Azione (partito politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Azione
Azione logo ott 2021.svg
PresidenteMatteo Richetti
SegretarioCarlo Calenda
VicesegretarioAndrea Mazziotti
Enrico Costa
VicepresidenteEmma Fattorini
Giulia Pastorella
PortavoceValentina Grippo
StatoItalia Italia
SedeCorso Vittorio Emanuele II, 21 - 00186 Roma[1]
AbbreviazioneAz
Fondazione18 gennaio 2019
(come Siamo Europei)
21 novembre 2019
(partito)
IdeologiaLiberalismo sociale[2][3][4]
Socialismo liberale[4][5]
Europeismo[6]
Progressismo[7][8]
Mazzinianesimo[9][10]
Popolarismo[2][11]
CollocazioneCentro[12][13][14]/Centro-sinistra[15][16]
Coalizionecon +E (2019-2022)
con PRI e ALI (dal 2019)
Azione - Italia Viva (dal 2022)
Partito europeonessuno
Gruppo parl. europeoS&D[17] (2019-2021)
Renew Europe[18] (dal 2021)
Seggi Camera
13 / 630
[19]
Seggi Senato
5 / 321
[20]
Seggi Europarlamento
1 / 76
Seggi Consiglio regionale
9 / 897
[21]
Iscritti30000 circa[22] (2022)
Colori     Blu elettrico (europeo)[23]
     Verde[24]
Slogan«L'Italia è più forte di chi la vuole debole»
«L’Italia sul serio»
Sito webwww.azione.it

Azione è un partito politico italiano di orientamento social-liberale, guidato da Carlo Calenda.

Nato dal manifesto politico di Siamo Europei, il nome del partito trae ispirazione dallo storico Partito d'Azione[25] con i suoi riferimenti al socialismo liberale di Carlo Rosselli, e dalla precedente omonima formazione risorgimentale mazziniana[9][10].

Sostiene la difesa della democrazia liberale[26] e si oppone a sovranismo[27] e populismo[28].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il logo del manifesto di "Siamo Europei"

Carlo Calenda il 6 marzo 2018, all'indomani della sconfitta alle elezioni politiche del 2018 del Partito Democratico, annuncia l'adesione al PD ritenendolo il pilastro da cui ripartire per sconfiggere populisti e sovranisti[29]. Nel gennaio 2019, in vista delle elezioni europee del 26 maggio 2019, Calenda lancia Siamo Europei, un manifesto che pone come obiettivo la costruzione di una lista europeista e riformista unitaria in alternativa al blocco sovranista composto da Lega e Fratelli d'Italia, e a quello populista del Movimento 5 Stelle. La lista Partito Democratico-Siamo Europei, che inglobava anche Democrazia Solidale, ex Campo Progressista e Articolo Uno, è stata presentata da Zingaretti il 30 marzo 2019[30] e raccogliendo il 22,74% dei consensi risulta essere la seconda più votata in Italia, con oltre 6 milioni di voti, e la più votata dagli italiani residenti all'estero[31].

Il 23 luglio 2019 Calenda presenta alla Direzione Nazionale del PD una mozione unitaria, approvata con ampia maggioranza, dove si ribadisce che Partito Democratico e Movimento 5 Stelle sono e rimarranno incompatibili perché divisi da valori opposti, e inoltre individua tre priorità evidenti su cui costruire immediatamente un piano per l'Italia: scuola e formazione, sanità e investimenti[32].

Tuttavia il 28 agosto 2019, in seguito alla caduta del governo Conte I sostenuto da M5S e Lega e dopo l'intesa fra i democratici e il M5S per formare un secondo governo Conte, Calenda annuncia l'uscita dal PD comunicando quindi di voler trasformare Siamo Europei in un nuovo partito progressista[33].

La nascita e l'opposizione al governo Conte II[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 novembre 2019 Calenda, a tre mesi dall'abbandono al PD, lancia ufficialmente Azione, la sua nuova formazione politica che dichiara di essere di centro-sinistra[16][34], progressista[35][36] e riformista[37], insieme al senatore Matteo Richetti e a un comitato promotore.

In attesa del primo congresso nazionale il partito è retto da una Direzione Nazionale costituita dai 50 membri del Comitato Promotore di Azione, tra i quali si annoverano:[38] il sociologo Stefano Allievi, l'imprenditore Alberto Baban, il giornalista Alessandro Barbano, l'ex capo di stato maggiore dell'Aeronautica Militare e della difesa Vincenzo Camporini, l'imprenditore Luciano Cimmino, l'avvocata Isabella De Monte, la storica Emma Fattorini, il sindaco di Siracusa Francesco Italia, l'avvocato Andrea Mazziotti, l'informatica Mara Mucci, il sindaco di Cinisi Giangiacomo Palazzolo, il politico Mario Raffaelli, il medico Walter Ricciardi, il politico Giulio Cesare Sottanelli[39].

Calenda ha avviato fin dalla fondazione del nuovo soggetto politico una critica all'esecutivo giallo-rosso fondata principalmente su idee d'ispirazione liberaldemocratica, accusando il PD di essersi eccessivamente piegato al populismo[40][41], che avrebbe nei pentastellati la sua principale espressione.

Elezioni regionali e referendum del 2020[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni regionali in Emilia-Romagna del 2020 il 26 gennaio, Azione partecipa per la prima volta con propri candidati a una tornata elettorale nella lista "Bonaccini Presidente". Nel collegio di Modena viene eletta Giulia Pigoni[42], il primo consigliere regionale eletto di Azione.

In occasione del referendum costituzionale per l'approvazione della riforma basata sul taglio del numero di parlamentari a 400 deputati e 200 senatori, avviata dal governo Conte I e proseguita dal governo Conte II, Azione si è schierata per il "no"[43].

Nell'agosto 2020 aderiscono al partito il deputato Enrico Costa, già ministro per gli Affari Regionali di AP nei governi Gentiloni e Renzi con Calenda[44] e l'onorevole Nunzio Angiola, proveniente dal Misto e prima dal M5S[45].

Alle elezioni regionali del 20-21 settembre dello stesso anno, Azione si schiera nella coalizione di centrosinistra nelle Marche, dove sostiene alcuni candidati della lista "Mangialardi Presidente", e in Toscana, dove sostiene dall'esterno Eugenio Giani. In Puglia invece si schiera, insieme a Italia Viva, Volt Europa e +Europa, a sostegno di Ivan Scalfarotto e della lista "Scalfarotto Presidente", e contro il presidente uscente di centro-sinistra, Michele Emiliano. Negli stessi giorni alle elezioni amministrative, Azione presenta per la prima volta un proprio simbolo a Trento, a sostegno del candidato del centrosinistra Franco Ianeselli: nelle elezioni amministrative di Trento, Azione ottiene il 4,4% dei voti, in lista con l'Unione, ed elegge due consiglieri.

