Attilio Fontana (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Attilio Fontana
Attilio Fontana 2019.jpg

Presidente della Regione Lombardia
In carica
Inizio mandato 26 marzo 2018
Predecessore Roberto Maroni

Sindaco di Varese
Durata mandato 31 maggio 2006 –
21 giugno 2016
Predecessore Sergio Porena
(commissario prefettizio)
Successore Davide Galimberti

Presidente del Consiglio regionale della Lombardia
Durata mandato 12 giugno 2000 –
6 luglio 2006
Predecessore Giancarlo Morandi
Successore Ettore Adalberto Albertoni

Sindaco di Induno Olona
Durata mandato 7 maggio 1995 –
13 giugno 1999
Successore Carlo Crosti

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Milano
Professione Avvocato
Lombardia

Flag of Lombardy.svg
La Politica in Lombardia




modifica

Categorie: Politica, Diritto e Stato
Portale Lombardia
Progetto Lombardia

Attilio Fontana (Varese, 28 marzo 1952) è un politico italiano, presidente della Regione Lombardia dal 26 marzo 2018. In precedenza era stato anche sindaco di Varese dal 2006 al 2016 e di Induno Olona dal 1995 al 1999. Ha svolto anche l'incarico di presidente del consiglio regionale dal 2000 al 2006.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato al Liceo classico Ernesto Cairoli della sua città natale[1], si laurea in giurisprudenza nel 1975 presso l'Università degli Studi di Milano,[2] dal 1980 è titolare di uno studio legale a Varese. Nel 2007 è stato l'avvocato di Andrea Mascetti, che fece condannare Michele Santoro per diffamazione.[3] Dal 1979 al 1982 ha assunto la carica di conciliatore di Induno Olona e dal 1983 al 1988 quella di vice-pretore onorario avanti la Pretura di Gavirate.

Consigliere regionale e sindaco[modifica | modifica wikitesto]

Esponente della Lega Nord, dal 1995 al 1999 è stato sindaco del comune di Induno Olona.

Alle elezioni regionali in Lombardia del 2000 è stato eletto consigliere con 5.194 preferenze ed è poi divenuto presidente del Consiglio regionale. Alle elezioni regionali successive del 2005 in Lombardia viene rieletto sia consigliere e sia presidente del Consiglio, cariche che mantiene fino al 2006. Nel 2006 viene eletto sindaco di Varese al primo turno delle elezioni comunali del 28 e 29 maggio 2006, conquistando il 57,8 % dei voti. Riconfermato al ballottaggio del 29-30 maggio 2011 con il 53,89 % dei voti[4], resta in carica fino al 19 giugno 2016, giorno in cui gli succede Davide Galimberti, primo sindaco di centro-sinistra di Varese dal 1992. È stato presidente di ANCI Lombardia, venendo sostituito nella carica da Roberto Scanagatti, allora sindaco di Monza.[5]

Presidente della Lombardia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018, dopo la rinuncia a una seconda candidatura da parte di Roberto Maroni, entra in corsa, e diventa ufficialmente[6] il candidato presidente del centro-destra alle elezioni regionali in Lombardia;[7] nel corso del mese di gennaio 2018, a campagna elettorale in corso, dichiara ai microfoni di Radio Padania Libera: «Non possiamo accettare tutti gli immigrati che arrivano: dobbiamo decidere se la nostra etnia, la nostra razza bianca, la nostra società devono continuare a esistere o devono essere cancellate».[8] Dopo le polemiche scaturite dalla frase, dichiara, scusandosi, che si trattava di un lapsus e di un errore espressivo.[9]

Fontana vince le elezioni con il 49,75% dei voti contro il 29,09% del candidato di centro-sinistra, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, e il 17,36% del candidato del Movimento 5 Stelle Dario Violi. Il 26 marzo successivo si insedia ufficialmente come nuovo presidente della Regione Lombardia.

Nel settembre 2020, a poche settimane dal referendum costituzionale sul taglio del numero di parlamentari legato alla riforma avviata dal governo Conte I guidato dalla Lega assieme al Movimento 5 Stelle e concluso dal governo Conte II guidato dalla coalizione tra M5S e Partito Democratico[10] Fontana annuncia il suo voto contrario, in dissidenza con la linea ufficiale della Lega, schierata per il "Sì".[11][12]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposato in prime nozze con Laura Castelli. Quindi si è risposato con Roberta Dini, figlia del fondatore di "Paul & Shark".[13] Tre i figli: Maria Cristina (a lei, avvocato, è affidata la conduzione dello studio legale di famiglia), Giovanni e Marzia.[14]

È appassionato di golf, tifoso del Milan e della Pallacanestro Varese.[14]

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Multa dell'Anticorruzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 viene multato dall'Autorità nazionale anticorruzione con una sanzione di 1000 euro per non aver adempiuto, e quindi omesso nel 2016, in quanto sindaco di Varese, all'obbligatoria dichiarazione del proprio stato patrimoniale in conformità alle norme sulla trasparenza, quando sono comparsi 5.000.000 € sul suo conto tramite lo scudo fiscale.[15][16][17]

Abuso d'ufficio[modifica | modifica wikitesto]

Dall'8 maggio 2019 Fontana risulta indagato per abuso d'ufficio per una presunta nomina di un suo amico e socio di studio in un organismo regionale, un incarico che frutta 11.500 € l'anno, una maxi inchiesta in Lombardia che ha portato a 95 indagati e 29 arrestati per corruzione.[18] A marzo 2020 l'accusa cade ed il caso viene definitivamente archiviato [19] in quanto la nomina in oggetto non costituiva reato.[20]

Indagine per epidemia colposa[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 maggio 2020 Fontana viene convocato dalla Procura di Bergamo come persona informata dei fatti per le indagini con l’ipotesi di epidemia colposa sulla gestione dei primi casi di COVID-19 all'ospedale di Alzano Lombardo, sui morti delle RSA e sulla mancata istituzione della zona rossa nei comuni di Alzano Lombardo e Nembro.[21]

Frode in pubbliche forniture[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2020 il presidente della regione viene indagato dalla procura di Milano per frode in pubblica fornitura. L'accusa sarebbe che l'azienda varesina Dama s.p.a., azienda di proprietà al 10% da Roberta Dini e al 90% dal fratello Andrea, anch'egli indagato, rispettivamente moglie e cognato di Fontana, il 15 aprile ha provato a vendere alla regione, senza aggiudicarsi una gara d'appalto, una fornitura di 75 000 camici e 7 000 copricapi per 513.000 €. Per poi trasformare, precipitosamente e ufficiosamente, la vendita in una donazione prima che la notizia del conflitto d'interesse fosse di dominio pubblico.[22]

Fontana in merito all'indagine, davanti a Report si dichiara: totalmente estraneo ai fatti, che tutto questo si fosse svolto a sua insaputa.[22]

