Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Città metropolitana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La città metropolitana è uno degli enti locali territoriali previsti nella Costituzione italiana, all'articolo 114.[1] La legge del 7 aprile 2014 n. 56 recante "Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni" ne disciplina l'istituzione come ente di area vasta.

Excursus storico-legislativo e fasi istitutive[modifica | modifica wikitesto]

La città metropolitana è un ente locale previsto per la prima volta dalla legge 8 giugno 1990, n. 142 (artt. 17-21) sulla riforma dell'ordinamento degli Enti locali. All’interno di questa norma si delineavano due livelli di amministrazione locale, la città metropolitana e i comuni, e si individuavano come organi della città metropolitana il consiglio, la giunta e il sindaco metropolitano. Si stabiliva, inoltre, che le nuove delimitazioni amministrative delle città metropolitane sarebbero state individuate entro un anno dall’approvazione della legge. Tale scadenza fu posticipata più volte e in quest’ottica intervenne anche la legge n. 463 del 1993 che introdusse inoltre un carattere facoltativo alla riforma istituzionale modificando l’espressione originale “procede” con la dicitura “può procedere”. Con la legge n. 265 del 1999, accolta successivamente nel Testo Unico degli Enti Locali, si tentò di accelerare il processo di costituzione delle città metropolitane e successivamente, nel 2001, con la riforma del titolo V della Costituzione (legge costituzionale 3/2001) la riforma metropolitana ha acquisito dignità costituzionale con la modifica dell'art. 114, che inserisce le città metropolitane di diritto tra gli enti locali che costituiscono la Repubblica Italiana[2].

Nel 2007 il Governo Prodi II approvò un disegno di legge-delega (per la redazione della Carta delle autonomie locali), che avrebbe dovuto abrogare il d. lgs. n. 267/2000, recante il Testo unico sull'Ordinamento degli Enti Locali, che a sua volta raccoglieva in un unico testo la fondamentale legge n. 142/1990, la prima che aveva previsto, tra le varie disposizioni, proprio l'istituzione delle città metropolitane[3]. Secondo il predetto d.d.l., ne potevano far parte le Circoscrizioni del Comune capoluogo, trasformate – ed eventualmente accorpate – in Municipi, nonché i Comuni contermini strettamente integrati al capoluogo. L'iniziativa della costituzione della città metropolitana spettava al comune capoluogo o al 30% dei comuni della provincia o delle province interessate, che rappresentassero il 60% della relativa popolazione, oppure ad una o più province insieme al 30% dei comuni della provincia/e proponenti. Sulla proposta la Regione doveva esprimere un parere e successivamente sarebbero stati chiamati ad esprimersi anche i cittadini con un referendum, che non avrebbe avuto un quorum se il parere della Regione fosse stato favorevole, o del 30% in caso contrario.

Il 5 maggio 2009 la legge di delega sul federalismo fiscale[4] introdusse una normativa transitoria per la prima istituzione delle città metropolitane, delegando il Governo ad adottare entro 36 mesi, ossia entro il maggio 2012, un decreto legislativo per l’istituzione delle città metropolitane.[5]

Scaduto infruttuosamente tale termine, il Governo Monti emanò il decreto legge sulla revisione della spesa pubblica, convertito in legge n. 135 il 7 agosto del 2012.[6] L’articolo 18 del decreto prevedeva l’istituzione entro il 1º gennaio 2014 delle città metropolitane di Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria e la contestuale soppressione delle rispettive province. Il percorso della riforma introdotta dalla legge 135 ha incontrato numerosi ostacoli: dapprima è intervenuto il maxiemendamento del Governo alla Legge di stabilità 2013 che ha rimandato di un anno le scadenze di attuazione previste; poi, nel febbraio 2013 tale percorso è stato dichiarato incostituzionale dalla Corte per violazione dell’art. 77 Cost., in relazione agli artt. 117, 2° comma lett. p) e 133, 1° comma Cost., in quanto il decreto-legge, atto destinato a fronteggiare casi straordinari di necessità e urgenza, è strumento normativo non utilizzabile per realizzare una riforma organica e di sistema quale quella prevista dalle norme censurate nel presente giudizio.