Programma per l'Italia e appoggio al governo Draghi[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 novembre 2020 i parlamentari di Azione e +Europa comunicano l'unione delle rispettive rappresentanze parlamentari in un'unica componente nel Gruppo misto al Senato (+Europa/Azione) e Camera (Azione/+Europa/Radicali Italiani). L'intento, scrivono, è quello di rafforzare l'azione politica di opposizione per una più incisiva critica al governo Conte II, che sia severa ma sempre costruttiva, mossa dalle comuni posizioni europeiste e liberaldemocratiche antitetiche a quelle del blocco sovranista in parlamento[46].

Il 26 novembre 2020 la deputata Flora Frate annuncia il suo ingresso in Azione[47][48].

Già a dicembre 2020, di fronte alla prospettiva di un rimpasto di governo per dar vita al "Conte ter" in piena pandemia, i dirigenti di Azione si dichiarano favorevoli a valutare la possibilità di un governo tecnico guidato da Mario Draghi e da altre persone di grande esperienza amministrativa[49]. Dopo le dimissioni del governo Conte II, Azione dichiara l'appoggio incondizionato a Draghi e pur restando fuori dal governo, garantirà appoggio esterno in parlamento.

Da marzo 2021 Azione, +Europa, Partito Repubblicano Italiano, ALI e I Liberali chiamano Carlo Cottarelli a presiedere "Programma per l'Italia", un comitato scientifico che formalizzerà proposte di matrice liberale per un nuovo programma di governo[50].

Elezioni amministrative 2021[modifica | modifica wikitesto]

Logo della lista "Calenda Sindaco"

Il 18 ottobre 2020 Calenda scioglie la riserva annunciando di volersi candidare a sindaco di Roma in vista delle comunali del 2021[51], sostenuto da +Europa, PRI[52] e successivamente anche da IV[53]. Il 24 maggio presenta ufficialmente la sua candidatura lanciando la lista civica Calenda Sindaco, in cui si presentano anche candidati di Azione e degli altri partiti che hanno appoggiato la candidatura dell'europarlamentare[54]. ALI e PLI annunceranno in seguito il proprio supporto esterno[55]. Il risultato della lista, che ottiene cinque consiglieri e risulta con il 19,06% essere la più votata a Roma, permette ad Azione di entrare nell'Assemblea Capitolina con tre consiglieri.

Nelle grandi città Azione si presenta a Milano con la lista civica Lavoriamo per Milano con Sala - I Riformisti[56], dove raccoglie il 4,01% delle preferenze, vedendo così l'elezione in Consiglio comunale di Giulia Pastorella, mentre a Napoli Azione si presenta con il proprio simbolo a sostegno del candidato sindaco Antonio Bassolino[57], senza però eleggere nessun consigliere comunale (0,45%).

Negli altri capoluoghi Azione si presenta autonomamente a Varese, dove candida a sindaco Carlo Alberto Coletto attestatosi al 2,1%[58], e a Novara dove ottiene il 2,7% a sostegno del candidato De Stasio. A Rimini la lista Rimini Futura - Azione con il 3,6% elegge un consigliere all'interno della coalizione di centro-sinistra, mentre a Savona elegge 2 consiglieri con la lista RiformiAMO Savona attestatasi al 9,3% sempre a sostegno del candidato di centro-sinistra.

Fra i centri minori si annovera Roseto degli Abruzzi, dove il candidato sindaco di Azione Mario Nugnes[59] vince sulla coalizione di centro-destra al ballottaggio con il 56,03% dei voti. La lista di Azione ottiene il 9%, diventando così il primo partito della maggioranza.[60].

Adesione a Renew Europe e federazione con +Europa[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 ottobre 2021 i vertici nazionali presentano un nuovo simbolo e annunciano il primo congresso del partito, dopo che questo venne rimandato a causa della pandemia di COVID-19[61].

In data 17 novembre 2021 Carlo Calenda, dopo le parole del segretario del PD Enrico Letta sulla convergenza del Movimento 5 Stelle nell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici[62], fuoriesce dal gruppo parlamentare europeo per entrare in Renew Europe[63].

Il 12 gennaio 2022 le segreterie di Azione e +Europa presentano in conferenza stampa una federazione unica di matrice liberaldemocratica e social-liberale tra i due partiti, con l'intenzione di costituire liste comuni alle future elezioni e fare campagna in favore del "Sì" per i referendum sulla cannabis, sull'eutanasia e sulla giustizia qualora questi siano giudicati ammissibili dalla Corte costituzionale; contestualmente, Calenda annuncia che Azione ha presentato richiesta di ingresso nell'ALDE, partito europeo di cui +E è membro[64][65][66].

Elezione del Presidente della Repubblica 2022[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito dell'elezione del Presidente della Repubblica del 2022 Azione, in accordo con +Europa, dichiara da subito il proprio supporto per l'elezione dell'attuale ministro della giustizia e già Presidente della Corte costituzionale Marta Cartabia[67], votandola in ogni scrutinio ad eccezione dell'ottavo, quando la maggior parte dei partiti dell'arco parlamentare, tra cui Azione, si sono accordati per la riconferma del presidente uscente Sergio Mattarella[68].

Pochi giorni dopo, il 3 febbraio 2022, la senatrice Barbara Masini annuncia la sua adesione ad Azione[69] dopo essere fuoriuscita da Forza Italia per entrare nel gruppo misto[70].

I Congresso Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel fine settimana del 19 e 20 febbraio 2022 si svolge presso il palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi a Roma il primo congresso nazionale: "L'Italia sul serio"[71]. Durante la manifestazione intervengono diversi leader ed esponenti politici dell'area liberale, socialdemocratica e popolare[72]. Risultano eletti: Matteo Richetti presidente, Carlo Calenda segretario, Emma Fattorini e Giulia Pastorella vicepresidenti[73].

Il 23 febbraio aderisce al partito il senatore Leonardo Grimani[74]. Nel mese di marzo vi si uniscono i deputati Claudio Pedrazzini,[75] Daniela Ruffino e Osvaldo Napoli.[76]

Elezioni politiche del 2022[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 luglio aderisce al partito il senatore Andrea Cangini, a seguito della decisione di Forza Italia di non partecipare al voto sulla questione di fiducia richiesta al Senato dal governo Draghi contribuendone alla caduta[77]. Il 29 luglio aderiscono Mara Carfagna e Mariastella Gelmini, deputate e ministre con delega, rispettivamente, al Sud e alla coesione territoriale e agli affari regionali e autonomie, che avevano abbandonato FI nei giorni precedenti.[78][79] Nei giorni seguenti aderiscono anche i deputati ex FI Luigi Casciello[80], Anna Lisa Baroni, Paolo Russo[81], Giusy Versace[82], Roberto Caon[83] e Rossella Sessa[84]. Il 2 agosto 2022 Azione/+Europa annuncia di aver trovato un accordo programmatico per presentarsi alle elezioni politiche anticipate di settembre nella stessa coalizione del Partito Democratico, impegnandosi a non candidare personalità divisive nei collegi uninominali.[85] Il 7 agosto, tuttavia, a seguito dell'inclusione dell'Alleanza Verdi e Sinistra (Europa Verde e Sinistra Italiana) e degli ex-pentastellati Impegno Civico nella coalizione, Carlo Calenda annuncia che Azione non avrebbe partecipato alle elezioni nella coalizione di centro-sinistra[86]; questo provoca, tuttavia, la rottura con +Europa, i cui dirigenti rivendicano la bontà del patto in chiave anti centro-destra[87].

L'11 agosto Azione e Italia Viva annunciano la decisione di presentarsi alle elezioni con una lista unica, con Calenda indicato come capo politico di quest'ultima, andando a costituire un autodefinitosi Terzo Polo con il nome depositato di Azione - Italia Viva - Calenda.[88] Il contrassegno della lista presenta i simboli dei due partiti, il nome di Calenda e il riferimento al gruppo parlamentare europeo Renew Europe al quale appartengono le due forze politiche[89]. Il programma elettorale viene presentato congiuntamente il successivo 18 agosto, con l'auspicio da parte della coalizione di dare vita a un governo Draghi II[90].

Alle elezioni del 25 settembre la lista ottiene il 7,79% alla Camera e il 7,73% al Senato, eleggendo 21 deputati e 9 senatori.[91] Nella conferenza stampa successiva alle elezioni Calenda dichiara che verrà avviato un processo di federazione con Italia Viva con l'obbiettivo di dar vita a un partito unico di ispirazione riformista, europeista e liberale.[92]

Ideologia e posizioni[modifica | modifica wikitesto]

Azione trae ispirazione dallo storico Partito d'Azione, da cui il nome deriva[2][25], individuando infatti i propri riferimenti ideali nelle tesi di Carlo Rosselli sul socialismo liberale[4][93], nel liberalismo sociale di Piero Gobetti[94] e nel popolarismo di Don Luigi Sturzo[2][95]. I colori del partito sono il blu elettrico e il verde: il primo è il blu della bandiera europea rappresentante lo spirito europeista del partito[96] e la transizione digitale, mentre il secondo nel simbolo si affianca al blu simboleggiando la transizione ambientale.[97] Inoltre Azione si prefigge di creare un fronte riformista che abbia come centro valoriale la difesa della democrazia liberale[26] in netto posizionamento anti-sovranista[2][27][98] e anti-populista.[2][28][99][100]

Il partito, preferisce evitare etichette di collocamento politico e rifiuta particolarmente la definizione centrista[101][102][103][104] che alcuni opinionisti gli attribuiscono[13][14]. Afferma infatti di essere molto critico verso il liberismo economico e sostiene l'importanza per le democrazie liberali di recuperare il pragmatismo.[105] Critico anche nei confronti della terza via, sostiene che la sinistra di oggi debba basarsi sul bisogno di investimenti, di protezione e di difesa dell'occupazione.[2][106][107]

Politiche sociali e diritti civili[modifica | modifica wikitesto]

Il partito sostiene l'investimento e il miglioramento della sanità pubblica, presentando un piano di salvataggio del servizio sanitario nazionale, con l’obiettivo di finanziare borse di specializzazione medica, assumere nuovi infermieri, migliorare le strutture sanitarie e incentivare la digitalizzazione del sistema[2][108]. Inoltre ritiene necessario investire maggiormente nel miglioramento dell'istruzione pubblica, sostenendo l'obbligo del tempo pieno in tutte le scuole[109].

Riguardo alla prima infanzia, il partito ha l'obiettivo di rendere possibile una crescita e formazione adeguata per i minori, di permettere ai genitori la conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare e di aumentare di conseguenza la natalità mediante: l'aumento delle strutture per la prima infanzia; l'aumento del numero di laureati che possono insegnare all'asilo nido; una revisione dei sistemi di controllo e monitoraggio della qualità dei servizi; asili nido gratuiti per la maggior parte degli italiani; ulteriori incentivi per famiglie che vivono in aree dove i servizi di prima infanzia sono sottoutilizzati[110].

Sostiene fortemente la parità di genere e a tal proposito propone: congedi parentali che equiparino uomo e donna per evitare così che le aziende preferiscano assumere uomini; trasparenza obbligatoria nelle retribuzioni e negli organici; percorsi di eliminazione e prevenzione degli stereotipi di genere nelle scuole, nelle università e nelle aziende; corsi di educazione sessuale in tutte le scuole pubbliche.[110].

Propone quasi 6 mila nuovi centri antiviolenza, un nuovo sussidio per le vittime di violenza (per garantire loro autonomia e sicurezza per 3 anni) e un profondo sforzo educativo per fermare e prevenire la violenza di genere[111].

Il partito propone l'introduzione dello ius scholae ed è favorevole allo ius soli[112][113]. Propone una legge d’odio contro l’omotransfobia che prevede l'istituzione dell’Autorità nazionale indipendente per la tutela dei diritti umani e iniziative di prevenzione e contrasto di ogni linguaggio[114].

Favorevole alla depenalizzazione delle droghe leggere[66][115][116] con attuazione di una politica di consapevolizzazione al consumo[117].

Economia e fiscalità[modifica | modifica wikitesto]

Il partito è favorevole al salario minimo (di 9 euro)[118][119] e a una fiscalità progressiva[120], evidenziando la necessità di una riforma del sistema tributario italiano[121][122].

Il partito si pone come favorevole alla diminuzione della pressione fiscale, da attuare attraverso il recupero dell'evasione fiscale mediante l'incrocio delle banche dati, e creando un vincolo di destinazione senza passare dal bilancio pubblico tra risorse recuperate e abbassamento delle tasse[109][123].

Inoltre sostiene fortemente il piano Impresa 4.0 (progettato dallo stesso Calenda da ministro) ritenendo che quest'ultimo possa aiutare le imprese italiane a rilanciare la capacità competitiva, attraverso investimenti collegati a sgravi fiscali, facendo così ripartire l'economia[123][124].

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Azione sostiene la realizzazione di una transizione ecologica che porti il paese alla neutralità climatica entro il 2050, raggiungendo così l'obiettivo posto dall'Unione europea[125].

Il partito ritiene che le tecnologie necessarie per tagliare le emissioni di gas serra nei settori più inquinanti esistano già e possano essere applicate in tutti quelli rilevanti, addossando quindi a una responsabilità politica la mancata volontà di implementare rapidamente queste innovazioni. Il partito è però critico nei confronti di un ambientalismo costruito sul contrasto alle grandi opere, industria e innovazione tecnologica, ritenendolo “ambientalismo contro l'ambiente”[125].

Il partito sostiene un ritorno dell'energia nucleare in Italia, ritenendo che un mix tra fonti rinnovabili e nucleare sia l'unica strada per raggiungere per tempo gli obiettivi di neutralità climatica. Per fare ciò propone di installare reattori di generazione III+ e successive per un totale di potenza installata di 40 GW entro il 2050, oltre che la realizzazione del necessario Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e di un deposito geologico profondo.[126]

Politiche giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Riguardo alle politiche giovanili, Azione sostiene la creazione di un nuovo sostegno al reddito che consenta ai giovani di rendersi autonomi, la creazione di nuovi percorsi di formazione online, un supporto digitale per la ricerca del lavoro, una revisione del contratto di tirocinio e sgravi per le loro assunzioni[110][121].

Per quanto riguarda la scuola, sostiene il rafforzamento della didattica nelle scuole secondarie di primo grado e la posticipazione della scelta professionalizzante di un anno per contrastare la dispersione scolastica, l'introduzione del tempo lungo e le mense in tutte le scuole, un nuovo servizio di orientamento, di supporto psicologico e di mediazione culturale e l'aumento delle retribuzioni degli insegnanti[110][127].

Giustizia[modifica | modifica wikitesto]

In tema di giustizia il partito, tramite Enrico Costa, ha sostenuto l'introduzione di limiti alla diffusione delle informazioni relative alle inchieste svolte dai pubblici ministeri[128], nuove norme in materia di diritto all'oblio per gli assolti[129], la riforma della disciplina in materia di responsabilità civile dei magistrati[130] e la separazione delle carriere dei magistrati[131].

Politiche migratorie[modifica | modifica wikitesto]

Riguardo alle politiche migratorie Azione sposa le tesi del lavoro svolto col professor Stefano Allievi, proponendo di affrontare le questioni migratorie come un fenomeno regolare e non emergenziale. Il partito, oltre a essere favorevole allo ius soli e ius culturae, sostiene il controllo delle frontiere, la regolarizzazione di chi ha un lavoro, rimpatri volontari incentivati per chi non lo ha, l'ampliamento del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, flussi di immigrazione legale controllata e l'espulsione immediata di chi commette un reato. Sostiene inoltre canali di immigrazione legali e collegati al lavoro, corridoi umanitari, la gestione unitaria delle politiche di integrazione e un 'migration compact' per gestire in Africa arrivi e respingimenti[132][133].

Difesa e politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Azione sostiene fortemente l’europeismo e l’atlantismo[134]. È favorevole alla creazione di un esercito comune europeo, ma sostiene che solo con una vera politica estera comune dell'Unione europea non finirebbe per essere solo un inutile dispendio di risorse[135][136]. È inoltre favorevole all’aumento delle spese per la difesa militare italiana (fino al 2% del PIL nazionale).[137]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il Congresso Nazionale viene convocato ogni 2 anni, è formato dai congressi provinciali del partito che eleggono i 300 membri dell'Assemblea. L'Assemblea è convocata almeno una volta l'anno, approva mozioni di indirizzo politico o organizzativo e elegge: un Segretario che nomina una Segreteria nazionale; un Presidente; due Vicepresidenti; un Tesoriere; il Collegio dei Provibiri; il Collegio dei Revisori dei Conti; un Comitato Direttivo di 30 membri dell'Assemblea che formano la Direzione nazionale del partito con le altre cariche elette, oltre ai parlamentari, consiglieri regionali e sindaci dei comuni con più di 70.000 abitanti iscritti ad Azione. I congressi regionali eleggono i rispettivi segretari regionali che partecipano almeno a livello consultativo al Comitato Direttivo. Il Segretario nomina inoltre un Comitato di Responsabili Tematici, parte integrante del Comitato Direttivo[138].

Segreteria Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Segretario[139]
Vicesegretario
Presidente
Vicepresidente
Tesoriere
  • Enrico Squintani
Portavoce
  • Valentina Grippo
Membri

Segretari regionali[modifica | modifica wikitesto]

Fonte:[152]
Regione / Provincia autonoma Segretario
  Valle d'Aosta Marco Curighetti
  Piemonte Gianluca Susta
  Liguria Roberto Donno
  Lombardia Niccolò Carretta
  Trentino-Alto Adige   Bolzano Mauro Randi
  Trento Mario Raffaelli
  Veneto Marco Garbin
  Friuli-Venezia Giulia Isabella De Monte
  Emilia-Romagna Giulia Pigoni
  Toscana Marco Remaschi
  Marche Tommaso Fagioli
  Umbria Giacomo Leonelli
  Lazio Valentina Grippo
  Abruzzo Giulio Cesare Sottanelli
  Molise Luigi Valente
  Campania Giuseppe Sommese
  Basilicata Dontato Pessolano
  Puglia Nunzia Cinone
  Calabria Fabio Scionti
  Sicilia Giangiacomo Palazzolo
  Sardegna Aldo Berlinguer

Congressi nazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • I congresso - Roma, 19-20 febbraio 2022 - L'Italia sul serio

Nelle istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Camera dei deputati[modifica | modifica wikitesto]

Nel gruppo Azione-Più Europa-Radicali Italiani:

XVIII legislatura
13 deputati

Senato della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Nel gruppo +Europa-Azione:

XVIII legislatura
5 senatori

Parlamento europeo[modifica | modifica wikitesto]

Nel gruppo S&D fino al 17 novembre del 2021; poi nel gruppo parlamentare Renew Europe[154]:

IX legislatura
1 eurodeputato

Governi[modifica | modifica wikitesto]

Simbologia[modifica | modifica wikitesto]

Il logo del partito è caratterizzato da una freccia "verso il futuro" rappresentata come cavità della lettera "A" bianca immersa nel blu elettrico, colore della bandiera europea. A ottobre 2021 viene presentato un restyling del logo caratterizzato da una sfumatura cromatica del titolo che va dal blu elettrico al verde, simboleggiante la doppia transizione digitale e ambientale[24].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.azione.it/statuto Sede Azione - Statuto
  2. ^ a b c d e f g h Questo partito di Carlo Calenda, in Il Post, 12 settembre 2020. URL consultato il 13 settembre 2020 (archiviato il 13 settembre 2020).
  3. ^ Calenda: "Perché ora serve una forza liberale", su Partito Democratico, 13 giugno 2019. URL consultato il 24 novembre 2020 (archiviato il 1º aprile 2021).
  4. ^ a b c Calenda rilancia il liberalsocialismo, su avantionline.it. URL consultato il 20 settembre 2020 (archiviato il 1º novembre 2020).
  5. ^ Azione per una democrazia liberal-progressista ispirata ai valori liberalsocialisti del PdA, su ilmessaggero.it. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 2 ottobre 2020).
  6. ^ (EN) Alexander Sarti, Italy – Europe Elects, su europeelects.eu (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2021).
  7. ^ Claudia Fusani, Il terzo polo esiste, ha più popoli in marcia e idee chiare. Mancano però leader e alleanze, su notizie.tiscali.it, 21 febbraio 2022. URL consultato il 10 giugno 2022.
  8. ^ (EN) John Follain, Another Paty Pops Up in Italy to Fight Salvini, a Shared Enemy, su bloomberg.com, 21 novembre 2019. URL consultato il 10 giugno 2022.
  9. ^ a b Azione, nasce (infine) a Roma il nuovo partito di Carlo Calenda, su open.online.
  10. ^ a b Un Calenda mazziniano delinea un liceo per tutti fino a 18 anni, ma senza Latino e Greco - Il terzo libro del fondatore di Azione innalza il dibattito politico: rivalutare l'etica della serietà e la centralità dello Stato contro la sbornia individualista. Ma manca l'etica della responsabilità., su linkiesta.it.
  11. ^ Nasce il movimento di Calenda. Azione, «pilastro contro populisti e sovranisti», su ilsole24ore.com, 21 novembre 2019. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  12. ^ Valerio Valentini, L'agenda Draghi valorizza il centro. Ora Renzi, Calenda e FI possono parlarsi davvero, in Il Foglio, 13 febbraio 2021. URL consultato il 13 marzo 2021.
  13. ^ a b Bruno Vespa, Perché l'Italia diventò fascista, Mondadori, 2019, ISBN 9788852098789. URL consultato il 13 marzo 2021.
    «Il campo centrista si allarga: Carlo Calenda [che ha abbandonato il Pd dopo l'alleanza con i 5 Stelle] e soprattutto, dopo la scissione, Matteo Renzi»
  14. ^ a b Marco Bertoncini, Renzi e Calenda soci possibili ma litigiosi, in Italia Oggi, 3 marzo 2021, p. 2.
    «Un non trascurabile segmento centrista è parzialmente diviso al proprio interno. Calenda è europeista, moderato, contrario tanto a Matteo Salvini quanto ai grillini. Vede di miglior occhio Fi e lo stesso Pd. Respinge destra e sinistra. […] È quindi facile prevedere che il dissidio fra Renzi e Calenda giocherà non poco nel mondo centrista»
  15. ^ Giovanni Currado, Calenda lancia 'Azione', il nuovo partito di centrosinistra e riformista, in AgrPress, 21 novembre 2019. URL consultato l'11 agosto 2022.
  16. ^ a b Mariolina Sesto, I sondaggisti: «Azione» di Calenda parte dal 2%, in Il Sole 24 Ore, 21 novembre 2019.
  17. ^ Calenda lascia gli S&D, 'oggi chiederò ingresso in Renew', su ansa.it.
  18. ^ (EN) Carlo Calenda MEP and his political party Azione join the Renew Europe Group, su reneweuropegroup.eu, 17 novembre 2021. URL consultato il 17 novembre 2021.
  19. ^ Gruppo misto, componente "Azione - Più Europa - Radicali Italiani"
  20. ^ Gruppo misto, componente "Più Europa - Azione"
  21. ^ Niccolò Carretta in Lombardia, Giulia Pigoni in Emilia-Romagna, Valentina Grippo nel Lazio, Giuseppe Sommese in Campania e Massimiliano Stellato in Puglia
  22. ^ Dati iscritti al Congresso di febbraio 2022
  23. ^ Copia archiviata, su la7.it. URL consultato il 19 novembre 2020 (archiviato il 27 novembre 2020).
  24. ^ a b Nuova fase di Azione: Calenda dal blu al verde per la doppia transizione, su isimbolidelladiscordia.it, 26 ottobre 2021. URL consultato il 1º novembre 2021.
  25. ^ a b Azione fondato sull'importanza di identificarsi in un'ideologia e in un pensiero storico che mostri chi siamo, su la7.it. URL consultato il 20 settembre 2020 (archiviato il 1º aprile 2021).
  26. ^ a b Giovanni Spinazzola, Calenda: "Obiettivo Azione è costruire forza liberaldemocratica capace di..", su Politica News. URL consultato il 29 dicembre 2020 (archiviato il 26 gennaio 2021).
  27. ^ a b Carlo Calenda lancia Azione contro populisti e sovranisti, su rainews. URL consultato il 24 novembre 2020 (archiviato il 19 ottobre 2020).
  28. ^ a b Calenda lancia Azione, contro i populisti - Politica, su Agenzia ANSA, 21 novembre 2019. URL consultato il 24 novembre 2020 (archiviato il 19 ottobre 2020).
  29. ^ La crisi del Pd, Calenda: domani mi iscrivo", in Repubblica. URL consultato il 6 marzo 2018 (archiviato il 6 marzo 2018).
  30. ^ Simbolo di unità. Nicola Zingaretti svela il logo Pd-SiamoEuropei, su huffingtonpost.it.
  31. ^ Eligendo: Europee [Scrutini] Italia (Italia) -, su Eligendo. URL consultato il 3 giugno 2019.
  32. ^ Calenda, la mina che fa tremare la Direzione Pd: pronta la mozione per dire no al M5s, su open.online, 23 luglio 2019.
  33. ^ Governo Pd-M5S? Calenda lascia il partito: "Ne farò un altro. Con l'accordo rinunciamo ai nostri valori", su ilfattoquotidiano.it, 28 agosto 2019. URL consultato il 28 agosto 2019 (archiviato il 28 agosto 2019).
  34. ^ Calenda lancia 'Azione', il nuovo partito di centrosinistra e riformista, AGR Press
  35. ^ Matteo Richetti: “Azione non sarà un partito di centro, ma il vero polo progressista del Paese”, su fanpage.it. URL consultato il 13 marzo 2021 (archiviato il 1º aprile 2021).
  36. ^ Copia archiviata, su ilgiornale.it. URL consultato il 13 marzo 2021 (archiviato il 24 gennaio 2020).
  37. ^ Nasce "Azione" il nuovo partito riformista, su VareseNews, 23 novembre 2019. URL consultato il 24 novembre 2020 (archiviato il 14 febbraio 2021).
  38. ^ Il comitato promotore nazionale, su Azione. URL consultato il 29 dicembre 2020 (archiviato il 2 giugno 2020).
  39. ^ L'Intervista Politica a Valentina Grippo (Azione), su KONGNews | Economia Lavoro Politica, 16 dicembre 2019. URL consultato il 29 dicembre 2020 (archiviato il 6 agosto 2020).
  40. ^ Calenda: «Ilva, una follia. Il governo distrugge il Paese, Pd pedina degli interessi M5S», su ilmessaggero.it, 5 Novembre 2019.
  41. ^ Calenda: "Il PD è tornato DS e al populismo abbracciando i 5S. Renzi? Visioni e progetti diversi", su politicanews.it.
  42. ^ Giulia Pigoni, su Giulia Pigoni. URL consultato il 29 dicembre 2020 (archiviato il 5 agosto 2020).
  43. ^ Taglio parlamentari, l'attacco di Calenda: resa di Pd e Iv a M5s, su Tiscali Notizie. URL consultato il 6 febbraio 2020 (archiviato il 6 febbraio 2020).
  44. ^ Enrico Costa: "In Azione per costruire la casa dei liberali", su azione.it. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 19 settembre 2020).
  45. ^ Angiola: "Entro in Azione per i valori che rispecchia", su azione.it. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 19 settembre 2020).
  46. ^ Nasce gruppo parlamentare comune Più Europa-Azione, su Agenzia ANSA, 17 novembre 2020. URL consultato il 17 novembre 2020 (archiviato il 17 novembre 2020).
  47. ^ Deputata Frate Flora su sito ufficiale Camera dei Deputati, su camera.it. URL consultato il 27 novembre 2020 (archiviato il 1º aprile 2021).
  48. ^ La deputata Frate, da M5S a Calenda, su corriere.it. URL consultato il 27 novembre 2020 (archiviato il 27 novembre 2020).
  49. ^ Carlo Calenda: "Se ci teniamo questo Governo, ci teniamo i problemi", su la7.it, 17 dicembre 2020. URL consultato il 13 ottobre 2021.
  50. ^ Calenda, Bonino e Cottarelli: "La politica non finisce con Draghi", su lastampa.it, 10 marzo 2021. URL consultato il 7 aprile 2021.
  51. ^ Calenda: "Mi candido a sindaco di Roma", su Adnkronos. URL consultato il 18 ottobre 2020 (archiviato il 21 ottobre 2020).
  52. ^ https://www.adnkronos.com/roma-europa-pronta-a-sostenere-calenda_1UTcjd7gc2TJHx1mZSw0Dt
  53. ^ Elezioni Roma, Italia Viva sosterrà Calenda: "È la candidatura migliore, mai visto Gualtieri", su RomaToday. URL consultato l'8 aprile 2021.
  54. ^ "Roma, sul serio". Carlo Calenda lancia la sua campagna elettorale: "Il mio impegno per 10 anni", su RomaToday. URL consultato il 25 maggio 2021.
  55. ^ Roma: Partito liberale italiano, Calenda miglior candidato, su partitoliberale.it. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  56. ^ Comunali, da Roma a Milano Carlo Calenda per lo sprint finale di Beppe Sala: "Qui almeno non c'è un problema con il Pd", su milano.repubblica.it. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  57. ^ Elezioni Comunali Napoli 2021: voti candidati lista Azione con Carlo Calenda, su napolitoday.it. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  58. ^ Elezioni Varese 2021, su la Repubblica.it. URL consultato il 15 novembre 2021.
  59. ^ Sostenuto da Azione 9,02%, Fare per Roseto! 6,92%, Altracittà-Casa civica-Volt Italia 6,05%, e altre 3 liste civiche al 7,73%
  60. ^ Elezioni Roseto degli Abruzzi 2021, su corriere.it. URL consultato il 10 novembre 2021.
  61. ^ Calenda presenta il nuovo simbolo di Azione. E lancia la fase 2: "Costruiamo un polo europeista", su repubblica.it. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  62. ^ grossi, Pd, Letta su M5S in S&D: "Non si decide domani ma se c'è convergenza è buona notizia", su Adnkronos, 10 novembre 2021. URL consultato l'11 novembre 2021.
  63. ^ grossi, Calenda: "M5S nel gruppo S&D? Errore Pd, io vado con Renew", su Adnkronos, 11 novembre 2021. URL consultato l'11 novembre 2021.
  64. ^ C'è un nuovo partito: nasce la federazione tra Azione e +Europa, su Today. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  65. ^ Il centro si compatta: Azione e PiùEuropa si uniscono in una federazione politica, su linkiesta.it, 12 gennaio 2022. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  66. ^ a b Nasce la federazione tra Azione e +Europa, Calenda: “Puntiamo a superare il 10%”data=12 gennaio 2022, su fanpage.it. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  67. ^ Chi è Marta Cartabia, da ministra della Giustizia a candidata di +Europa e Azione per il Quirinale, su Fanpage. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  68. ^ Voteremo Mattarella con convinzione, destra e sinistra hanno fallito, su Azione. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  69. ^ Azione, La senatrice Barbara Masini entra ufficialmente in #Azione, su facebook.com.
  70. ^ Difese la legge Zan: Barbara Masini lascia Forza Italia e passa con +Europa-Azione, su la Repubblica, 2 febbraio 2022. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  71. ^ Una bella azione | Guarda un po’, il vecchio modello del congresso è quello migliore per costruire un partito, su Linkiesta.it, 21 febbraio 2022. URL consultato il 21 febbraio 2022.
  72. ^ Il primo Congresso di Azione - L'Italia, sul serio, su Azione. URL consultato il 21 febbraio 2022.
