Hippana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hippana
Monte dei Cavalli - Prizzi PA, Sicilia, Italia.jpg
Nome originale Ἱππάνα / Ἵπανα
Cronologia
Fondazione VII secolo a.C.
Fine 258 a.C.
Causa distrutta dai Romani
Localizzazione
Coordinate 37°42′08.43″N 13°26′13.21″E / 37.702341°N 13.437004°E37.702341; 13.437004Coordinate: 37°42′08.43″N 13°26′13.21″E / 37.702341°N 13.437004°E37.702341; 13.437004
Altitudine 1007 m s.l.m.
Mappa di localizzazione: Sicilia isola
Hippana
Hippana

Hippana (o Hipana, riportato anche Ippana/Ipana; in greco antico Ἱππάνα o Ἵπανα)[1] fu una antica città di età alto-ellenistica, in Sicilia, la cui ubicazione è ancora oggetto di discussione.

La città è stata identificata, seppur non unanimemente, con le rovine rinvenute sulla montagna dei Cavalli nel territorio di Prizzi, comune italiano della provincia di Palermo.

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

I resti di questa città, esistita tra il VII secolo a.C. e il 258 a.C. e che ebbe stretti rapporti con i greci, sono stati rinvenuti sulla montagna dei Cavalli, nei pressi di Prizzi. Ciononostante, non tutti gli archeologi e gli studiosi tendono a identificare Hippana con i suddetti resti rinvenuti sui monti Sicani[2].

Adolf Holm, ad esempio, ritenendola una città posta nelle vicinanze del mare, la identificò con i resti del centro abitato posto su monte Castellaccio, nel territorio di Termini Imerese. Salvatore Raccuglia, studioso siciliano, la identificò con la città di Caccamo; tale ipotesi, tuttavia, venne ritenuta "non sufficientemente dimostrata" da Biagio Pace, che a sua volta propendeva per l'identificazione di Hippana con il centro rinvenuto sulla montagna dei Cavalli di Prizzi. Rimane ingiustificata l'ipotesi di Luigi Pareti che localizzava Hippana "probabilmente ancora in zona siracusana".

Uno studio di Paolo Collura[3] elenca una serie di toponimi di età medievale[4] che designano la montagna dei Cavalli (o monte San Lorenzo) di Prizzi con il sottostante vallone, indicati come montis Ypane e vallonem de Ypanis o Ypano; una chiesetta medievale dedicata a san Lorenzo, di cui rimangono solo ruderi dopo il crollo nel periodo successivo al 1940, è indicata come chiesa di Sancti Laurentii de Ypano[5]. L'oronimo stesso, come riportato da monsignor Giuseppe Crispi, era "colle di Pana"[6].

Oltre al contributo della toponomastica medievale, per l'identificazione della città di Hippana con i resti archeologici di Montagna dei Cavalli a Prizzi risulta fondamentale l'apporto della numismatica: se il ritrovamento di una litra d'argento di provenienza ignota con i tipi dell'aquila su capitello e legenda ΙΠΑΝΑΤΑΝ al D/ e delfino più conchiglia al R/ conferma l'esistenza di una città denominata Hipana, senza fornire alcun elemento utile per una sua identificazione, il rinvenimento di monete della serie bronzea con toro cozzante (e iscrizione ΙΠΑ su alcuni esemplari) al D/ e astragalo al R/, riconiate sulla serie punica con testa maschile e cavallo in corsa e databili dalla seconda metà del IV secolo a.C., fanno propendere per una localizzazione della zecca di Hippana in questa zona della Sicilia centro-occidentale, area altamente interessata dai rinvenimenti di tali monete, e probabilmente proprio sulla montagna dei Cavalli, in cui sono stati trovati sedici esemplari[7].

Ulteriore elemento di prova è «la violenta distruzione alla metà del III sec. a.C., documentata dallo scavo» a Montagna dei Cavalli, che coinciderebbe con la distruzione di Hippana a opera dei Romani nel corso della prima guerra punica[8].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Età sicana[modifica | modifica wikitesto]

Ἱππάνα: età ellenistica[modifica | modifica wikitesto]

Principali avvenimenti della prima guerra punica tra il 258 e il 256 a.C.

