Domenico Arcuri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Arcuri

Commissario straordinario di governo
per l'emergenza
COVID-19
In carica
Inizio mandato 16 marzo 2020
Presidente Giuseppe Conte

Amministratore delegato di Invitalia
In carica
Inizio mandato 27 marzo 2007

Dati generali
Università Luiss

Domenico Francesco Arcuri (Melito di Porto Salvo, 10 luglio 1963) è un dirigente d'azienda e funzionario italiano, dal 2007 amministratore delegato di Invitalia. Attualmente è il commissario straordinario per il potenziamento delle infrastrutture ospedaliere necessarie a far fronte all'emergenza COVID-19[1][2][3].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine calabrese, dopo aver frequentato la scuola militare Nunziatella a Napoli, si laurea nel 1986 alla Luiss in Economia.

Inizia a lavorare all'IRI, dove ricopre ruoli gestionali in varie società appartenenti al gruppo operanti nei settori dell'informatica, delle telecomunicazioni e della radiotelevisione. In seguito passa a lavorare alla Arthur Andersen dove guida il settore "Telco, Media e Technology".[4]

Nel 2004 viene nominato amministratore delegato della Deloitte Consulting.

Nel 2007 viene nominato amministratore delegato di Invitalia, occupandosi della reindustrializzazione di aree industriali dismesse in crisi economica, tra cui la bonifica dell'area di Bagnoli e di Termini Imerese.

Dall’inizio dell'emergenza Coronavirus, Invitalia si è occupata di approvvigionamenti di apparecchiature e materiale sanitario.[1]

Il 16 marzo 2020, dopo l’annuncio di qualche giorno prima, viene nominato dal premier Giuseppe Conte Commissario per il potenziamento delle infrastrutture ospedaliere necessarie a far fronte all'emergenza Coronavirus[5], operando in coordinamento con Angelo Borrelli e con il Dipartimento della protezione civile e avvalendosi di Invitalia.

Ex marito della giornalista Myrta Merlino da cui ha avuto una figlia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma— 21 dicembre 2018[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN194012761 · ISNI (EN0000 0003 5701 8490