  73. ^ Calenda proclamato segretario di Azione: "Al prossimo congresso una donna mi cacci", su RaiNews. URL consultato il 21 febbraio 2022.
  74. ^ Azione: ex-Iv Grimani con Calenda, 'area riformista va rafforzata', su lasicilia.it, 23 febbraio 2022. URL consultato il 23 febbraio 2022.
  75. ^ Benvenuto Claudio Pedrazzini, su Azione. URL consultato il 27 marzo 2022.
  76. ^ Benvenuti Daniela Ruffino e Osvaldo Napoli, su Azione. URL consultato il 27 marzo 2022.
  77. ^ Andrea Cangini aderisce ad Azione, su azione.it.
  78. ^ Elezioni 2022, Carfagna passa con Calenda: "Mi candido con Azione", su adnkronos.com, 29 luglio 2022. URL consultato il 29 luglio 2022.
  79. ^ Carfagna e Gelmini scelgono Calenda: "Con Azione contro gli estremismi", su Affaritaliani.it, 29 luglio 2022.
  80. ^ Con Carfagna e Gelmini, Calenda lancia l'opa sulla meglio gioventù di Forza Italia, su huffingtonpost.it, 29 luglio 2022. URL consultato il 4 agosto 2022.
  81. ^ Forza Italia perde ancora pezzi, l'addio di Paolo Russo e Anna Lisa Baroni: aderiscono ad Azione, su iltempo.it, 2 agosto 2022. URL consultato il 4 agosto 2022.
  82. ^ La reggina Giusy Versace: “entro in Azione, pronta ad una nuova sfida”, su strettoweb.com, 3 agosto 2022. URL consultato il 3 agosto 2022.
  83. ^ Elezioni, il padovano Roberto Caon entra in Azione con Calenda, su mattinopadova.gelocal.it, 5 agosto 2022. URL consultato il 5 agosto 2022.
  84. ^ a b ROSSELLA SESSA (AZIONE-IV): "IL NOSTRO PROGETTO CONTINUA DOPO IL 25 SETTEMBRE", su Agenda Politica - I fatti, i commenti, i retroscena della Vita Politica., 2 settembre 2022. URL consultato il 4 settembre 2022.
  85. ^ Azione andrà alle elezioni col centrosinistra, su ilpost.it.
  86. ^ Calenda è uscito dalla coalizione con il PD, su ilpost.it, 7 agosto 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  87. ^ Più Europa rompe con Azione: “Calenda incoerente, noi rivendichiamo il patto col Pd”, su dire.it, 8 agosto 2022. URL consultato l'8 agosto 2022.
  88. ^ C'è l'accordo Azione-Italia Viva. Renzi: "Calenda guida la campagna elettorale", su ilfoglio.it, 11 agosto 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  89. ^ Adnkronos, Elezioni 2022: il nome di Calenda nel simbolo del terzo polo con Azione, Iv e Re, su Adnkronos, 11 agosto 2022. URL consultato il 19 agosto 2022.
  90. ^ Calenda presenta il programma del terzo polo. O Draghi bis o muerte, su www.ilfoglio.it. URL consultato il 19 agosto 2022.
  91. ^ Eligendo: Senato [Scrutini], su elezioni.interno.gov.it.
  92. ^ La casa dei riformisti - Renzi e Calenda avviano il percorso per far nascere un nuovo partito (intanto servirebbe un nome), su Linkiesta.it, 27 settembre 2022. URL consultato il 27 settembre 2022.
  93. ^ Azione un partito di ispirazione socialista liberale, su italoblogger.com. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 10 giugno 2020).
  94. ^ Energie Nuove, il comitato piemontese di Azione che porta il nome della rivista di Piero Gobetti, su torinoggi.it. URL consultato il 25 novembre 2020 (archiviato il 4 dicembre 2020).
  95. ^ Azione il nuovo partito di Carlo Calenda, su ilpost.it. URL consultato il 21 novembre 2019 (archiviato il 21 novembre 2019).
  96. ^ Carlo Calenda presenta 'Azione': "L'ho scelto non per gli Avengers ma per collegarmi al Partito d'Azione, una freccia verso il futuro e il blu dell'Europa", su la7.it. URL consultato il 19 novembre 2020 (archiviato il 27 novembre 2020).
  97. ^ https://www.ilmessaggero.it/AMP/politica/azione_nuovo_simbolo_carlo_calenda_presentazione-6282325.html
  98. ^ https://www.amp24.ilsole24ore.com/pagina/ACyEXR0
  99. ^ Redazione politica, Calenda presenta Azione, il suo nuovo partito: "Ecco il nostro fronte anti-populista", su Corriere della Sera, 22 novembre 2019. URL consultato il 24 novembre 2020 (archiviato il 1º aprile 2021).
  100. ^ Copia archiviata, su linkiesta.it. URL consultato l'11 ottobre 2020 (archiviato il 3 novembre 2020).
  101. ^ Carlo Calenda (Azione): 'Progetto centrista? Mi fa schifo, orrore. Voglio una politica liberal-socialista. Il M5S ha portato valori sbagliati, sta sparendo e diventando una UDEUR trasformista', su Informazione - Notizie a Confronto, 6 ottobre 2021. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  102. ^ https://www.agenpress.it/calenda-centro-questa-parola-mi-fa-schifo-detesto-il-centrismo-non-vuol-dire-niente-renzi-ha-scelto-il-centrino/amp/
  103. ^ Calenda boccia il 'grande centro': "Non farò partito con Renzi, sua politica mi fa orrore", su Dire.it, 22 novembre 2021. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  104. ^ Matteo Richetti: Azione non sarà un partito di centro, ma il vero polo progressista del Paese, su fanpage.it. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  105. ^ Il mea culpa di Calenda: "Per 30 anni ho ripetuto le cazzate del liberismo" - la Repubblica, su repubblica.it. URL consultato il 24 marzo 2021 (archiviato il 15 novembre 2020).
  106. ^ Calenda a ruota libera sul Pd: "Il problema non è Renzi, ma sono i 25 anni di errori", su lastampa.it. URL consultato il 10 marzo 2021 (archiviato il 9 novembre 2020).
  107. ^ Calenda, gli orizzonti selvaggi e la terza via (rinnegata), su formiche.net. URL consultato il 10 marzo 2021 (archiviato il 25 settembre 2019).
  108. ^ "Per la sanità italiana serve una terapia d’urto: 13,5 miliardi in 5 anni". Tra le priorità un piano straordinario di assunzioni e stabilizzazioni per il personale., su quotidianosanita.it. URL consultato il 1º novembre 2021.
