Regioni d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Regioni d'Italia sono venti. Con l'eccezione della Valle d'Aosta, le regioni sono ripartite in enti di area vasta chiamati province (attualmente sono 110). Le città metropolitane, anch'esse dotate di funzioni di area vasta sono diventate operative dal 1º gennaio 2015.

Il livello inferiore della suddivisione amministrativa è il comune.

Lista[modifica | modifica wikitesto]

Appartenenza politica dei presidenti delle regioni italiane.

██ Partito Democratico

██ Lega Nord

██ Forza Italia

██ Partito Autonomista Trentino Tirolese

██ Union Valdôtaine

Tranne in Valle d'Aosta e Trentino-Alto Adige/Südtirol, in tutte le regioni si vota secondo la legge Tatarella o sue modificazioni, con elezione diretta del Presidente.

Regione Capoluogo Presidente Anno di
insediamento
Partito politico
del Presidente
Valle d'Aosta Valle d'Aosta Aosta-Stemma.png Aosta Augusto Rollandin 2013 Union Valdôtaine
Piemonte Piemonte Torino-Stemma.svg Torino Sergio Chiamparino 2014 Partito Democratico
Liguria Liguria Genova-Stemma.png Genova Giovanni Toti 2015 Forza Italia
Lombardia Lombardia CoA Città di Milano.svg Milano Roberto Maroni 2013 Lega Nord
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige Trento-Stemma.png Trento Ugo Rossi 2014 Partito Autonomista Trentino Tirolese
Veneto Veneto Venezia-Stemma.png Venezia Luca Zaia 2015 Lega Nord
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia Trieste-Stemma.png Trieste Debora Serracchiani 2013 Partito Democratico
Emilia-Romagna Emilia-Romagna Città metropolitana di Bologna - Stemma.png Città metropolitana di Bologna Stefano Bonaccini 2014 Partito Democratico
Toscana Toscana Firenze-Stemma.png Firenze Enrico Rossi 2015 Partito Democratico
Marche Marche Ancona-Stemma.png Ancona Luca Ceriscioli 2015 Partito Democratico
Umbria Umbria Logocomuneperugia.png Perugia Catiuscia Marini 2015 Partito Democratico
Lazio Lazio Roma-Stemma.png Roma Nicola Zingaretti 2013 Partito Democratico
Abruzzo Abruzzo L'Aquila-Stemma.png L'Aquila Luciano D'Alfonso 2014 Partito Democratico
Molise Molise Stemma campobasso città rosso.png Campobasso Paolo Di Laura Frattura 2013 Partito Democratico
Campania Campania CoA Città di Napoli.svg Napoli Vincenzo De Luca 2015 Partito Democratico
Basilicata Basilicata Potenza (Italia)-Stemma.png Potenza Marcello Pittella 2013 Partito Democratico
Puglia Puglia CoA Città di Bari.svg Bari Michele Emiliano 2015 Partito Democratico
Calabria Calabria Catanzaro-Stemma.png Catanzaro Mario Oliverio 2014 Partito Democratico
Sicilia Sicilia Palermo-Stemma uff.png Palermo Rosario Crocetta 2012 Partito Democratico
Sardegna Sardegna Cagliari-Stemma.png Cagliari Francesco Pigliaru 2014 Partito Democratico

Dati demografici e geografici[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito si riporta una tabella contenente popolazione[1], superficie, densità abitativa, capoluogo, numero di comuni e province delle 20 regioni italiane.

Regione Capoluogo Popolazione (ab) Superficie (km²) Densità (ab/km²) Province e Città metropolitane Comuni
Lombardia Milano 10 001 496 23 861 419 Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e Brianza, Pavia, Sondrio, Varese 1 530
Lazio Roma 5 889 649 17 236 341 Frosinone, Latina, Rieti, Roma, Viterbo 378
Campania Napoli 5 869 029 13 590 429 Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Salerno 550
Sicilia[2] Palermo 5 088 889 25 711 197 Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa, Trapani 390
Veneto Venezia 4 928 503 18 399 267 Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza 580
Emilia-Romagna[3] Bologna 4 450 541 22 446 198 Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini 340
Piemonte Torino 4 425 194 25 402 174 Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Torino, Verbano Cusio Ossola, Vercelli 1 206
Puglia Bari 4 082 840 19 358 209 Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Lecce, Foggia, Taranto 258
Toscana Firenze 3 752 414 22 994 163 Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa e Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Siena 279
Calabria Catanzaro 1 977 148 15 081 130 Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia 409
Sardegna[4] Cagliari 1 661 630 24 090 69 Cagliari, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Sassari 377
Liguria Genova 1 584 242 5 422 292 Genova, Imperia, La Spezia, Savona 235
Marche[3] Ancona 1 549 507 9 366 165 Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino 236
Abruzzo L'Aquila 1 331 749 10 763 123 Chieti, L'Aquila, Pescara, Teramo 305
Friuli-Venezia Giulia Trieste 1 227 625 7 858 156 Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine 216
Trentino-Alto Adige[5] Trento 1 055 649 13 607 77 Bolzano, Trento 325
Umbria Perugia 895 259 8 456 105 Perugia, Terni 92
Basilicata Potenza 575 993 9 995 57 Matera, Potenza 131
Molise Campobasso 313 278 4 438 70 Campobasso, Isernia 136
Valle d'Aosta Aosta 128 210 3 263 39 Aosta[6] 74
TOTALE ITALIA 60 788 845 301 340 201 109 8047

Riordino delle regioni secondo la Società geografica italiana[modifica | modifica wikitesto]

La Società geografica italiana fece una ricerca tra gli anni ottanta e novanta e dopo la recente riforma dell'abolizione delle Province ha proposto un elenco delle possibili regioni istituizioni[7][8][9][10][11]:

  • Regione del Tanaro
  • La grande Torino
  • Valle d'Aosta
  • Valsesia-Piemonte settentrionale
  • La grande Milano
  • Insubria
  • Liguria
  • Padania occidentale-La città del Po
  • Regione del Garda
  • Padania orientale-Regione del delta-Polesine
  • Trentino-Dolomitia
  • Alto Adige
  • Veneto
  • Friuli-Iulia
  • Emilia-La grande Bologna
  • Romagna
  • Tirrenia
  • La grande Firenze
  • Etruria
  • Umbria
  • Marche
  • Roma Capitale
  • Ciociaria
  • Abruzzo
  • Sannio
  • Napoletano-La Campania felix
  • Campania
  • Daunia
  • Puglia
  • Salento
  • Basilicata
  • Calabria
  • Regione dello Stretto
  • Sicilia ionica
  • Sicilia occidentale
  • Sardegna settentrionale
  • Sardegna meridionale

Dati economici[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto Interno Lordo[modifica | modifica wikitesto]

La tabella sottostante riporta il PIL in milioni di euro e il PIL pro-capite delle Regioni e macro-regioni italiane nel 2012

secondo i dati territoriali ISTAT.

ATTENZIONE: PIL pro-capite NON corrisponde nella tabella al rapporto tra PIL-totale e abitanti della tabella precedente [12].

Regione o macroregione PIL totale (mln €) [1] PIL pro-capite (€) [2] PIL pro-capite (IT=100)
Piemonte 114.817 27.941 108
Valle d'Aosta 4.083 34.464 134
Liguria 43.100 27.308 106
Lombardia 319.979 33.065 128
Nord-Ovest 481.981 31.093 121
Provincia autonoma di Bolzano 18.273 37.316 145
Provincia autonoma di Trento 16.148 30.338 118
Veneto 134.026 29.531 115
Friuli-Venezia Giulia 32.190 29.106 113
Emilia-Romagna 129.571 31.538 122
Nord-Est 330.210 30.629 119
Marche 35.763 25.601 99
Toscana 97.018 28.100 109
Umbria 19.525 23.315 90
Lazio 167.792 29.194 113
Centro 320.099 27.940 108
Abruzzo 28.506 22.322 87
Molise 5.637 20.034 78
Campania 88.350 16.368 63
Puglia 62.736 17.208 67
Basilicata 9.654 17.963 70
Calabria 28.448 16.575 64
Sicilia 76.645 16.825 65
Sardegna 29.049 19.722 76
Sud 329.029 17.415 67
Italia 1.462.787 25.728 100

[1] - Conti Economici e Aggregati Territoriali - Prodotto Interno Lordo, lato produzione (in mln di Euro), 2012.

[2] - Valori pro capite dati territoriali - edizioni febbraio 2012 e successive - ISTAT

Credito Rating[modifica | modifica wikitesto]

Moody's[13]
Regione Rating Outlook
Piemonte Ba1 Negativo
Valle d'Aosta - -
Liguria Baa2 Negativo
Lombardia Baa1 Negativo
Trentino-Alto Adige A3
Veneto Baa2 Negativo
Friuli-Venezia Giulia - -
Emilia-Romagna - -
Marche A3 Negativo
Toscana A3 Negativo
Umbria Baa2 Negativo
Lazio Ba2 Negativo
Abruzzo Baa3 Negativo
Molise Baa3 Negativo
Campania Ba1 Negativo
Puglia Baa2 Negativo
Basilicata Baa2 Negativo
Calabria Baa3 Negativo
Sicilia Ba1 Negativo
Sardegna Baa2 Negativo
Italia Baa2 Negativo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico mensile anno 2013 e popolazione residente al 31/03/2013. URL consultato il 28 settembre 2013.
  2. ^ Le nove circoscrizioni provinciali della Sicilia sono state soppresse dallo Statuto regionale e tecnicamente sostituite con LR n 9/1986 da un pari numero di "Province regionali" formate come liberi consorzi comunali
  3. ^ a b Nel corso del 2009 sette comuni marchigiani sono stati aggregati all'Emilia-Romagna, determinando un'importante variazione territoriale e demografica
  4. ^ Le quattro nuove province sarde di Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Ogliastra e Olbia-Tempio non avranno necessariamente uffici statali provinciali (Prefettura-UTG, Comando Provinciale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Questura etc) in quanto la loro istituzione è facoltativa, ma sono sede degli organi provinciali e di uffici regionali decentrati
  5. ^ Le province autonome di Bolzano e Trento hanno competenze di tipo provinciale, regionale e statale, e vengono usualmente trattate come vere e proprie regioni, partecipano, infatti, alla Conferenza Stato-Regioni
  6. ^ Per la Valle d'Aosta le competenze provinciali vengono espletate dalla regione, per cui non esiste l'Amministrazione Provinciale
  7. ^ SGI: La Società Geografica Italiana ridisegna la geografia delle province italiane
  8. ^ Il Riordino Territoriale dello Stato
  9. ^ UNICAL
  10. ^ MeteoWeb
  11. ^ Regione Sicilia: Il riordino territoriale proposto dalla SGI
  12. ^ Statistiche I.Stat
  13. ^ Rating in picchiata, salve Lombardia e Toscana, il Piemonte nel gruppo che rischia il default