La città è stata menzionata da Polibio nel primo libro delle sue Storie: secondo il racconto dello storico, la città fu distrutta dai Romani comandati dal console Aulo Atilio Calatino nel 258 a.C., nel corso della prima guerra punica:

(GRC)

«οἱ δὲ στρατηγοὶ συνεγγίσαντες τῇ πόλει μετὰ πάσης τῆς δυνάμεως παρετάξαντο. τῶν δὲ πολεμίων οὐκ ἀντεξιόντων, πάλιν ἐντεῦθεν ἐποιήσαντο τὴν ὁρμὴν ἐπὶ πόλιν Ἱππάναν, καὶ ταύτην μὲν ἐξ ἐφόδου κατὰ κράτος ἔλαβον.»

(IT)

«Appena si avvicinarono alla città, i consoli schierarono tutto il loro esercito in ordine di battaglia. Non uscendo i nemici loro incontro, partirono e raggiunsero Hippana, e la presero con la forza.»

(Polibio, Storie, 1,24,10-11[9])

Probabilmente si tratta della stessa città menzionata da Diodoro Siculo come Sittana:

(GRC)

«εἶτα ἐπὶ Σιττάναν ἐλθὼν κατὰ κράτος ταύτην εἷλε.»

(IT)

«Successivamente si diresse a Sittana (sic) e la prese con la forza.»

(Diodoro Siculo, Bibliotheca historica, XXIII,9,5)

Della stessa città sembra parlare anche Stefano di Bisanzio:

(GRC)

«Ἵπανα, πόλις περὶ Καρχηδόνα, ὡς Πολύβιος πρώτῳ. τὸ ἐθνικὸν Ἱπανεύς, ὡς Τύανα Τυανεύς»

(IT)

«Hipana, città presso Cartagine, che Polibio menzionò nel primo libro. L'etnico è Hipanense, come da Tyana si ha Tyanense»

(Stefano di Bisanzio, Ethnica)

Vincenzo Tusa, però, non esclude una confusione dello scrittore bizantino con la città di Ippona, in Africa[10]; l'espressione περὶ Καρχηδόνα, tuttavia, potrebbe significare "nel territorio di Cartagine", con riferimento all'epicrazia punica in Sicilia.

Ipana: età romana?[modifica | modifica wikitesto]

La città potrebbe essere stata menzionata anche da Plinio il Vecchio, che nel terzo libro della sua Naturalis historia elenca una lista di civitates della Sicilia tra cui figura anche la città degli Ipanenses, probabilmente gli abitanti di Ipana[11]. Il termine, tuttavia, è stato letto da vari studiosi come Ichanenses e riferito, pertanto, alla città di Ichana. Se Plinio avesse realmente fatto riferimento a Hippana, la città dovrebbe essere inclusa tra le 68 civitates della Sicilia romana di età repubblicana: sarebbe appartenuta, probabilmente, a quella categoria di città (insieme con Adranum, Makella, Mytistraton, Kamarina e Megara[12]) che avevano subito la confisca dell'intero territorio e che erano sottoposte al pagamento della decima dei prodotti agricoli al praetor e di un fitto ai censores[13].

Area archeologica[modifica | modifica wikitesto]

Montagna dei Cavalli
Hippana
CiviltàSicani, Cartaginesi, Greci, Romani
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComunePrizzi
Altitudine1,007 m s.l.m.
Scavi
Data scoperta1836
ArcheologoGiuseppe Crispi
Mappa di localizzazione

Ambienti[modifica | modifica wikitesto]

Fortificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Mura[modifica | modifica wikitesto]
Porte[modifica | modifica wikitesto]
Torri[modifica | modifica wikitesto]

Centro abitato[modifica | modifica wikitesto]

Acropoli[modifica | modifica wikitesto]

L'acropoli è costituita da un pianoro elevato e scoperto, posto sulla sommità del monte, per secoli adibito a pascolo e altri lavori agricoli, entrambe condizioni che ne causarono spietramenti e rovina degli antichi edifici[14].

