri Leone o Sant'Agata di Militello), dalla ferrovia (stazioni di San Marco d'Alunzio-Torrenova e Zappulla) e dalla strada statale 113 Settentrionale Sicula (via Nazionale).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26.maggio 1985 20 maggio 1990 Antonio Mario Russo Democrazia Cristiana Sindaco [4]
20 maggio 1990 17 ottobre 1992 Antonio Mario Russo Democrazia Cristiana Sindaco [4]
17 ottobre 1992 28 giugno 1994 Basilio Castrovinci Democrazia Cristiana Sindaco [4]
28 giugno 1994 25 maggio 1998 Basilio Castrovinci lista civica Sindaco [4]
25 maggio 1998 27 maggio 2003 Vincenzo Marcello Russo lista civica Sindaco [4]
27 maggio 2003 15 giugno 2008 Basilio Castrovinci lista civica Sindaco [4]
23 ottobre 2006 17 giugno 2008 Eliseo Fonte Comm. straordinario [4]
17 giugno 2008 6 marzo 2012 Benedetto Russo lista civica Sindaco [4]
6 marzo 2012 8 maggio 2012 Filippo Ribaudo Comm. straordinario [4]
8 maggio 2012 in carica Salvatore Castrovinci Sindaco [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Istat 2011, su istat.it. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2014.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g h i j http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN241904041 · GND: (DE7598617-6
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia