Consiglio regionale della Valle d'Aosta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Consiglio regionale della Valle d'Aosta
(FR) Conseil de la Vallée
Consiglio VdA.jpg
Conseil de la Vallée - rue du Piave, Aoste.JPG
La sede del Conseil de la Vallée, in via Piave
Istituito29 dicembre 1945
Operativo dal4 gennaio 1946
Presidentevacante (in attesa di elezione)
Vicepresidentivacante (in attesa di elezione)
Valle d'Aosta Consiglio Regionale 2018.svg
Gruppi politici
BilancioGreen Arrow Up.svg 2.149.910,62 € (2012)
SedeAosta
Indirizzovia Piave 1
11100 Aosta
Sito web(ITFR) consiglio.regione.vda.it

« Il Consiglio della Valle è composto di trentacinque Consiglieri, eletti a suffragio universale, uguale, diretto e segreto. Per l'esercizio del diritto elettorale attivo e passivo può essere stabilito il requisito della residenza nel territorio della Regione per un periodo non superiore a un anno. »

(Articolo 16[1] dello Statuto speciale della Valle d'Aosta)

Consiglio regionale della Valle d'Aosta / Conseil de la Vallée è la denominazione ufficiale del Consiglio regionale della regione italiana Valle d'Aosta / Vallée d'Aoste.

Tale denominazione è rinvenibile nelle leggi costituzionali che hanno approvato e modificato, a partire dal 1948, lo statuto speciale della regione, anche se in alcuni articoli è riscontrabile la dizione comune in italiano di Consiglio regionale o Consiglio Valle.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di un Consiglio della Valle - ossia di un'assemblea rappresentativa di tutti i valdostani dotata di rilevanti poteri decisionali - è strettamente legata, fin dal Basso Medioevo, al forte sentimento di identità comunitaria specifica ed all'aspirazione all'autodeterminazione e all'autonomia che, da sempre, caratterizzano gli abitanti della Valle.

La storia dell'autonomia valdostana precedente alla nascita della Repubblica Italiana è strettamente connessa con quella della casa Savoia che già con il suo capostipite, Umberto I Biancamano, concede nel 1032 le prime franchigie, poi notevolmente ampliate e precisate con la Charte des franchises del 1191.

I secoli successivi vedranno l'alternarsi dei tentativi sabaudi di uniformare il diritto valdostano a quello dell'intero Stato italo-francofono con le fortunate resistenze della nobiltà locale a tali tentativi fin quando, alle soglie della Rivoluzione francese, la "morsa centralizzatrice" del governo di Torino si rivelerà irresistibile.

La questione valdostana riesploderà, quindi, soltanto con l'unità d'Italia, in concomitanza con la trasformazione dello Stato retto dai Savoia da perfettamente bilingue in quasi completamente italofono.

I tentativi di uniformazione linguistica delle classi dirigenti postunitarie e, soprattutto, del governo fascista, non faranno altro che rafforzare il sentimento identitario dei valdostani.

Nel 1909 nasce la Ligue valdôtaine di Anselme Réan, molto attiva fino all'avvento del fascismo, per il quale, ad ogni modo, l'autonomismo valdostano rappresenterà sempre una non trascurabile "spina nel fianco".

Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, l'autodeterminazione regionale della Valle d'Aosta diviene, progressivamente, una prospettiva sempre più concreta mentre, in quegli anni, la grandissima maggioranza delle forze politiche e di resistenza armata valdostane respinge decisamente la possibilità, balenata dal generale Charles de Gaulle, di annettere la Valle alla Francia.

Le uniche opzioni rimaste, in questa fase storica, sono, dunque, nell'ambito dello Stato unitario italiano, quella federalista e quella regionalista.

Il primo Consiglio[modifica | modifica wikitesto]

Targa in ricordo della prima sede del Conseil de la Vallée d'Aoste, nell'attuale via César Ollietti

Il primo Consiglio della Valle d'Aosta libera e autonoma non sarà, paradossalmente, eletto direttamente dal popolo ma, sul modello della Consulta Nazionale e della Consulta regionale siciliana, sarà costituito da rappresentanti designati dai partiti aderenti al Comitato di Liberazione Nazionale.

