Letizia Moratti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Letizia Brichetto Arnaboldi
Letizia Moratti.jpg
Letizia Moratti, 2009

Vicepresidente della Regione Lombardia
In carica
Inizio mandato 8 gennaio 2021
Presidente Attilio Fontana
Predecessore Fabrizio Sala

Assessore al Welfare della Regione Lombardia
In carica
Inizio mandato 8 gennaio 2021
Presidente Attilio Fontana
Predecessore Giulio Gallera

Sindaco di Milano
Durata mandato 5 giugno 2006 –
1º giugno 2011
Predecessore Gabriele Albertini
Successore Giuliano Pisapia

Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca
Durata mandato 11 giugno 2001 –
17 maggio 2006
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Tullio De Mauro (Istruzione)
Giuliano Amato (Università e Ricerca)
Successore Giuseppe Fioroni (Istruzione)
Fabio Mussi (Università e Ricerca)

Presidente della RAI
Durata mandato 12 luglio 1994 –
24 aprile 1996
Predecessore Claudio Dematté
Successore Giuseppe Morello

Dati generali
Partito politico Forza Italia (dal 2021)
FI (1994-2009)
PdL (2009-2011)
Titolo di studio Laurea in scienze politiche
Università Università degli Studi di Milano

Letizia Maria Brichetto Arnaboldi, vedova Moratti (Milano, 26 novembre 1949), è una politica e manager italiana. È stata presidente della RAI (1994-1996), ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nei governi Berlusconi II e III (2001-2006), sindaca di Milano (2006-2011) e presidente del CdA di UBI Banca (2019-2020). Da gennaio 2021 è vicepresidente e assessora al Welfare della Regione Lombardia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre, Paolo Brichetto Arnaboldi (1920-2013), era un eroe partigiano, Medaglia di Bronzo e d'Argento al Valor Militare, chiamato "il partigiano bianco" in quanto aristocratico; la madre, Paola, è nata a Rivarolo (oggi quartiere di Genova) e la sorella Beatrice è moglie di Obizzo Malaspina. La famiglia di suo padre ha origine dall'unione della famiglia imprenditoriale genovese Brichetto, fondatrice della prima società di brokeraggio assicurativo nel 1873[1], rappresentata da Virgilio Brichetto, con la famiglia nobile lombarda Arnaboldi, rappresentata da Emilia "Mimina" Ajroldi Arnaboldi, figlia della contessa Beatrice "Bice" Arnaboldi Cazzaniga e del barone Paolo Ajroldi di Robbiate[2][3].

La futura coniuge Moratti ha frequentato da giovane il Collegio delle Fanciulle di Milano e i corsi di danza classica presso la scuola Carla Strauss di Milano, sotto la guida di Liliana Renzi. Si è laureata nel 1972 in Scienze politiche presso l'Università degli Studi di Milano. Dopo la laurea è stata assistente in Diritto comunitario europeo del professor Fausto Pocar.

Nello stesso periodo ha conosciuto Gian Marco Moratti, imprenditore del settore petrolifero e già in fase di separazione da Lina Sotis, con il quale si è poi sposata e ha avuto due figli, Gilda e Gabriele (membro del CdA dell'azienda del padre). È quindi cognata di Massimo Moratti, già presidente dell'Inter, e di sua moglie Milly Moratti, ex consigliera comunale a Milano per la Lista Ferrante (di centro-sinistra) e sostenitrice di Giuliano Pisapia alle elezioni amministrative del 2011[4][5].

Il 26 febbraio 2018 è morto il marito Gian Marco Moratti, insieme al quale ha sostenuto attivamente la Comunità di San Patrignano fin dagli albori del progetto alla fine degli anni settanta. Il loro appoggio al lavoro, sia di Vincenzo Muccioli che del figlio Andrea, è stato determinante per lo sviluppo della ONG grazie alle cospicue donazioni fatte nel corso degli anni per un totale di 286 milioni[6]. Dopo la morte del marito, oltre a portare avanti l'impegno per San Patrignano, è presidente di E4Impact Foundation, dedita alla formazione di giovani africani affinché possano poi aiutare i loro Paesi a progredire.[7]

Attività societarie[modifica | modifica wikitesto]

Assicurazioni[modifica | modifica wikitesto]

A 25 anni fonda la GPA, società di brokeraggio assicurativo, con fondi della famiglia Moratti[8].