  109. ^ a b Calenda a Fanpage.it: Sanità e istruzione prima di tutto, a scuola serve tempo pieno obbligatorio, su fanpage.it. URL consultato il 29 dicembre 2020 (archiviato il 6 agosto 2020).
  110. ^ a b c d Bambini, giovani, donne. Le mie proposte per il Recovery Plan (di C. Calenda) | HuffPost Life, su huffingtonpost.it. URL consultato il 9 marzo 2021 (archiviato il 1º aprile 2021).
  111. ^ Copia archiviata, su romadailynews.it. URL consultato il 9 marzo 2021 (archiviato il 1º aprile 2021).
  112. ^ Calenda: «Ius soli? Spero che si faccia», su ilmessaggeroit, 8 dicembre 2017. URL consultato il 29 dicembre 2020 (archiviato il 9 dicembre 2020).
  113. ^ Matteo Richetti (Azione): "Zingaretti lancia lo ius soli e Di Maio fa le pernacchie, critica quota100 e la vota quando c'è la legge di bilancio... così la politica perde credibilità", su la7.it, 17 agosto 2020. URL consultato il 1º novembre 2021.
  114. ^ ilfattoquotidiano.it, https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/08/19/diritti-civili-nel-programma-di-renzi-calenda-niente-matrimoni-lgbt-eutanasia-e-cannabis-le-critiche-sui-social-inseguono-la-destra/6767979/amp/.
  115. ^ Copia archiviata, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 9 marzo 2021 (archiviato il 17 febbraio 2021).
  116. ^ Cannabis light, Carlo Calenda: "Favorevole alla legalizzazione", su la7.it. URL consultato il 29 dicembre 2020 (archiviato il 1º aprile 2021).
  117. ^ Hanno tutti ragione, su repubblica.it.
  118. ^ Matteo Richetti ad Agorà Estate, puntata del 02/07/2020, su raiplay.it, 2 luglio 2020. URL consultato il 1º novembre 2021.
  119. ^ Agorà Estate, puntata del 29/07/2021: "Va fatto assolutamente un salario minimo. Le persone non possono lavorare sotto ai 7 euro l'euro, qualsiasi sia la mansione. Ci sono fenomeni di sfruttamento pesantissimo e si combattono così", su raiplay.it, 29 luglio 2021. URL consultato il 1º novembre 2021.
  120. ^ Francesco Giuliani, responsabile tematico Fisco di Azione, ospite a Rai News - 19/02/2021, su youtube.com, 19 febbraio 2021. URL consultato il 1º novembre 2021.
  121. ^ a b Francesco Giuliani, responsabile tematico Fisco di Azione, proposte sul fisco, su azione.it, 25 giugno 2021. URL consultato il 1º novembre 2021.
  122. ^ Francesco Giuliani: Progressività tedesca sull’Irpef e incentivi per aziende di ritorno, su ilsole24ore.com, 1º giugno 2021. URL consultato il 1º novembre 2021.
  123. ^ a b Calenda: "Meno tasse per chi fa innovazione", su innovationpost.it. URL consultato il 1º novembre 2021.
  124. ^ Alberto Baban, responsabile tematico Imprese di Azione, documento Azione Impresa, su issuu.com, 12 giugno 2020. URL consultato il 1º novembre 2021.
  125. ^ a b Next Generation Italia - La nuova fase di Azione: mettere fine al bipopulismo italiano e un piano di 127 pagine con oltre 100 proposte sui temi legati a energia, ambiente e sostenibilità, su linkiesta.it. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  126. ^ La nostra proposta sul nucleare, su Azione. URL consultato il 31 marzo 2022.
  127. ^ Next Generation Italia - #IlFogliodelCome - Volume 1. Primi 3 capitoli: bambini, giovani, donne, su issuu.com. URL consultato il 31 ottobre 2021.
  128. ^ Giustizia, presunzione d'innocenza divide la maggioranza. Scontro tra Costa (Azione) e il Pd, su repubblica.it. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  129. ^ Enrico Costa (Azione): "Diritto all'oblio in rete per chi viene assolto", su lavocedialba.it. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  130. ^ Giustizia. Intervista a Enrico Costa sul suo emendamento in materia di responsabiltà civile dei giudici, su radioradicale.it. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  131. ^ Giustizia, torna la separazione delle carriere e la maggioranza si spacca, su repubblica.it. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  132. ^ "Demografia, Migrazione, Sicurezza - Una visione complessiva. Raccogliere la sfida." di Stefano Allievi membro del comitato promotore di Azione (PDF), su stefanoallievi.it. URL consultato il 1º novembre 2021.
  133. ^ Una società aperta ci salverà, su ricerca.repubblica.it, 23 giugno 2020. URL consultato il 1º novembre 2021.
  134. ^ http://www.strettoweb.com/2021/02/consultazioni-governo-calenda-bonino-condivise-draghi-posizioni-pro-europa-atlantismo/1126320/amp/
  135. ^ Camporini: "Difesa comune Ue significa politica estera comune", su formiche.net, 25 agosto 2021. URL consultato il 3 novembre 2021.
  136. ^ Libia, Europa assente. Senza politica estera comune l'esercito Ue è inutile, su eunews.it, 9 gennaio 2020. URL consultato il 3 novembre 2021.
  137. ^ https://www.zazoom.it/2022-03-25/calenda-favorevole-allaumento-delle-spese-militari-cosi-si-scoraggia-la-guerra-e-si-creano-posti-di-lavoro/10589751/
  138. ^ Statuto, su azione.it. URL consultato il 22 febbraio 2022.
  139. ^ Direzione, su azione.it. URL consultato il 22 febbraio 2022.
  140. ^ Coordinatore Nazionale
  141. ^ Delegato al parlamento e alleanze
  142. ^ Coordinatore gruppi tematici
  143. ^ Responsabile enti colali
  144. ^ Responsabile sviluppo della rete
  145. ^ Responsabile Europa
  146. ^ Responsabile Mezzogiorno
  147. ^ Responsabile diritti
  148. ^ Responsabile PNRR
  149. ^ Responsabile sicurezza e difesa
  150. ^ Responsabile associazionismo e terzo settore
  151. ^ Responsabile fondi europei
  152. ^ Eletti i nostri Segretari Regionali, su azione.it. URL consultato il 21 febbraio 2022.
  153. ^ a b c d e f g h i Nella componente non iscritti.
  154. ^ Europarlamento, Calenda lascia i socialisti e passa con i liberali di Renew Europe, su repubblica.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]