La lista dei consiglieri provvisori sarà compilata "dalle direzioni centrali dei partiti, su proposta dei loro organi locali, sentito il Comitato di Liberazione della Valle d'Aosta" ed approvata dal Consiglio dei ministri il 29 dicembre 1945. Sulla base di tale deliberazione il presidente del Consiglio dei ministri, Alcide De Gasperi, nominerà, con proprio decreto, il 4 gennaio 1946, i primi 25 consiglieri valligiani, fra i quali vi era anche una donna, Maria Ida Viglino, che, in qualità di componente più giovane, svolgerà le funzioni di segretario della prima storica riunione (presidente sarà, come membro più anziano, il notaio Giuseppe Thiébat).

Il primo presidente eletto sarà lo storico Federico Chabod, designato dal Partito d'Azione, già attivo ed intelligente militante della causa autonomista. L'assemblea eleggerà anche una Giunta valligiana provvisoria composta da un assessore per ogni altro partito del CLN: PSI, Democrazia del Lavoro, PCI, DC, PLI.[2]

La prima elezione democratica[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1948 e il '49 si fanno sempre più forti le pressioni della sinistra - che, nel frattempo, sta dando buona prova di sé, grazie soprattutto al sindaco Fabiano Savioz, nel governo della città di Aosta - per ottenere dal governo nazionale la convocazione delle prime elezioni regionali democratiche e pluraliste.

La data delle elezioni è il 24 aprile 1949. Il sistema elettorale è quello ipermaggioritario entrato in vigore nel 1924 per le elezioni provinciali: assegnazione dei quattro quinti dei 35 seggi alla lista che avesse ottenuto il maggior numero dei voti e del resto alla seconda, con esclusione di tutte le altre. Ammesso anche il voto disgiunto, ossia la facoltà di dare la propria preferenza a candidati di due liste contrapposte.

Vince la lista unitaria DC-UV: 43,6% dei suffragi ed elezione di tutti i propri candidati (28 su 35 consiglieri).

I 7 seggi di opposizione sono conquistati dalla sinistra, che ottiene il 33,2%. Le liste "italianiste" rimangono fuori dal Consiglio, ottenendo, complessivamente, circa un quarto dei voti.

Severino Caveri, UV, sarà presidente della Giunta regionale; Vittorino Bondaz, avvocato democristiano, presidente dell'assemblea.

Tra le "ossessioni" della nuova politica valdostana, un posto di rilievo spetta certamente al miglioramento delle comunicazioni, nel tentativo di far arretrare l'isolamento ereditato dalla natura e dalle scarse realizzazioni del passato. In tale quadro, il conte Lora Totino iniziava, fin dal marzo del '46, in mancanza di qualsiasi autorizzazione, lo scavo del traforo del Monte Bianco. La causa del traforo verrà patrocinata, nel Parlamento nazionale, dal deputato Farinet.

La prima legislatura sarà particolarmente deludente, tant'è che tutto il quinquennio non sarà sufficiente a far vedere la luce alla prima legge regionale della Valle d'Aosta.

I forti ostacoli all'attuazione dello Statuto frapposti dal governo di Roma porteranno alla fine dell'alleanza DC-UV.

« Ogni volta che un rappresentante del Parlamento italiano pone l'accento sulla necessità di uniformare la parlata nello stivale i valdostani insorgono a tutela del loro particolarismo linguistico. Il regime fascista giunge perfino ad italianizzare i toponimi, prevedendo di realizzare un analogo provvedimento per i cognomi, col risultato di rafforzare di fatto l'identità collettiva dei valdostani, il loro desiderio di autodeterminazione e di autonomia dallo stato italiano: comincia a farsi strada l'idea di un Consiglio della Valle, composto da valdostani ed eletto da valdostani, che eserciti un potere sovrano sulla regione. »

(dalla sezione "Storia" del sito istituzionale del Consiglio)

Composizione del Consiglio[modifica | modifica wikitesto]

Il Consiglio Regionale si compone di 35 membri. Questi, detti consiglieri vengono suddivisi nelle cinque commissioni permanenti la cui composizione è determinata con criterio di proporzionalità rispetto alla consistenza dei gruppi del Consiglio ed in ogni commissione deve essere rispettato il rapporto tra maggioranza e minoranza. Ogni commissione è costituita da sette consiglieri, salvo deroga relativa alla prima commissione che, nella XIV legislatura conta 11 componenti: ciascun consigliere ha diritto di essere assegnato ad almeno una commissione. Queste sono nominate dal Consiglio con votazione palese, su proposta del suo Presidente, sentita la Conferenza dei Capigruppo e, dal momento della loro costituzione, sono veri e propri organi del Consiglio regionale, disciplinati dal Regolamento interno. Le cinque Commissioni sono:

  • I Commissione permanente - Istituzioni e autonomia
  • II Commissione permanente - Affari generali
  • III Commissione permanente - Assetto del territorio
  • IV Commissione permanente - Sviluppo economico
  • V Commissione permanente - Servizi sociali

A queste si aggiunge la Commissione per il Regolamento che è composta da un rappresentante di ciascun gruppo consiliare ed è presieduta dal Presidente del Consiglio. Alle riunioni partecipano anche i componenti dell'Ufficio di Presidenza (due Vicepresidenti e due Consiglieri Segretari). Il Consiglio può deliberare la costituzione di commissioni consiliari speciali o d'inchiesta per l'esame di particolari questioni: tali commissioni durano in carica fino al compimento del loro mandato, ma non oltre il termine della legislatura.

XIV legislatura (dal 1º luglio 2013 a maggio 2018)[modifica | modifica wikitesto]

Partito Seggi
Union Valdôtaine 13
Stella Alpina 5
Totale coalizione autonomista 18
Union Valdôtaine Progressiste 7
Autonomie Liberté Participation Écologie 5
Partito Democratico 3
Totale coalizione di centrosinistra 15
Movimento 5 stelle 2
Totale seggi 35

Sono 19 (54%) gli eletti alla loro prima Legislatura in Consiglio, 14 (40%) quelli confermati della XIII Legislatura e 2 (6%) i Consiglieri già eletti in precedenti legislature. L'età media è di 49 anni, come all'inizio della scorsa Legislatura. Il neo Consiglio vede la presenza di cinque donne (14% dell'Assemblea). Il 20% degli eletti erano amministratori locali in carica al momento delle elezioni (nel 2008, all'inizio della XIII Legislatura, rappresentavano il 31%). In base alla professione, le categorie maggiormente rappresentate sono il settore pubblico (8 Consiglieri) e quello privato (7); gli insegnanti sono 5, i liberi professionisti 4, gli imprenditori 4, i pensionati 4, gli autonomi 2, e uno studente.[3]

XV legislatura (da maggio 2018)[modifica | modifica wikitesto]

Partito Seggi
Union Valdôtaine 7
Lega 7
Union Valdôtaine Progressiste 4
Stella Alpina 4
Movimento 5 Stelle 4
Autonomie Liberté Participation Écologie 3
Impegno Civico 3
MOUV' 3
Totale seggi 35

I Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'elenco dei Presidenti del Consiglio Regionale della Valle d'Aosta.[4]

Legislatura Presidente Anno/i
I Vittorino Bondaz 1949-1954
Giuseppe Bréan 1954
II Enrico Pareyson 1954-1959
III Giuseppe Fillietroz 1959-1963
IV Oreste Marcoz 1963-1966
Giuseppe Montesano 1966-1968
V Giuseppe Montesano 1968-1973
VI Giulio Dolchi 1973-1975)
Severino Caveri 1975-1977
Giulio Dolchi 1977-1978
VII Giulio Dolchi 1978-1983
VIII Giovanni Bondaz 1983-1988
IX Edoardo Bich 1988-1990
Giulio Dolchi 1990-1992
Enzo Cout 1992
Edoardo Bich 1992-1993
X François Stévenin 1993-1998
XI Roberto Louvin 1998-2002
Ego Perron 2002-2003
XII Ego Perron 2003-2008
XIII Alberto Cerise 2008-2012
Emily Rini 2012-2013
XIV Emily Rini 2013-2014
Marco Viérin 2014-2016
Andrea Rosset 2016-2018
Joël Farcoz 2018
XV in attesa di elezione 2018-

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Link al sito del Consiglio della Valle d'Aosta / Conseil de la Vallée
  2. ^ Il sito internet del Consiglio della Valle d'Aosta afferma invece che l'assessore Luigi Fresia fu in quota PdAz, ma è improbabile che a questo partito siano stati dati, tenendo conto del presidente, due componenti della giunta, mentre la DL sia stata esclusa differentemente dalle giunte di tutto il resto d'Italia.
  3. ^ Consiglio Regionale della Valle d'Aosta - Info Conseil
  4. ^ Consiglio Regionale della Valle d'Aosta - I Presidenti dal 1949 ad oggi Archiviato il 20 giugno 2012 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]