Nel 1990 entra nel consiglio di amministrazione della Comit, da cui esce nel '94. Nel 1994 il Gruppo Moratti tramite la Securfin Spa acquisisce il controllo del Gruppo Nichols, con cui la GPA si fonde; la Moratti siede nel consiglio di amministrazione[8].

Presidente RAI (1994-1996)[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1994 al 1996, durante il governo Berlusconi I, Letizia Moratti è stata nominata presidente della RAI[8].

ll piano di bilancio presentato nel 1994 prevedeva un risanamento di bilancio basato su incentivi all'esodo dei dipendenti in eccesso, il recupero dei crediti e la creazione di un fondo immobiliare[9]. Il bilancio del 1995 si chiuse in attivo.[senza fonte] Tuttavia già nel novembre 1994, il consiglio d'amministrazione RAI da lei guidato rischiò la dissoluzione per via delle minacciate dimissioni di tre consiglieri, a seguito di controversie sulle nomine e sulle modalità di gestione dell'azienda[10]. L'allora consigliere RAI Franco Cardini giudicò che la gestione Moratti era iniziata segnata da troppi errori e da un "clima irrespirabile"[11].

Nel 1995, con l'approvazione di un referendum abrogativo veniva meno il vincolo della proprietà pubblica della Rai e si avviava il processo di privatizzazione (ancora non attuato[senza fonte]). Moratti propose un piano di ristrutturazione, con una rete nazionale finanziata dalla pubblicità e un canale federalista pagato dal canone Rai[12], ma il progetto non fu portato avanti.

Nel 1996 Letizia Moratti licenziò il direttore generale nominato dall'azionista IRI Raffaele Minicucci, con una mossa dalla legalità incerta contestata da più parti[13][14].

Mezzi di comunicazione e finanza[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 1998, e per un anno circa, Letizia Moratti è diventata presidente e amministratrice delegata di News Corp Europe, società facente capo a Rupert Murdoch e proprietaria di Stream TV[15][16].

Dal 2000 al 2001 ha fatto parte dell'Advisory Board del gruppo Carlyle Europa[17].

Nel 2000 è entrata in GoldenEgg, fondo d'investimento in aziende attive nel settore di telecomunicazioni e multimedia, in rappresentanza della famiglia Moratti[18]. Nell'ottobre dello stesso anno, GoldenEgg si è fusa con E-Street in Syntek[19], società con sede in Germania che si occupa di investimenti in telecomunicazioni e media[20]. La Syntek ha subito una grave crisi patrimoniale e finanziaria nel secondo semestre 2007, ed è stata rilevata nell'agosto 2008 dal marito Gian Marco Moratti, passato dal 48,6 al 98,7 per cento, per 140 milioni di euro[21]. Le perdite della Syntek hanno continuato a zavorrare la Securfin Holding di Gian Marco Moratti ancora fino all'agosto 2010[22].

Presidente UBI Banca[modifica | modifica wikitesto]

Dal 12 aprile 2019 al 15 ottobre 2020 è stata presidente di UBI Banca, dimettendosi dopo il successo dell'OPAS lanciata da Intesa Sanpaolo. In precedenza, dal 2016 al 2020, Letizia Moratti ha ricoperto la carica di Presidente del Consiglio di Gestione della stessa banca[23].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Letizia Moratti con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Palazzo Mezzanotte (2006)

Ministro dell'Istruzione (2001-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Riforma Moratti.

Dall'11 giugno 2001 fino alla fine della XIV Legislatura ha ricoperto la carica di Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca (Governi Berlusconi II e Berlusconi III).

Durante il suo mandato come ministra ha elaborato e realizzato una legge di riforma del sistema scolastico italiano che ha suscitato sia reazioni e proteste, sia pareri favorevoli su provvedimenti come il ripristino del voto in condotta[24]. La riforma Moratti, varata con legge 28 marzo 2003, n. 53, prevedeva alcune modifiche nell'ordinamento scolastico italiano, abolendo la riforma Berlinguer varata nel 2000.

La riforma Moratti è stata cancellata e poi sostituita dal secondo Governo Prodi, dopo che negli anni precedenti era stata fortemente osteggiata da una parte del mondo della scuola, nonché da tutta la coalizione di centro-sinistra.