Per intervenire su questa materia, che riguarda enti previsti dalla carta costituzionale, era dunque necessaria una legge o un decreto legislativo, e in questo senso il Governo Letta, il 26 luglio del 2013, intervenne approvando un nuovo disegno di legge (“Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e sulle fusioni di comuni”). Nel corso dell’iter parlamentare il provvedimento subì diverse modifiche e finalmente, sotto il Governo Renzi, la legge n. 56 recante "Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni" (detta anche "legge Delrio") venne pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 7 aprile 2014. La legge ha previsto nelle regioni a statuto ordinario l’istituzione di 10 città metropolitane, identificando la loro delimitazione territoriale con quella della relativa provincia contestualmente soppressa. Di seguito viene schematizzata la situazione delle città metropolitane come definita dalla legge in questione:

Città metropolitana Comuni Popolazione
(dati Istat del 30/09/2014)[7]
Superficie (km2) Densità abitativa (km2)
Roma Capitale 121 4.336.915 5.352 807
Milano 134 3.190.340 1.575 2.016
Napoli 92 3.128.702 1.171 2.670
Torino 316 2.293.340 6.829 336
Bari 41 1.261.004 3.821 329
Firenze 42 1.007.435 3.514 286
Bologna 56 1.003.027 3.702 270
Genova 67 864.008 1.839 472
Venezia 44 858.455 2.462 348
Reggio Calabria 97 558.959 3.183 172

Assetto istituzionale[modifica | modifica wikitesto]

Sono organi della città metropolitana:

Nelle regioni a statuto speciale[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle disposizioni riguardanti i territori delle regioni a statuto ordinario, è previsto che nelle regioni a statuto speciale si possano istituire città metropolitane «in armonia coi rispettivi statuti speciali e nel rispetto della loro autonomia organizzativa […] nei rispettivi capoluoghi di regione nonché nelle province già all’uopo individuate come aree metropolitane dalle rispettive leggi regionali».[8] Tra le regioni a statuto speciale, il Friuli-Venezia Giulia, la Sardegna e la Sicilia hanno avviato diversi processi normativi volti all’istituzione delle città metropolitane. La Regione Friuli-Venezia Giulia, con la legge regionale 10/1988, aveva avviato un processo normativo inserendo un articolo riguardante “disposizioni particolari per l’area metropolitana di Trieste”. La disposizioni in questione sono state abrogate con la legge regionale 1/2006 che ha contestualmente inserito la possibilità di istituire città metropolitane nella regione, riconoscendo il potere di iniziativa ai comuni capoluogo. In Sardegna la discussione relativa alle città metropolitana è stata avviata con la legge regionale 4/1997 che prevedeva la possibilità di istituire la città metropolitana di Cagliari. Le disposizioni presenti nella legge sono rimaste lettera morta anche se attualmente il dibattito sul tema è tornato ad assumere un certo rilievo. La Sicilia è la regione, tra quelle a statuto speciale, in cui si è posta maggiore attenzione al tema delle città metropolitane. Il primo intervento mirato all’istituzione di città metropolitane nel territorio siciliano risale al 1986 con la legge n.9. Successivamente, il 10 agosto 1995, un decreto del presidente della regione individuava i confini delle città metropolitane di Messina (51 comuni), Catania (27 comuni) e Palermo (27 comuni). Anche questo decreto non ha trovato attuazione e il processo di riforma è tornato ad avere una certa vitalità solo nel settembre 2013, quando la giunta regionale ha redatto un disegno di legge (deliberazioni 313 e 354) volto all’istituzione delle città metropolitane nei tre capoluoghi suddetti, con una drastica riduzione del numero di comuni coinvolti (14 a Messina, 10 a Catania e 21 a Palermo). Il testo è in fase di discussione al Consiglio regionale.

In questo modo, alla lista delle dieci città metropolitane previste dalla legge del 7 aprile 2014 n. 56, andrebbero aggiunte le seguenti città metropolitane:

Progetti di città metropolitane[modifica | modifica wikitesto]

Le città metropolitane italiane e le potenziali candidate


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato, art. 114 Costituzione.
  2. ^ art. 114 Costituzione della Repubblica italiana.
  3. ^ Cfr. il testo del d.d.l. delega approvato dal Consiglio dei ministri
  4. ^ Articolo 23, comma 6 della legge n.42
  5. ^ Legge 5 maggio 2009, n. 42, Camera dei deputati. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  6. ^ Legge 135 del 7 agosto 2012
  7. ^ Dati Istat 31/12/2013
  8. ^ Art.2 comma 1 del ddl "Delrio"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Walter Tortorella, Massimo Allulli, Città metropolitane. La lunga attesa, Marsilio, Venezia, 2014. ISBN 978-88-317-1830-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]