Fausto Pocar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fausto Pocar

Fausto Pocar (Milano, 21 febbraio 1939) è un giurista e accademico italiano, ricoprendo l'incarico di professore di Diritto Internazionale presso l'Università degli Studi di Milano.

Incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1984 al 2000 è stato eletto membro del Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite (Human Rights Committee of the United Nations), ricoprendo l'incarico di presidente dal 1991 al 1992.

Inoltre, Pocar è stato membro della delegazione italiana all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York e a più riprese alla Commissione per i Diritti Umani a Ginevra.

Nel 1999 è stato nominato giudice per il Tribunale Internazionale per i Crimini nella ex-Jugoslavia, ricoprendo il ruolo di Presidente dal 2005 al 2009.

È anche membro della Camera di Appello del Tribunale Penale Internazionale per il Ruanda dal 2000.

Ha difeso l'Argentina nel caso dei tango bond[1].

Dal 2012 è il presidente dell'Istituto internazionale di diritto umanitario con sede a Sanremo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 27 gennaio 2014[2]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 2003[2]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1985[3]
Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte
— 2 giugno 1986[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3797581 · ISNI (EN0000 0001 1587 2942 · SBN IT\ICCU\CFIV\006094 · LCCN (ENn81078620 · GND (DE138483590