Riguardo alla sua riforma ha pubblicato il libro La nostra scuola, che contiene una conversazione con Piero Ostellino.[senza fonte]

Sindaco di Milano (2006-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Letizia Moratti fu candidata sindaco di Milano alle elezioni comunali del 2006 (28-29 maggio) per lo schieramento della Casa delle Libertà, insieme a due liste civiche, la Lista Moratti e la Lista Giovani per Milano. Vinse le elezioni al primo turno, con il 52% dei voti (il suo più diretto sfidante, Bruno Ferrante, della coalizione di centrosinistra, conseguì il 47% dei voti), diventando la prima donna a dirigere l'amministrazione del capoluogo lombardo. I costi della campagna elettorale furono sostenuti anche dal marito Gian Marco Moratti, con un finanziamento di 6.335.000 euro.[25]

Moratti a Palazzo Marino nel 2006

Letizia Moratti è stata nominata Commissario delegato per la predisposizione degli interventi necessari alla migliore presentazione della candidatura della città di Milano quale sede di Expo 2015 con ordinanza del presidente del Consiglio dei Ministri del 18 ottobre 2007 n. 3623[26]. Il 31 marzo 2008 l'Expo 2015 nella votazione del Bureau des Expositions riunito al Palais des congrès di Parigi è stato assegnato a Milano, che ha battuto la candidatura concorrente di Smirne con 86 voti contro 61.

Nel novembre 2010 è arrivato l'ultimo e decisivo assenso per l'Expo a Milano nel raduno della BIE a Parigi[27]. Per superare gli ostacoli burocratici e procedurali, al sindaco sono stati assegnati poteri speciali «per assicurare, nei tempi richiesti dal Bureau International des Expositions, la disponibilità delle aree che ospiteranno l'evento»[28]. Il 14 giugno 2011 ha rassegnato le dimissioni da Commissario per rispetto verso il nuovo sindaco Pisapia e la sua maggioranza[29].

Il 2 gennaio 2008 è entrato in vigore a Milano l'Ecopass, un pedaggio urbano attivo nella cerchia dei Bastioni a carico dei veicoli più inquinanti (pollution charge). Tale provvedimento non è stato pienamente condiviso dagli stessi esponenti della maggioranza di Palazzo Marino, comportando l'uscita dalla giunta dell'assessore alla salute Carla De Albertis. Il Comune ha sospeso la pubblicazione dei dati dei risultati dell'Ecopass nel settembre 2009[non chiaro]. Letizia Moratti ha prima deciso di rimandare ogni decisione su Ecopass a dopo le elezioni del 2011, prolungandone lo status quo fino al 30 settembre 2011 e annunciando un referendum consultivo sulla materia per il 12 giugno[30]. Quindi ha inserito la prosecuzione di Ecopass nel programma elettorale[31]. Infine, a seguito del primo turno, ha annunciato l'abolizione di Ecopass tramite la gratuità per tutti i residenti a partire dal 1º ottobre[32].

Moratti ha ereditato e proseguito il piano parcheggi avviato dalla giunta Albertini[33]. Il piano prevedeva la creazione di 64.000 posti auto sotterranei nel centro della città, inclusi in luoghi di interesse storico-archeologico quali la Darsena e Sant'Ambrogio. La costruzione di tali parcheggi ha subito notevoli ritardi e aumento dei costi; in molti casi, la giunta ha modificato i progetti ereditati[34]. In altri, il fermo dei lavori ha lasciato inagibili per anni piazze e monumenti (piazza Meda[35], Porta Volta, Darsena[36]). La stessa Moratti ha indicato il piano come un errore[37].

Moratti alla Vogue Fashion's Night Out nel 2009

Nel 2007 la giunta Moratti presentò il "Piano della Mobilità Ciclabile"[38] (poi adottato solo come atto d'indirizzo, senza valore vincolante[39]), che prevedeva 53 chilometri di piste ciclabili in più, 2.385 nuovi posti a rastrelliera in 1.174 differenti località, oltre a un sistema di bike sharing con 5.000 biciclette e 250 stazioni in tutta la città, entro il 2011[40]. Il servizio BikeMi di noleggio bici, a cura dell'assessore alla mobilità Edoardo Croci, è entrato a disposizione del pubblico nel novembre 2008, con alcuni mesi di ritardo. Il nuovo assessore Maurizio Cadeo ne ha rilevato la gestione nel 2009, assieme a un buco di bilancio (ol­tre un milione di euro) dovuto ai mancati introiti pubblicitari e ai progetti di estensione della rete[41]. Nel 2011 il sistema comprendeva 102 stazioni e 1.400 bici, all'interno della cerchia dei bastioni[42], mentre non arrivava a coprire le cifre di progetto e i poli universitari e ferroviari[43].

Nel dicembre del 2009 ha annunciato di voler dedicare un parco di Milano a Bettino Craxi[44][45], ma la decisione non ha mai avuto seguito. Nel 2010 Moratti ha dato il via a una sperimentazione per l'utilizzo di auto elettriche e la realizzazione di relativi punti di ricarica in città[46][47].

Candidatura a Sindaco nel 2011 - Consigliera d'opposizione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 Letizia Moratti si è candidata per un secondo mandato da Sindaco di Milano con il sostegno di una coalizione di centrodestra (Il Popolo della Libertà, Lega Nord, La Destra, Nuovo PSI, I Popolari di Italia Domani, Alleanza di Centro) e di 12 liste civiche collegate.

La campagna elettorale era stata segnata da diverse controversie:

  • Moratti aveva accusato Pisapia di essere stato condannato in gioventù per furto d'auto, omettendo di citare l'assoluzione nei successivi gradi di giudizio[48].
  • Moratti si era inizialmente dissociata da Roberto Lassini, candidato PdL nel listino a sostegno della Moratti e committente dei manifesti "fuori le Br dalle procure", arrivando a minacciare il ritiro della candidatura: "Siamo incompatibili, in lista o io o lui". Moratti aveva quindi ritrattato, accettando la presenza di Lassini nelle liste[49].
  • In risposta ad una interrogazione-burla su Twitter («Cosa ne pensa della moschea abusiva in via Puppa, nel quartiere di Sucate?»), lo staff elettorale della Moratti aveva risposto seriamente ("nessuna tolleranza per le moschee abusive"), scatenando la reazione della satira virale[50].

Inizialmente ritenuta favorita dai sondaggi, ottenne al primo turno il 41,58% dei voti contro il 48,04% del candidato del centrosinistra Giuliano Pisapia. Al ballottaggio, ricevette solo il 44,89% delle preferenze e fu quindi sconfitta da Pisapia, che ottenne il 55,11% dei voti[51].

A seguito della sconfitta, Moratti ha confermato la volontà di continuare l'attività politica dai banchi dell'opposizione: "Resterò cinque anni in consiglio comunale per spirito di servizio alla città e ai milanesi che mi hanno eletto"[52]. Tuttavia, nel dicembre 2011 l'ex sindaco di Milano annuncia la sua fuoriuscita dal PdL[53] e a fine gennaio 2012 ha rassegnato le dimissioni dalla carica di consigliere comunale[54]

Vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia (dal 2021)[modifica | modifica wikitesto]

Il giorno 8 gennaio 2021 è stata nominata dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana assessora al Welfare e vicepresidente della Regione, succedendo rispettivamente a Giulio Gallera e a Fabrizio Sala.[55]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Incarichi esterni[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell'elezione del 2006, assieme al direttore generale Giampiero Borghini, Moratti avrebbe licenziato senza giustificato motivo una decina di dirigenti del Comune, affidando quasi contemporaneamente 54 incarichi a consulenti esterni, spesso senza requisiti. Per tale presunto spoils system, Moratti è stata condannata dalla Corte dei conti a risarcire il Comune, sentenza poi confermata in cassazione.[56].

La magistratura ordinaria ha ravvisato solo un illecito amministrativo di abuso d'ufficio materiale, pur senza rilievi penali. I comportamenti di Letizia Moratti, secondo i giudici, «per quanto censurabili sotto diversi profili, non hanno travalicato il limite dell'illecito penale».[57]

Il 29 novembre 2007 Letizia Moratti infatti era stata iscritta nel registro degli indagati per presunto abuso d'ufficio nell'ambito della su menzionata inchiesta sugli "incarichi d'oro". Le indagini erano state avviate dalla Corte dei Conti e dalla Procura di Milano. L'accusa era che Moratti avesse assunto tramite incarichi esterni sessantatré persone, di cui almeno quarantanove con qualifica dirigenziale, per una spesa di otto milioni l'anno, in contrasto con l'articolo 110 del D.Lgs.267/2000 (Testo Unico degli enti locali), che prevede che i contratti con dirigenti esterni non debbano superare il 5% del totale. Contando anche i nuovi incarichi, nel Comune di Milano i contratti con dirigenti esterni sarebbero ammontati al 25% del totale[58].