A settembre dello stesso anno la guardia di finanza ha acquisito i cellulari del capo della segreteria di Fontana Giulia Martinelli, della moglie di Fontana, del cognato Andrea Dini, e degli assessori della giunta regionale (che non sono indagati), per analizzare le chat e i messaggi scritti per l'indagine, dove emerge il coinvolgimento di Fontana nella faccenda e i tentativi di occultamento della sua presenza in vista di eventuali inchieste.[15][23][24][22][25]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
— 16 dicembre 2019[26]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IT) Mario Visco, A Fontana il "Cairolino" 2018, in prealpina.it, 14/11/2018. URL consultato l'11/11/2020.
  2. ^ Attilio Fontana - Ultime notizie su Attilio Fontana - Argomenti del Sole 24 Ore, in Argomenti Argomenti del Sole 24 Ore. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  3. ^ Michele Santoro condannato a Varese per diffamazione, su Napoli La Repubblica.It, 5 novembre 2007.
  4. ^ Elezioni amministrative - Fontana, Mucci e Farioli al primo turno. La Cdl vince a Castellanza e Vergiate. Casale Litta al centrosinistra - Varese Laghi - Varese News[collegamento interrotto]
  5. ^ Anci Lombardia, su anci.it. URL consultato il 19 luglio 2016.
  6. ^ Regionali Lombardia, Berlusconi: "Il candidato del centrodestra sarà Fontana, nessun contrasto con la Lega", in Repubblica.it, 10 gennaio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2018.
  7. ^ Il presidente e gli altri, in La Prealpina, 6 marzo 2018.
  8. ^ Elezioni, bufera su Attilio Fontana per la "razza bianca". Salvini: "Siamo invasi". Gori: "E' un Borghezio in giacca", in Repubblica.it, 15 gennaio 2018. URL consultato il 10 aprile 2018.
  9. ^ Attilio Fontana si scusa per la 'razza bianca' - Lombardia, in ANSA.it, 15 gennaio 2018. URL consultato il 10 aprile 2018.
  10. ^ Andrea Muratore, La democrazia non è un costo, Osservatorio Globalizzazione, 18 febbraio 2020
  11. ^ Americo Mascarucci, Referendum, nel centrodestra crescono i malumori. Tutti i NO da Borghi a Crosetto, Lo Speciale, 27 agosto 2020
  12. ^ Referendum, Fontana: "Penso proprio di votare no", su ansa.it, 14 settembre 2020. URL consultato il 14 settembre 2020.
  13. ^ Giulia Sbaffi, Chi è Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia, su donnaglamour.it, 20 luglio 2020. URL consultato il 28 settembre 2020.
  14. ^ a b Francesco Di Stasio, Chi è Attilio Fontana, su controcampus.it, 13 giugno 2020. URL consultato il 28 settembre 2020.
  15. ^ a b Caso dei camici, Attilio Fontana e il silenzio sullo scudo fiscale multato dall'Anac. Il presidente della Lombardia: "Non mi dimetto", su Il Fatto Quotidiano, 28 luglio 2020. URL consultato il 28 luglio 2020.
  16. ^ Attilio Fontana fu multato da Anac quando non dichiarò patrimonio e scudo fiscale, in L'HuffPost, 28 luglio 2020. URL consultato il 28 luglio 2020.
  17. ^ Fontana indagato, dubbi sull’eredità: i 5 milioni delle Bahamas trasferiti in Svizzera nel 2015, su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 28 luglio 2020.
  18. ^ Fontana indagato per abuso d'ufficio, in today.it, 8 maggio 2019. URL consultato il 18 maggio 2019.
  19. ^ Abuso ufficio di Fontana, gip archivia, in ansa.it, 27 marzo 2020. URL consultato l'11 giugno 2020.
  20. ^ È stata archiviata l’indagine su Attilio Fontana per abuso d’ufficio, in ilpost.it, 27 marzo 2020. URL consultato l'11 giugno 2020.
  21. ^ Fontana convocato in Procura a Bergamo per la gestione dell’emergenza all’ospedale di Alzano, in lastampa.it, 27 maggio 2020. URL consultato il 19 giugno 2020.
  22. ^ a b c La caduta politica e morale di Attilio Fontana avrà mai fine?, su Wired, 25 settembre 2020. URL consultato il 27 settembre 2020.
  23. ^ A loro insaputa - Report, su Rai Report. URL consultato il 25 luglio 2020.
  24. ^ Attilio Fontana indagato nell'inchiesta sulla fornitura di camici, su la Repubblica, 24 luglio 2020. URL consultato il 25 luglio 2020.
  25. ^ Inchiesta camici, la Procura di Milano: «Fontana era coinvolto e ha cercato di non lasciare traccia», su Open, 24 settembre 2020. URL consultato il 2 ottobre 2020.
  26. ^ Collari d'oro 2019, su coni.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]