L'orientamento degli edifici A, B, del vano I e quello delle strutture che emergono nell'area centrale, tutti disposti quasi perpendicolarmente alla pendenza del terreno, fanno dedurre un regolare orientamento degli edifici dell'acropoli, già favorita da una regolarità della disposizione naturale della zona pianeggiante in cima al monte[15].

Le tre aree di scavo aperte sull'acropoli sono costituite[16]:

  • dall'edificio A e l'agorà;
  • dall'edificio B;
  • dagli edifici C, D e dal vano I.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Teatro di Hippana.

Necropoli[modifica | modifica wikitesto]

Monetazione[modifica | modifica wikitesto]

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo della città ha fatto sorgere vari dibattiti tra gli studiosi. Le fonti antiche che citano la città, infatti, ne riportano il nome in tre diverse varianti: per Polibio è Ἱππάνα, per Diodoro Σιττἀνα; Stefano di Bisanzio, infine, la cita come Ἵπανα, con una sola π; quest'ultima forma sembra essere confermata dalle monete recanti per legenda ΙΠΑΝΑΤΑΝ[17].

Museo[modifica | modifica wikitesto]

La sezione archeologica del museo di Prizzi

A Prizzi, in corso Umberto I, si trova il museo archeologico "Hippana", suddiviso in tre sezioni: una archeologica, una paleontologica e una mineralogica. Il museo contiene la maggior parte dei reperti rinvenuti sulla montagna dei Cavalli e attribuiti all'antica città di Hippana[18].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diodoro Siculo la menziona come Sittana; Stefano di Bisanzio la cita come Hipana.
  2. ^ Per un'ampia panoramica sulla questione, vedi Tusa, 1961.
  3. ^ Paolo Collura (Prizzi, 1914-Palermo, 1997) fu un paleografo, diplomatista e storico siciliano.
  4. ^ I documenti risalgono al periodo compreso tra il XII e il XIV secolo.
  5. ^ Collura, 1971, n. 13.
  6. ^ Sermenghi, 1981, 180.
  7. ^ Vassallo, 1997, 304-305.
  8. ^ Vassallo, 1997, 305.
  9. ^ Traduzione presente in Tusa, 1961, 115-116.
  10. ^ Tusa, 1961, 116.
  11. ^ Plinio il Vecchio, Nat. hist., III,89-91.
  12. ^ Calderone, 1964-65.
  13. ^ Varvaro, 1981, 34.
  14. ^ Vassallo, 1997, 292.
  15. ^ Vassallo, 1997, 292-293.
  16. ^ Vassallo, 1997, 293-297.
  17. ^ Manni, 1961, 122.
  18. ^ Il museo e il sito archeologico, su comunediprizzi.gov.it. URL consultato l'8 ottobre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvatore Calderone, Problemi dell'organizzazione della provincia di Sicilia, in Kokalos, X-XI, 1964-1965, pp. 63-98.
  • Paolo Collura, La localizzazione di Hippana alla luce di alcuni documenti medievali (PDF), in Sicilia Archeologica, IV, 15, nº 1971, pp. 38-42.
  • Eugenio Manni, Hippana, Sittana o Hipana?, in Kokalos, VII, nº 1961, pp. 122-123.
  • Cesare Sermenghi, Mondi minori scomparsi, Palermo, Il Vertice/Libri Editrice, 1981.ISBN non esistente
  • Vincenzo Tusa, Il centro abitato su Monte Cavalli è identificabile con Hippana?, in Kokalos, VII, nº 1961, pp. 114-121.
  • Alberto Varvaro, Lingua e storia in Sicilia. Dalle guerre puniche alla conquista normanna, Palermo, Sellerio editore, 1981.ISBN non esistente
  • Stefano Vassallo, Ricerche a Montagna dei Cavalli. Scavi 1988-1991 a Montagna dei Cavalli - Hippana, in Archeologia e Territorio, nº 1997, pp. 275-348.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]