Il pubblico ministero ha definito non penalmente rilevanti le pressioni sui dirigenti comunali perché accettassero il pre-pensionamento, rilevando che non ci sarebbe stata nessuna «minaccia di un male ingiusto nel caso in cui non fosse stata accettata la risoluzione del contratto» pur ammettendo che le modalità sono state lesive della dignità delle persone. Il GIP ha respinto la richiesta di archiviazione e chiesto un approfondimento, intravedendo i reati di violenza privata, mobbing e minacce[59] da cui Moratti è stata in seguito prosciolta[60].

Moratti al Teatro alla Scala nel 2008

Fra le persone assunte dall'amministrazione Moratti c'è Aldo Fumagalli, ex sindaco leghista di Varese, che si era dimesso dall'incarico dopo essere stato iscritto nel registro degli indagati per concussione e violazione della legge Bossi-Fini[61][62], oltre a vari candidati del centrodestra non eletti, una candidata dell'UDC in Calabria, persone dello staff elettorale del sindaco Moratti, compreso il suo fotografo personale, e due consiglieri regionali in carica (tra cui Giampiero Borghini) che hanno mantenuto il doppio incarico[59].

Il 24 marzo 2009 Letizia Moratti è stata pertanto condannata dalla Corte dei conti, assieme a Giampiero Borghini ed altri, per il conferimento di incarichi esterni da parte del Comune di Milano a persone non laureate, e dunque illegittime, nel 2006. Nella motivazione della sentenza, la Corte parla di nomine politiche, che mortificano le professionalità interne, e di sovradimensionamento dell'ufficio stampa, con un numero di giornalisti giustificabile solo per un giornale[59]. Moratti dovrà risarcire 236.000 e 125.000 euro allo stesso Comune di Milano[60]. Nonostante la condanna, Letizia Moratti non è intervenuta in Consiglio Comunale, e non ha fatto sapere cosa intenda fare dei funzionari[59].

Il 28 agosto 2010 il GIP ha archiviato le accuse di abuso d'ufficio, pur definendo "censurabili sotto diversi profili" le modalità di rimozione dei dirigenti[60]. Il reato di abuso d'ufficio non si configura in quanto non è provato che l'operazione di spoils system fosse indirizzata ad avvantaggiare qualcuno dal punto di vista patrimoniale, "in quanto lo scopo prevalente era quello di creare un rapporto fiduciario tra la direzione politica e il dirigente amministrativo". Pur non configurandosi un reato, il magistrato ha rilevato un illecito amministrativo (abuso d'ufficio "materiale") in relazione al superamento del limite del 5% nel conferimento di incarichi direttivi al di fuori della dotazione organica (massimo 10 consulenti anziché 50); al conferimento di incarichi a persone prive di requisiti (non laureati); e alla mancanza di un corretto iter nella nomina dei nuovi dirigenti, avvenuta con criteri poco trasparenti[63].

Letizia Moratti è stata criticata per la scarsa presenza in Consiglio Comunale: 6 presenze nel 2008 e 3 nel 2009, di cui l'ultima il 21 ottobre 2009, per la presentazione di un primo bilancio del mandato. Dei 61 rappresentanti di giunta e consiglio, Letizia Moratti è ultima per presenza alle votazioni, con un totale del 5%[59]. Il sindaco Moratti è stata inoltre richiamata dal presidente del Consiglio Comunale, Manfredi Palmeri, per non aver risposto alle 100 interrogazioni poste dal consigliere di opposizione Pierfrancesco Majorino ai sensi del regolamento[59].

Benché il consiglio comunale di Milano abbia votato a maggioranza una mozione che impegna il sindaco a chiedere a Lucio Stanca, deputato e AD di Expo 2015, di rinunciare ad uno dei due incarichi[64], il sindaco Moratti non ha dato seguito all'iniziativa del suo consiglio[59].

Case popolari[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2010, il tribunale civile di Milano ha sentenziato che nell'assegnazione di case popolari vi è stata la mancata assegnazione a 10 famiglie rom con le quali il Comune aveva firmato un progetto di autonomia abitativa. Nell'accogliere il ricorso, presentato contro il Comune di Milano e quindi contro il sindaco Letizia Moratti, e inoltre contro il ministro Roberto Maroni e il prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi, il tribunale ha deliberato che sulla decisione dell'amministrazione comunale ha agito "l'origine etnica dei rom", in quanto gli "amministratori e politici hanno ripetutamente dichiarato alla stampa che ai rom non sarebbe mai stata data alcuna casa popolare"[65].

Governo del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il Piano del Governo del Territorio varato dalla giunta Moratti avrebbe dato a Gabriele Moratti, figlio di Letizia, un vantaggio economico stimato in almeno un milione di euro[66], grazie a un immobile acquistato da Gabriele Moratti con vincolo di destinazione industriale e trasformato in villa di lusso ispirata alla dimora di Batman[67][68][69].

Consulenze d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2016 è stata condannata dalla Corte dei conti a versare, al Comune di Milano, poco meno di 600.000 euro per due voci di spesa: 11 incarichi dirigenziali esterni a non laureati per quasi 1,9 milioni, e retribuzioni ritenute troppo costose, più di 1 milione, di alcuni addetti stampa. Oltre a Letizia Moratti, l'ex vice sindaco Riccardo De Corato dovrà risarcire 21.763 euro (per le stesse voci contestate alla Moratti), l'ex sindaco ed ex direttore generale Giampiero Borghini oltre 106.000 euro e gli ex assessori Tiziana Maiolo, Mariolina Moioli, Edoardo Croci e Carla De Albertis oltre 21.000 euro. Per i giudici contabili, si legge nel loro provvedimento, l'operato di Letizia Moratti avrebbe avuto "il connotato della grave colpevolezza, ravvisabile in uno scriteriato agire, improntato ad assoluto disinteresse dell’interesse pubblico alla legalità e alla economicità dell’espletamento della funzione di indirizzo politico-amministrativo spettante all'organo di vertice comunale". I magistrati hanno confermato anche la "grave colpevolezza della condotta" in capo a tutti gli assessori che allora votarono le delibere con cui sono state conferite le cosiddette "consulenze d'oro" per le quali era anche stata avviata un'inchiesta da parte della Procura, poi archiviata[70].

Vaccino anti COVID 19[modifica | modifica wikitesto]

A gennaio 2021 come assessore al Welfare e vicepresidente della Regione Lombardia, hanno scatenato polemiche le sue affermazioni in riferimento alle dosi di vaccino anti COVID-19 contenute in una lettera a Domenico Arcuri: "(...) Gli ho proposto quattro criteri: le zone più colpite, la mobilità, la densità abitativa e il tema del contributo che le Regioni danno al PIL. Questi criteri dovrebbero essere tenuti in considerazione non per modificare la distribuzione dei vaccini ma per accelerare per quelle regioni che rispondono a questi criteri"[71][72][73].

La Lombardia fu messa in zona rossa nella settimana tra il 14 e il 23 gennaio 2021 secondo i dati forniti dalla stessa Regione Lombardia, poi rivelatisi errati[74][75]. La Moratti e il Presidente Attilio Fontana affermarono che non era stato commesso alcun errore, come invece sostenuto dal Governo[76][77][78][79].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Agata (Repubblica di San Marino) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Agata (Repubblica di San Marino)
Dama di Gran Croce dell'Ordine del Belize (Belize) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine del Belize (Belize)
Dama di I Classe dell'Ordine del Sol Levante (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di I Classe dell'Ordine del Sol Levante (Giappone)
Dama dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ azienda fondata dalla famiglia Brichetto a Genova nel remoto 1873
  2. ^ Castello di Carimate, su italiamappe.it. URL consultato il 5 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2011).
  3. ^ Paolo Brichetto Arnaboldi nasce a Milano nel 1920. La madre Emilia Airoldi di Robbiate Arnaboldi, discende da antiche e nobili famiglie lombarde
  4. ^ Milly Moratti: purché vinca Pisapia dico Forza Milan Archiviato il 31 agosto 2011 in Internet Archive. corriere.it, 5 maggio 2011
  5. ^ Milano: Milly Moratti, ora Pisapia può anche vincere al primo turno adnkronos.com, 13 maggio 2011
  6. ^ Com'è finita San Patrignano, su L'Espresso, 15 febbraio 2012. URL consultato il 2 giugno 2021.
  7. ^ Elisabetta Soglio, La scelta di Letizia da "civil servant", in Il Corriere della Sera, 6 gennaio 2021, p. 13.
  8. ^ a b c La Repubblica, 10 giugno 2001
  9. ^ Corriere, 16 ottobre 1994
  10. ^ Corriere, 10 novembre 1994
  11. ^ Corriere, 26 novembre 1994
  12. ^ Corriere, 13 giugno 1995
  13. ^ Corriere, 15 febbraio 1996
  14. ^ Corriere, 17 febbraio 1996
  15. ^ Corriere della Sera, 30 maggio 1999
  16. ^ La Repubblica, 27 aprile 1999
  17. ^ Who's Who Italy (edizione aggiornata al 2005)
  18. ^ Sole24Ore, 23 agosto 2000
  19. ^ IlSole24Ore, ottobre 2000
  20. ^ Syntek Capital.com Archiviato il 19 novembre 2010 in Internet Archive.
  21. ^ Affari Italiani, 1º agosto 2008
  22. ^ Milano Finanza, agosto 2010
  23. ^ Ubi Banca, Letizia Moratti presidente del consiglio di gestione, su Corriere della Sera, 14 aprile 2016. URL consultato il 25 novembre 2020.
  24. ^ Riforma Moratti, alle superiori torna il 7 in condotta.
  25. ^ Corriere.it
  26. ^ Expo, Milano parte, su milano.corriere.it. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2018).
  27. ^ L'orgoglio della città Archiviato il 6 dicembre 2010 in Internet Archive..
  28. ^ Expo, superpoteri alla Moratti.
  29. ^ Dimissioni
  30. ^ Il Giornale. 15 marzo 2011
  31. ^ Programma elettorale 2011 Archiviato il 17 maggio 2011 in Internet Archive., p. 15: Prosecuzione delle misure strutturali per eliminare il traffico inquinante e rafforzamento delle misure di disincentivazione del traffico "normale" (Ecopass).
  32. ^ ADN Kronos, 23 maggio 2011
  33. ^ Il Giornale, 20 aprile 2006
  34. ^ Il Giornale, 20 luglio 2010
  35. ^ Corriere Archiviato il 2 aprile 2010 in Internet Archive., 1º ottobre 2010
  36. ^ La Repubblica, 9 ottobre 2009
  37. ^ Corriere, 11 luglio 2010
  38. ^ Piano della Mobilità Ciclistica
  39. ^ 02blog
  40. ^ Comune di Milano, La nuova mobilità sale in sella, 6 novembre 2007
  41. ^ Corriere, 24 novembre 2009
  42. ^ Mappa stazioni BikeMi (JPG), su bikemi.com. URL consultato il 25 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2012).
  43. ^ Ciclobby, I conti che non tornano, 5 maggio 2011
  44. ^ Maurizio Giannattasio e Andrea Senesi, La scelta della Moratti: «Una via o un parco intitolati a Bettino Craxi», su CORRIERE DELLA SERA.it, 29 dicembre 2009. URL consultato il 25 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2010).
  45. ^ Il sindaco "regala" un parco a Bettino Craxi, La Repubblica
  46. ^ Moratti: Milano prima in Europa per rete ricarica auto elettriche Archiviato il 5 agosto 2014 in Internet Archive..
  47. ^ “Una scossa alla città”, soluzioni per la diffusione delle auto elettriche Archiviato il 23 settembre 2011 in Internet Archive..
  48. ^ Moratti calunnia Pisapia: "Ladro d'auto" Ma omette di dire che è stato assolto, su Il Fatto Quotidiano, 11 maggio 2011. URL consultato il 15 aprile 2021.
  49. ^ Manifesti anti pm, Lassini riceve avvisodi garanzia, ma insiste: "Non mi dimetto", su Il Fatto Quotidiano, 4 maggio 2011. URL consultato il 15 aprile 2021.
