Vito Bardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vito Bardi
Generale Vito Bardi.jpg

Presidente della Regione Basilicata
In carica
Inizio mandato 16 aprile 2019
Predecessore Marcello Pittella

Dati generali
Partito politico Forza Italia
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Laurea in giurisprudenza
Laurea in scienze internazionali e diplomatiche
Laurea in scienze della sicurezza economica e finanziaria
Professione Militare
Vito Bardi
NascitaPotenza, 18 settembre 1951
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataGuardia di Finanza
Anni di servizio1970 - 2014
GradoGenerale di corpo d'armata
voci di militari presenti su Wikipedia

Vito Bardi (Potenza, 18 settembre 1951) è un politico e generale italiano. Già vicecomandante generale della Guardia di Finanza, è presidente della Regione Basilicata dal 16 aprile 2019.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Filiano, provincia di Potenza,[1] ha frequentato la Scuola militare Nunziatella di Napoli, presso la quale ha conseguito il diploma di maturità classica ed ha quattro lauree.[2] Ha servito nel corpo della Guardia di Finanza come ufficiale. Promosso colonnello, il 31 dicembre 1995, ha comandato la Legione di Firenze ed è stato posto a capo del I Reparto del Comando Generale, incarico nel quale il 1º gennaio 2001 è stato promosso come generale di brigata. Nominato generale di divisione il 1º gennaio 2005, è stato destinato quale comandante regionale della Campania. Da generale di corpo d'armata, grado raggiunto il 6 febbraio 2009, ha ricoperto gli incarichi di Comandante Interregionale dell'Italia Meridionale e di Ispettore per gli Istituti di Istruzione. È stato quindi vice comandante generale del corpo dal 5 settembre 2013[3], fino al 4 settembre 2014.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 è stato indicato da Silvio Berlusconi come candidato unitario della coalizione di centro-destra alla carica di presidente della regione Basilicata.[4] Il 24 marzo viene eletto presidente della regione Basilicata con il 42,2% dei voti.[5] È il primo presidente di centro-destra nella storia del consiglio regionale, governato sin dalla sua istituzione da giunte a guida democristiana e dopo 24 anni ininterrotti di governo di centro-sinistra.[6]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
Medaglia d'argento al merito della Croce Rossa Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al merito della Croce Rossa Italiana

Onorificenze militari[modifica | modifica wikitesto]

Croce di commendatore con spade al Merito Melitense del Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Croce di commendatore con spade al Merito Melitense del Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta
Commendatore al Merito del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore al Merito del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
Medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera militare
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
Croce per anzianità di servizio nella Guardia di Finanza d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Croce per anzianità di servizio nella Guardia di Finanza d'oro
«40 anni di servizio militare»
Medaglia militare al merito di lungo comando per la Guardia di Finanza d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia militare al merito di lungo comando per la Guardia di Finanza d'oro
«20 anni in servizio di comando»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È ufficiale: Vito Bardi è il nuovo presidente della regione Basilicata, su www.potenzanews.net, 25 marzo 2019. URL consultato il 30 marzo 2019.
  2. ^ Dalle Fiamme Gialle alla politica: Vito Bardi, nuovo governatore della Basilicata, su http://www.rainews.it, 25 marzo 2019. URL consultato il 31 marzo 2019.
  3. ^ Vito Bardi — gdf.gov.it, su www.gdf.gov.it. URL consultato il 26 marzo 2019.
  4. ^ Basilicata: chi è Vito Bardi, ex generale della Finanza - Basilicata, su Agenzia ANSA, 23 marzo 2019. URL consultato il 26 marzo 2019.
  5. ^ Basilicata al centrodestra, Vito Bardi vince con il 42,2%, su www.ansa.it, 25 marzo 2019. URL consultato il 30 marzo 2019.
  6. ^ Vito Bardi, il governatore della Basilicata che mette al primo posto il lavoro, su repubblica.it, 25 marzo 2019. URL consultato il 26 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]