  50. ^ Moratti, la beffa Sucate, su l'Espresso, 23 maggio 2011. URL consultato il 25 novembre 2020.
  51. ^ Corriere.it - Pisapia e de Magistris sono sindaci, URL consultato il 30/05/2011
  52. ^ La Repubblica
  53. ^ Il Giornale - Letizia Moratti verso i finiani, possibile un passaggio a Fli
  54. ^ Corriere della Sera - Consiglio Milano, Letizia Moratti lascia
  55. ^ (IT) Marco Vignali, Letizia Moratti nominata vicepresidente e assessore al Welfare della Lombardia, in MF Milano Finanza, 08/01/21. URL consultato il 19/01/21.
  56. ^ La Moratti dovrà risarcire le consulenze d'oro - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 3 aprile 2021.
  57. ^ Archiviazione per la Moratti[collegamento interrotto].
  58. ^ Luigi Offeddu, Ferruccio Sansa, Milano da morire, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 2007, ISBN 88-17-01634-9.
  59. ^ a b c d e f g Cara Madunina, su report.rai.it, 22 novembre 2009. URL consultato il 25 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2011).
  60. ^ a b c «Consulenze d'oro» in Comune, archiviata l'inchiesta sulla Moratti, Corriere, 27 agosto 2010
  61. ^ Claudio Del Frate, Alessandro Trocino. «Favorì una clandestina». Leghista nei guai, Corriere della Sera, 16 settembre 2005.
  62. ^ Video: Intervista al giornalista Ferruccio Sansa
  63. ^ "Moratti censurabile ma non è reato, La Repubblica, Milano, 28 agosto 2010
  64. ^ Expo, il consiglio comunale dimezza Stanca, su affaritaliani.it, 21 aprile 2009. URL consultato il 25 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2012).
  65. ^ La Repubblica, 21 dicembre 2010
  66. ^ Letizia Moratti condona il figlio L'Espresso, 3 marzo 2011
  67. ^ Moratti Jr, una villa in stile Batman condonata dal PGT Repubblica, 3 marzo 2011
  68. ^ Moratti jr e la villa contestata. Ma era uno scoop del Giornale
  69. ^ Ecco la Bat-villa di Gabriele Moratti
  70. ^ Consulenze d'oro, Letizia Moratti condannata: "Deve pagare 590mila euro", su Il Fatto Quotidiano, 12 gennaio 2017. URL consultato il 24 marzo 2017.
  71. ^ Viola Rigoli, Secondo la neo assessora alla Sanità il riferimento al Pil non è legato al concetto di «ricchezza», su iO Donna, 19 gennaio 2021. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  72. ^ Letizia Moratti, la manager nata con il tailleur: già due strafalcioni da assessore, ma le critiche arrivano timide e sottovoce, su Il Fatto Quotidiano, 23 gennaio 2021. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  73. ^ La gaffe su vaccini anti Covid e Pil: ecco cosa ha detto Letizia Moratti, su Repubblica TV - Repubblica, 19 gennaio 2021. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  74. ^ Lombardia una settimana in zona rossa per errore: colpa del Governo o della Regione?, su MilanoToday. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  75. ^ Zona rossa, Fontana: "Nostri dati corretti: lo dimostrerà il Tar". Moratti accusa il ministro: "Voleva che dicessimo che l'errore era nostro per farci tornare in zona arancione", su La Provincia Pavese, 23 gennaio 2021. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  76. ^ Fontana: “Algoritmo Iss sbagliato, manipolava dati a scopo propagandistico”, su lastampa.it, 23 gennaio 2021. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  77. ^ Il Giorno, Lombardia zona rossa per errore, è scontro tra Regione e Governo: "Mai sbagliato su dati", su Il Giorno, 1611420982358. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  78. ^ Redazione Milano online, Moratti vs Speranza: «Voleva che ci attribuissimo l’errore». «No, dati sbagliati dalla Lombardia», su Corriere della Sera, 23 gennaio 2021. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  79. ^ Lombardia, Letizia Moratti: "Nessuna rettifica". Boccia: "Dati cambiati dalla Regione, Fontana sa come sono andate le cose", su Il Fatto Quotidiano, 23 gennaio 2021. URL consultato il 24 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della RAI - Radiotelevisione italiana Successore
Claudio Dematté 12 luglio 1994 - 24 aprile 1996 Giuseppe Morello
Predecessore Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca Successore Flag of Italy.svg
Tullio De Mauro (Istruzione)
Ortensio Zecchino (Ricerca)
11 giugno 2001 - 17 maggio 2006 Giuseppe Fioroni (Istruzione)
Fabio Mussi (Ricerca)
Predecessore Sindaco di Milano Successore CoA Città di Milano.svg
Gabriele Albertini 5 giugno 2006 - 1º giugno 2011 Giuliano Pisapia
Controllo di autoritàVIAF (EN46050129 · ISNI (EN0000 0001 1761 2298 · SBN IT\ICCU\RAVV\096659 · LCCN (ENn97073656 · GND (DE143837761 · WorldCat Identities (ENlccn-n97073656